Caldaia esterna adiacente al fabbricato e tettoia soprastante

Normativa Antincendio, Rilascio CPI, ecc.

Moderatore: Edilclima

Rispondi
Tom Bishop
Messaggi: 4119
Iscritto il: mar dic 30, 2008 17:13

Caldaia esterna adiacente al fabbricato e tettoia soprastante

Messaggio da Tom Bishop »

Mi hanno chiesto se è possibile installare una caldaia da 200kW a gas metano all'esterno di un fabbricato esistente. In adiacenza e sotto una tettoia. La tettoia in questione è a una quota di circa 8m di altezza. La caldaia è di quelle in armadio per installazione all'esterno la sua altezza non supera i 2m. Sono due caldaie in batteria in unico armadio metallico. Kit preassemblato fornito dal costruttore.
Lasciate perdere la tettoia per il ricovero dei mezzi che vedete a sinistra in quanto verrà smantellata.
Immagine

Il DM 18/11/2019 permette installazioni all'aperto, in locale esterno e in fabbricato destinato anche ad altro uso.
Questo caso è installazione all'aperto e installazione in locale esterno?
Per me è una installazione all'aperto, ma non essendoci una definizione univoca, si lascia spazio all'interpretazione della tettoia. In caso di incendio la tettoia potrebbe consentire la propagazione dell'incendio all'interno del fabbricato, tuttavia non trovo nulla nella regola tecnica che mi vieti una installazione di questo tipo.
Tom Bishop
Terminus
Messaggi: 11625
Iscritto il: ven mar 30, 2007 17:40
Località: Umbria

Re: Caldaia esterna adiacente al fabbricato e tettoia soprastante

Messaggio da Terminus »

Il locale esterno è definito nel DM e nel tuo caso non lo hai.
Si tratterebbe di installazione all'aperto ed il DM prevede:
È considerato installato all’aperto anche l’apparecchio costruito per tale tipo di installazione protetto solo superiormente da una tettoia incombustibile destinata esclusivamente alla protezione dagli agenti atmosferici dell’apparecchio e di eventuali apparecchi o dispositivi destinati a funzioni complementari o ausiliarie dell’impianto.

La tettoia soprastante evidentemente non è destinata esclusivamente alla protezione dell'apparecchio.
Non ci sono ulteriori indicazioni su cosa si debba considerare "aperto", posto che i concetti di spazio scoperto non è necessario applicarli (vedi Nota 11/03/2020).
Rimane la prescrizione della EI30 della parete e della distanza delle eventuali aperture.
In merito al rischio di propagazione all'interno, anche se il DM non ne fa cenno, direi che puoi sempre considerare la definizione di spazio scoperto per verificare l'aggetto della tettoia.
Tom Bishop
Messaggi: 4119
Iscritto il: mar dic 30, 2008 17:13

Re: Caldaia esterna adiacente al fabbricato e tettoia soprastante

Messaggio da Tom Bishop »

Terminus ha scritto: gio ago 18, 2022 12:16
In merito al rischio di propagazione all'interno, anche se il DM non ne fa cenno, direi che puoi sempre considerare la definizione di spazio scoperto
che però non fa più riferimento all'aggetto, mi risulta.
Tom Bishop
Terminus
Messaggi: 11625
Iscritto il: ven mar 30, 2007 17:40
Località: Umbria

Re: Caldaia esterna adiacente al fabbricato e tettoia soprastante

Messaggio da Terminus »

Quella del COPI.
Ma tu non sei sotto COPI e puoi applicare il vecchio DM 30/11/83

No, scusa. Anche il COPI S.3.5.1 comprende la condizione sull'eventuale aggetto.
Tom Bishop
Messaggi: 4119
Iscritto il: mar dic 30, 2008 17:13

Re: Caldaia esterna adiacente al fabbricato e tettoia soprastante

Messaggio da Tom Bishop »

Terminus ha scritto: gio ago 18, 2022 12:30 Quella del COPI.
Ma tu non sei sotto COPI e puoi applicare il vecchio DM 30/11/83
Mi dimentico sempre di questo aspetto. Vero.
Terminus ha scritto: gio ago 18, 2022 12:30 No, scusa. Anche il COPI S.3.5.1 comprende la condizione sull'eventuale aggetto.
Vero, grazie della precisazione.
Tom Bishop
Rispondi