Parere VVFF del 2005 ma...

Normativa Antincendio, Rilascio CPI, ecc.

Moderatore: Edilclima

Avatar utente
ilverga
Messaggi: 2251
Iscritto il: gio ott 05, 2006 17:42
Località: prov. MI

Re: Parere VVFF del 2005 ma...

Messaggio da ilverga »

weareblind ha scritto: lun giu 10, 2024 16:00
ilverga ha scritto: lun giu 10, 2024 15:02
weareblind ha scritto: lun giu 10, 2024 14:55 Ah senza dubbio. Ma in Italia valgono le leggi pubblicate in Gazzetta Ufficiale. Non le circolari del Comando di Abbiategrasso di sotto.
Molto garbatamente, posso capire se mi manca qualche passaggio? A me non risulta alcuna norma che vieti esplicitamente il rinnovo tardivo...
Perché, il tuo essere così risoluto, mi da' da intendere che stia perdendo qualcosa (...sebbene molti comandi non la pensino come te...)
Scusa, ragioni al contrario. Il Dpr 151/2011 fissa gli iter. Altro non è consentito. Se no ognuno, in piena fantasia, si inventa il suo iter e poi vogliamo una circolare che lo vieti?
Fissa degli iter tanto inderogabili che più di una circolare del Dipartimento VVF (che vengono quasi paragonate a fogli di carta igienica) ne ammettono la casistica.
La pensiamo diversamente e, fortunatamente, non sono mi sento solo.
Mi permetto però di tediar(ti) o tediar(Vi) riportando la normativa in maniera puntuale:
L'art. 5 del D.P.R. 151 recita "La richiesta di rinnovo periodico di conformità antincendio che, ogni cinque anni, il titolare delle attività di cui all'Allegato I del presente regolamento è tenuto ad inviare al Comando, è effettuata tramite una dichiarazione attestante l'assenza di variazioni alle condizioni di sicurezza antincendio corredata dalla documentazione prevista dal decreto di cui all'articolo 2, comma 7. Il Comando rilascia contestuale ricevuta dell'avvenuta presentazione della dichiarazione."
L'art.20 del Dlgs 139/2006 recita “Chiunque, in qualità di titolare di una delle attività soggette ai controlli di prevenzione incendi, ometta di presentare la segnalazione certificata di inizio attività o la richiesta di rinnovo periodico della conformità antincendio è punito con l'arresto sino ad un anno o con l'ammenda da 258 a 2.582 euro"
Senza disquisizione da leguleio del "ogni cinque anni" (entro la data di scadenza, entro il mese di scadenza, entro l'anno solare...???)
A mio modesto avvisto, tradotto significa: RINNOVO PERIODICO DI CONFORMITA' ANTINCENDIO OGNI CINQUE ANNI, PENA SANZIONE
Altrettanto sinceramente non riesco a leggervi: RINNOVO PERIODICO VIETATO OLTRE LA SCADENZA DI CINQUE ANNI
Non hai diritto alla tua opinione. Hai diritto alla tua opinione informata. Nessuno ha il diritto di essere ignorante
Avatar utente
weareblind
Messaggi: 3169
Iscritto il: gio lug 30, 2009 09:49

Re: Parere VVFF del 2005 ma...

Messaggio da weareblind »

Che devo dirti, auguri.
cmorante
Messaggi: 170
Iscritto il: mar ago 30, 2022 12:10

Re: Parere VVFF del 2005 ma...

Messaggio da cmorante »

weareblind ha scritto: lun giu 10, 2024 16:00
ilverga ha scritto: lun giu 10, 2024 15:02
weareblind ha scritto: lun giu 10, 2024 14:55 Ah senza dubbio. Ma in Italia valgono le leggi pubblicate in Gazzetta Ufficiale. Non le circolari del Comando di Abbiategrasso di sotto.
Molto garbatamente, posso capire se mi manca qualche passaggio? A me non risulta alcuna norma che vieti esplicitamente il rinnovo tardivo...
Perché, il tuo essere così risoluto, mi da' da intendere che stia perdendo qualcosa (...sebbene molti comandi non la pensino come te...)
Scusa, ragioni al contrario. Il Dpr 151/2011 fissa gli iter. Altro non è consentito. Se no ognuno, in piena fantasia, si inventa il suo iter e poi vogliamo una circolare che lo vieti?
Non sono d'accordo, o perlomeno non completamente.

È vero, c'è una procedura, e un iter. Il punto è che qui uno non è che inventa una procedura "alternativa", ma una per un qualcosa che, semplicemente, non è normato né disciplinato. Le norme dicono "l'attività va rinnovata ogni 5 anni", "la SCIA si presenta all'inizio dell'attività", ma il possibile buco in mezzo (che può essere dovuto anche a cause di forza maggiore) non ha alcuna disciplina. Mi dicono come va sanzionato chi non è in regola, ma non come sanare la situazione. E difatti, gli stessi Comandi (e il Ministero) vanno a interpretazione.
Gmeister
Messaggi: 376
Iscritto il: mer ott 17, 2018 09:11

Re: Parere VVFF del 2005 ma...

