riscaldamento di una chiesa (luogo di culto)

Normativa Antincendio, Rilascio CPI, ecc.

Moderatore: Edilclima

riscaldamento di una chiesa (luogo di culto)

Messaggioda thermosrl » lun nov 17, 2008 16:51

Tenuto conto che l'affollamento è > di 0,4 persone/metro quadrato, le principali soluzioni sono:

1) generatore di aria calda all'esterno
- centrale termica all'"esterno"
- serranda tagliafuoco sulla mandata e sull'aspirazione, parete su cui si attesta la macchina di REI 60

2) generatore di aria calda in locale centrale termica e condotti che portano e riprendono l'aria calda
- centrale termica a tutti gli effetti
- serranda tagliafuoco sulla mandata e sull'aspirazione

3) generatore di calore all'esterno ed areotermo all'interno
- centrale termica all'"esterno"

4) generatore di calore in locale centrale termica ed areotermi all'interno
- centrale termica a tutti gli effetti

5) pannelli a pavimento (immaginabile solo per nuova realizzazione/rifacimento del pavimento)

6) lampade ad irraggiamento elettriche (ho sentito anche questa, ma a me pare improponibile)

gradite opinioni, esperienze...
thermosrl
 
Messaggi: 16
Iscritto il: mar set 18, 2007 08:16

Re: riscaldamento di una chiesa (luogo di culto)

Messaggioda ilverga » lun nov 17, 2008 17:06

Cosa vuoi sapere? Non si capisce molto...
Avatar utente
ilverga
 
Messaggi: 1696
Iscritto il: gio ott 05, 2006 17:42
Località: prov. MI

Re: riscaldamento di una chiesa (luogo di culto)

Messaggioda thermosrl » lun nov 17, 2008 19:59

thermosrl ha scritto:Tenuto conto che l'affollamento è > di 0,4 persone/metro quadrato, le principali soluzioni sono:

1) generatore di aria calda all'esterno
- centrale termica all'"esterno"
- serranda tagliafuoco sulla mandata e sull'aspirazione, parete su cui si attesta la macchina di REI 60

2) generatore di aria calda in locale centrale termica e condotti che portano e riprendono l'aria calda
- centrale termica a tutti gli effetti
- serranda tagliafuoco sulla mandata e sull'aspirazione

3) generatore di calore all'esterno ed areotermo all'interno
- centrale termica all'"esterno"

4) generatore di calore in locale centrale termica ed areotermi all'interno
- centrale termica a tutti gli effetti

5) pannelli a pavimento (immaginabile solo per nuova realizzazione/rifacimento del pavimento)

6) lampade ad irraggiamento elettriche (ho sentito anche questa, ma a me pare improponibile)


Se il cliente (parroco o suoi collaboratori) vi chiede un consulto sulla "messa a norma" dell'impianto di riscaldamento esistente come vi comportate? Proponete una delle soluzioni di cui sopra o, vi sono altre possibilità meno impegnative/costose?
C'è una qualche soluzione meno restrittiva per gli impianti esistenti?

thermosrl
 
Messaggi: 16
Iscritto il: mar set 18, 2007 08:16

Re: riscaldamento di una chiesa (luogo di culto)

Messaggioda Terminus » lun nov 17, 2008 20:32

Ah bene, se si tratta di adeguare un impianto esistente:
se hai un generatore ad aria a scambio diretto, portalo all'esterno della chiesa (all'aperto o in idonea CT) e compartimenta i canali di distribuzione aria mediante serrande tagliafuoco (soluzione 1 o 2)
Le altre soluzioni che prospetti riguardano generatori ad acqua, ma nel caso dovresti predisporre una nuova CT ed un nuovo impianto in toto.
Terminus
 
Messaggi: 4552
Iscritto il: ven mar 30, 2007 17:40
Località: Umbria

Re: riscaldamento di una chiesa (luogo di culto)

Messaggioda ilverga » mar nov 18, 2008 09:34

Terminus ha scritto:Ah bene, se si tratta di adeguare un impianto esistente:
se hai un generatore ad aria a scambio diretto, portalo all'esterno della chiesa (all'aperto o in idonea CT) e compartimenta i canali di distribuzione aria mediante serrande tagliafuoco (soluzione 1 o 2)
Le altre soluzioni che prospetti riguardano generatori ad acqua, ma nel caso dovresti predisporre una nuova CT ed un nuovo impianto in toto.

