CODICE ANTINCENDIO_OPERE DA COSTRUZIONE

Normativa Antincendio, Rilascio CPI, ecc.

Moderatore: Edilclima

Rispondi
carlton-banks84
Messaggi: 142
Iscritto il: mer nov 12, 2014 14:27

CODICE ANTINCENDIO_OPERE DA COSTRUZIONE

Messaggio da carlton-banks84 » gio giu 13, 2019 18:19

Buonasera, mi trovo a verificare il livello di prestazione per la resistenza al fuoco, per rientrare nel livello II occorre una distanza di separazione da altre opere da costruzione.. qui nasce il mio dubbio poichè lo stabilimento è stato collegato con una palazzina uffici (costruita successivamente) mediante n. due corridoi. Secondo me non è da considerare come altra opera da costruzione, anche a livello catastale è uni unico sub (vedi allegato).
In caso contrario diventa un problema dato che distanza tra i due è inferiore all'altezza del fabbricato.
Attendo Vs considerazioni. grazie
Allegati
PLAN CATASTO unico SUB.pdf
(22.03 KiB) Scaricato 7 volte

GMP
Messaggi: 86
Iscritto il: sab lug 08, 2017 13:01

Re: CODICE ANTINCENDIO_OPERE DA COSTRUZIONE

Messaggio da GMP » gio giu 13, 2019 18:39

(Mia opinione)

Secondo è un'altra opera da costruzione, non c'entra se è un unico sub oppure no, non credo conti molto a livello antincendio, soprattutto per una misura antincendio come la resistenza al fuoco.

Il codice nella tabella S.2-2 per il livello di prestazione II riporta che l'opera da costruzione deve rispettare alcune condizioni, tra le quali ne emerge una che dice:
  • Strutturalmente separate da altre opere da costruzione e tali che l'eventuale cedimento strutturale non arrechi danni alle stesse [...]
Quindi la soluzione conforme per rispettare tale prescrizione è distanziare l'altra opera da costruzione pari ad almeno la massima altezza della tua attività, se questo non è possibile dovresti dimostrare che il cedimento non arrechi danni all'altro fabbricato.

Avevo posto la domanda giusto l'altra giorno, ti lascio il link: viewtopic.php?f=4&t=25397

carlton-banks84
Messaggi: 142
Iscritto il: mer nov 12, 2014 14:27

Re: CODICE ANTINCENDIO_OPERE DA COSTRUZIONE

Messaggio da carlton-banks84 » ven giu 14, 2019 10:45

Intanto grazie della risposta.
Quanto dici è sicuramente corretto, ciò che non mi è chiaro a questo punto è il motivo per cui dovrei preoccuparmi di verificare un eventuale collasso della struttura principale quando dopo 30 minuti ho evacuato tutti i locali di lavoro, come richiesto per il livello di prestazione II.
Per tale motivo ero convinto che per opera da costruzione si intendesse tutto il mio fabbricato essendo afferente ad unico responsabile dell'attività-
chiedo quindi opinioni in merito!=!=!

Detto questo, se così è, dovrò applicare le soluzioni alternative per livello II, tutto fattibile salvo trovarsi a dover applicare le curve naturali di incendio e il capitolo M2 per gli scenari d'incendio.. un bel impegno insomma...
Grazie ancora per chi vorrà esprimersi in merito.

ildubbio
Messaggi: 274
Iscritto il: sab apr 18, 2015 07:59

Re: CODICE ANTINCENDIO_OPERE DA COSTRUZIONE

Messaggio da ildubbio » ven giu 14, 2019 11:07

carlton-banks84 ha scritto:
ven giu 14, 2019 10:45
Quanto dici è sicuramente corretto, ciò che non mi è chiaro a questo punto è il motivo per cui dovrei preoccuparmi di verificare un eventuale collasso della struttura principale quando dopo 30 minuti ho evacuato tutti i locali di lavoro, come richiesto per il livello di prestazione II.
Devi garantire anche la sicurezza delle squadre di soccorso.
forse non hai le condizioni minime per stare nel livello II, dovresti passare al Livello III

ingdtre
Messaggi: 4
Iscritto il: mar giu 04, 2019 12:44

Re: CODICE ANTINCENDIO_OPERE DA COSTRUZIONE

Messaggio da ingdtre » ven giu 14, 2019 11:28

Quoto quanto detto da GMP, con il livello II di prestazione devi comunque verificare che l'eventuale cedimento non arrechi danni ad altre opere da costruzioni. I VVF che catastalmente sia un unico sub credo se ne freghino abbastanza (con tutto il rispetto eh).

Come ho scritto nel topic che ha citato GMP puoi anche verificare il collasso inbound, tenendo presente che devi assicurare la sicurezza delle squadre di soccorso.

carlton-banks84
Messaggi: 142
Iscritto il: mer nov 12, 2014 14:27

Re: CODICE ANTINCENDIO_OPERE DA COSTRUZIONE

Messaggio da carlton-banks84 » ven giu 14, 2019 12:50

ildubbio ha scritto:
ven giu 14, 2019 11:07
carlton-banks84 ha scritto:
ven giu 14, 2019 10:45
Quanto dici è sicuramente corretto, ciò che non mi è chiaro a questo punto è il motivo per cui dovrei preoccuparmi di verificare un eventuale collasso della struttura principale quando dopo 30 minuti ho evacuato tutti i locali di lavoro, come richiesto per il livello di prestazione II.
Devi garantire anche la sicurezza delle squadre di soccorso.
forse non hai le condizioni minime per stare nel livello II, dovresti passare al Livello III
Ho necessità di restare in livello II per questioni di resistenza al fuoco delle strutture portanti, portarle a REI 90 o 120 (come da relativi carichi di incendio) comporterebbe un investimento assai oneroso.
Vi faccio un ulteriore domanda: dato che la verifica della distanza di separazione nasce per evitare il coinvolgimento di altri edifici posti nelle vicinanza alla mia attività, e dal momento che, come compartimentazione, riesco a rispettare sia la definizione di spazio scoperto che la distanza di separazione usando metodo tabellare per piastre radianti. non ho modo di considerare unico edificio ed evitarmi il discorso d>hmax?? scusate se mi sono espresso malino :mrgreen:

