PIASTRA RADIANTE: SI PUO' RIDURNE ESTENSIONE? SI PUO' SCEGLIERE QUELLA PERTINENTE VERSO IL BERSAGLIO?

Normativa Antincendio, Rilascio CPI, ecc.

Moderatore: Edilclima

Rispondi
mmaarrccoo
Messaggi: 1152
Iscritto il: mer mag 05, 2010 16:15

PIASTRA RADIANTE: SI PUO' RIDURNE ESTENSIONE? SI PUO' SCEGLIERE QUELLA PERTINENTE VERSO IL BERSAGLIO?

Messaggio da mmaarrccoo »

Mi trovo alle prese con la situazione schematizzata nell'immagine allegata (prospetto). Ho in pratica un edificio che è compartimentato tra piano terra e primo solo parzialmente, di conseguenza ho il compartimento B che è una "L" rovesciata e sta sia affianco sia sopra il compartimento A. Chiedo un confronto:
1. la porta in alto a destra fa parte del compartimento B, di conseguenza la piastra radiante "naturale" sarebbe quella in verde. Solo che così facendo tale piastra radiante avrebbe una base e un'altezza elevate (l'immagine è semplificata, la base è di 150 m) e la distanza di separazione verso il mio bersaglio risulta quindi troppo elevata. Vorrei quindi ridurre la superficie della piastra radiante. Se la porta in alto a destra (è una US) la metto resistente al fuoco posso considerarla elemento non radiante e quindi ridurre la piastra radiante a quella "desiderata" in azzurro? :D

2. Su tale prospetto ho più compartimenti retrostanti, ognuno con il suo carico d'incendio e la sua piastra radiante. Mi trovo che alcuni compartimenti hanno distanze di separazione non trascurabili (ad esempio 15 m) ed un altro compartimento, proprio dove davanti ho un bersaglio vicino (ad esempio 5 m), non ha distanza di separazione perchè cieco (no aperture). Quindi sembrerebbe tutto ok perchè verso il mio bersaglio non avrei alcune distanza da dare. Però l'art. S.3.11.3 del COPI sembra dire che la distanza di separazione da considerare è la maggiore di tutte le piastre radianti del piano radiante, cioè devo prendere la distanza massima di qualsiasi piastra radiante del prospetto ed applicarla su tutto il prospetto stesso. Che senso ha se dove ho l'esigenza, cioè dove ho il bersaglio vicino, la parete prospiciente dell'edificio è cieca e quindi il bersaglio sarebbe salvo? C'è un modo per ovviare? Non posso spostare il bersaglio...

Grazie.
Allegati
Annotazione 2022-08-12 181856.jpg
Annotazione 2022-08-12 181856.jpg (47.2 KiB) Visto 545 volte
Terminus
Messaggi: 11593
Iscritto il: ven mar 30, 2007 17:40
Località: Umbria

Re: PIASTRA RADIANTE: SI PUO' RIDURNE ESTENSIONE? SI PUO' SCEGLIERE QUELLA PERTINENTE VERSO IL BERSAGLIO?

Messaggio da Terminus »

Se la porta è resistente al fuoco non è più un elemento radiante, quindi la piastra si riduce di conseguenza.
mmaarrccoo
Messaggi: 1152
Iscritto il: mer mag 05, 2010 16:15

Re: PIASTRA RADIANTE: SI PUO' RIDURNE ESTENSIONE? SI PUO' SCEGLIERE QUELLA PERTINENTE VERSO IL BERSAGLIO?

Messaggio da mmaarrccoo »

Terminus ha scritto: ven ago 12, 2022 19:24 Se la porta è resistente al fuoco non è più un elemento radiante, quindi la piastra si riduce di conseguenza.
Grazie per la conferma Terminus.
Per il punto 2 hai qualche idea?
Terminus
Messaggi: 11593
Iscritto il: ven mar 30, 2007 17:40
Località: Umbria

Re: PIASTRA RADIANTE: SI PUO' RIDURNE ESTENSIONE? SI PUO' SCEGLIERE QUELLA PERTINENTE VERSO IL BERSAGLIO?

Messaggio da Terminus »

Se non hai altre soluzioni, puoi provare la soluzione alternativa calcolando l'effettiva distanza di separazione con diversi fattori di vista e/o diversi valori di Esoglia.
mmaarrccoo
Messaggi: 1152
Iscritto il: mer mag 05, 2010 16:15

Re: PIASTRA RADIANTE: SI PUO' RIDURNE ESTENSIONE? SI PUO' SCEGLIERE QUELLA PERTINENTE VERSO IL BERSAGLIO?

Messaggio da mmaarrccoo »

Uhm... Temevo avresti detto questo... Cosa che però mi porta in soluzione alternativa... Mi spiego meglio allegando un'immagine (pianta) di un altro punto dell'edificio che si presta meglio.

L'edificio è diviso in 2 compartimenti, il fronte del compartimento B è lungo 102 m mentre il fronte del compartimento A è lungo 18 m ed è arretrato di 11 m rispetto all'altro. Le distanze di separazione calcolate per ciascun compartimento (in rosso) vengono 1,6 m per il comp. B e 5,8 m per il comp. A. Solo che se applicassi l'art. S.3.11.3 del COPI sembrerebbe quasi che devo dare 5,8 m a partire però dal fronte del comp. B (in verde), cosa che sinceramente sarebbe troppo a favore della sicurezza (e difatti mi crea dei problemi). Inoltre, a peggiorare le cose, S.3.11.1.4 dice che gli arretramenti possono essere considerati a livello della facciata stessa.

Possibile che il COPI mi obblighi ad andare così tanto a favore della sicurezza (linea verde)? Sinceramente non vedo il problema a seguire i 2 profili rossi e stop. Ho il sospetto che il COPI si riferisca a situazioni di altro tipo, ad esempio come arretramenti forse considera piccoli scostamenti... Nel mio caso specifico avrei quindi un fronte di 102 m che sarebbe molto "penalizzato" dalla presenza di un fronte di soli 18 m e per di più arretrato di ben 11 m. Hai/avete avuto situazioni similari risolte in qualche modo?

Grazie.
Allegati
Annotazione 2022-08-16 200629.jpg
Annotazione 2022-08-16 200629.jpg (63.82 KiB) Visto 445 volte
Rispondi