CONTABILIZZAZIONE PIU' UI UNICO PRORIETARIO

Normativa nazionale, contabilizzazione dei consumi, ripartizione delle spese

Moderatore: Edilclima

Rispondi
vinz75
Messaggi: 1875
Iscritto il: ven ago 07, 2020 18:49

CONTABILIZZAZIONE PIU' UI UNICO PRORIETARIO

Messaggio da vinz75 »

Chiedo scusa se è un argomento già presente. Vorrei sapere se è obbligatorio installare sistemi di contabilizzazione del calore nel caso in cui un impianto centralizzato serva più unità immobiliari appartenenti ad un unico proprietario.
Grazie
Avatar utente
NoNickName
Messaggi: 5865
Iscritto il: gio giu 17, 2010 12:17

Re: CONTABILIZZAZIONE PIU' UI UNICO PRORIETARIO

Messaggio da NoNickName »

Se le UI sono detenute da soggetti diversi dal proprietario, per esempio in affitto o comodato, con i quali vanno ripartiti i costi di riscaldamento, raffrescamento o acs, sì.
"Discutere con certe persone è come giocare a scacchi con un piccione. Puoi essere anche il campione del mondo ma il piccione farà cadere tutti i pezzi, cagherà sulla scacchiera e poi se ne andrà camminando impettito come se avesse vinto lui.”
vinz75
Messaggi: 1875
Iscritto il: ven ago 07, 2020 18:49

Re: CONTABILIZZAZIONE PIU' UI UNICO PRORIETARIO

Messaggio da vinz75 »

Grazie della risposta NNN.
Il caso è il seguente.
Una società che si occupa di ricezione, ha preso in affitto alcuni appartamenti in stato di degrado, ed ha in progetto di ristrutturarli completamente facendone suite. Dopodichè li affitterà a notte.
La richiesta è di realizzare un impianto centralizzato.
Tutte le spese saranno a carico di tale società.
Secondo te come si inquadra?
Avatar utente
NoNickName
Messaggi: 5865
Iscritto il: gio giu 17, 2010 12:17

Re: CONTABILIZZAZIONE PIU' UI UNICO PRORIETARIO

Messaggio da NoNickName »

Quindi è configurabile come un albergo. Direi che in questo caso non ci deve essere ripartizione dei costi, a meno che la fatturazione dei corrispettivi di affitto lo preveda.
"Discutere con certe persone è come giocare a scacchi con un piccione. Puoi essere anche il campione del mondo ma il piccione farà cadere tutti i pezzi, cagherà sulla scacchiera e poi se ne andrà camminando impettito come se avesse vinto lui.”
vinz75
Messaggi: 1875
Iscritto il: ven ago 07, 2020 18:49

Re: CONTABILIZZAZIONE PIU' UI UNICO PRORIETARIO

Messaggio da vinz75 »

NoNickName ha scritto: mar nov 03, 2020 10:44 Quindi è configurabile come un albergo. Direi che in questo caso non ci deve essere ripartizione dei costi, a meno che la fatturazione dei corrispettivi di affitto lo preveda.
Ok. Grazie mille!
Franny
Messaggi: 10
Iscritto il: mar dic 29, 2015 07:59

Re: CONTABILIZZAZIONE PIU' UI UNICO PRORIETARIO

Messaggio da Franny »

Mi allaccio a questo discorso. Unico proprietario di due abitazioni. Usufruirà del 110 per cappotto, infissi, solare, sostituzione caldaia. Uno degli appartamenti potrebbe in seguito essere affittato. Siccome l'impianto è centralizzato (riscaldamento e acqua calda) vorrebbe mettere dei contabilizzatori ma è obbligato a metterli di un certo tipo? Il fornitore mi diceva che secondo lui devono essere del tipo con lettura da remoto. A me sembra eccessivo tutto ciò per una bifamiliare. Come stanno le cose?
Avatar utente
NoNickName
Messaggi: 5865
Iscritto il: gio giu 17, 2010 12:17

Re: CONTABILIZZAZIONE PIU' UI UNICO PRORIETARIO

Messaggio da NoNickName »

Franny ha scritto: ven feb 25, 2022 09:32 Mi allaccio a questo discorso. Unico proprietario di due abitazioni. Usufruirà del 110 per cappotto, infissi, solare, sostituzione caldaia. Uno degli appartamenti potrebbe in seguito essere affittato. Siccome l'impianto è centralizzato (riscaldamento e acqua calda) vorrebbe mettere dei contabilizzatori ma è obbligato a metterli di un certo tipo? Il fornitore mi diceva che secondo lui devono essere del tipo con lettura da remoto. A me sembra eccessivo tutto ciò per una bifamiliare. Come stanno le cose?
Il proprietario non è autorizzato ad entrare in casa dell'inquilino, anche se di sua proprietà.
La soluzione è quella di mettere i contatori in zona comune, o sulle singole partenze nella centrale termica, se possibile.
Se invece i contabilizzatori devono essere installati in casa, allora devono essere leggibili da remoto.
I contabilizzatori devono essere certificati MID-004 per il riscaldamento e MID-001 per l'acqua calda e sottoposti a verifica metrologica periodica, come da prescrizioni di legge.

EDIT: se lo fa, poi deve fare la suddivisione per millesimi sia delle spese ordinarie, che di quelle straordinarie (che però rimangono a suo carico perché proprietario), che dei consumi effettivi, secondo le famose regole della ripartizione EN10200 e menate collegate... forse non è il caso.
"Discutere con certe persone è come giocare a scacchi con un piccione. Puoi essere anche il campione del mondo ma il piccione farà cadere tutti i pezzi, cagherà sulla scacchiera e poi se ne andrà camminando impettito come se avesse vinto lui.”
Rispondi