Quoto Terminus, in via generale...
Dipende di quante finanze dispongono in parrocchia: a me, personalmente, nelle chiese la soluzione ad aria calda è sempre sembrato un tampone al problema riscaldamento; dovessero scegliere il completo rifacimento, proponi l'impianto a pavimento che, però, richiede una bella quantità di soldini visto che comporta pure il rifacimento della pavimentazione!
Ergo: pochi Euri = quoto Terminus ; molti Euri = impianto a pavimento radiante.
Per come la penso io...
Avatar utente
ilverga
 
Messaggi: 1696
Iscritto il: gio ott 05, 2006 17:42
Località: prov. MI

Re: riscaldamento di una chiesa (luogo di culto)

Messaggioda c.granata » mar nov 18, 2008 15:09

Esiste un altro prodotto:
Irraggiamento a gas (emittitori ad incandescenza). Sono come i riscaldatori elettrici, solo che sono alimentati a gas. I fumi vengono evacuati su apertura da lasciare in sommità: esiste la norma uni en 13410 per dimensionare l'evacuazione fumi di tali sistemi
c.granata
 
Messaggi: 189
Iscritto il: mer lug 11, 2007 15:51
Località: avezzano AQ

Re: riscaldamento di una chiesa (luogo di culto)

Messaggioda Terminus » mar nov 18, 2008 16:59

Tubi radianti, nastri radianti e simili non possono essere installati nei locali in oggetto, ovvero con affollamento superiori alle 0,4 persone/mq.
vedere il DM 12/04/96.
Terminus
 
Messaggi: 4552
Iscritto il: ven mar 30, 2007 17:40
Località: Umbria

Re: riscaldamento di una chiesa (luogo di culto)

Messaggioda danilo2 » mar nov 18, 2008 17:49

Terminus ha ragione, però devo dire che vi sono alcune ditte che producono gli oggetti in questione con il bruciatore posto all'esterno. Non so, a questo punto, se la parte interna può ancora essere definita "a scambio diretto".
theo62chiocciolinavirgilio.it
danilo2
 
Messaggi: 1305
Iscritto il: ven dic 21, 2007 15:22

Re: riscaldamento di una chiesa (luogo di culto)

Messaggioda Terminus » mar nov 18, 2008 18:12

Occorre capire quale è il fluido termovettore.
Se è aria o sono i gas di scarico, allora è necessario avere il bruciatore all'esterno e compartimentare i condotti che entrano nei locali con serrande tagliafuoco.
Se il fluido è acqua il problema non sussiste, ma il generatore deve essere comunque posto all'esterno dei locali.
Terminus
 
Messaggi: 4552
Iscritto il: ven mar 30, 2007 17:40
Località: Umbria

Re: riscaldamento di una chiesa (luogo di culto)

Messaggioda c.granata » mar nov 18, 2008 19:24

Per Terminus:
gli emettitori ad incandescenza li ho visti montanti in molte chiese (anche nella cattedrale della mi città, dove ho visto anche il parere del comando dei VVF per una potenza di 300 kW). probabilmente esiste una circolare che li autorizza.
c.granata
 
Messaggi: 189
Iscritto il: mer lug 11, 2007 15:51
Località: avezzano AQ

Re: riscaldamento di una chiesa (luogo di culto)

Messaggioda danilo2 » mar nov 18, 2008 19:32

c.granata non esiste nessuna circolare, e se vuoi ti posso fare un elenco infinito di attività in possesso di CPI ma che non rispettano le norme.
theo62chiocciolinavirgilio.it
danilo2
 
