ERRORE - APE casa indipendente classe A1

Normativa Europea, Nazionale e Regionale sulla classificazione e certificazione energetica degli edifici, accreditamento tecnici, ecc.

Moderatore: Edilclima

Rispondi
and91mar@gmail.com
Messaggi: 6
Iscritto il: gio feb 22, 2024 19:37

ERRORE - APE casa indipendente classe A1

Messaggio da and91mar@gmail.com »

Buongiorno, chiedo un aiuto da chi è più esperto, sto redigendo un'APE per una casa indipendente di circa 90 mq, costruita nel 1960, mai ristrutturata, pareti in pietra, infissi in allumino senza taglio termico con un vetro solo.
Non c'è una caldaia, nella cucina c'è un caminetto, e in una sola delle camere da letto è presente un condizionatore, per ACS boiler elettrico.

Se inserisco questi dati la classe energetica mi risulta A1, è appropriata?

Se provo a simulare l'impianto tradizionale con caldaia la classe passa a G.

Grazie per l'attenzione
ponca
Messaggi: 5685
Iscritto il: ven ott 22, 2010 18:22

Re: ERRORE - APE casa indipendente classe A1

Messaggio da ponca »

and91mar@gmail.com ha scritto: ven feb 23, 2024 10:57 Buongiorno, chiedo un aiuto da chi è più esperto, sto redigendo un'APE per una casa indipendente di circa 90 mq, costruita nel 1960, mai ristrutturata, pareti in pietra, infissi in allumino senza taglio termico con un vetro solo.
Non c'è una caldaia, nella cucina c'è un caminetto, e in una sola delle camere da letto è presente un condizionatore, per ACS boiler elettrico.

Se inserisco questi dati la classe energetica mi risulta A1, è appropriata?

Se provo a simulare l'impianto tradizionale con caldaia la classe passa a G.

Grazie per l'attenzione
alla biomassa viene associato un coefficiente 0.8 per cui l'energia fornita dal caminetto è considerata rinnovabile all'80%
da qui il risultato che hai ottenuto
è fuorviante ma è corretto, a meno che tu non reputi che il caminetto è insufficiente a riscaldare l'edificio e proceda con un impianto simulato
and91mar@gmail.com
Messaggi: 6
Iscritto il: gio feb 22, 2024 19:37

Re: ERRORE - APE casa indipendente classe A1

Messaggio da and91mar@gmail.com »

Grazie, però fare l'APE con impianto simulato non sarebbe coretto, giusto? Perché c'è la presenza di un condizionatore, anche se giustamente come ha detto lei non riescono a riscaldare la casa.
boba74
Messaggi: 3997
Iscritto il: mar mag 26, 2020 15:16

Re: ERRORE - APE casa indipendente classe A1

Messaggio da boba74 »

Questi sono casi molto borderline in effetti.
La questione dell'impianto simulato a rigore sarebbe fattibile solo in assenza totale di impianto, e non ad esempio per presenza di impianti in alcuni locali e non in altri.
Del resto, non sarebbe neppure del tutto corretto considerare di avere un caminetto in cucina e associarlo al riscaldamento dell'intero edificio se non vi è fisicamente alcun apporto dal camino agli altri locali.
In tal caso quindi per simulare correttamente si dovrebbero creare zone termiche distinte, ciascuna associata al proprio impianto, e lasciare come zone fredde (escluse dal calcolo) le stanze prive di riscaldamento. Questo dal punto di vista termico sarebbe formalmente corretto, anche se ti ritroveresti che la superficie climatizzata è inferiore alla superficie utile effettiva dell'edificio....
and91mar@gmail.com
Messaggi: 6
Iscritto il: gio feb 22, 2024 19:37

