Fine lavori 31/12/2022 ... cosa serve?

Agevolazioni previste, documentazione richiesta, ecc.

Moderatore: Edilclima

Rispondi
SuperP
Messaggi: 10020
Iscritto il: lun set 11, 2006 10:06

Fine lavori 31/12/2022 ... cosa serve?

Messaggio da SuperP »

Ciao,
ho fatto una pratica con SAL 60% il 31/12/2021, cessione del credito già effettuata con E&Y.
Mancava il completamento dell'impianto FV, installati 3kW su 9kW, una battaglia.
Ora, in teoria a fine settembre dovrebbero montare gli altri pannelli FV.

Dal sal 60% alla fine lavori non si chiede cessione del credito ma detrazione diretta.

Per andare tranquillo:
- i lavori devono essere conclusi (quindi Di.Co., fine lavori comune etc) entro il 31/12/2022
- la pratica ENEA ho tempo fino al 31/03/2023 (90 giorni dalla fine lavori)
- la pratica GSE arriva quando arriva o è ancora vincolante per la fine lavori e/o pratica ENEA? So che non c'è certezza, ma da sempre la fine lavori non è affiancata alla pratica GSE. Forse solo la cessione del credito o la detrazione diretta può avvenire DOPO la pratica GSE.

Tutto corretto?
Il mio libro sugli impianti negli edifici ad elevate prestazioni energetiche https://www.paolosavoia.com/libro
I miei corsi su involucro ed impianto https://www.paolosavoia.com/corso-online
antonio
Messaggi: 654
Iscritto il: lun set 17, 2007 11:27

Re: Fine lavori 31/12/2022 ... cosa serve?

Messaggio da antonio »

Per la pratica GSE:

- Nella risposta 57/2022 dell'Agenzia Entrate, è richiesto, per fruire del Superbonus anche nelle more di perfezionamento del contratto, di dimostrare l'avvenuta accettazione dell'istanza, a mezzo e-mail, da parte del GSE.

Non so dirti però quanti giorni ci vogliono perchè il GSE effettui questa prima istruttoria di verifica preliminare.

A seguito dell'invio dell'accettazione dell'istanza, si è tenuti a sottoscrivere ed inviare una copia della convenzione al GSE, che provvederà a perfezionare il contratto (se idoneo)

Non è quindi richiesto che l'attivazione della convenzione sia conclusa
SuperP
Messaggi: 10020
Iscritto il: lun set 11, 2006 10:06

Re: Fine lavori 31/12/2022 ... cosa serve?

Messaggio da SuperP »

antonio ha scritto: gio ago 11, 2022 11:27 Per la pratica GSE:

- Nella risposta 57/2022 dell'Agenzia Entrate, è richiesto, per fruire del Superbonus anche nelle more di perfezionamento del contratto, di dimostrare l'avvenuta accettazione dell'istanza, a mezzo e-mail, da parte del GSE.

Non so dirti però quanti giorni ci vogliono perchè il GSE effettui questa prima istruttoria di verifica preliminare.

A seguito dell'invio dell'accettazione dell'istanza, si è tenuti a sottoscrivere ed inviare una copia della convenzione al GSE, che provvederà a perfezionare il contratto (se idoneo)

Non è quindi richiesto che l'attivazione della convenzione sia conclusa
Si questa la so, ma per usufruire del Superbonus può anche voler far riferimento alla possibilità di utilizzare la detrazione e/o la cessione del credito.
Il mio libro sugli impianti negli edifici ad elevate prestazioni energetiche https://www.paolosavoia.com/libro
I miei corsi su involucro ed impianto https://www.paolosavoia.com/corso-online
ponca
Messaggi: 4097
Iscritto il: ven ott 22, 2010 18:22

Re: Fine lavori 31/12/2022 ... cosa serve?

Messaggio da ponca »

SuperP ha scritto: gio ago 11, 2022 09:59 Per andare tranquillo:
- i lavori devono essere conclusi (quindi Di.Co., fine lavori comune etc) entro il 31/12/2022
- la pratica ENEA ho tempo fino al 31/03/2023 (90 giorni dalla fine lavori)
- la pratica GSE arriva quando arriva o è ancora vincolante per la fine lavori e/o pratica ENEA? So che non c'è certezza, ma da sempre la fine lavori non è affiancata alla pratica GSE. Forse solo la cessione del credito o la detrazione diretta può avvenire DOPO la pratica GSE.

