RESISTENZA AL FUOCO VS. COMPARTIMENTAZIONE

Normativa Antincendio, Rilascio CPI, ecc.

Moderatore: Edilclima

Rispondi
tommbonetti
Messaggi: 8
Iscritto il: mer gen 19, 2022 06:53

RESISTENZA AL FUOCO VS. COMPARTIMENTAZIONE

Messaggio da tommbonetti »

Salve a tutti,
utilizzando il COPI....mi sorge un dubbio......è possibile ipotizzare che un compartimento abbia un grado di resistenza al fuoco (R45) delle strutture originato dal calcolo del carico di incendio e che una parte dello stesso compartimento abbia una grado maggiore (REI 60), in quanto divisoria verso altra attività, quindi trattasi di valore imposto.

Parliamo di un attività commerciale posta al di sotto di un condominio, con pilastri e travi (teoricamente) R45 e soletta REI 60.

Mi sembra assurdo ma non trovo appigli per non ritenere fattibile questa (assurda) ipotesi.

Grazie
Avatar utente
weareblind
Messaggi: 2096
Iscritto il: gio lug 30, 2009 09:49

Re: RESISTENZA AL FUOCO VS. COMPARTIMENTAZIONE

Messaggio da weareblind »

È così, anche per comparti di classe zero.
Terminus
Messaggi: 11593
Iscritto il: ven mar 30, 2007 17:40
Località: Umbria

Re: RESISTENZA AL FUOCO VS. COMPARTIMENTAZIONE

Messaggio da Terminus »

Cosa c'è di assurdo ?
E' così da sempre per le attività normate. Le caratteristiche R/EI vengono imposte in modo cautelativo.
mmaarrccoo
Messaggi: 1152
Iscritto il: mer mag 05, 2010 16:15

Re: RESISTENZA AL FUOCO VS. COMPARTIMENTAZIONE

Messaggio da mmaarrccoo »

E' corretto. Ovviamente se avevi ad esempio classe 120 verso il vicino non avresti più potuto usare EI60 ma dovevi utilizzare EI120.
hoopes
Messaggi: 510
Iscritto il: lun ott 13, 2008 16:00

Re: RESISTENZA AL FUOCO VS. COMPARTIMENTAZIONE

Messaggio da hoopes »

E' assurdo che la soletta stia su 60 minuti quando i pilastri dopo 45 sono giù ...
Terminus
Messaggi: 11593
Iscritto il: ven mar 30, 2007 17:40
Località: Umbria

Re: RESISTENZA AL FUOCO VS. COMPARTIMENTAZIONE

Messaggio da Terminus »

Veramente nel post mi sembrava si parlasse di R dei pilastri determinata dal calcolo del CI, confrontata con la R/EI del solaio imposta da norma.
Non è strano che la prima possa essere inferiore alla seconda (cautelativa).
Inoltre i tempi di resistenza al fuoco non vogliono dire il crollo, ma il superamento di determinati parametri. Le strutture intelaiate iperstatiche poi sono in grado di resistere per tempi maggiori.
Rispondi