Re: ERRORE - APE casa indipendente classe A1

Messaggio da and91mar@gmail.com »

boba74 ha scritto: ven feb 23, 2024 15:30 Questi sono casi molto borderline in effetti.
La questione dell'impianto simulato a rigore sarebbe fattibile solo in assenza totale di impianto, e non ad esempio per presenza di impianti in alcuni locali e non in altri.
Del resto, non sarebbe neppure del tutto corretto considerare di avere un caminetto in cucina e associarlo al riscaldamento dell'intero edificio se non vi è fisicamente alcun apporto dal camino agli altri locali.
In tal caso quindi per simulare correttamente si dovrebbero creare zone termiche distinte, ciascuna associata al proprio impianto, e lasciare come zone fredde (escluse dal calcolo) le stanze prive di riscaldamento. Questo dal punto di vista termico sarebbe formalmente corretto, anche se ti ritroveresti che la superficie climatizzata è inferiore alla superficie utile effettiva dell'edificio....
Esatto, quello che ho fatto è stato proprio questo, è il fatto che la classe sia A che non trovo veritiero. grazie
boba74
Messaggi: 3997
Iscritto il: mar mag 26, 2020 15:16

Re: ERRORE - APE casa indipendente classe A1

Messaggio da boba74 »

La classe è veritiera (per come è definita la certificazione energetica) in quanto hai biomasse e pompe di calore, quindi normale che venga A anche se l'involucro è scarso.
salvo118
Messaggi: 399
Iscritto il: gio giu 24, 2021 12:59

Re: ERRORE - APE casa indipendente classe A1

Messaggio da salvo118 »

boba74 ha scritto: ven feb 23, 2024 15:30 Questi sono casi molto borderline in effetti.
La questione dell'impianto simulato a rigore sarebbe fattibile solo in assenza totale di impianto, e non ad esempio per presenza di impianti in alcuni locali e non in altri.
Del resto, non sarebbe neppure del tutto corretto considerare di avere un caminetto in cucina e associarlo al riscaldamento dell'intero edificio se non vi è fisicamente alcun apporto dal camino agli altri locali.
In tal caso quindi per simulare correttamente si dovrebbero creare zone termiche distinte, ciascuna associata al proprio impianto, e lasciare come zone fredde (escluse dal calcolo) le stanze prive di riscaldamento. Questo dal punto di vista termico sarebbe formalmente corretto, anche se ti ritroveresti che la superficie climatizzata è inferiore alla superficie utile effettiva dell'edificio....
boba74 ha scritto: ven feb 23, 2024 15:30 In tal caso quindi per simulare correttamente si dovrebbero creare zone termiche distinte, ciascuna associata al proprio impianto, e lasciare come zone fredde (escluse dal calcolo) le stanze prive di riscaldamento.
Quando dai questi consigli, specificalo che sono solo tue elucubrazioni del piffero, anche ragionoveli se vuoi ma inutili alla fine, visto che abbiamo già appurato e ci siamo arresi più volte, poichè la normativa, che invece piace tanto al piccione che ne fa mangime, non prevede una certificazione energetica / progetto energetico con la presenza di un impianto misto che i cui generatori indipendenti riscaldino separatamente zone distinte, di UNA UNICA UNITA' IMMOBILIARE. La zonizzazione della UNI non lo prevede... non riapriamo il discorso a meno che qualcuno non abbia veramente qualcosa di valido da dire (quindi ponci tu sei escluso a priori).

Quindi (come già appurato più volte ma evidentemente la malattia del piccione non si può debellare) si deve decidere se :
- o inserire il generatore confinato in una stanza, comunque servente tutta la unità
- oppure fare tutto simulato.