Messaggi: 1305
Iscritto il: ven dic 21, 2007 15:22

Re: riscaldamento di una chiesa (luogo di culto)

Messaggioda Terminus » mar nov 18, 2008 20:14

Mi è sorta la curiosità.
Su internet si trovano diversi produttori di questi apparecchi, addirittura la prima voce rimanda ad una certa "Ecclesia-calor" :shock:
Comunque credo di aver svelato l'arcano.
I produttori sfruttano il buco del DM 12/04/96, il quale non si applica agli apparecchi di tipo A come quelli in questione.
Di conseguenza il Ministero lascia liberi i Comandi VVF di autorizzare o meno tali installazioni sulla base della valutazione dei rischi (si trovano alcuni pareri in proposito, ma non Circolari) e con la predisposizione di adeguate misure compensative, tra le quali i rivelatori di gas.

Io personalmente non li proporrei mai in una chiesa e non solo per motivi di sicurezza.
Terminus
 
Messaggi: 4552
Iscritto il: ven mar 30, 2007 17:40
Località: Umbria

Re: riscaldamento di una chiesa (luogo di culto)

Messaggioda SuperP » mer nov 19, 2008 13:06

thermosrl ha scritto:5) pannelli a pavimento (immaginabile solo per nuova realizzazione/rifacimento del pavimento)


io ho fatto questo impianto in un edificio esistente...
sono delle pedane con isolante 2cm, tubi in rame 12mm, batteria termica in alluminio + legno, per totale 43mm..
Ci sono 2 sistemi, quello velta e quello alessandro grassi..
Se sei zona bs o mn o vr fammi un fischio
Fino al 10 settembre, in ogni comune, uff. elettorale, puoi firmare la proposta di legge di iniziativa popolare per garantire a tutti il diritto all'accesso alle cure compassionevoli a base di cellule staminali.
http://efficienzaenergetica.blogspot.com
SuperP
 
Messaggi: 7839
Iscritto il: lun set 11, 2006 10:06
Località: Mantova - Verona

Re: riscaldamento di una chiesa (luogo di culto)

Messaggioda scorpionrock » sab ott 23, 2010 21:36

scusate se riesumo questo post....

mi trovo nella situazione di prevedere un riscaldamento per una chiesetta all'interno di un quartiere di montagna con attività solo nei week end e nelle festività....

piano terra: caldaia a gpl alimentata da bombolone e 3 ventilconvettori che riscaldano solo 2 locali facenti parte dello stabile ma non del attività in questione.

sono state proposte 4 emettitori ad incandescenza da 20 kW l'uno.

come glielo faccio a capire ai committenti che devono farmi 5000 cm2 a filo pavimento visto che la chiesa diventa centrale termica?

alternative?
scorpionrock
 
Messaggi: 350
Iscritto il: gio set 25, 2008 14:45

Re: riscaldamento di una chiesa (luogo di culto)

Messaggioda syrma » mer lug 06, 2011 10:02

A questo link troverà la soluzione più corretta per risolvere il problema del riscaldamento dei luoghi di culto...

http://www.syrmariscaldamento.it/sistema_soluzione.html

Troverà anche tutti i problemi relativi ai sistemi di riscaldamento al momento commercializzati...

http://www.syrmariscaldamento.it/sistema_problemi.html
syrma
 
Messaggi: 15
Iscritto il: mar feb 08, 2011 10:58

Re: riscaldamento di una chiesa (luogo di culto)

Messaggioda tigers » gio lug 07, 2011 12:44

syrma ha scritto:A questo link troverà la soluzione più corretta per risolvere il problema del riscaldamento dei luoghi di culto...

http://www.syrmariscaldamento.it/sistema_soluzione.html

Troverà anche tutti i problemi relativi ai sistemi di riscaldamento al momento commercializzati...

http://www.syrmariscaldamento.it/sistema_problemi.html


Ma si possono fare post del genere sul forum?
Con "genere" intendo sfacciata pubblicità.
Avatar utente
tigers
 
Messaggi: 703
Iscritto il: lun set 11, 2006 10:08

Re: riscaldamento di una chiesa (luogo di culto)

