Ripartizione quota fissa riscaldamento-ACS

Normativa nazionale, contabilizzazione dei consumi, ripartizione delle spese

Moderatore: Edilclima

Rispondi
Foxtrot
Messaggi: 375
Iscritto il: dom apr 03, 2016 00:43

Ripartizione quota fissa riscaldamento-ACS

Messaggio da Foxtrot » ven ott 04, 2019 15:03

Mi chiedo come operate nel caso di unico generatore asservito a più servizi. Nello specifico riscaldamento a ACS. Nella determinazione del consumo involontario di riscaldamento e ACS la 10200:2015 identificava Kcli e Kacs, ora non sono più presenti sulla 10200:2018. La norma consiglia di inserire un contatore sulla derivazione del servizio meno utilizzato (tendenzialmente ACS) e ricavare di conseguenza il consumo relativo al riscaldamento. Cosa che gli amministratori solitamente non fanno. Voi come vi comportate?

Avatar utente
NoNickName
Messaggi: 4101
Iscritto il: gio giu 17, 2010 12:17

Re: Ripartizione quota fissa riscaldamento-ACS

Messaggio da NoNickName » ven ott 04, 2019 16:53

Fai la differenza tra l'acqua di acquedotto entrante e l'acqua fredda sanitaria fornita ai singoli appartamenti, e trovi i m3 di acqua calda.
Chi si affida ad un professionista “legittimamente attende di ricevere una prestazione diligente, art. 1176 cc”. Non si può esigere che il cliente controlli il lavoro del professionista “quali che siano le sue competenze o qualifiche professionali”.

SimoneBaldini
Messaggi: 2357
Iscritto il: mer set 29, 2010 13:42

Re: Ripartizione quota fissa riscaldamento-ACS

Messaggio da SimoneBaldini » ven ott 04, 2019 17:24

Da progettista gli faccio mettere il contabilizzatore, senza se senza ma.

Avatar utente
Lurensh
Messaggi: 149
Iscritto il: sab ott 11, 2014 11:32

Re: Ripartizione quota fissa riscaldamento-ACS

Messaggio da Lurensh » lun ott 07, 2019 10:56

Non è così immediato farsi approvare un contabilizzatore, se non è obbligatorio.
Prendere i consumi medi dei mesi in cui c'è solo consumo di acs (da maggio a settembre) e ripartirli sull'anno dovrebbe darti il consumo abbastanza veritiero legato all'acs.

Avatar utente
NoNickName
Messaggi: 4101
Iscritto il: gio giu 17, 2010 12:17

Re: Ripartizione quota fissa riscaldamento-ACS

Messaggio da NoNickName » lun ott 07, 2019 11:07

Lurensh ha scritto:
lun ott 07, 2019 10:56
Prendere i consumi medi dei mesi in cui c'è solo consumo di acs (da maggio a settembre) e ripartirli sull'anno dovrebbe darti il consumo abbastanza veritiero legato all'acs.
Direi di no. Il consumo di acs estivo è maggiore di quello invernale. A meno che piuttosto del verbo "ripartirli" usi "proiettarli".
Chi si affida ad un professionista “legittimamente attende di ricevere una prestazione diligente, art. 1176 cc”. Non si può esigere che il cliente controlli il lavoro del professionista “quali che siano le sue competenze o qualifiche professionali”.

Foxtrot
Messaggi: 375
Iscritto il: dom apr 03, 2016 00:43

Re: Ripartizione quota fissa riscaldamento-ACS

Messaggio da Foxtrot » lun ott 07, 2019 15:13

Vi ringrazio del contributo. Quello che trovo strano è che una norma piuttosto dettagliata sia carente nel caso di unico generatore asservito a più servizi, situazione che si verifica piuttosto spesso.

La norma recita questo al punto 8.2: in assenza di contatori la valutazione del metodo deve essere effettuata in sede di progetto, in relazione alla complessità dell'impianto ed alla stabilità del calcolo.

A me pare un modo frettoloso per dire: cavoli vostri. :mrgreen:

Avatar utente
Lurensh
Messaggi: 149
Iscritto il: sab ott 11, 2014 11:32

Re: Ripartizione quota fissa riscaldamento-ACS

Messaggio da Lurensh » lun ott 07, 2019 15:47

NoNickName ha scritto:
lun ott 07, 2019 11:07

A meno che piuttosto del verbo "ripartirli" usi "proiettarli".
Si hai ragione, ho scritto velocemente. Io però nei condomini dove si contabilizza l'acs direttamente in CT ho visto che i consumi sono distribuiti in modo abbastanza omogeneo durante l'anno.

SimoneBaldini
Messaggi: 2357
Iscritto il: mer set 29, 2010 13:42

Re: Ripartizione quota fissa riscaldamento-ACS

Messaggio da SimoneBaldini » sab ott 12, 2019 11:47

Non è così immediato farsi approvare un contabilizzatore, se non è obbligatorio.
Prendere i consumi medi dei mesi in cui c'è solo consumo di acs (da maggio a settembre) e ripartirli sull'anno dovrebbe darti il consumo abbastanza veritiero legato all'acs.
Non ti devi far approvare nulla, se ti hanno dato incarico di fare il progetto sei tu a dire cosa serve e cosa non serve. Prendere i consumi estivi non è contabilizzare. La norma diche che in mancanza dei contabilizzatori se la deve sbrigare il progettista, io me la sbrigo dicendo di installarli.

Rispondi