BILANCIAMENTO IMPIANTO RITORNO INVERSO - ED. IN LINEA

Normativa Termotecnica, Impianti di riscaldamento, Legge 10/91, DLgs 192/05, ecc.

Moderatore: Edilclima

Rispondi
fabri84
Messaggi: 59
Iscritto il: mar set 04, 2007 13:22

BILANCIAMENTO IMPIANTO RITORNO INVERSO - ED. IN LINEA

Messaggio da fabri84 »

Stò seguendo un progetto di ristrutturazione di un edificio molto lungo su due piani. In ogni stanza sono previsti fancoil.

I vincoli sono i seguenti:
- basso costo
- 0 manutenzione


Vista la lunghezza dell'edificio e la posizione fissa della CT pensavo di fare una distribuzione per caldo e freddo a ritorno inverso, in modo che ogni collettore a servizio di 8/10 fancoil ha la stessa portata senza problemi di sorta e per tutte le velocità della pompa di centrale a portata variabile. Magari la velocità della pompa la regolo solo sulla T di ritorno.
Così non valvole, i fancoil si regolano semplicamente con il ventilatore e la sonda ambiente.
Come mai non si vedono in giro circuiti a ritorno inverso?
La 3a tubazione è sicuramente un costo ma credo anche un beneficio nel tempo e poi evita di fare due circuiti separati a volte.

Cosa ne pensate?

Avatar utente
Manofthemoon
Messaggi: 1580
Iscritto il: lun set 11, 2006 10:31
Località: Cuneo - provincia
Contatta:

Re: BILANCIAMENTO IMPIANTO RITORNO INVERSO - ED. IN LINEA

Messaggio da Manofthemoon »

ultimamente sto facendo alcuni interventi medio grandi con tilkelman (o come si scrive) e direi che funziona molto bene

Avatar utente
gararic
Messaggi: 1699
Iscritto il: mer mag 06, 2009 09:48
Località: treviso

Re: BILANCIAMENTO IMPIANTO RITORNO INVERSO - ED. IN LINEA

Messaggio da gararic »

distribuzione a 2 o quattro tubi ?
sicuro di non mettere le valvole sui fan-coil ?
solo se l'edificio è davvero lungo la perdita di carico delle tubazioni diventa significativa rispetto a quella dei fan-coil , credo sia per questo che non si usa molto
comunque è sicuramente un bel sistema sempre in equilibrio !
riccardo - portatore di partita iva

fabri84
Messaggi: 59
Iscritto il: mar set 04, 2007 13:22

Re: BILANCIAMENTO IMPIANTO RITORNO INVERSO - ED. IN LINEA

Messaggio da fabri84 »

- Manofthemoon scusa l'ignoranza ma che l'è tilkelman non lo trovo nemmeno su google;
- gararic sistema a 2 tubi, le valvole sui fancoil dopo chi e come le regola? ....forse però 50 metri di lunghezza praticamente rettilinei non sono molti ed altri 50 metri di tubo che disperdono calore non sono un'ottima scelta. Faccio così, sovradimensiono la linea principale (acqua con velocità di 1,5-1,8, perdite di carico lineari di 10-20 mm/m) mentre i primi stacchi ai collettori li faccio da 1" e dopo la metà faccio stacchi da 1"1/4 così ottengo un sufficiente compromesso. Che ne pensate?

Avatar utente
Manofthemoon
Messaggi: 1580
Iscritto il: lun set 11, 2006 10:31
Località: Cuneo - provincia
Contatta:

Re: BILANCIAMENTO IMPIANTO RITORNO INVERSO - ED. IN LINEA

Messaggio da Manofthemoon »

è il nome dell'inventore del ritorno interso.. non sono sicuro si scriva così..

fabri84
Messaggi: 59
Iscritto il: mar set 04, 2007 13:22

Re: BILANCIAMENTO IMPIANTO RITORNO INVERSO - ED. IN LINEA

Messaggio da fabri84 »

che ignorante che sono :roll: Sicuramente funziona bene, a tutte le portate per giunta, bisogna solo fare un'analisi costi benefici.

