Flusso costante

Normativa Termotecnica, Impianti di riscaldamento, Legge 10/91, DLgs 192/05, ecc.

Moderatore: Edilclima

Rispondi
paoloangelo0611
Messaggi: 128
Iscritto il: lun nov 13, 2017 16:39

Flusso costante

Messaggio da paoloangelo0611 » sab apr 13, 2019 18:37

buona sera , vorrei un consiglio sù come risolvere un problema:
Aprendo un rubinetto di acqua fredda ad esempio del lavandino , l'acqua ha un flusso abbastanza regolare ma se apro un altro rubinetto , il flusso inizia ad essere più scarso (ovviamente in entrambi i rubinetti) se ne apro un terzo ancora peggio.

Per evitare questo inconveniente , mi è stato suggerito di aumentare la pressione , ma se aumento la pressione quando apro un solo rubinetto non diventa troppo elevata?

Pensavo di mettere una pompa ad inverter per sistemare questa cosa è giusta come soluzione? 

Che mi consigliate?

grazie 

paoloangelo0611
Messaggi: 128
Iscritto il: lun nov 13, 2017 16:39

Re: Flusso costante

Messaggio da paoloangelo0611 » mer apr 17, 2019 20:46

Consigli?
Grazie

Avatar utente
NoNickName
Messaggi: 3941
Iscritto il: gio giu 17, 2010 12:17

Re: Flusso costante

Messaggio da NoNickName » gio apr 18, 2019 00:12

Pompa ad inverter per rilanciare l'acqua potabile? Piuttosto un autoclave.
Tuttavia non è corretto compensare una scarsa portata con un aumento di pressione, si rischiano colpi d'ariete alla chiusura.
Chi si affida ad un professionista “legittimamente attende di ricevere una prestazione diligente, art. 1176 cc”. Non si può esigere che il cliente controlli il lavoro del professionista “quali che siano le sue competenze o qualifiche professionali”.

paolo m
Messaggi: 467
Iscritto il: sab ott 03, 2009 11:41

Re: Flusso costante

Messaggio da paolo m » gio apr 18, 2019 09:40

La pompa ad inverter è una soluzione moderna che convenientemente può sostituire in molti casi il classico autoclave con serbatoio. Per il resto concordo che probabilmente non è la soluzione per il caso prospettato. Da quanto si può supporre si tratta di un problema riconducibile ad una eccessiva perdita di carico delle condutture a monte delle utenze. Siano esse perdite distribuite (tubi di ridotto diametro) o concentrate, comportano una limitazione della portata. Non è da escludere anche che le perdite di carico siano incrementate da incrostazioni che si sono depositate nelle tubazioni o nei dispositivi a monte delle utenze.

Rispondi