Scarico caldaia a parete

Normativa per gli impianti gas, Legge 46/90, Delibera AEEG 40/04, ecc.

Moderatore: Edilclima

Rispondi
steveone
Messaggi: 56
Iscritto il: dom ott 23, 2016 23:53

Scarico caldaia a parete

Messaggio da steveone »

Una domanda. E' a norma uno scarico a parete a 25 cenimetri da una mia finestra? La normativa lo permette se per vincoli tecnici non c'e' altro modo? o c'e' una distanza da rispettare dalla finestra?
boba74
Messaggi: 4099
Iscritto il: mar mag 26, 2020 15:16

Re: Scarico caldaia a parete

Messaggio da boba74 »

Dalla finestra dovrebbe essere 40cm lateralmente e 60cm inferiormente (parlo di tiraggio forzato). Vedi UNI 7129 parte 3
steveone
Messaggi: 56
Iscritto il: dom ott 23, 2016 23:53

Re: Scarico caldaia a parete

Messaggio da steveone »

boba74 ha scritto: ven mag 31, 2024 08:52 Dalla finestra dovrebbe essere 40cm lateralmente e 60cm inferiormente (parlo di tiraggio forzato). Vedi UNI 7129 parte 3
ma vale anche se la finestra e' di mia proprieta'?
boba74
Messaggi: 4099
Iscritto il: mar mag 26, 2020 15:16

Re: Scarico caldaia a parete

Messaggio da boba74 »

steveone ha scritto: ven mag 31, 2024 08:55
boba74 ha scritto: ven mag 31, 2024 08:52 Dalla finestra dovrebbe essere 40cm lateralmente e 60cm inferiormente (parlo di tiraggio forzato). Vedi UNI 7129 parte 3
ma vale anche se la finestra e' di mia proprieta'?
Ah, cioè la caldaia è tua? Beh, sì, in teoria vale lo stesso, ma dato che tu non farai causa a te stesso nessuno verrà mai a dirti nulla. 8)
Scherzi a parte, potrebbe sollevarti delle storie il manutentore che ti fa i controlli periodici, dato che deve verificare l'idoneità dell'installazione. Mi è già capitato di vedere che sul verbale di prova venissero segnalate irregolarità del tipo mancanza di fori di ventilazione, locali di installazione non idonei, ecc...., quindi potrebbe saltare fuori anche questa cosa, in tal caso rischi che ti facciano adeguare lo scarico o ti chiudano l'impianto, dipende da come sono stati regolamentati i controlli nella tua regione-provincia
steveone
Messaggi: 56
Iscritto il: dom ott 23, 2016 23:53

Re: Scarico caldaia a parete

Messaggio da steveone »

boba74 ha scritto: ven mag 31, 2024 09:03
steveone ha scritto: ven mag 31, 2024 08:55
boba74 ha scritto: ven mag 31, 2024 08:52 Dalla finestra dovrebbe essere 40cm lateralmente e 60cm inferiormente (parlo di tiraggio forzato). Vedi UNI 7129 parte 3
ma vale anche se la finestra e' di mia proprieta'?
Ah, cioè la caldaia è tua? Beh, sì, in teoria vale lo stesso, ma dato che tu non farai causa a te stesso nessuno verrà mai a dirti nulla. 8)
Scherzi a parte, potrebbe sollevarti delle storie il manutentore che ti fa i controlli periodici, dato che deve verificare l'idoneità dell'installazione. Mi è già capitato di vedere che sul verbale di prova venissero segnalate irregolarità del tipo mancanza di fori di ventilazione, locale di installazione non idoneo, eccc...., quindi potrebbe saltare fuori anche questa cosa, in tal caso rischi che ti facciano adeguare lo scarico o ti chiudano l'impianto, dipende da come sono stati regolamentati i controlli nella tua regione-provincia
E' che io non sono contento di questa soluzione e per risolverla occorre che io spenda 250 euro per fare svuotare la canna fumaria dalla leca che era stata messa 25 anni fa. L'installatore che mi ha venduto e installato la caldaia non aveva fatto il sopralluogo e questa cosa e' saltata fuori il giorno dell'installazione.
Praticamente ha usato il buco di presa d'aria della caldaia precedente per fare uscire i fumi e il tubo che va sul tetto come presa d'aria in entrata.
Se spendo 250 euro mi svuotano la canna fumaria ma poi deve tornare l'idraulico a intubare e non viene gratis. Io pretendo che lui venga gratis...volevo dirgli che il lavoro che ha fatto comunque non e' al 100% a norma e attaccarmi a quello.
boba74
Messaggi: 4099
Iscritto il: mar mag 26, 2020 15:16

Re: Scarico caldaia a parete

Messaggio da boba74 »

Beh, anche ammesso che tu abbia ragione, perchè dovrebbe venire gratis? Nel senso: ti avrebbe dovuto intubare la canna fumaria anche prima? OK, ma in tal caso te l'avrebbe fatta pagare anche prima. :roll:
steveone
Messaggi: 56
Iscritto il: dom ott 23, 2016 23:53

Re: Scarico caldaia a parete

Messaggio da steveone »

boba74 ha scritto: ven mag 31, 2024 09:23 Beh, anche ammesso che tu abbia ragione, perchè dovrebbe venire gratis? Nel senso: ti avrebbe dovuto intubare la canna fumaria anche prima? OK, ma in tal caso te l'avrebbe fatta pagare anche prima. :roll:
si ma io ho pagato l'installazione con intubazione...lui ha risparmiato tempo non avendola intubata...
boba74
Messaggi: 4099
Iscritto il: mar mag 26, 2020 15:16

Re: Scarico caldaia a parete

Messaggio da boba74 »

steveone ha scritto: ven mag 31, 2024 09:29
boba74 ha scritto: ven mag 31, 2024 09:23 Beh, anche ammesso che tu abbia ragione, perchè dovrebbe venire gratis? Nel senso: ti avrebbe dovuto intubare la canna fumaria anche prima? OK, ma in tal caso te l'avrebbe fatta pagare anche prima. :roll:
si ma io ho pagato l'installazione con intubazione...lui ha risparmiato tempo non avendola intubata...
Ah, ok allora tutto cambia...
steveone
Messaggi: 56
Iscritto il: dom ott 23, 2016 23:53

Re: Scarico caldaia a parete

Messaggio da steveone »

boba74 ha scritto: ven mag 31, 2024 14:36
steveone ha scritto: ven mag 31, 2024 09:29
boba74 ha scritto: ven mag 31, 2024 09:23 Beh, anche ammesso che tu abbia ragione, perchè dovrebbe venire gratis? Nel senso: ti avrebbe dovuto intubare la canna fumaria anche prima? OK, ma in tal caso te l'avrebbe fatta pagare anche prima. :roll:
si ma io ho pagato l'installazione con intubazione...lui ha risparmiato tempo non avendola intubata...
Ah, ok allora tutto cambia...
Se tu fossi al mio posto cosa faresti?
sergiob
Messaggi: 242
Iscritto il: mar apr 10, 2012 09:27

Re: Scarico caldaia a parete

Messaggio da sergiob »

Se il lavoro non è a norma va sistemato, altrimenti il manutentore che fa il primo avviamento e i controlli periodici dovrà segnalare le irregolarità. Se poi qualcuno verifica ci possono essere delle conseguenze.
Non so in che regione sei quindi non so quale sia il metodo di verifica, in Veneto le difformità vengono segnalate direttamente dal portale CIRCE, quindi se vogliono passano a controllare.