Esa
Messaggi: 1526
Iscritto il: sab dic 03, 2011 22:53

Re: BILANCIAMENTO IMPIANTO RITORNO INVERSO - ED. IN LINEA

Messaggio da Esa »

"sovradimensiono la linea principale (acqua con velocità di 1,5-1,8, perdite di carico lineari di 10-20 mm/m)"
La velocità è troppo alta.
"mentre i primi stacchi ai collettori li faccio da 1" e dopo la metà faccio stacchi da 1"1/4 così ottengo un sufficiente compromesso".
Occorre fare esattamente il contrario, se non vuoi avere problemi.

fabri84
Messaggi: 59
Iscritto il: mar set 04, 2007 13:22

Re: BILANCIAMENTO IMPIANTO RITORNO INVERSO - ED. IN LINEA

Messaggio da fabri84 »

Esa ha scritto:"sovradimensiono la linea principale (acqua con velocità di 1,5-1,8, perdite di carico lineari di 10-20 mm/m)"
La velocità è troppo alta.
"mentre i primi stacchi ai collettori li faccio da 1" e dopo la metà faccio stacchi da 1"1/4 così ottengo un sufficiente compromesso".
Occorre fare esattamente il contrario, se non vuoi avere problemi.
Concordo sulla velocità, ho provato a dimensionare a spanne e ho visto che la velocità sulla linea principale mi resta fin troppo bassa, addirittura 0,5 nel tratto più lontano.
Per il discorso degli stacchi invece non ti capisco, se faccio i primi stacchi,quelli più favoriti vicino alla pompa per intenderci, di diametro maggiore il flusso passa tutto nei primi fancoil e negli ultimi non arriva niente. Lo "stacco" lo immagino come una valvola di regolazione, strozzata nei primi tratti vicino alla pompa e aperta nei tratti sfavoriti. Non credi?

Esa
Messaggi: 1526
Iscritto il: sab dic 03, 2011 22:53

Re: BILANCIAMENTO IMPIANTO RITORNO INVERSO - ED. IN LINEA

Messaggio da Esa »

Il valore della resistenza occasionale varia con il variare del rapporto tra le sezioni dei rami (F) e tra le portate (Q) nei rami stessi (in pratica, rapporto tra le velocità).
Tale valore può essere, al limite:
- di 13 con Q1/Q2 = 0,1 e F1/F2 = 0,25
- di -2,4 (proprio meno!) con Q1/Q2 = 0,1 e F1/F2 = 1
Quindi, all'inizio della linea, hai, normalmente, la velocità maggiore e, quindi, il rischio che la derivazione sia "saltata".
Un buon accorgimento è quello di progettare con una derivazione grande (anche solo per una decina di cm) e poi strozzare come da calcolo. Quindi, una derivazione da 1/2" (bassa portata) su un tubo da 4" (alta portata) difficilmente funziona, a meno che tu non abbia una velocità molto bassa (comunque molto rischioso). Tutto ciò è dovuto alla turbolenza sulla parete della tubazione. Consiglio: stacco da 1" o 1 1/4" e restringimento a 1/2".
Puoi trovqare tutte queste tabelle su I.E. Idel'cik (libro edito da Eyrolles, ammesso che sia ancora in circolazione).
Più facilmente su Ashrae Fundamentals (forse meno preciso, ma comunque, pratico) trovi il numero di curve equivalenti per una derivazione: da 100 (% di portata sulla diramazione del 10%) a 2 (% dell'80%). Quindi, l'errore è dietro l'angolo ...

fabri84
Messaggi: 59
Iscritto il: mar set 04, 2007 13:22

Re: BILANCIAMENTO IMPIANTO RITORNO INVERSO - ED. IN LINEA

Messaggio da fabri84 »

Grazie Esa, più o meno il primo stacco mi viene da 1 1/4" su una tubazione di 4" quindi in linea con quanto previsto da te, però il problema va sempre considerato, nel caso faccio uno stacco di meno ma più grande.
Per quanto riguarda le distribuzioni terminali io pensavo di mettere piccoli collettori con massimo 3/4 attacchi però per ogni attacco far partire tubazioni da 3/4" e collegarci 2 fancoil (300 litri/h ognuno): essendo una ristrutturazione in cui non vogliono toccare i pavimenti, e quindi le tubazioni passano in canaline, pensavo di fare così per evitare troppi tubi in giro e allo stesso tempo utilizzare un diametro contenuto.