Messaggioda gararic » gio lug 07, 2011 17:51

io sapevo che le chiese godono dell'extra-territorialità, e quindi le varie norme italiana si applicano... a piacere!
:D
riccardo - portatore di partita iva
Avatar utente
gararic
 
Messaggi: 1497
Iscritto il: mer mag 06, 2009 09:48
Località: treviso

Re: riscaldamento di una chiesa (luogo di culto)

Messaggioda tigers » gio lug 07, 2011 18:03

gararic ha scritto:io sapevo che le chiese godono dell'extra-territorialità, e quindi le varie norme italiana si applicano... a piacere!
:D


Secondo me ti confondi con le ambasciate... O con il 1800 (Fra' Cristoforo nei Promessi Sposi?) :D
Avatar utente
tigers
 
Messaggi: 703
Iscritto il: lun set 11, 2006 10:08

Re: riscaldamento di una chiesa (luogo di culto)

Messaggioda syrma » dom lug 10, 2011 15:06

tigers ha scritto:Ma si possono fare post del genere sul forum?
Con "genere" intendo sfacciata pubblicità.


Non la riterrei pubblicità ma più un approfondimento sulla domanda posta e un informazione sulle nuove (e purtroppo sconosciute) nuove tecnologie
http://www.dibaio.com/edilizia/redazion ... vario.aspx
syrma
 
Messaggi: 15
Iscritto il: mar feb 08, 2011 10:58

Re: riscaldamento di una chiesa (luogo di culto)

Messaggioda tigers » lun lug 11, 2011 09:22

syrma ha scritto:
tigers ha scritto:Ma si possono fare post del genere sul forum?
Con "genere" intendo sfacciata pubblicità.


Non la riterrei pubblicità ma più un approfondimento sulla domanda posta e un informazione sulle nuove (e purtroppo sconosciute) nuove tecnologie



Sarà, io se vedo un utente che si chiama "syrma" che mi dice che troverò "la soluzione più corretta ", non "una" delle soluzioni possibili ma LA soluzione e poi rimanda ad un sito con domain "syrmariscaldamento".... un qualche dubbio mi viene.

Questo è un forum di discussione, non di pubblicità, se volete con correttezza discutere delle qualità del vostro prodotto credo non ci sarebbero problemi, ma arrivare in una discussione e dire che esiste un'unica soluzione rappresentata dal vostro prodotto e poi andarsene...

Tanto più che teoricamente si stava discutendo degli aspetti VVF.
Avatar utente
tigers
 
Messaggi: 703
Iscritto il: lun set 11, 2006 10:08

Re: riscaldamento di una chiesa (luogo di culto)

Messaggioda syrma » lun lug 11, 2011 11:26

Gli emettitori hanno avuto il loro tempo...sopratutto all'interno delle chiese.

Mio padre ha fatto a suo tempo diverse battaglie nei comandi dei vigili del fuoco per istallare apparecchi di tipo A nelle chiese e installò più di 500 impianti a fine anni '90.
Gli emettitori ad oggi possono essere una soluzione per una chiesa dopo gli anni '70 (ovvero dove è possibile fare fori di evacuazione dei gas combusti dove non ci sono opere d'arte. Ormai i vigili del fuoco non permettono più (giustamente) di fare questo tipo di impianti. Le curie e le soprintendenze non passano più il tipo di sistema.
Poi esiste il problema di portare il tubo del gas fino agli apparecchi posti a parete o possibilmente sui cornicioni (quindi opere murarie).

E spesso per evitare di fare i fori di evacuazione che possono intasarsi per svariati motivi si richiede al committente di aprire le finestre ma qualcuno si dimentica o i fori non sono messi nel punto corretto o di dimensioni adeguate... e le conseguenze sono importanti
-> http://www.vitadidonna.org/in-primo-pia ... -4059.html
syrma
 
Messaggi: 15
Iscritto il: mar feb 08, 2011 10:58

Re: riscaldamento di una chiesa (luogo di culto)

Messaggioda syrma » lun lug 11, 2011 11:33

tigers ha scritto:
Sarà, io se vedo un utente che si chiama "syrma" che mi dice che troverò "la soluzione più corretta ", non "una" delle soluzioni possibili ma LA soluzione e poi rimanda ad un sito con domain "syrmariscaldamento".... un qualche dubbio mi viene.