Non c'è alternativa. E ancora a scrivere di ste stronzate... E finitela... Al massimo andate a chiedere di sistemare le leggi. Piccionazzi
La Pantomimotecnica: tecnici matusalemme che ancora dopo anni ed anni non hanno preteso chiarezza e dettagli nelle norme e non le hanno chiare. Mah!
Frank2
Messaggi: 441
Iscritto il: gio ago 04, 2022 15:47

Re: ERRORE - APE casa indipendente classe A1

Messaggio da Frank2 »

Secondo me A1 non è veritiera, al di là delle biomasse e del climatizzzatore, perché l'involucro è pessimo (addirittura infissi a vetro singolo). Qui da me siamo in zona rurale, zona climatica C, e mi è capitato di fare qualche APE (anche in ottica superbonus) per edifici in pietra riscaldati con caminetti e magari pompe di calore, ma la classe è sempre stata E-D. A1 al massimo ci arrivava DOPO i lavori di isolamento termico e interventi sugli impianti.
Anche perché ok la biomassa, ma è un caminetto, quindi con efficienza bassissima. Non parliamo di una termostufa/termocamino/termoqualcosa con impianto ad acqua e magari produzione/integrazione ACS dove si sfrutta l'azione benefica delle biomasse e dei rendimenti elevati.

Ok che si sovrastima molto la biomassa, ma una casetta di campagna in pietra, con infissi anodizzati e caminetto, in A1 mi pare un po' troppo. E secondo me c'è un errore di modellazione, soprattutto se poi simulando con una caldaia a condensazione si passa a classe G. 6 salti di classe con un caminetto ..mah :roll:
Avatar utente
NoNickName
Messaggi: 7881
Iscritto il: gio giu 17, 2010 12:17

Re: ERRORE - APE casa indipendente classe A1

Messaggio da NoNickName »

salvo118 ha scritto: sab feb 24, 2024 08:31 - o inserire il generatore confinato in una stanza, comunque servente tutta la unità
Ovviamente, poiché è considerato impianto anche se privo di sistema di distribuzione, emissione e regolazione.
"Discutere con certe persone è come giocare a scacchi con un piccione. Puoi essere anche il campione del mondo ma il piccione farà cadere tutti i pezzi, cagherà sulla scacchiera e poi se ne andrà camminando impettito come se avesse vinto lui.”
and91mar@gmail.com
Messaggi: 6
Iscritto il: gio feb 22, 2024 19:37

Re: ERRORE - APE casa indipendente classe A1

Messaggio da and91mar@gmail.com »

Grazie a tutti per le risposte
salvo118
Messaggi: 399
Iscritto il: gio giu 24, 2021 12:59

Re: ERRORE - APE casa indipendente classe A1

Messaggio da salvo118 »

salvo118 ha scritto: sab feb 24, 2024 08:31
boba74 ha scritto: ven feb 23, 2024 15:30 Questi sono casi molto borderline in effetti.
La questione dell'impianto simulato a rigore sarebbe fattibile solo in assenza totale di impianto, e non ad esempio per presenza di impianti in alcuni locali e non in altri.
Del resto, non sarebbe neppure del tutto corretto considerare di avere un caminetto in cucina e associarlo al riscaldamento dell'intero edificio se non vi è fisicamente alcun apporto dal camino agli altri locali.
In tal caso quindi per simulare correttamente si dovrebbero creare zone termiche distinte, ciascuna associata al proprio impianto, e lasciare come zone fredde (escluse dal calcolo) le stanze prive di riscaldamento. Questo dal punto di vista termico sarebbe formalmente corretto, anche se ti ritroveresti che la superficie climatizzata è inferiore alla superficie utile effettiva dell'edificio....
boba74 ha scritto: ven feb 23, 2024 15:30 In tal caso quindi per simulare correttamente si dovrebbero creare zone termiche distinte, ciascuna associata al proprio impianto, e lasciare come zone fredde (escluse dal calcolo) le stanze prive di riscaldamento.
Quando dai questi consigli, specificalo che sono solo tue elucubrazioni del piffero, anche ragionoveli se vuoi ma inutili alla fine, visto che abbiamo già appurato e ci siamo arresi più volte, poichè la normativa, che invece piace tanto al piccione che ne fa mangime, non prevede una certificazione energetica / progetto energetico con la presenza di un impianto misto che i cui generatori indipendenti riscaldino separatamente zone distinte, di UNA UNICA UNITA' IMMOBILIARE. La zonizzazione della UNI non lo prevede... non riapriamo il discorso a meno che qualcuno non abbia veramente qualcosa di valido da dire (quindi ponci tu sei escluso a priori).