Per quanto riguarda non pagare l'intubamento dipende da cosa c'era scritto nel preventivo e/o nella fattura. Se gli hai dato la somma pattuita e nel preventivo era compreso l'intubamento, allora deve venire e sistemare "gratis". Se nel preventivo non era specificato o ti ha detto una somma a voce e nella fattura non ci sono specifiche... auguri.
steveone
Messaggi: 56
Iscritto il: dom ott 23, 2016 23:53

Re: Scarico caldaia a parete

Messaggio da steveone »

sergiob ha scritto: mar giu 04, 2024 11:34 Se il lavoro non è a norma va sistemato, altrimenti il manutentore che fa il primo avviamento e i controlli periodici dovrà segnalare le irregolarità. Se poi qualcuno verifica ci possono essere delle conseguenze.
Non so in che regione sei quindi non so quale sia il metodo di verifica, in Veneto le difformità vengono segnalate direttamente dal portale CIRCE, quindi se vogliono passano a controllare.

Per quanto riguarda non pagare l'intubamento dipende da cosa c'era scritto nel preventivo e/o nella fattura. Se gli hai dato la somma pattuita e nel preventivo era compreso l'intubamento, allora deve venire e sistemare "gratis". Se nel preventivo non era specificato o ti ha detto una somma a voce e nella fattura non ci sono specifiche... auguri.
Il collaudo e' stato fatto e nessuno ha detto niente, nemmeno ha controllato.
In offerta c'e' scritto:
Materiale idraulico per l’allacciamento e lo scarico fumi,
con nuovo kit intubamento sdoppiato 60/60mm a tetto.
sergiob
Messaggi: 242
Iscritto il: mar apr 10, 2012 09:27

Re: Scarico caldaia a parete

Messaggio da sergiob »

steveone ha scritto: mar giu 04, 2024 11:41 Il collaudo e' stato fatto e nessuno ha detto niente, nemmeno ha controllato.
In offerta c'e' scritto:
Materiale idraulico per l’allacciamento e lo scarico fumi,
con nuovo kit intubamento sdoppiato 60/60mm a tetto.
Molto serio il collaudatore. Se dovesse accadere qualcosa va in rogne anche lui per non aver segnalato le difformità.

E' vero che non ti farai mai causa da solo ma io sistemerei se fossi in te.
Se fra qualche anno cambi manutentore e chiami uno serio che segnala le irregolarità nel libretto, potrebbero venire a verificare.
steveone
Messaggi: 56
Iscritto il: dom ott 23, 2016 23:53

Re: Scarico caldaia a parete

Messaggio da steveone »

sergiob ha scritto: mar giu 04, 2024 11:58
steveone ha scritto: mar giu 04, 2024 11:41 Il collaudo e' stato fatto e nessuno ha detto niente, nemmeno ha controllato.
In offerta c'e' scritto:
Materiale idraulico per l’allacciamento e lo scarico fumi,
con nuovo kit intubamento sdoppiato 60/60mm a tetto.
Molto serio il collaudatore. Se dovesse accadere qualcosa va in rogne anche lui per non aver segnalato le difformità.

E' vero che non ti farai mai causa da solo ma io sistemerei se fossi in te.
Se fra qualche anno cambi manutentore e chiami uno serio che segnala le irregolarità nel libretto, potrebbero venire a verificare.
Loro dicono che lo scarico a parete se non possibile altro modo in fase di installazione e' consentito dalla legge quindi non c'e' alcuna difformita'.
boba74
Messaggi: 4099
Iscritto il: mar mag 26, 2020 15:16

Re: Scarico caldaia a parete

Messaggio da boba74 »

steveone ha scritto: mar giu 04, 2024 12:03
sergiob ha scritto: mar giu 04, 2024 11:58
steveone ha scritto: mar giu 04, 2024 11:41 Il collaudo e' stato fatto e nessuno ha detto niente, nemmeno ha controllato.
In offerta c'e' scritto:
Materiale idraulico per l’allacciamento e lo scarico fumi,
con nuovo kit intubamento sdoppiato 60/60mm a tetto.
Molto serio il collaudatore. Se dovesse accadere qualcosa va in rogne anche lui per non aver segnalato le difformità.

E' vero che non ti farai mai causa da solo ma io sistemerei se fossi in te.
Se fra qualche anno cambi manutentore e chiami uno serio che segnala le irregolarità nel libretto, potrebbero venire a verificare.
Loro dicono che lo scarico a parete se non possibile altro modo in fase di installazione e' consentito dalla legge quindi non c'e' alcuna difformita'.
Sì, ma deve essere un tecnico a dichiarare che non c'è tale possibilità.
steveone
Messaggi: 56
Iscritto il: dom ott 23, 2016 23:53

Re: Scarico caldaia a parete

Messaggio da steveone »

boba74 ha scritto: mar giu 04, 2024 15:01
steveone ha scritto: mar giu 04, 2024 12:03
sergiob ha scritto: mar giu 04, 2024 11:58

Molto serio il collaudatore. Se dovesse accadere qualcosa va in rogne anche lui per non aver segnalato le difformità.