Questo è un forum di discussione, non di pubblicità, se volete con correttezza discutere delle qualità del vostro prodotto credo non ci sarebbero problemi, ma arrivare in una discussione e dire che esiste un'unica soluzione rappresentata dal vostro prodotto e poi andarsene...


Come spiegavo in un altro topic:
Tutto il nord EUROPA dove si ha un minimo di salvaguardia per le opere artistiche ha le chiese scaldate con pedane termiche. Il problema delle chiese italiane è:

- Avere un risparmio energetico (quindi economico) e avere in ogni caso un comfort adeguato, in quanto siamo viziati e pretendiamo avere il caldo di casa.
- La conservazione dei beni artistici dei quali ogni chiesa ne possiede.
- La rimovibilità del sistema.
- Utilizzo di materiali nobili e totalmente reciclabili.
- Una spesa accettabile di acquisto dell'impianto: spendere 60.000 - 70.000€ o più per una chiesa di medie dimenisioni per l'impianto di riscaldamento non è accettabile.

Io propongo un sistema che risponda a TUTTI requisiti sopra elencati.
Se conoscete un altro sistema che risponda questi requisiti vi prego di farmelo conoscere in quanto in più di 30 anni che operiamo nel settore del riscaldamento monumentale non abbiamo saputo inventare di meglio...
syrma
 
Messaggi: 15
Iscritto il: mar feb 08, 2011 10:58

Re: riscaldamento di una chiesa (luogo di culto)

Messaggioda SuperP » lun lug 11, 2011 12:18

syrma ha scritto:- Avere un risparmio energetico (quindi economico) e avere in ogni caso un comfort adeguato,


Basta, basta.
Non puoi continuamente accoppiare il riscaldamento elettrico al risparmio energetico. Basta.

Le pedane radianti sono una soluzione per le chiese, siano esse elettiche o idoniche.

Ma per l'amor del cielo, il riscaldamento radiante è anni luce dal risparmio energetico!
Fino al 10 settembre, in ogni comune, uff. elettorale, puoi firmare la proposta di legge di iniziativa popolare per garantire a tutti il diritto all'accesso alle cure compassionevoli a base di cellule staminali.
http://efficienzaenergetica.blogspot.com
SuperP
 
Messaggi: 7839
Iscritto il: lun set 11, 2006 10:06
Località: Mantova - Verona

Re: riscaldamento di una chiesa (luogo di culto)

Messaggioda syrma » lun lug 11, 2011 16:07

SuperP ha scritto:Ma per l'amor del cielo, il riscaldamento radiante è anni luce dal risparmio energetico!


Quindi Lei ritiene una scelta oculata che il riscaldamento radiante sia peggiore rispetto a quello convettivo? oppure, che altri tipi o tecniche di immagazzinamento e trasferimento del calore conosce?
Sostiene che scaldare una volumetria come quella di una chiesa con generatori ad aria calda o scaldare a 150 W/mq tutta la superficie di una chiesa, sia migliore che scaldare solo le aree interessate a 250-300 W/mq?

Risparmio energetico significa risparmiare energia che verrebbe sprecata in modo inutile tipo scaldare fino alle cupole con gli impianti ad aria calda e gli angoli remoti delle chiese con impianti a pavimento con i relativi problemi dell'impianto di quest'ultimo...
Se invece di consumare 1000 consumo 600 per avere lo stesso risultato non è risparmio energetico??
syrma
 
Messaggi: 15
Iscritto il: mar feb 08, 2011 10:58

Re: riscaldamento di una chiesa (luogo di culto)

