FALEGNAMERIA E ZONE ATEX

Classificazione delle zone pericolose, e progettazione degli impianti nei luoghi con pericolo di esplosione

Moderatore: Edilclima

Rispondi
mmaarrccoo
Messaggi: 1662
Iscritto il: mer mag 05, 2010 16:15

FALEGNAMERIA E ZONE ATEX

Messaggio da mmaarrccoo »

Ciao a tutti,
in una piccola falegnameria (200 mq) per costruzione di arredamenti (ci sono 6 macchine di tipo comune), c'è un impianto di aspirazione delle polveri di legno (con innesti sulle macchine che, seppur vecchie, sono già predisposte allo scopo) che termina in un filtro a maniche esterno, quest'ultimo già classificato ATEX dal costruttore. Vi pongo le seguenti domande:

1. anche se le macchine hanno l'aspirazione, questa però non è un miracolo che abbatte completamente la polvere. Ovviamente ne aspira la maggior parte magari da sotto il piano di lavoro ma nell'immediato intorno della lavorazione, ad esempio verso l'alto, avrò sempre proiezione di almeno un po' di polveri di legno. in questo caso l'emissione è di grado continuo, primo o secondo? Non riesco a capirlo.

2. l'interno delle tubazioni in acciaio che costituiscono la rete di aspirazione è da considerare sempre di grado continuo? Sono dubbioso perchè in teoria le emissioni sono intese dal sistema di contenimento verso l'ambiente, quindi in questo caso non avrei neanche emissioni (le giunzioni non sono considerate sorgenti emissione). Però a volte mi sembra di vedere classificate anche l'interno di condotte...

Qualcuno sa aiutarmi e/o ha avuto a che fare con falegnamerie?

Grazie.
mmaarrccoo
Messaggi: 1662
Iscritto il: mer mag 05, 2010 16:15

Re: FALEGNAMERIA E ZONE ATEX

Messaggio da mmaarrccoo »

Qualcuno si vuole sbilanciare? :D
Terminus
Messaggi: 12826
Iscritto il: ven mar 30, 2007 17:40
Località: Umbria

Re: FALEGNAMERIA E ZONE ATEX

Messaggio da Terminus »

Provo a risponderti, anche se sono un pò arrugginito in materia.
1) il grado di emissione dipende dalla capacità del sistema di aspirazione di ridurre la concentrazione delle polveri al di sotto del LFL con il dovuto margine di sicurezza e questo dipende dalla tipologia di macchina ed anche dal tipo di materiale
2) l'interno delle tubazioni e del sistema di contenimento saranno zone 20. Poi le giunzioni delle tubazioni in depressione non costituiranno SE verso l'esterno.
satchmo
Messaggi: 129
Iscritto il: gio nov 15, 2007 17:57
Località: Venezia

Re: FALEGNAMERIA E ZONE ATEX

Messaggio da satchmo »

L'Appendice C della EN 12779 "Safety of woodworking machines — Chip and dust extraction systems with fixed installation — Safety requirements" parla proprio del tuo caso :D
mmaarrccoo
Messaggi: 1662
Iscritto il: mer mag 05, 2010 16:15

Re: FALEGNAMERIA E ZONE ATEX

Messaggio da mmaarrccoo »

Concludo:
Provo a risponderti, anche se sono un pò arrugginito in materia.
1) il grado di emissione dipende dalla capacità del sistema di aspirazione di ridurre la concentrazione delle polveri al di sotto del LFL con il dovuto margine di sicurezza e questo dipende dalla tipologia di macchina ed anche dal tipo di materiale
2) l'interno delle tubazioni e del sistema di contenimento saranno zone 20. Poi le giunzioni delle tubazioni in depressione non costituiranno SE verso l'esterno.
Ho poi approfondito e verificato perchè ero arrugginito anche io:
1. Il grado di emissione è un dato di ingresso e dipende dal tipo di sorgente di emissione. Grado di emissione + disponibilità ed efficacia della ventilazione determinano il tipo di zona
2. L'interno delle tubazioni è normalmente zona 20 oppure 21 ed effettivamente essendo in depressione anche la rottura delle giunzioni non determina SE

L'Appendice C della EN 12779 "Safety of woodworking machines — Chip and dust extraction systems with fixed installation — Safety requirements" parla proprio del tuo caso :D
Grazie.
GiovanniBarella
Messaggi: 5
Iscritto il: lun feb 13, 2023 15:25

Re: FALEGNAMERIA E ZONE ATEX

Messaggio da GiovanniBarella »

mmaarrccoo ha scritto: lun gen 03, 2022 18:12 Ciao a tutti,
in una piccola falegnameria (200 mq) per costruzione di arredamenti (ci sono 6 macchine di tipo comune), c'è un impianto di aspirazione delle polveri di legno (con innesti sulle macchine che, seppur vecchie, sono già predisposte allo scopo) che termina in un filtro a maniche esterno, quest'ultimo già classificato ATEX dal costruttore. Vi pongo le seguenti domande:

1. anche se le macchine hanno l'aspirazione, questa però non è un miracolo che abbatte completamente la polvere. Ovviamente ne aspira la maggior parte magari da sotto il piano di lavoro ma nell'immediato intorno della lavorazione, ad esempio verso l'alto, avrò sempre proiezione di almeno un po' di polveri di legno. in questo caso l'emissione è di grado continuo, primo o secondo? Non riesco a capirlo.

2. l'interno delle tubazioni in acciaio che costituiscono la rete di aspirazione è da considerare sempre di grado continuo? Sono dubbioso perchè in teoria le emissioni sono intese dal sistema di contenimento verso l'ambiente, quindi in questo caso non avrei neanche emissioni (le giunzioni non sono considerate sorgenti emissione). Però a volte mi sembra di vedere classificate anche l'interno di condotte...

Qualcuno sa aiutarmi e/o ha avuto a che fare con falegnamerie?
Leggi di più
Grazie.
sono un ingegnere ambientale e posso darti qualche consiglio. Per quanto riguarda l'emissione di polveri di legno, questa dipende molto dalla tipologia di lavorazione e dall'efficienza dell'impianto di aspirazione. In generale, se l'impianto è ben mantenuto e adeguatamente dimensionato, le emissioni dovrebbero essere di grado continuo ma limitate. Riguardo le tubazioni, è corretto considerarle di grado continuo, poiché possono accumulare polvere e quindi potenzialmente emettere particolato durante la pulizia o in caso di perdite
Tom Bishop
Messaggi: 5435
Iscritto il: mar dic 30, 2008 17:13

Re: FALEGNAMERIA E ZONE ATEX

Messaggio da Tom Bishop »

Sto lavorando anche io su una falegnameria. Mi hanno fornito una relazione Atex a mio avviso lacunosa, vorrei fare degli approfondimenti, ma sono un po' acerbo sull'argomento. Quali sono i riferimenti normativi per la classificazione Atex in presenza di polveri? Che software usate?
Tom Bishop
Terminus
Messaggi: 12826
Iscritto il: ven mar 30, 2007 17:40
Località: Umbria

Re: FALEGNAMERIA E ZONE ATEX

Messaggio da Terminus »

Oggi i riferimenti normativi sono
CEI EN 60079-10-2
CEI 31-56 (anche se ufficialmente abrogata è ancora tecnicamente valida)
Rispondi