Quindi (come già appurato più volte ma evidentemente la malattia del piccione non si può debellare) si deve decidere se :
- o inserire il generatore confinato in una stanza, comunque servente tutta la unità
- oppure fare tutto simulato.

Non c'è alternativa. E ancora a scrivere di ste stronzate... E finitela... Al massimo andate a chiedere di sistemare le leggi. Piccionazzi
forse mi sbaglio..

però ero rimasto ad una definizione pregressa di "superficie utile" del dlgs 192 2005, era così una volta (posso girarvi il pdf della vecchia versione della norma se non mi credete..) :

"superficie utile è la superficie netta calpestabile di un edificio"

e che c@zzo...

qualcuno però poteva avvisare che la definizione nel dlgs è stata cambiata con:

"è la superficie netta calpestabile dei volumi interessati dalla climatizzazione ove l'altezza
sia non minore di 1,50 m e delle proiezioni sul piano orizzontale delle rampe relative ad ogni piano nel
caso di scale interne comprese nell’unità immobiliare, tale superficie è utilizzata per la determinazione
degli specifici indici di prestazione energetica."



babo puoi scrivere quando succedono queste cose... non è che ti hanno rotto le dita...

cioè, cambia il mondo...

quando succedono queste cose si fa uno, dieci post appositi

si fanno post assurdi e quando vengono cambiate le definizioni che cambiano l'intero mondo della termotecnica agevolata normativa, nessuno dice alcunchè. non smetterò mai di allibire con voi..

ora il discorso di giroarrosto sull'impossibilità del misto reale/simulato che la sua regione e tutta la nazione gli vieta, lo si affronta da un'altra prospettiva.. ora probabilmente si può..
così come anche il discorso del misto reale1/reale2 senza le cozzature di cui parlavo in altro post nel caso di "reale/misto no" e "reale1/reale2 si"

ed ora forse sì che le stanze abitabili abitate ma fredde possono non considerarsi nell'ape come volumi e superfici riscaldate, e trattarli conme vani freddi, come dice sbobby

e capire quindi se rassegnarsi a mettere ed utilizzare come denominatore per gli indici di prestazione energetica risc. e raffr., questa "nuova" superficie utile, ad eccezione degli indici per l'acqua calda sanitaria, illuminazione..

per questi servizi acs, illuminazione.., nel sw si inserisce comunque tutta la superficie dell'u.i., non la superficie utile da definizione ultima aggiornata del dlgs, giusto ? (non avrebbe senso fisico/tecnico altrimenti..)

ma in realtà col mio sw posso mettere una superficie "autonoma" per il calcolo del fabbisogno di acs, però poi il calcolo dell'indice di prestazione energetica lo fa in automatico dividendo per la stessa superficie utile tutti gli indici..

è un problema.. per l'indice per l'acs verrebbe un dato non pertinente

e poi per gli indici di riscaldamento e raffrescamento, e anche nella "stampa dell'ape" si mette solo la superficie interessata dalla climatizzazione ?

quindi è così? la specificazione "volumi interessati dalla climatizzazione" che hanno introdotto nella definizione porta allo sconvolgimento di tutto..?

con una modifca così facile hanno rotto e sistemato tutto ?

e i sw non si adeguano ?


delirio.. e nessuno dice niente..

:shock: "volumi interessati dalla climatizzazione" ????? che vuol dire ?
le stanze abitate abitabili ma non riscaldate (con altezza >1,5) sono "volumi interessati dalla climatizzazione" ?

chi è che ora verrà a dire qualcosa..?
uno che non ha mai fatto un ape in vita sua, non segue la normativa specifcica e dall'alto del suo vuoto sentenzia sghignazzando
La Pantomimotecnica: tecnici matusalemme che ancora dopo anni ed anni non hanno preteso chiarezza e dettagli nelle norme e non le hanno chiare. Mah!
Rispondi