Messaggio da Gmeister »

La situazione la sani con una SCIA, teoricamente. Sempre sperando che nel periodo "scoperto" non succeda nulla per cui la causa sia da ricondurre a quella negligenza. Considera che se costruisci una casa più alta di 50 cm non è che la sani, la demolisci e la abbassi, di solito.
Cioè la norma, condivisibile o no, è chiara e non lascia spazio ad interpretazioni, bene che ci siano queste prassi che salvano capra e cavoli nella maggior parte dei casi, però appigliarcisi sistematicamente è pericoloso.
Poi non succede mai nulla perchè i rinnovi sono poco più che carta, perchè se gestisci male la tua attività non è che se ne accorge il professionista dopo 5 anni e non sarà mai quel "buco" a determinare il problema, però la questione è normata e non è che si può bypassare con le circolari.
Avatar utente
weareblind
Messaggi: 3169
Iscritto il: gio lug 30, 2009 09:49

Re: Parere VVFF del 2005 ma...

Messaggio da weareblind »

cmorante ha scritto: mar giu 11, 2024 15:57
weareblind ha scritto: lun giu 10, 2024 16:00
ilverga ha scritto: lun giu 10, 2024 15:02
Molto garbatamente, posso capire se mi manca qualche passaggio? A me non risulta alcuna norma che vieti esplicitamente il rinnovo tardivo...
Perché, il tuo essere così risoluto, mi da' da intendere che stia perdendo qualcosa (...sebbene molti comandi non la pensino come te...)
Scusa, ragioni al contrario. Il Dpr 151/2011 fissa gli iter. Altro non è consentito. Se no ognuno, in piena fantasia, si inventa il suo iter e poi vogliamo una circolare che lo vieti?
Non sono d'accordo, o perlomeno non completamente.

È vero, c'è una procedura, e un iter. Il punto è che qui uno non è che inventa una procedura "alternativa", ma una per un qualcosa che, semplicemente, non è normato né disciplinato. Le norme dicono "l'attività va rinnovata ogni 5 anni", "la SCIA si presenta all'inizio dell'attività", ma il possibile buco in mezzo (che può essere dovuto anche a cause di forza maggiore) non ha alcuna disciplina. Mi dicono come va sanzionato chi non è in regola, ma non come sanare la situazione. E difatti, gli stessi Comandi (e il Ministero) vanno a interpretazione.
Scusa, non è così. Non è vero che non ti dicono come fare se scade. Si manda Scia.
Avatar utente
weareblind
Messaggi: 3169
Iscritto il: gio lug 30, 2009 09:49

Re: Parere VVFF del 2005 ma...

Messaggio da weareblind »

Gmeister ha scritto: mar giu 11, 2024 16:21 La situazione la sani con una SCIA, teoricamente. Sempre sperando che nel periodo "scoperto" non succeda nulla per cui la causa sia da ricondurre a quella negligenza. Considera che se costruisci una casa più alta di 50 cm non è che la sani, la demolisci e la abbassi, di solito.
Cioè la norma, condivisibile o no, è chiara e non lascia spazio ad interpretazioni, bene che ci siano queste prassi che salvano capra e cavoli nella maggior parte dei casi, però appigliarcisi sistematicamente è pericoloso.
Poi non succede mai nulla perchè i rinnovi sono poco più che carta, perchè se gestisci male la tua attività non è che se ne accorge il professionista dopo 5 anni e non sarà mai quel "buco" a determinare il problema, però la questione è normata e non è che si può bypassare con le circolari.
Concordo totalmente.
Ronin
Messaggi: 6340
Iscritto il: sab giu 20, 2009 12:57

Re: Parere VVFF del 2005 ma...

Messaggio da Ronin »

Gmeister ha scritto: mar giu 11, 2024 16:21 Considera che se costruisci una casa più alta di 50 cm non è che la sani, la demolisci e la abbassi, di solito.
mi sa che hai scelto l'esempio sbagliato :lol:
Gmeister
Messaggi: 376
Iscritto il: mer ott 17, 2018 09:11

Re: Parere VVFF del 2005 ma...

Messaggio da Gmeister »

Gmeister ha scritto: mar giu 11, 2024 16:21di solito
Questo non salva un po' tutto? :lol:
Ronin
Messaggi: 6340
Iscritto il: sab giu 20, 2009 12:57

Re: Parere VVFF del 2005 ma...

Messaggio da Ronin »

Gmeister ha scritto: mer giu 12, 2024 11:35
Gmeister ha scritto: mar giu 11, 2024 16:21di solito
Questo non salva un po' tutto? :lol:
eh, ma è proprio quello il punto: "di solito" demolisci e ripristini? in italia, di fronte alla strabordante preponderanza di MILIONI di pratiche di condono edilizio stratificate nei decenni? :lol:
Gmeister
Messaggi: 376
Iscritto il: mer ott 17, 2018 09:11

Re: Parere VVFF del 2005 ma...