E' vero che non ti farai mai causa da solo ma io sistemerei se fossi in te.
Se fra qualche anno cambi manutentore e chiami uno serio che segnala le irregolarità nel libretto, potrebbero venire a verificare.
Loro dicono che lo scarico a parete se non possibile altro modo in fase di installazione e' consentito dalla legge quindi non c'e' alcuna difformita'.
Sì, ma deve essere un tecnico a dichiarare che non c'è tale possibilità.
e quello che fa l'installazione non e' un tecnico?
sergiob
Messaggi: 242
Iscritto il: mar apr 10, 2012 09:27

Re: Scarico caldaia a parete

Messaggio da sergiob »

steveone ha scritto: mar giu 04, 2024 15:05
boba74 ha scritto: mar giu 04, 2024 15:01
steveone ha scritto: mar giu 04, 2024 12:03

Loro dicono che lo scarico a parete se non possibile altro modo in fase di installazione e' consentito dalla legge quindi non c'e' alcuna difformita'.
Sì, ma deve essere un tecnico a dichiarare che non c'è tale possibilità.
e quello che fa l'installazione non e' un tecnico?
Ma te l'ha detto chi ha fatto il primo avviamento/collaudo che è consentito? Avevi detto che non hanno controllato... :roll:

Probabilmente Boba74 intende che deve esserci una relazione di un tecnico abilitato (iscrizione albo... Ingegnere, Perito...) che certifica che non c'è possibilità di rispettare le distanze.
Che poi magari si può andare a tetto...
Poi comunque dipende dalla regione e dalle norme locali.

L'installatore deve anche rilasciare la dichiarazione di conformità. Te l'ha data? Ha dichiarato che è tutto conforme?
steveone
Messaggi: 56
Iscritto il: dom ott 23, 2016 23:53

Re: Scarico caldaia a parete

Messaggio da steveone »

sergiob ha scritto: mar giu 04, 2024 17:13
steveone ha scritto: mar giu 04, 2024 15:05
boba74 ha scritto: mar giu 04, 2024 15:01

Sì, ma deve essere un tecnico a dichiarare che non c'è tale possibilità.
e quello che fa l'installazione non e' un tecnico?
Ma te l'ha detto chi ha fatto il primo avviamento/collaudo che è consentito? Avevi detto che non hanno controllato... :roll:

Probabilmente Boba74 intende che deve esserci una relazione di un tecnico abilitato (iscrizione albo... Ingegnere, Perito...) che certifica che non c'è possibilità di rispettare le distanze.
Che poi magari si può andare a tetto...
Poi comunque dipende dalla regione e dalle norme locali.

L'installatore deve anche rilasciare la dichiarazione di conformità. Te l'ha data? Ha dichiarato che è tutto conforme?
L'installazione e' stata fatta da un'azienda, il collaudo da un'altra azienda certificata Immergas.
Entrambi mi hanno rilasciato la dovuta documentazione.
"pratica ENEA inserita, unitamente all’email con la ricevuta e il codice univoco CPID, la dichiarazione di congruità delle spese (DL 14/02/2022) e la conformità del costruttore"

In Emilia Romagna e' indicato che se ci sono impedimenti tecnici e' possibile lo scarico a parete.
sergiob
Messaggi: 242
Iscritto il: mar apr 10, 2012 09:27

Re: Scarico caldaia a parete

Messaggio da sergiob »

steveone ha scritto: mar giu 04, 2024 17:24
sergiob ha scritto: mar giu 04, 2024 17:13
steveone ha scritto: mar giu 04, 2024 15:05

e quello che fa l'installazione non e' un tecnico?
Ma te l'ha detto chi ha fatto il primo avviamento/collaudo che è consentito? Avevi detto che non hanno controllato... :roll:

Probabilmente Boba74 intende che deve esserci una relazione di un tecnico abilitato (iscrizione albo... Ingegnere, Perito...) che certifica che non c'è possibilità di rispettare le distanze.
Che poi magari si può andare a tetto...
Poi comunque dipende dalla regione e dalle norme locali.

L'installatore deve anche rilasciare la dichiarazione di conformità. Te l'ha data? Ha dichiarato che è tutto conforme?
L'installazione e' stata fatta da un'azienda, il collaudo da un'altra azienda certificata Immergas.
Entrambi mi hanno rilasciato la dovuta documentazione.
"pratica ENEA inserita, unitamente all’email con la ricevuta e il codice univoco CPID, la dichiarazione di congruità delle spese (DL 14/02/2022) e la conformità del costruttore"

In Emilia Romagna e' indicato che se ci sono impedimenti tecnici e' possibile lo scarico a parete.
La pratica ENEA poco ha a che fare.

Comunque se ti sei informato, sei sicuro che non ci sono altre soluzioni e la regione lo consente, te la tieni così. Devono averti rilasciato regolare DI.CO. oltre che la conformità del costruttore della caldaia.
Ultima modifica di sergiob il mar giu 04, 2024 17:38, modificato 3 volte in totale.
steveone
Messaggi: 56
Iscritto il: dom ott 23, 2016 23:53

Re: Scarico caldaia a parete

Messaggio da steveone »

sergiob ha scritto: mar giu 04, 2024 17:26
steveone ha scritto: mar giu 04, 2024 17:24
sergiob ha scritto: mar giu 04, 2024 17:13
Ma te l'ha detto chi ha fatto il primo avviamento/collaudo che è consentito? Avevi detto che non hanno controllato... :roll:

Probabilmente Boba74 intende che deve esserci una relazione di un tecnico abilitato (iscrizione albo... Ingegnere, Perito...) che certifica che non c'è possibilità di rispettare le distanze.
Che poi magari si può andare a tetto...
Poi comunque dipende dalla regione e dalle norme locali.

L'installatore deve anche rilasciare la dichiarazione di conformità. Te l'ha data? Ha dichiarato che è tutto conforme?
L'installazione e' stata fatta da un'azienda, il collaudo da un'altra azienda certificata Immergas.
Entrambi mi hanno rilasciato la dovuta documentazione.
"pratica ENEA inserita, unitamente all’email con la ricevuta e il codice univoco CPID, la dichiarazione di congruità delle spese (DL 14/02/2022) e la conformità del costruttore"

In Emilia Romagna e' indicato che se ci sono impedimenti tecnici e' possibile lo scarico a parete.
La pratica ENEA poco ha a che fare.

Comunque se ti sei informato, sei sicuro che non ci sono altre soluzioni e la regione lo consente, te la tieni così. Devono averti rilasciato regolare DI.CO. che non la conformità del costruttore della caldaia.
mah sto controllando e questo documento non lo vedo. Sei sicuro? domani li chiamo ma non vorrei fare figuracce...com'e' fatto quel documento?
sergiob
Messaggi: 242
Iscritto il: mar apr 10, 2012 09:27

Re: Scarico caldaia a parete

Messaggio da sergiob »

steveone ha scritto: mar giu 04, 2024 17:33
sergiob ha scritto: mar giu 04, 2024 17:26
steveone ha scritto: mar giu 04, 2024 17:24

L'installazione e' stata fatta da un'azienda, il collaudo da un'altra azienda certificata Immergas.
Entrambi mi hanno rilasciato la dovuta documentazione.
"pratica ENEA inserita, unitamente all’email con la ricevuta e il codice univoco CPID, la dichiarazione di congruità delle spese (DL 14/02/2022) e la conformità del costruttore"

In Emilia Romagna e' indicato che se ci sono impedimenti tecnici e' possibile lo scarico a parete.
La pratica ENEA poco ha a che fare.

Comunque se ti sei informato, sei sicuro che non ci sono altre soluzioni e la regione lo consente, te la tieni così. Devono averti rilasciato regolare DI.CO. che non la conformità del costruttore della caldaia.
mah sto controllando e questo documento non lo vedo. Sei sicuro? domani li chiamo ma non vorrei fare figuracce...com'e' fatto quel documento?
Dichiarazione di conformità.

Si tratta di un documento che certifica l'installazione a regola d'arte in conformità alle normative vigenti.

Se però hai tutti questi dubbi contatta un tecnico (ingegnere, perito...) dalle tue parti e fatti dare una consulenza.
steveone
Messaggi: 56
Iscritto il: dom ott 23, 2016 23:53

Re: Scarico caldaia a parete

Messaggio da steveone »

sergiob ha scritto: mar giu 04, 2024 17:37
steveone ha scritto: mar giu 04, 2024 17:33
sergiob ha scritto: mar giu 04, 2024 17:26
La pratica ENEA poco ha a che fare.

Comunque se ti sei informato, sei sicuro che non ci sono altre soluzioni e la regione lo consente, te la tieni così. Devono averti rilasciato regolare DI.CO. che non la conformità del costruttore della caldaia.
mah sto controllando e questo documento non lo vedo. Sei sicuro? domani li chiamo ma non vorrei fare figuracce...com'e' fatto quel documento?
Dichiarazione di conformità.

Si tratta di un documento che certifica l'installazione a regola d'arte in conformità alle normative vigenti.

Se però hai tutti questi dubbi contatta un tecnico (ingegnere, perito...) dalle tue parti e fatti dare una consulenza.
Forse viene rilasciato quando faro' il pagamento? ma lo rilascia chi installa o chi fa il collaudo?
boba74
Messaggi: 4099
Iscritto il: mar mag 26, 2020 15:16

Re: Scarico caldaia a parete

Messaggio da boba74 »

Ma quindi, non hai ancora pagato? Allora basta che dici all'idraulico di finire il lavoro, se vuole essere pagato.... fino a prova contraria finchè non paghi hai tu il coltello dalla parte del manico. 8)
PS: la DI.CO. la rilascia l'installatore, ed è obbligatoria.
La dichiarazione che puoi scaricare a parete in mancanza di idonei condotti e dell'impossibilità di andare a tetto deve essere fatta da un tecnico abilitato (ing. o perito). Ma nel tuo caso la vedo dura, a meno che tu non abbia un qualche vincolo che impedisce di fare una canna fumaria esterna. :roll:
Esempio: nei condomini a volte la fanno, quando l'assemblea delibera di impedire la costruzione di condotti esterni (già è forzata la cosa, ma hai comunque un pezzo di carta), nel tuo caso se la casa è tua nessuno potrebbe impedirti di costruire una canna fumaria, quindi difficilmente trovi un tecnico che ti firma una cosa del genere.
In ogni caso, anche ammesso di andare a parete, devi comunque rispettare le distanze dalla finestra, quindi l'idraulico dovrebbe quanto meno allontanare lo scarico.
steveone
Messaggi: 56
Iscritto il: dom ott 23, 2016 23:53

Re: Scarico caldaia a parete

Messaggio da steveone »

boba74 ha scritto: mar giu 04, 2024 23:42 Ma quindi, non hai ancora pagato? Allora basta che dici all'idraulico di finire il lavoro, se vuole essere pagato.... fino a prova contraria finchè non paghi hai tu il coltello dalla parte del manico. 8)
PS: la DI.CO. la rilascia l'installatore, ed è obbligatoria.
La dichiarazione che puoi scaricare a parete in mancanza di idonei condotti e dell'impossibilità di andare a tetto deve essere fatta da un tecnico abilitato (ing. o perito). Ma nel tuo caso la vedo dura, a meno che tu non abbia un qualche vincolo che impedisce di fare una canna fumaria esterna. :roll:
Esempio: nei condomini a volte la fanno, quando l'assemblea delibera di impedire la costruzione di condotti esterni (già è forzata la cosa, ma hai comunque un pezzo di carta), nel tuo caso se la casa è tua nessuno potrebbe impedirti di costruire una canna fumaria, quindi difficilmente trovi un tecnico che ti firma una cosa del genere.
In ogni caso, anche ammesso di andare a parete, devi comunque rispettare le distanze dalla finestra, quindi l'idraulico dovrebbe quanto meno allontanare lo scarico.
adesso sento un fumista e faccio liberare la canna fumaria poi richiamo l'idraulico.
Non ho ancora pagato perche' il pagamento e' 30 gg data fattura.
Ok ma se in fase di installazione non c'e' modo di intubare uno cosa deve fare? lasciare il cliente senza caldaia il quale deve chiamare un perito?
sergiob
Messaggi: 242
Iscritto il: mar apr 10, 2012 09:27

Re: Scarico caldaia a parete

Messaggio da sergiob »

steveone ha scritto: mer giu 05, 2024 08:39
boba74 ha scritto: mar giu 04, 2024 23:42 Ma quindi, non hai ancora pagato? Allora basta che dici all'idraulico di finire il lavoro, se vuole essere pagato.... fino a prova contraria finchè non paghi hai tu il coltello dalla parte del manico. 8)
PS: la DI.CO. la rilascia l'installatore, ed è obbligatoria.
La dichiarazione che puoi scaricare a parete in mancanza di idonei condotti e dell'impossibilità di andare a tetto deve essere fatta da un tecnico abilitato (ing. o perito). Ma nel tuo caso la vedo dura, a meno che tu non abbia un qualche vincolo che impedisce di fare una canna fumaria esterna. :roll:
Esempio: nei condomini a volte la fanno, quando l'assemblea delibera di impedire la costruzione di condotti esterni (già è forzata la cosa, ma hai comunque un pezzo di carta), nel tuo caso se la casa è tua nessuno potrebbe impedirti di costruire una canna fumaria, quindi difficilmente trovi un tecnico che ti firma una cosa del genere.
In ogni caso, anche ammesso di andare a parete, devi comunque rispettare le distanze dalla finestra, quindi l'idraulico dovrebbe quanto meno allontanare lo scarico.
adesso sento un fumista e faccio liberare la canna fumaria poi richiamo l'idraulico.
Non ho ancora pagato perche' il pagamento e' 30 gg data fattura.
Ok ma se in fase di installazione non c'e' modo di intubare uno cosa deve fare? lasciare il cliente senza caldaia il quale deve chiamare un perito?
Ma queste cose vanno viste prima di mettersi a smontare, spaccare, installare...