Messaggioda SuperP » lun lug 11, 2011 16:16

syrma ha scritto:
SuperP ha scritto:Ma per l'amor del cielo, il riscaldamento radiante è anni luce dal risparmio energetico!



intendevo riscaldamento radiante elettrico.
dammi pure del tu, siamo informali sul forum :D
Fino al 10 settembre, in ogni comune, uff. elettorale, puoi firmare la proposta di legge di iniziativa popolare per garantire a tutti il diritto all'accesso alle cure compassionevoli a base di cellule staminali.
http://efficienzaenergetica.blogspot.com
SuperP
 
Messaggi: 7839
Iscritto il: lun set 11, 2006 10:06
Località: Mantova - Verona

Re: riscaldamento di una chiesa (luogo di culto)

Messaggioda syrma » lun lug 11, 2011 16:32

SuperP ha scritto:
syrma ha scritto:
SuperP ha scritto:Ma per l'amor del cielo, il riscaldamento radiante è anni luce dal risparmio energetico!



intendevo riscaldamento radiante elettrico.


Su questo ti QUOTO! soprattutto in campo civile! Ho visto di quelle cose impensabili con il riscaldamento a pavimento elettrico nelle abitazioni...o la casa è molto piccola e molto isolata o il gioco non vale la candela.
Chi lo vende ti mostra un prospetto a 20 anni considerando la manutenzione degli impianti tradizionale con il pavimento elettrico. ho fatto questi conti per verificare la loro veridicità - ho visto che conviene circa del 8-12% anno considerando un ammortamento di 20 anni una casa in isolamento B+ o migliore, costi di manutenzione caldaia, costi energia e sostituzione caldaia.
Però la bolletta è doppia rispetto a quella di un impianto a pavimento con caldaia a condensazione.
unica condizione per cui installerei un pavimento radiante elettrico è la sovralimentazione di fotovoltaico oppure metterei una pompa di calore elettrica COP 4,5!

Le pedane termiche elettriche sono più una comodità: sul presbiterio per una pedana per il celebrante non puoi certo spaccare tutto e portare i tubi dell'acqua!
qualche chiesa non ha il gas metano perché non ha la linea e visto l'uso saltuario della chiesa di campagna preferisce un impianto da 10-15 kW elettrico per 300 ore all'anno che avere un generatore a gasolio e poi sono ancora più veloci da smontare se necessario perché non serve svuotare l'impianto!
syrma
 
Messaggi: 15
Iscritto il: mar feb 08, 2011 10:58

Re: riscaldamento di una chiesa (luogo di culto)

Messaggioda SuperP » lun lug 11, 2011 16:54

syrma ha scritto:unica condizione per cui installerei un pavimento radiante elettrico è la sovralimentazione di fotovoltaico


non conta nulla, ne energeticamente, ne economicamente.. poco sulla classe energetica.
E filosoficamente è un non senso.
Fino al 10 settembre, in ogni comune, uff. elettorale, puoi firmare la proposta di legge di iniziativa popolare per garantire a tutti il diritto all'accesso alle cure compassionevoli a base di cellule staminali.
http://efficienzaenergetica.blogspot.com
SuperP
 
Messaggi: 7839
Iscritto il: lun set 11, 2006 10:06
Località: Mantova - Verona

Re: riscaldamento di una chiesa (luogo di culto)

Messaggioda claudiomenegatti » gio dic 22, 2011 13:02

Salve a tutti,
vorrei portare il mio contributo con l'installazione che vedete nell'immagine.
Sono 4 colonne di collettori solari ad aria, ognuna da 6m2.
L'installazione non richiede altra impiantistica, funzionano in modo autonomo senza influire nell'altra impiantistica presente, se non nell'abbattimento dei consumi.
Non necessitano di manutenzione, si installano molto velocemente e senza interventi invasivi.
Allegati
Installazione completa.jpg
Installazione completa.jpg (55.97 KiB) Osservato 2267 volte
claudiomenegatti
 
Messaggi: 3
Iscritto il: mar set 07, 2010 20:40


Torna a FORUM ANTINCENDIO

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite