essere 139 per certificare con tabellare?

Normativa Antincendio, Rilascio CPI, ecc.

Moderatore: Edilclima

Rispondi
engram
Messaggi: 166
Iscritto il: mer giu 10, 2009 19:25
Località: Imola

essere 139 per certificare con tabellare?

Messaggio da engram »

Dalla modulistica evinco che la certificazione di resistenza al fuoco con metodo tabellare la può fare solo un 139.
Avrei giurato che solo il metodo analitico era riservato ai 139.
Me lo confermate? È sempre stato così?

Grazie :shock:
Feel them burn!
Terminus
Messaggi: 10285
Iscritto il: ven mar 30, 2007 17:40
Località: Umbria

Re: essere 139 per certificare con tabellare?

Messaggio da Terminus »

Secondo il DM 07/08/12 è così.
Prima in effetti la certificazione tabellare era appannaggio di ogni abilitato.

Probabilmente la cosa è stata rivista, dato che hanno concesso di asseverare anche a tecnici non antincendio.
engram
Messaggi: 166
Iscritto il: mer giu 10, 2009 19:25
Località: Imola

Re: essere 139 per certificare con tabellare?

Messaggio da engram »

hanno concesso di asseverare anche a tecnici non antincendio
Ma ci sta! Qualsiasi tecnico abilitato dovrebbe essere in grado di asseverare.
E secondo me chiunque sa verificare il rispetto di tabelle o la pertinenza di un rapporto di prova.
Sono le valutazioni analitiche quelle specialistiche!

Io sono ancora un po' tramortito dalla cosa...
Feel them burn!
Terminus
Messaggi: 10285
Iscritto il: ven mar 30, 2007 17:40
Località: Umbria

Re: essere 139 per certificare con tabellare?

Messaggio da Terminus »

engram ha scritto: E secondo me chiunque sa verificare il rispetto di tabelle o la pertinenza di un rapporto di prova.
Sei sicuro di ciò ?
Se non ha seguito un serio corso da 120 ore, a me verrebbe il concreto dubbio che il tecnico sappia effettivamente cosa andare a verificare.
Conosco molti tecnici abilitati che, anche iscritti all'818 con il vecchio sistema dei 10 anni, non sanno neanche che esiste il decreto sulla resistenza al fuoco. Figuriamoci tecnici non antincendio che neanche sono tenuti agli aggiornamenti quinquennali.
Ma il DM consente anche a loro di asseverare la conformità alla prevenzione incendi a 360°......
engram ha scritto: Sono le valutazioni analitiche quelle specialistiche!
Senza dubbio. Difatti una verifica analitica di resistenza al fuoco la dovrebbe fare solo uno strutturista, indipendentemente dall'iscrizione all'elenco, poichè il problema non sta tanto nelle mappature termiche (cosa che fa il sw), quanto nella modellazione della struttura e della definizione dei carichi.
Poi ciascuno firma ciò che ritiene opportuno......
Avatar utente
tigers
Messaggi: 1046
Iscritto il: lun set 11, 2006 10:08

Re: essere 139 per certificare con tabellare?

Messaggio da tigers »