Messaggio da Gmeister »

Ahahah vabbè s'è capito no che sono andato per le trippe con l'esempio
cmorante
Messaggi: 170
Iscritto il: mar ago 30, 2022 12:10

Re: Parere VVFF del 2005 ma...

Messaggio da cmorante »

weareblind ha scritto: mar giu 11, 2024 21:20 Scusa, non è così. Non è vero che non ti dicono come fare se scade. Si manda Scia.
Tecnicamente no, non lo dicono. E non dicono neanche che se è scaduto devi mandare la SCIA.
"1. Per le attività di cui all’Allegato I del presente regolamento [...] è presentata al Comando, prima dell’esercizio dell’attività, mediante segnalazione certificata di inizio attività [...]"
"Fermo restando quanto previsto dall’articolo 3 [...] l’obbligo per l’interessato di avviare nuovamente le procedure previste dal presente articolo ricorre quando vi sono modifiche di lavorazione o di strutture, nei casi di nuova destinazione dei locali o di variazioni qualitative e quantitative delle sostanze pericolose esistenti negli stabilimenti o depositi e ogni qualvolta sopraggiunga una modifica delle condizioni di sicurezza precedentemente accertate."
Quindi la SCIA si presenta per le attività che stanno per iniziare, o per quelle esistenti in caso di modifiche. Ma l'attività che non presenta il rinnovo non è nuova, né modificata.

E sul rinnovo dicono che devi mandarlo ogni 5 anni, ma non dicono cosa succeda se tardi:
La richiesta di rinnovo periodico di conformità antincendio che, ogni cinque anni, il titolare delle attività di cui all’Allegato I del presente regolamento è tenuto ad inviare al Comando, è effettuata tramite una dichiarazione attestante l’assenza di variazioni [...]
Poi c'è la famigerata 5555:
La presentazione di attestazione di rinnovo oltre i termini di legge potrebbe sottintendere o ad una temporanea interruzione dell'attività o all'esercizio dell'attività stessa in violazione dell'obbligo di cui all'art. 5 del DPR 151/2011.
Potrebbe. Quindi non escludono casi diversi da quelli indicati, e precisano che il Comando "potrà accertare" se sussistono i presupposti per procedere, salvo poi sottolineare che

"Sotto il profilo amministrativo, la validità della attestazione avrà in ogni caso durata fino alla naturale scadenza, quinquennale o a seconda dei casi decennale, della originaria presentazione della SCIA o autorizzazione previgente"

e con questa frase, mi stanno dicendo che il rinnovo tardivo lo posso presentare, e scadrà con la vecchia data.

Se invece presento una nuova SCIA, sto dichiarando che avevo sospeso l'attività e la sto riprendendo (quindi, se vogliamo fare i pignoli, starei dichiarando il falso e sarei comunque perseguibile, in teoria).


Il tutto lasciando perdere i pareri dei singoli Comandi, chiaramente, che vanno o in un senso o nell'altro e non si sa mai cosa fare. :lol:
Avatar utente
weareblind
Messaggi: 3169
Iscritto il: gio lug 30, 2009 09:49

Re: Parere VVFF del 2005 ma...

Messaggio da weareblind »

Si gira sempre intorno allo stesso tema. Quanto proponi sopra non è un iter amministrativo previsto dal DPR 151/2011 e per me tanto basta.
Avatar utente
ilverga
Messaggi: 2251
Iscritto il: gio ott 05, 2006 17:42
Località: prov. MI

Re: Parere VVFF del 2005 ma...

Messaggio da ilverga »

weareblind ha scritto: gio giu 13, 2024 16:34 Si gira sempre intorno allo stesso tema. Quanto proponi sopra non è un iter amministrativo previsto dal DPR 151/2011 e per me tanto basta.
Esatto, si gira sempre attorno allo stesso tema. Quello che correttamente ti faceva notare cmorante è che nemmeno quanto proponi tu è un iter amministrativo previsto dal DPR 151/2011, a meno che sostenere sia una nuova attività (e in questo caso comunque non si sana il periodo intercorrente tra la scadenza e la nuova SCIA, problematica sollevata da Gmeister).
Proprio perché non esiste iter amministrativo normato e riconducibile al caso in questione, ognuno si comporta come meglio crede. Non devo convincerti, la pensiamo diversamente e stop :wink: ...
Non hai diritto alla tua opinione. Hai diritto alla tua opinione informata. Nessuno ha il diritto di essere ignorante
Avatar utente
weareblind
Messaggi: 3169
Iscritto il: gio lug 30, 2009 09:49

Re: Parere VVFF del 2005 ma...

Messaggio da weareblind »

Niente affatto, la scia è prevista eccome. Poi, se mi dici che succede nell'interlasso di tempo, la risposta è che non è un problema mio.
Rispondi