Conto termico e accatastamento

Obblighi legislativi, tipologie, prodotti

Moderatore: Edilclima

Rispondi
HUGO
Messaggi: 1002
Iscritto il: mer lug 18, 2007 11:17

Conto termico e accatastamento

Messaggio da HUGO »

Ho visto che il conto termico presuppone l'eistenza dell'edificio (di qualsiasi categoria catastale) su cui l'intervento insiste

Ora mi chiedo:
se l'edificio, a fine intervento, subisce una modifica dei un subalterno (soppressione e nuova rinominazione) può essere considerato un nuovo edificio/u.i. ?
UNI 11300....no grazie, non faccio fumo !

girondone
Messaggi: 10658
Iscritto il: ven mar 16, 2007 09:48
Località: SV

Re: Conto termico e accatastamento

Messaggio da girondone »

no credo proprio
una variazione catastale non è nuovo edificio
almeno che no ci siano ampliamenti ecc che comportino il decadere di altri requisiti del conto termico

Avatar utente
NoNickName
Messaggi: 4673
Iscritto il: gio giu 17, 2010 12:17

Re: Conto termico e accatastamento

Messaggio da NoNickName »

Se il subalterno viene cancellato e accatastato a parte come nuova particella (quindi nuovo fabbricato), sì. Per esempio caso classico una stalla o scuderia o un'autorimessa, che prima era una pertinenza e quindi costituiva un subalterno, e poi è diventato edificio indipendente.
Chi si affida ad un professionista “legittimamente attende di ricevere una prestazione diligente, art. 1176 cc”. Non si può esigere che il cliente controlli il lavoro del professionista “quali che siano le sue competenze o qualifiche professionali”.

a_brettyou
Messaggi: 796
Iscritto il: dom ago 16, 2009 08:41

Re: Conto termico e accatastamento

Messaggio da a_brettyou »

NoNickName ha scritto:
lun dic 09, 2019 16:59
Per esempio caso classico una stalla o scuderia o un'autorimessa, che prima era una pertinenza e quindi costituiva un subalterno, e poi è diventato edificio indipendente.
E' sempre un semplice cambio di destinazione d'uso. Nuovo è conseguenza di un intervento secondo art. 3.1.e del dpr 380

Avatar utente
NoNickName
Messaggi: 4673
Iscritto il: gio giu 17, 2010 12:17

Re: Conto termico e accatastamento

Messaggio da NoNickName »

a_brettyou ha scritto:
lun dic 09, 2019 21:29
E' sempre un semplice cambio di destinazione d'uso. Nuovo è conseguenza di un intervento secondo art. 3.1.e del dpr 380
Sono considerate nuove costruzioni "gli interventi pertinenziali che le norme tecniche degli strumenti urbanistici, in relazione alla zonizzazione e al pregio ambientale e paesaggistico delle aree, qualifichino come interventi di nuova costruzione".
Gli uffici tecnici dei comuni sono sempre fonte di sorprese...
Chi si affida ad un professionista “legittimamente attende di ricevere una prestazione diligente, art. 1176 cc”. Non si può esigere che il cliente controlli il lavoro del professionista “quali che siano le sue competenze o qualifiche professionali”.

a_brettyou
Messaggi: 796
Iscritto il: dom ago 16, 2009 08:41

Re: Conto termico e accatastamento

Messaggio da a_brettyou »

Ma qui non siamo in un intervento pertinenziale, a quanto si legge.

Avatar utente
NoNickName
Messaggi: 4673
Iscritto il: gio giu 17, 2010 12:17

Re: Conto termico e accatastamento

Messaggio da NoNickName »

a_brettyou ha scritto:
mar dic 10, 2019 07:33
Ma qui non siamo in un intervento pertinenziale, a quanto si legge.
Mah.... magari l'OP potrebbe fare luce sulla natura di questo subalterno.
Chi si affida ad un professionista “legittimamente attende di ricevere una prestazione diligente, art. 1176 cc”. Non si può esigere che il cliente controlli il lavoro del professionista “quali che siano le sue competenze o qualifiche professionali”.

Rispondi