Se l'idraulico non è competente in materia (ma dovrebbe esserlo, almeno per giudicare se il lavoro è fattibile con le norme vigenti o meno), chiama un perito, un ing. o comunque un tecnico, paga la consulenza e poi si procede.
Se serve l'asseverazione che confermi la reale impossibilità di trovare altre soluzioni, il tecnico preparerà il documento.
boba74
Messaggi: 4099
Iscritto il: mar mag 26, 2020 15:16

Re: Scarico caldaia a parete

Messaggio da boba74 »

sergiob ha scritto: mer giu 05, 2024 08:55
steveone ha scritto: mer giu 05, 2024 08:39
boba74 ha scritto: mar giu 04, 2024 23:42 Ma quindi, non hai ancora pagato? Allora basta che dici all'idraulico di finire il lavoro, se vuole essere pagato.... fino a prova contraria finchè non paghi hai tu il coltello dalla parte del manico. 8)
PS: la DI.CO. la rilascia l'installatore, ed è obbligatoria.
La dichiarazione che puoi scaricare a parete in mancanza di idonei condotti e dell'impossibilità di andare a tetto deve essere fatta da un tecnico abilitato (ing. o perito). Ma nel tuo caso la vedo dura, a meno che tu non abbia un qualche vincolo che impedisce di fare una canna fumaria esterna. :roll:
Esempio: nei condomini a volte la fanno, quando l'assemblea delibera di impedire la costruzione di condotti esterni (già è forzata la cosa, ma hai comunque un pezzo di carta), nel tuo caso se la casa è tua nessuno potrebbe impedirti di costruire una canna fumaria, quindi difficilmente trovi un tecnico che ti firma una cosa del genere.
In ogni caso, anche ammesso di andare a parete, devi comunque rispettare le distanze dalla finestra, quindi l'idraulico dovrebbe quanto meno allontanare lo scarico.
adesso sento un fumista e faccio liberare la canna fumaria poi richiamo l'idraulico.
Non ho ancora pagato perche' il pagamento e' 30 gg data fattura.
Ok ma se in fase di installazione non c'e' modo di intubare uno cosa deve fare? lasciare il cliente senza caldaia il quale deve chiamare un perito?
Ma queste cose vanno viste prima di mettersi a smontare, spaccare, installare...

Se l'idraulico non è competente in materia (ma dovrebbe esserlo, almeno per giudicare se il lavoro è fattibile con le norme vigenti o meno), chiama un perito, un ing. o comunque un tecnico, paga la consulenza e poi si procede.
Se serve l'asseverazione che confermi la reale impossibilità di trovare altre soluzioni, il tecnico preparerà il documento.
Esatto.
boba74
Messaggi: 4099
Iscritto il: mar mag 26, 2020 15:16

Re: Scarico caldaia a parete

Messaggio da boba74 »

steveone ha scritto: mer giu 05, 2024 08:39
Ok ma se in fase di installazione non c'e' modo di intubare uno cosa deve fare? lasciare il cliente senza caldaia il quale deve chiamare un perito?
Se non c'è modo di intubare, o si fa un condotto esterno, oppure, se un tecnico dice che non si può fare neppure questo, si può andare a parete.

Mi sono capitati anche casi di "urgenza", del tipo che la caldaia si è rotta e quindi andava sostituita per non rimanere a piedi, in tal caso si scarica temporaneamente a parete, nel frattempo si adegua il condotto di scarico e poi si va a convogliare il tubo fumo nel condotto a tetto.
In ogni caso queste cose andrebbero pianificate "prima"....
Ultima modifica di boba74 il mer giu 05, 2024 09:03, modificato 1 volta in totale.
steveone
Messaggi: 56
Iscritto il: dom ott 23, 2016 23:53

Re: Scarico caldaia a parete

Messaggio da steveone »

sergiob ha scritto: mer giu 05, 2024 08:55
steveone ha scritto: mer giu 05, 2024 08:39
boba74 ha scritto: mar giu 04, 2024 23:42 Ma quindi, non hai ancora pagato? Allora basta che dici all'idraulico di finire il lavoro, se vuole essere pagato.... fino a prova contraria finchè non paghi hai tu il coltello dalla parte del manico. 8)
PS: la DI.CO. la rilascia l'installatore, ed è obbligatoria.
La dichiarazione che puoi scaricare a parete in mancanza di idonei condotti e dell'impossibilità di andare a tetto deve essere fatta da un tecnico abilitato (ing. o perito). Ma nel tuo caso la vedo dura, a meno che tu non abbia un qualche vincolo che impedisce di fare una canna fumaria esterna. :roll:
Esempio: nei condomini a volte la fanno, quando l'assemblea delibera di impedire la costruzione di condotti esterni (già è forzata la cosa, ma hai comunque un pezzo di carta), nel tuo caso se la casa è tua nessuno potrebbe impedirti di costruire una canna fumaria, quindi difficilmente trovi un tecnico che ti firma una cosa del genere.
In ogni caso, anche ammesso di andare a parete, devi comunque rispettare le distanze dalla finestra, quindi l'idraulico dovrebbe quanto meno allontanare lo scarico.
adesso sento un fumista e faccio liberare la canna fumaria poi richiamo l'idraulico.
Non ho ancora pagato perche' il pagamento e' 30 gg data fattura.
Ok ma se in fase di installazione non c'e' modo di intubare uno cosa deve fare? lasciare il cliente senza caldaia il quale deve chiamare un perito?
Ma queste cose vanno viste prima di mettersi a smontare, spaccare, installare...

Se l'idraulico non è competente in materia (ma dovrebbe esserlo, almeno per giudicare se il lavoro è fattibile con le norme vigenti o meno), chiama un perito, un ing. o comunque un tecnico, paga la consulenza e poi si procede.
Se serve l'asseverazione che confermi la reale impossibilità di trovare altre soluzioni, il tecnico preparerà il documento.
Se n'e' accorto dopo. Ok ma chiamo un perito per fare cosa? consulenza per cosa?
Non capisco a cosa mi serve tutto quello che mi dici, mi sono affidato ad un'azienda importante non ad una azienda di cioccolatai.
Questo non capisco...come fanno a dire che per loro e' tutto a norma se non lo e'?
steveone
Messaggi: 56
Iscritto il: dom ott 23, 2016 23:53

Re: Scarico caldaia a parete

Messaggio da steveone »

boba74 ha scritto: mer giu 05, 2024 09:03
steveone ha scritto: mer giu 05, 2024 08:39
Ok ma se in fase di installazione non c'e' modo di intubare uno cosa deve fare? lasciare il cliente senza caldaia il quale deve chiamare un perito?
Se non c'è modo di intubare, o si fa un condotto esterno, oppure, se un tecnico dice che non si può fare neppure questo, si può andare a parete.

Mi sono capitati anche casi di "urgenza", del tipo che la caldaia si è rotta e quindi andava sostituita per non rimanere a piedi, in tal caso si scarica temporaneamente a parete, nel frattempo si adegua il condotto di scarico e poi si va a convogliare il tubo fumo nel condotto a tetto.
In ogni caso queste cose andrebbero pianificate "prima"....
infatti loro hanno optato per lo scarico a parete. Io ragazzi non voglio fare figuracce, sono qui per capire e sono disposto a tirare fuori 300 euro per liberare la canna. La mia domanda era: posso pretendere dall'idraulico che torni a intubare gratuitamente una volta liberata la canna? e' un mio diritto si o no?
boba74
Messaggi: 4099
Iscritto il: mar mag 26, 2020 15:16

Re: Scarico caldaia a parete

Messaggio da boba74 »

Se l'installatore conoscesse davvero le norme, non ci sarebbe bisogno di nessuna consulenza: semplicemente farebbe lo scarico a norma. Ormai a mio avviso non serve chiamare un tecnico, questo ti direbbe semplicemente quello che ti stiamo dicendo noi.
Secondo me, al lato pratico, o adegui il condotto da intubare, oppure ti fai spostare lo scarico a parete lateralmente, in modo che sbuchi ad almeno 40 cm dalla finestra: quest'ultima è una soluzione di ripiego, dato che a rigore se esiste la possibilità di andare a tetto dovresti farlo, ma quanto meno rispetteresti le distanze minime e il fumo non ti entra in casa.
Poi su chi debba pagare cosa, quella è una questione che esula dal lato tecnico, e non avrai una risposta qui.
steveone
Messaggi: 56
Iscritto il: dom ott 23, 2016 23:53

Re: Scarico caldaia a parete

Messaggio da steveone »

boba74 ha scritto: mer giu 05, 2024 09:09 Se l'installatore conoscesse davvero le norme, non ci sarebbe bisogno di nessuna consulenza: semplicemente farebbe lo scarico a norma. Ormai a mio avviso non serve chiamare un tecnico, questo ti direbbe semplicemente quello che ti stiamo dicendo noi.
Secondo me, al lato pratico, o adegui il condotto da intubare, oppure ti fai spostare lo scarico a parete lateralmente, in modo che sbuchi ad almeno 40 cm dalla finestra: quest'ultima è una soluzione di ripiego, dato che a rigore se esiste la possibilità di andare a tetto dovresti farlo, ma quanto meno rispetteresti le distanze minime e il fumo non ti entra in casa.
Poi su chi debba pagare cosa, quella è una questione che esula dal lato tecnico, e non avrai una risposta qui.
Ok ma io posso contestare l'installazione? posso dire che il lavoro che ha fatto non e' a norma? quello sto chiedendo...
Lui mi ha detto che la norma concede questa installazione perche' non c'e' modo all'atto dell'installazione di andare a tetto.
sergiob
Messaggi: 242
Iscritto il: mar apr 10, 2012 09:27

Re: Scarico caldaia a parete

Messaggio da sergiob »

steveone ha scritto: mer giu 05, 2024 09:12
boba74 ha scritto: mer giu 05, 2024 09:09 Se l'installatore conoscesse davvero le norme, non ci sarebbe bisogno di nessuna consulenza: semplicemente farebbe lo scarico a norma. Ormai a mio avviso non serve chiamare un tecnico, questo ti direbbe semplicemente quello che ti stiamo dicendo noi.
Secondo me, al lato pratico, o adegui il condotto da intubare, oppure ti fai spostare lo scarico a parete lateralmente, in modo che sbuchi ad almeno 40 cm dalla finestra: quest'ultima è una soluzione di ripiego, dato che a rigore se esiste la possibilità di andare a tetto dovresti farlo, ma quanto meno rispetteresti le distanze minime e il fumo non ti entra in casa.
Poi su chi debba pagare cosa, quella è una questione che esula dal lato tecnico, e non avrai una risposta qui.
Ok ma io posso contestare l'installazione? posso dire che il lavoro che ha fatto non e' a norma? quello sto chiedendo...
Lui mi ha detto che la norma concede questa installazione perche' non c'e' modo all'atto dell'installazione di andare a tetto.
Però se dicono che è tutto a norma e non lo è magari sono cioccolatai...

Comunque concordo con Boba74, fai come ha detto lui, poi per il lato pagamento devi vedertela direttamente con l'idraulico o con un legale a questo punto, non fa parte della tecnica.

Se sei sicuro che non è a norma puoi contestare... per questo ti dico di contattare un tecnico, se non sai la normativa ti darà lui la soluzione. Purtroppo in un forum, senza aver fatto sopralluoghi e senza avere sotto mano le norme locali non si può dare risposte certe al 100%.
Detta come l'hai detta ti direi vai, contesta... ma è una risposta da quattro amici al bar.
Ultima modifica di sergiob il mer giu 05, 2024 09:23, modificato 1 volta in totale.
boba74
Messaggi: 4099
Iscritto il: mar mag 26, 2020 15:16

Re: Scarico caldaia a parete

Messaggio da boba74 »

steveone ha scritto: mer giu 05, 2024 09:12
boba74 ha scritto: mer giu 05, 2024 09:09 Se l'installatore conoscesse davvero le norme, non ci sarebbe bisogno di nessuna consulenza: semplicemente farebbe lo scarico a norma. Ormai a mio avviso non serve chiamare un tecnico, questo ti direbbe semplicemente quello che ti stiamo dicendo noi.
Secondo me, al lato pratico, o adegui il condotto da intubare, oppure ti fai spostare lo scarico a parete lateralmente, in modo che sbuchi ad almeno 40 cm dalla finestra: quest'ultima è una soluzione di ripiego, dato che a rigore se esiste la possibilità di andare a tetto dovresti farlo, ma quanto meno rispetteresti le distanze minime e il fumo non ti entra in casa.
Poi su chi debba pagare cosa, quella è una questione che esula dal lato tecnico, e non avrai una risposta qui.
Ok ma io posso contestare l'installazione? posso dire che il lavoro che ha fatto non e' a norma? quello sto chiedendo...
Lui mi ha detto che la norma concede questa installazione perche' non c'e' modo all'atto dell'installazione di andare a tetto.
Si va sulle interpretazioni legali a questo punto....
Comunque, anche ammettendo che tu gli dai ragione e lo scarico a parete si può fare, questo DEVE comunque rispettare delle distanze minime.
Fagli vedere questo schema:
https://www.idrocostruzioni.com/2017/12 ... -finestre/
steveone
Messaggi: 56
Iscritto il: dom ott 23, 2016 23:53

Re: Scarico caldaia a parete

Messaggio da steveone »

boba74 ha scritto: mer giu 05, 2024 09:21
steveone ha scritto: mer giu 05, 2024 09:12
boba74 ha scritto: mer giu 05, 2024 09:09 Se l'installatore conoscesse davvero le norme, non ci sarebbe bisogno di nessuna consulenza: semplicemente farebbe lo scarico a norma. Ormai a mio avviso non serve chiamare un tecnico, questo ti direbbe semplicemente quello che ti stiamo dicendo noi.
Secondo me, al lato pratico, o adegui il condotto da intubare, oppure ti fai spostare lo scarico a parete lateralmente, in modo che sbuchi ad almeno 40 cm dalla finestra: quest'ultima è una soluzione di ripiego, dato che a rigore se esiste la possibilità di andare a tetto dovresti farlo, ma quanto meno rispetteresti le distanze minime e il fumo non ti entra in casa.
Poi su chi debba pagare cosa, quella è una questione che esula dal lato tecnico, e non avrai una risposta qui.
Ok ma io posso contestare l'installazione? posso dire che il lavoro che ha fatto non e' a norma? quello sto chiedendo...
Lui mi ha detto che la norma concede questa installazione perche' non c'e' modo all'atto dell'installazione di andare a tetto.
Si va sulle interpretazioni legali a questo punto....
Comunque, anche ammettendo che tu gli dai ragione e lo scarico a parete si può fare, questo DEVE comunque rispettare delle distanze minime.
Fagli vedere questo schema:
https://www.idrocostruzioni.com/2017/12 ... -finestre/
ok grazie quindi se ho capito bene almeno 40 cm dal bordo della finestra corretto?
steveone
Messaggi: 56
Iscritto il: dom ott 23, 2016 23:53

Re: Scarico caldaia a parete

Messaggio da steveone »

E' venuto l'esperto di canne fumarie e mi fa: faccio una videoispezione....risultato? il tubo e' libero.
Ok ma lo sapevo pure prima che il tubo e' libero, il problema e' che non si riesce a togliere perche' c'e' tutto intorno quel materiale isolante! lui doveva venire e per 200 euro mi doveva risolvere il problema...mi fa: il problema te lo risolvo, dentro c'e' un tubo da 80, ci mettiamo un tubo da 60 e poi dobbiamo spaccare un po' in casa per togliere il T e fare andare il nuovo tubo in plastica direttamente alla caldaia, praticamente il problema e' fargli fare la curva...per questo servono 300 euro.
Quindi 200 euro di oggi solo per vedere...300 per il lavoro...ma vi sembra normale? cioe' 200 euro per una videoispezione per vedere un tubo che sapevo benissimo fosse libero...boh io non ci capisco piu' niente.
steveone
Messaggi: 56
Iscritto il: dom ott 23, 2016 23:53

Re: Scarico caldaia a parete

Messaggio da steveone »

Vorrei aggiornarvi e mi piacerebbe un vostro parere. Ho trovato uno che mi farebbe un piccolo spacco in casa, toglierebbe il T e poi procederebbe ad intubare l'attuale 80 con un tubo a norma in plastica del 60.
Il mio dubbio e paura e' questa: se la canna fumaria (il cavedio attualmente intubato in acciaio) fosse in eternit/amianto ...?
Negli anni 70 le canne fumarie so che le facevano spesso in amianto...non e' rischioso? meglio lasciare tutto cosi'? io ovviamente non ho certezza...
iltubo
Messaggi: 905
Iscritto il: lun lug 07, 2008 16:22
Località: CO

Re: Scarico caldaia a parete

Messaggio da iltubo »

Un tubo in plastica del 60 che poi esterno sarà anche 70, infilato in un 80 non è a norma, in un intubamento ci deve essere sufficiente spazio tra i due.
Da verificare se poi la caldaia col 60 funziona correttamente e/o a piena potenza.
Come vedi ognuno dice la sua, ma su un forum, a distanza e senza vedere dal vivo non sarai mai sicuro, come già detto se serve un parere imparziale chiama un tecnico (ing. o termotecnico) in zona e vedrai che si chiarirà tutto.
Un idraulico serio, oltre a verificare prima il da farsi (si chiama progetto, anche se fatto dall'idraulioco) nel tempo che abbiamo scritto tutti questi post, avrebbe già svuotato la canna esistente e intubato fino a tetto.
Se fosse casa mia visto che sul preventivo c'è l'intubamento a tetto io pretenderei quello + la dichiarazione di conformità, prima di pagare, quindi si, io lo contesterei.
La dichiarazione di conformità deve essere corredata come minimo obbligatorio, dalle indicazioni delle norme rispettate, da schema dell'impianto (compreso intubamento), relazione con i materiali utilizzati, visura camerale della ditta e ti deve essere consegnata indipendentemente dal pagamento.
P.S. anche il fumista che interviene dopo deve rilasciarti la conformità acquisendo la copia di quella della caldaia e verificando che quello che fa è compatibile con l'esistente.
Per la questione eternit chiudi gli occhi e fa finta che sia cemento, altrimenti buona fortuna. A mente mi ricordo di aver letto dei chiarimenti sul cosa fare in caso di canna fumaria in quel materiale ma al momento non saprei dove andarli a recuperare (comunque trovato in rete).
steveone
Messaggi: 56
Iscritto il: dom ott 23, 2016 23:53

Re: Scarico caldaia a parete

Messaggio da steveone »

