batterie nuova norma e confronto con la vecchia

Classificazione delle zone pericolose, e progettazione degli impianti nei luoghi con pericolo di esplosione

Moderatore: Edilclima

Rispondi
maremotus
Messaggi: 13
Iscritto il: mar gen 03, 2017 11:17

batterie nuova norma e confronto con la vecchia

Messaggio da maremotus »

Buongiorno
dopo un lungo periodo di inattività forzata sono tornato a combattere con le norme della CEI.
sarà che sono arruginito ma io non capisco quali siano le differenze fra la vecchia e la nuova norma sulle batterie.
per essere precisi
la 62485-2
fornisce queste relazioni:
Q = 0.05 n Igas Crt/1000
A = 28 Q
d = 28.8 (Igas Crt)^(1/3)
"mentre" la vecchia 50272-2
Q = 0.05 n Igas Crt/1000
A = 28 Q
d = 28.8 (Igas Crt)^(1/3)
sono stordito io o sono isìdentiche?

Grazie
Terminus
Messaggi: 11725
Iscritto il: ven mar 30, 2007 17:40
Località: Umbria

Re: batterie nuova norma e confronto con la vecchia

Messaggio da Terminus »

Non ho ancora avuto occasione di guardare.
Ma non è mica detto che tra una norma vecchia e la nuova debba necessariamente cambiare qualcosa....
maremotus
Messaggi: 13
Iscritto il: mar gen 03, 2017 11:17

Re: batterie nuova norma e confronto con la vecchia

Messaggio da maremotus »

Hai ragione anche tu, per spillarci dei soldi sono pronti a tutto...
continuando nell'esercizio autolesionistico della consultazione della norma sono arrivato all'appendice B.
in cui si calcola (di nuovo?) la distanza di sicurezza d mediante la seguente relazione
d^3= 3 0.05 10^6 (N) Igas Crt
ma d non era data da d = 28.8 (Igas Crt)^(1/3) ??
facendo due conti si ottiene lo stesso risultato...

per permettervi di verificare quanto asserito fornisco dei dati
Numero elementi per batteria n = 6
Numero batterie N = 24
Igas = 8
Crt = 10
da cui si ottiene
Q = 0.58 mc/h
A = 16.1 cmq (non ho ancora capito se è quella totale o quella di ingresso-uscita aria)
d = 124 mm
N l'ho usato solo per il calcolo della portata d'aria Q che "scongiura" il rischio esplosione poiché gli sfoghi delle batterie non sono convogliati (ogni batteria emette per conto suo)

sbaglio in qualcosa?
Grazie
Alberto Rossi
Messaggi: 2
Iscritto il: lun ago 29, 2022 20:28

Re: batterie nuova norma e confronto con la vecchia

Messaggio da Alberto Rossi »

Ciao, provo a darTi una risposta.
Sostanzialmente la nuova norma abbandona le tabelle (tabella A e B) relative al tipo di batteria da valutare (se di trazione o stazionarie). Pertanto, Igas o è fornito dal costruttore o sarà stimato mediante la formula Igas = 0,4 In (dove In è la corrente nominale del caricabatterie)
Cambia il fattore di correzione (0,055 invece di 0,05), in quanto il volume di idrogeno viene considerato a 25°C e non più a 0°C.
Per le batterie di trazione non cambia molto, in termini di distanza pericolosa (sempre 0,5 m di Zona 1).
Per le batterie stazionarie la nuova norma fornisce una formula per calcolare la distanza pericolosa senza distinzioni tra batterie aperte e sigillate (ovvero d = 28,8 (n Igas Crt) ^ (1/3)). Inoltre, vi è un grafico da cui estrapolare direttamente il valore della distanza pericolosa in funzione del Crt e Igas (per n = 1).
Spero di esserTi stato d'aiuto.
Rispondi