Tutto corretto?
è corretto secondo me
l'unico dubbio riguarda la pratica GSE che penso non sia vincolante per fine lavori e comunicazione ENEA, ma forse lo è per la cessione
attendere il GSE rischia di essere un problema quando ci avvicineremo alle scadenze per la cessione dei crediti 2022
vedo che per Deloitte è sufficiente ricevere la dichiarazione in cui il proprietario si impegna a fare la pratica GSE, per analogia può darsi che il principio possa essere valido a prescindere da Deloitte (il committente dichiara che lo farà e il commercialista mette il visto)
neni
Messaggi: 135
Iscritto il: mar nov 21, 2006 15:55

Re: Fine lavori 31/12/2022 ... cosa serve?

Messaggio da neni »

Da quel che so io (per aver visto far così in alcune commesse, non per certezza interpretativa), il GSE non dovrebbe bloccare la fine lavori o l'invio all'ENEA del SAL finale, ma solo l'apposizione del visto di conformità.
Se l'impianto FV e tutti i lavori sono conclusi e pagati faccio la fine lavori e l'invio all'ENEA. Mi sembra assurdo rallentare tutto e aspettare un istanza che allungherebbe inutilmente i tempi di apertura dei lavori, poi quando arriva il GSE, il progettista architettonico avrà i suoi tempi per è incasinato e passano giorni, l'asseveratore attende la fine lavori e poi si trova il sito ENEA in down, poi la pratica passa al commercialista che deve visionare tutto e magari trova un dettaglio errato nell'asseverazione e te la fa ri-protocollare.

Che abuso si può commettere a fare la fine lavori a lavori finiti, senza attendere il GSE e inviare l'asseverazione ENEA, se poi comunque si attende il GSE per il visto di conformità e quindi non si matura nessun credito prima dei tempi prestabiliti?
ponca
Messaggi: 4097
Iscritto il: ven ott 22, 2010 18:22

Re: Fine lavori 31/12/2022 ... cosa serve?

Messaggio da ponca »

neni ha scritto: gio ago 11, 2022 15:59 Che abuso si può commettere a fare la fine lavori a lavori finiti, senza attendere il GSE e inviare l'asseverazione ENEA, se poi comunque si attende il GSE per il visto di conformità e quindi non si matura nessun credito prima dei tempi prestabiliti?
a mio parere nessuno
bisognerebbe capire però se è effettivamente richiesta l'accettazione del GSE per apporre il visto e fare la cessione

molti dei lavori che si chiuderanno a fine 2022 non avranno il GSE entro marzo/aprile 2023, in teoria oltre quel termine si perderebbe la cessione della prima annualità. Poi vedo che Deloitte risolve la questione con una dichiarazione del proprietario, per cui può anche essere che il problema non ci sia
archspf
Messaggi: 348
Iscritto il: mar ott 26, 2021 14:08
Località: RM
Contatta:

Re: Fine lavori 31/12/2022 ... cosa serve?

Messaggio da archspf »

ponca ha scritto: gio ago 11, 2022 16:24
bisognerebbe capire però se è effettivamente richiesta l'accettazione del GSE per apporre il visto e fare la cessione
Come riportato da @antonio, per l'ADE sarebbe sufficiente, nelle "more del perfezionamento del contratto", avere la ricevuta di accettazione dell'istanza, la mancanza della quale sarebbe bloccante per la cessione del credito/detrazione.
Senza voler immaginare cosa possa accadere qualora la richiesta non venga "perfezionata", alcuni ritengono pur se a rischio e pericolo del contribuente, che si possa chiudere il cerchio (visto e cessione) una volta ottenuta la richiamata "ricevuta di presa in carico".
blog: www.archiparlare.it | giornale di un architecnico
ponca
Messaggi: 4097
Iscritto il: ven ott 22, 2010 18:22

Re: Fine lavori 31/12/2022 ... cosa serve?