Io sarò talebano ma ritengo:
1. che l'iscrizione dovrebbe essere necessaria anche per l'asseverazione. Ditemi voi come può un DL non iscritto valutare la conformità di tutte le sfumature delle norme antincendio (rendiamoci conto che facciamo fatica noi a districarci fra reazione al fuoco, protezione di isolanti, etc.): personalmente rilevo enormi difficoltà a far eseguire le cose chiaramente scritte nelle tavole, praticamente impossibile trovare rispettate cose che stanno scritte solo nella relazion, figuriamoci per tutte quelle cose che NEL PROGETTO NON STANNO SCRITTE. Come può un povero DL uscirne vivo?
2. col piffero che è semplice leggere un rapporto di prova ed il campo di diretta applicazione. Prova a chiedere ad un non 818 cosa sia un supporto normalizzato (e anche tanti iscritti non lo sanno), o che significato hanno i pedici nella reazione al fuoco s1,d0, etc. Prova a chiedere che differenza passa fra un elemento certificato per parete o per applicazione lineare tipo cavedio. La mia esperienza personale è che il tipico non iscritto non conosce nemmeno la differenza fra reazione al fuoco e resistenza se non gliela spieghi (senza offesa per chi non è iscritto, ce ne sono di preparatissimi ci mancherebbe);
3. la verifica analitica fosse per me dovrebbe farla uno strutturista che sia anche 818, non è solo questione di "metto il fuoco nel calcolo e via". Tanto è vero che alla relazione tecnica che può fare anche un non iscritto segue il CERT REI dove l'iscritto verifica che la relazione abbia un significato e sia pertinente.
Terminus
Messaggi: 10285
Iscritto il: ven mar 30, 2007 17:40
Località: Umbria

Re: essere 139 per certificare con tabellare?

Messaggio da Terminus »

Ma allora tale**ni siamo in due..... (metto gli asterischi altrimenti echelon inizia a registrare i miei messaggi :mrgreen: )
Purtroppo però le norme sono state scritte in modo molto più lasco.
Avatar utente
tigers
Messaggi: 1046
Iscritto il: lun set 11, 2006 10:08

Re: essere 139 per certificare con tabellare?

Messaggio da tigers »

Per il ciclo "storie di vita vissuta" un non 818 DL ha effettuato le seguenti modifiche a mie precise prescrizioni riportate senza possibilità di equivoco:
1. Per la protezione di pilastri in acciaio invece del rivestimento in cartongesso con distanziatori ha deciso di usare cartongesso normalissimo monolastra spruzzando l'interno con una schiuma Hilti per sigillatura passaggi impiantistici che "tanto è REI240, per il pilatro chiedevi REI30". ho cercato di spiegare che in realtà era EI240 contro R30 e che serviva un contrasto alla schiuma per funzionare, e che la temperatura in uno scatolotto chiuso con fuoco sui 4 lati potrebbe essere un po' diversa da quella di una parete;
2. controsoffitto staccato da tutte le strutture possibili, ho richiesto esplicitamente che fosse del tipo autoportante, segnato sul catalogo quale era quello giusto ma poi il cartongessista ne aveva un altro che costava meno, ma anche lui certificato eh - figurati se il cartongessista non lo sa, li monta tutti i giorni;
3. porte EI 60 da montare su cartongesso, mi sono raccomandato che fossero idonee e mi trovo invece le porte normali: "Eh. quelle da cartongesso bisognava ordinarle, ma anche queste sono certificate eh - figurati se il fornitore non lo sa";
4. serranda EI semplicemente appoggiata ad una struttura in pannelli metallici, anni luce lontana dalle prescrizioni del produttore come da certificato; figurati se l'idraulico non lo sa, ma ha detto la ditta che va bene così. Dopo richiesta di avere uno scritto dalla ditta che dicesse che così andava bene hanno fatto tutto come da certificato;
5. cuscini tagliafuoco buttati lì così sopra la canalina elettrica nel controsoffitto senza il benché minimo contrasto. Idea di come avrebbero garantito la resistenza all'interfaccia del controsoffitto evidentemente non l'aveva nessuno. Oh, ma figurati se l'elettricista non lo sa, li ha montati anche a $GrandeIndustriaAlimentare ed a $AeroportoACaso.

Tutto questo IN UN SOLO CANTIERE. Fate voi le moltiplicazioni.
engram
Messaggi: 166
Iscritto il: mer giu 10, 2009 19:25
Località: Imola

Re: essere 139 per certificare con tabellare?

Messaggio da engram »

Non c'è un c++*o da fare...e non hanno usato la mitologica frase "ne faccio 10.000 all'anno, questa è la prima volta che..."?
Feel them burn!
Rispondi