iltubo ha scritto: gio giu 20, 2024 01:18 Un tubo in plastica del 60 che poi esterno sarà anche 70, infilato in un 80 non è a norma, in un intubamento ci deve essere sufficiente spazio tra i due.
Da verificare se poi la caldaia col 60 funziona correttamente e/o a piena potenza.
Come vedi ognuno dice la sua, ma su un forum, a distanza e senza vedere dal vivo non sarai mai sicuro, come già detto se serve un parere imparziale chiama un tecnico (ing. o termotecnico) in zona e vedrai che si chiarirà tutto.
Un idraulico serio, oltre a verificare prima il da farsi (si chiama progetto, anche se fatto dall'idraulioco) nel tempo che abbiamo scritto tutti questi post, avrebbe già svuotato la canna esistente e intubato fino a tetto.
Se fosse casa mia visto che sul preventivo c'è l'intubamento a tetto io pretenderei quello + la dichiarazione di conformità, prima di pagare, quindi si, io lo contesterei.
La dichiarazione di conformità deve essere corredata come minimo obbligatorio, dalle indicazioni delle norme rispettate, da schema dell'impianto (compreso intubamento), relazione con i materiali utilizzati, visura camerale della ditta e ti deve essere consegnata indipendentemente dal pagamento.
P.S. anche il fumista che interviene dopo deve rilasciarti la conformità acquisendo la copia di quella della caldaia e verificando che quello che fa è compatibile con l'esistente.
Per la questione eternit chiudi gli occhi e fa finta che sia cemento, altrimenti buona fortuna. A mente mi ricordo di aver letto dei chiarimenti sul cosa fare in caso di canna fumaria in quel materiale ma al momento non saprei dove andarli a recuperare (comunque trovato in rete).
Ma il termotecnico devo pagarlo io?
Credimi mi viene da piangere, ci sto impazzendo.
Adesso devo inserire nell'ennesima persona e incrociare le dita che sia uno competente....ormai le probabilità di trovare persone serie e' bassissima.
Pensavo che con l'intubamento avessimo quasi risolto ma adesso mi dici che forse non va bene nemmeno così...voglio piangere.
steveone
Messaggi: 56
Iscritto il: dom ott 23, 2016 23:53

Re: Scarico caldaia a parete

Messaggio da steveone »

Quello che doveva liberare la canna fumaria pretende il pagamento per un lavoro non fatto. Mi ha pure minacciato.
Quindi sono in queste condizioni:
1) Chi mi ha installato la caldaia ha fatto un lavoro non a norma
2) Chi doveva risolvere il problema non l'ha risolto e pretende il pagamento

Bello no? ma li trovo tutti io?
iltubo
Messaggi: 905
Iscritto il: lun lug 07, 2008 16:22
Località: CO

Re: Scarico caldaia a parete

Messaggio da iltubo »

Non non li trovi tutti tu, ce ne sono tanti, purtroppo, bisognerebbe imparare a selezionare meglio i "fornitori" ma questo penso che si impari col tempo e l'esperienza.
Il problema è che per andargli contro devi spendere del tuo (tecnico o avvocato che sia), quindi il 99% delle persone pur di togliersi il pensiero e non andare per vie legali prende atto e fa sistemare ciò che non va a proprie spese.
Io in più di 30 anni non ho mai visto fare una causa o pretendere risarcimenti per problemi tipo quello che hai descritto e, onestamente, neanche io (a torto) lo farei, non è un bene ma, a meno che non si tratti di danni grossi, noi italici la facciamo funzionare così.
steveone
Messaggi: 56
Iscritto il: dom ott 23, 2016 23:53

Re: Scarico caldaia a parete

Messaggio da steveone »

iltubo ha scritto: dom giu 23, 2024 21:35 Non non li trovi tutti tu, ce ne sono tanti, purtroppo, bisognerebbe imparare a selezionare meglio i "fornitori" ma questo penso che si impari col tempo e l'esperienza.
Il problema è che per andargli contro devi spendere del tuo (tecnico o avvocato che sia), quindi il 99% delle persone pur di togliersi il pensiero e non andare per vie legali prende atto e fa sistemare ciò che non va a proprie spese.
Io in più di 30 anni non ho mai visto fare una causa o pretendere risarcimenti per problemi tipo quello che hai descritto e, onestamente, neanche io (a torto) lo farei, non è un bene ma, a meno che non si tratti di danni grossi, noi italici la facciamo funzionare così.
Tu che faresti al mio posto? Lascio tutto cosi’?
steveone
Messaggi: 56
Iscritto il: dom ott 23, 2016 23:53

Re: Scarico caldaia a parete

Messaggio da steveone »

sapete che faccio? chiamo un'azienda per appurare se e' eternit o no. Se lo e' faccio sigillare tutto e faccio mettere un tubo coassiale per presa d'aria ed espulsione fumi a parete e fine della storia.
Sigillo la canna fumaria se dovesse essere in eternit e basta. che ne dite?
iltubo
Messaggi: 905
Iscritto il: lun lug 07, 2008 16:22
Località: CO

Re: Scarico caldaia a parete

Messaggio da iltubo »

steveone ha scritto: dom giu 23, 2024 23:02
iltubo ha scritto: dom giu 23, 2024 21:35 Non non li trovi tutti tu, ce ne sono tanti, purtroppo, bisognerebbe imparare a selezionare meglio i "fornitori" ma questo penso che si impari col tempo e l'esperienza.
Il problema è che per andargli contro devi spendere del tuo (tecnico o avvocato che sia), quindi il 99% delle persone pur di togliersi il pensiero e non andare per vie legali prende atto e fa sistemare ciò che non va a proprie spese.
Io in più di 30 anni non ho mai visto fare una causa o pretendere risarcimenti per problemi tipo quello che hai descritto e, onestamente, neanche io (a torto) lo farei, non è un bene ma, a meno che non si tratti di danni grossi, noi italici la facciamo funzionare così.
Tu che faresti al mio posto? Lascio tutto cosi’?
L'ho già detto più volte cosa farei, e odio ripetermi, se rileggi trovi tutto. Se poi il problema è che non vuoi spendere per adeguare la canna e neanche per l'avvocato non so cosa di più si possa fare da un forum.
steveone
Messaggi: 56
Iscritto il: dom ott 23, 2016 23:53

Re: Scarico caldaia a parete

Messaggio da steveone »

iltubo ha scritto: lun giu 24, 2024 21:39
steveone ha scritto: dom giu 23, 2024 23:02
iltubo ha scritto: dom giu 23, 2024 21:35 Non non li trovi tutti tu, ce ne sono tanti, purtroppo, bisognerebbe imparare a selezionare meglio i "fornitori" ma questo penso che si impari col tempo e l'esperienza.
Il problema è che per andargli contro devi spendere del tuo (tecnico o avvocato che sia), quindi il 99% delle persone pur di togliersi il pensiero e non andare per vie legali prende atto e fa sistemare ciò che non va a proprie spese.
Io in più di 30 anni non ho mai visto fare una causa o pretendere risarcimenti per problemi tipo quello che hai descritto e, onestamente, neanche io (a torto) lo farei, non è un bene ma, a meno che non si tratti di danni grossi, noi italici la facciamo funzionare così.
Tu che faresti al mio posto? Lascio tutto cosi’?
L'ho già detto più volte cosa farei, e odio ripetermi, se rileggi trovi tutto. Se poi il problema è che non vuoi spendere per adeguare la canna e neanche per l'avvocato non so cosa di più si possa fare da un forum.
Ok ma come faccio ad adeguare una canna se poi scoprissi che è in amianto?
Rispondi