Messaggio da ponca »

archspf ha scritto: gio ago 11, 2022 17:34
ponca ha scritto: gio ago 11, 2022 16:24
bisognerebbe capire però se è effettivamente richiesta l'accettazione del GSE per apporre il visto e fare la cessione
Come riportato da @antonio, per l'ADE sarebbe sufficiente, nelle "more del perfezionamento del contratto", avere la ricevuta di accettazione dell'istanza, la mancanza della quale sarebbe bloccante per la cessione del credito/detrazione.
Senza voler immaginare cosa possa accadere qualora la richiesta non venga "perfezionata", alcuni ritengono pur se a rischio e pericolo del contribuente, che si possa chiudere il cerchio (visto e cessione) una volta ottenuta la richiamata "ricevuta di presa in carico".
Si
Quello che volevo sottolineare era che deloitte non fa così, mette visto e fa cessione a fronte di una semplice dichiarazione in cui il committente si impegna a farlo.
Tom Bishop
Messaggi: 4119
Iscritto il: mar dic 30, 2008 17:13

Re: Fine lavori 31/12/2022 ... cosa serve?

Messaggio da Tom Bishop »

SuperP ha scritto: gio ago 11, 2022 09:59
- la pratica GSE arriva quando arriva o è ancora vincolante per la fine lavori e/o pratica ENEA? So che non c'è certezza, ma da sempre la fine lavori non è affiancata alla pratica GSE. Forse solo la cessione del credito o la detrazione diretta può avvenire DOPO la pratica GSE.
Se non cedi non vedo problemi anche alla luce della risposta 57/2022 già citata. Prima di fruire dell'agevolazione passano almeno 6 mesi (Dichiarazione dei redditi 2023) e il contratto con il GSE dovrebbe essere già formalizzato, in ogni caso in sei mesi sicuramente avrai già ricevuto la e-mail dal GSE per la verifica preliminare. Cosa diversa se cedi e li ti devi assumere la responsabilità con atto notorio che la pratica andrà a buon fine, almeno questo chiedono i cessionari.
Tom Bishop
SuperP
Messaggi: 10020
Iscritto il: lun set 11, 2006 10:06

Re: Fine lavori 31/12/2022 ... cosa serve?

Messaggio da SuperP »

ponca ha scritto: gio ago 11, 2022 16:24 molti dei lavori che si chiuderanno a fine 2022 non avranno il GSE entro marzo/aprile 2023, in teoria oltre quel termine si perderebbe la cessione della prima annualità. Poi vedo che Deloitte risolve la questione con una dichiarazione del proprietario, per cui può anche essere che il problema non ci sia
Portando in detrazione diretta il termine di marzo/aprile 2023 rimane lo stesso?
Il mio libro sugli impianti negli edifici ad elevate prestazioni energetiche https://www.paolosavoia.com/libro
I miei corsi su involucro ed impianto https://www.paolosavoia.com/corso-online
SuperP
Messaggi: 10020
Iscritto il: lun set 11, 2006 10:06

Re: Fine lavori 31/12/2022 ... cosa serve?

Messaggio da SuperP »

Tom Bishop ha scritto: ven ago 12, 2022 08:43 Se non cedi non vedo problemi anche alla luce della risposta 57/2022 già citata. Prima di fruire dell'agevolazione passano almeno 6 mesi (Dichiarazione dei redditi 2023) e il contratto con il GSE dovrebbe essere già formalizzato, in ogni caso in sei mesi sicuramente avrai già ricevuto la e-mail dal GSE per la verifica preliminare. Cosa diversa se cedi e li ti devi assumere la responsabilità con atto notorio che la pratica andrà a buon fine, almeno questo chiedono i cessionari.
Ok, infatti.
Però se il visto deve essere fatto a marzo/aprile 2023 non avrei i 6 mesi, ma i 3/4.
Il mio libro sugli impianti negli edifici ad elevate prestazioni energetiche https://www.paolosavoia.com/libro
I miei corsi su involucro ed impianto https://www.paolosavoia.com/corso-online
Rispondi