carlton-banks84
Messaggi: 142
Iscritto il: mer nov 12, 2014 14:27

Re: CODICE ANTINCENDIO_OPERE DA COSTRUZIONE

Messaggio da carlton-banks84 » ven giu 14, 2019 12:52

Il succo è questo: nella compartimentazione (S.3) non mi viene più richiesto il requisito della distanza di sep > dell'altezza max dell'edificio..

GMP
Messaggi: 86
Iscritto il: sab lug 08, 2017 13:01

Re: CODICE ANTINCENDIO_OPERE DA COSTRUZIONE

Messaggio da GMP » ven giu 14, 2019 13:43

carlton-banks84 ha scritto:
ven giu 14, 2019 12:52
Il succo è questo: nella compartimentazione (S.3) non mi viene più richiesto il requisito della distanza di sep > dell'altezza max dell'edificio..
Sicuramente nel capitolo S.3 non viene più richiesto perchè ti viene già prescritto nel capitolo S.2.

Nel capitolo della compartimentazione non devi verificare come e se avviene il collasso della struttura e se la sua caduta provochi danni o meno alle altre strutture, ma devi valutare la distanza di separazione, che in quel caso serve per limitare la propagazione dell'incendio dalla tua attività ad un altro fabbricato.

Con il metodo tabellare oppure analitico non fai altro che determinare una distanza di separazione oltre la quale il tuo bersaglio riceve un'irraggiamento < 12,60 kw/m2 (Cap. S.3.8 ).

Secondo me sono due cose separate, il tuo fabbricato per il capitolo della compartimentazione è correttamente distanziato da altre opere, quindi un eventuale incendio non si propagherebbe in quello prospiciente.

Nonostate ciò per il capitolo S.2 resistenza al fuoco non va bene, in quanto, salvo valutazioni specifiche, essendo distanziato dall'altro edificio in misura inferiore alla sua massima altezza un eventuale crollo potrebbe arrecare danni.

carlton-banks84
Messaggi: 142
Iscritto il: mer nov 12, 2014 14:27

Re: CODICE ANTINCENDIO_OPERE DA COSTRUZIONE

Messaggio da carlton-banks84 » ven giu 14, 2019 14:27

Tocca darti ragione :( :mrgreen:

carlton-banks84
Messaggi: 142
Iscritto il: mer nov 12, 2014 14:27

Re: CODICE ANTINCENDIO_OPERE DA COSTRUZIONE

Messaggio da carlton-banks84 » ven giu 14, 2019 14:48

GMP ha scritto:
ven giu 14, 2019 13:43
carlton-banks84 ha scritto:
ven giu 14, 2019 12:52
Il succo è questo: nella compartimentazione (S.3) non mi viene più richiesto il requisito della distanza di sep > dell'altezza max dell'edificio..
Sicuramente nel capitolo S.3 non viene più richiesto perchè ti viene già prescritto nel capitolo S.2.

Nel capitolo della compartimentazione non devi verificare come e se avviene il collasso della struttura e se la sua caduta provochi danni o meno alle altre strutture, ma devi valutare la distanza di separazione, che in quel caso serve per limitare la propagazione dell'incendio dalla tua attività ad un altro fabbricato.

Con il metodo tabellare oppure analitico non fai altro che determinare una distanza di separazione oltre la quale il tuo bersaglio riceve un'irraggiamento < 12,60 kw/m2 (Cap. S.3.8 ).

Secondo me sono due cose separate, il tuo fabbricato per il capitolo della compartimentazione è correttamente distanziato da altre opere, quindi un eventuale incendio non si propagherebbe in quello prospiciente.

Nonostate ciò per il capitolo S.2 resistenza al fuoco non va bene, in quanto, salvo valutazioni specifiche, essendo distanziato dall'altro edificio in misura inferiore alla sua massima altezza un eventuale crollo potrebbe arrecare danni.
Ultimo chiarimento: a questo punto potrebbe essere conveniente collegare i due corpi fabbrica e provare a dimostrare che si tratta di un solo edificio (prolungamento facciate con "finte pareti".. lo so è una castroneria poichè a livello sostanziale non cambia nulla, mah a livello procedurale si...

GMP
Messaggi: 86
Iscritto il: sab lug 08, 2017 13:01

Re: CODICE ANTINCENDIO_OPERE DA COSTRUZIONE

Messaggio da GMP » ven giu 14, 2019 15:04

Potresti avere i due edifici adiacenti ed applicare ad entrambi un livello di prestazione II.

sempre nella discussione che ti avevo postato ieri, ingdtre aveva proposto una soluzione pratica, cioè: fai un bel muro di cls armato REI 120 di separazione tra le attività e proteggi i pilastri (pericolosi effetti del secondo ordine e quindi di instabilità sotto incendio).

carlton-banks84
Messaggi: 142
Iscritto il: mer nov 12, 2014 14:27

Re: CODICE ANTINCENDIO_OPERE DA COSTRUZIONE

Messaggio da carlton-banks84 » ven giu 14, 2019 15:57

Occorre cmq passare dal calcolo della progettazione prestazionale prima di corretto?

Rispondi