Attività commerciale non aperta al pubblico

Normativa Antincendio, Rilascio CPI, ecc.

Moderatore: Edilclima

Rispondi
fabbretto
Messaggi: 239
Iscritto il: sab feb 14, 2009 12:12

Attività commerciale non aperta al pubblico

Messaggio da fabbretto »

Ciao a tutti.

Devo presentare la SCIA per un'attività 69.1.A, esercita all'interno di un locale su 2 livelli (piano terra e interrato).

L'attività non sarà aperta al pubblico in quanto verrà fatta assistenza e vendita all'esterno di computer ed altre apparecchiature.

Volendo applicare il nuovo codice, e in particolare la RTV centri commerciali mi viene però un dubbio: nel campo di applicazione della RTV si parla di "... attività commerciali, ove sia prevista la vendita e l’esposizione di beni...", ma nel mio caso non avrò aree di vendita e di esposizione.

Secondo voi è corretta l'applicazione della RTV per i centri commerciali o sarebbe preferibile utilizzare la Regola Tecnica Orizzontale?

Grazie a tutti e forza e coraggio che passeremo anche questa emergenza!

Terminus
Messaggi: 8000
Iscritto il: ven mar 30, 2007 17:40
Località: Umbria

Re: Attività commerciale non aperta al pubblico

Messaggio da Terminus »

Sicuro di avere l'attività 69 ?
Se non hai esposizione o vendita, nessun accesso di clienti, non rientri nella 69.

fabbretto
Messaggi: 239
Iscritto il: sab feb 14, 2009 12:12

Re: Attività commerciale non aperta al pubblico

Messaggio da fabbretto »

Ciao.

Infatti anche secondo me è così, però la banca per questioni di mutuo ha chiesto al cliente di adeguare il locale commerciale come attività 69.1.A.

Parlando col titolare, mi ha spiegato che la loro attività non prevede l'accesso del pubblico, rimanendo però un'attività commerciale (riparano PC ed altre apparecchiature, assemblano PC e poi li spediscono).

E' più un laboratorio secondo me, ma la banca vuole questo...

Siccome non vorrebbero spendere molti soldi, considerando che per circa 200 mq hanno moquette senza lcuna classificazione e la RTV impone la classificazione solo per aree TA (aperte al pubblico).

Quindi fondamentalmente il Rvita sarebbe A2 e non B2 come invece per un'attività commerciale aperta al pubblico.

Grazie

Terminus
Messaggi: 8000
Iscritto il: ven mar 30, 2007 17:40
Località: Umbria

Re: Attività commerciale non aperta al pubblico

Messaggio da Terminus »

fabbretto ha scritto:
sab mar 21, 2020 18:33
la banca per questioni di mutuo ha chiesto al cliente di adeguare il locale commerciale come attività 69.1.A.
Ma scherziamo ?
Ci sono dei professionisti (tu o altri) che possono asseverare alla banca l'ottemperanza a tutte le normative obbligatorie applicabili, tra le quali però non c'è quella relativa alla prevenzione incendi degli esercizi commerciali.
Il titolare/datore di lavoro deciderà lui sulla base della propria VDR le misure antincendio da adottare. Ed anche l'ottemperanza al TUSL (quindi anche DM 10/03/98) può essere asseverata per la banca.
Non è che invece la banca vuole un'assicurazione dell'attività contro l'incendio (tipo FM) ?

fabbretto
Messaggi: 239
Iscritto il: sab feb 14, 2009 12:12

Re: Attività commerciale non aperta al pubblico

Messaggio da fabbretto »

Purtroppo la banca dice, in poche parole, questo: nel locale c'era un'attività commerciale di 450 mq, se vuoi il mutuo me la devi adeguare al DPR 151/2011 come attività commerciale.

Quindi l'idea dell'attività commerciale non aperta al pubblico non è percorribile secondo te? Deve quindi trattarla come attività di vendita ed esposizione.

Rispondi