Tom Bishop
Messaggi: 1886
Iscritto il: mar dic 30, 2008 17:13

Re: BILANCIAMENTO IMPIANTO RITORNO INVERSO - ED. IN LINEA

Messaggio da Tom Bishop »

Manofthemoon ha scritto:è il nome dell'inventore del ritorno interso.. non sono sicuro si scriva così..
Albert Tichelmann
Tom Bishop

Avatar utente
gararic
Messaggi: 1699
Iscritto il: mer mag 06, 2009 09:48
Località: treviso

Re: BILANCIAMENTO IMPIANTO RITORNO INVERSO - ED. IN LINEA

Messaggio da gararic »

fabri, fosse stato un 4 tubi ti co volevano necessariamente valvole motorizzate sonde e regolatori, col due tubi invece . .
riccardo - portatore di partita iva

skinny
Messaggi: 337
Iscritto il: mar mag 22, 2007 16:40

Re: BILANCIAMENTO IMPIANTO RITORNO INVERSO - ED. IN LINEA

Messaggio da skinny »

Esa ha scritto:Il valore della resistenza occasionale varia con il variare del rapporto tra le sezioni dei rami (F) e tra le portate (Q) nei rami stessi (in pratica, rapporto tra le velocità).
Tale valore può essere, al limite:
- di 13 con Q1/Q2 = 0,1 e F1/F2 = 0,25
- di -2,4 (proprio meno!) con Q1/Q2 = 0,1 e F1/F2 = 1
Quindi, all'inizio della linea, hai, normalmente, la velocità maggiore e, quindi, il rischio che la derivazione sia "saltata".
Scusami esa non mi è chiaro il tuo discorso...
Tra quali limiti deve essere compreso rapporto tra le velocità pari a (Q1/Q2)/(F1/F2)?

Esa
Messaggi: 1526
Iscritto il: sab dic 03, 2011 22:53

Re: BILANCIAMENTO IMPIANTO RITORNO INVERSO - ED. IN LINEA

Messaggio da Esa »

La turbolenza lungo le pareti della tubazione potrebbe impedire al fluido di deviare nel ramo laterale, quando il diametro di questo è troppo piccolo in rapporto al ramo principale. Esperienza di molti: se un collettore in centrale termica non è sufficientemente grande, i circuiti piccoli, anche con pompe "correttamente "dimensionate, non vengono alimentati.
I coefficienti di perdita di carico "spannometrici" utilizzati per le derivazioni, non vanno sempre bene.
Anche perché spesso l'attacco non è eseguito a regola d'arte.
Esperienza di chi aveva a che fare con tubazioni saldate in ferro: mai installare tubi da 1/2" su tubi da 3" se non allargando il primo tratto a 1".
Le tabelle ricavate da alcuni libri forniscono indicazioni precise.
Oggi puoi trovare tutto (o quasi) in internet.
Se hai voglia, leggi http://pbadupws.nrc.gov/docs/ML1220/ML12209A041.pdf

skinny
Messaggi: 337
Iscritto il: mar mag 22, 2007 16:40

Re: BILANCIAMENTO IMPIANTO RITORNO INVERSO - ED. IN LINEA

Messaggio da skinny »

Grazie Esa, provo a cercare lì.

Avatar utente
arien
Messaggi: 410
Iscritto il: ven apr 24, 2009 11:19

Re: BILANCIAMENTO IMPIANTO RITORNO INVERSO - ED. IN LINEA

Messaggio da arien »

Mi accodo.

Io in merito vi espongo la mia opinione.

Il ritorno inverso equilibra solo le perdie di carico distribuite. Le perdite concentrate non sono contemplate. Inoltre le perdite di carico delle batterie dei fan-coil hanno valori diversi in fuzione del modello e del n. di ranghi.
Pertanto se non si alimentano FanCoil della medesima tipologia il ritorno inverso non ha alcuna applicabilità.
Inoltre non è possibile regolare la portata sui singoli terminali.

Da un punto di vista tecnico, installare una terza tubazione di diametro uguale a quello del primo tratto non è il massimo della vita.

Io, nei miei progetti, prevedo sempre valvole di bilanciamento ad otturatore inclinato con venturi per la misurazione della portata. Effettuo in fase di progetto il calcolo della regolazione in funzione della perdita di carico da bilanciare.

Rispondi