Raffrescamento capannone a tutt'aria

Normativa Termotecnica, Impianti di riscaldamento, Legge 10/91, DLgs 192/05, ecc.

Moderatore: Edilclima

Rispondi
christian619
Messaggi: 984
Iscritto il: mar giu 16, 2009 18:28

Raffrescamento capannone a tutt'aria

Messaggio da christian619 » gio ott 11, 2018 18:38

Sto facendo una valutazione per raffrescare un capannone
con isolamento medio-basso;
ho molti vincoli in termini di spazio su:
- passaggio canali
- UTA

Sarei arrivato a pensare un impianto così:

- Superficie capannone: 10.000 mq
- Volume capannone: 60.000 mc
- Potenza frigorifera erogata all'ambiente: 525 kW pari a 8,75 Wf/mc
- Portata UTA: 150.000 mc/h pari a 2,5 volumi ora
- mandata con canali microforati a vista
- impianto a tutt'aria a tutto ricircolo senza prendere aria esterna

L'impianto costa una bella cifra. Quello che mi preoccupa e che non
ha i parametri medi di progetto che si usano di solito ossia:

- 20 Wf/mc
- portata = 6 Volumi

Non vorrei far spendere una cifra importante per poi avere un impianto
poco potente. Di più però non posso fare
o così o niente.

Cosa ne pensate?

Ronin
Messaggi: 3268
Iscritto il: sab giu 20, 2009 12:57

Re: Raffrescamento capannone a tutt'aria

Messaggio da Ronin » gio ott 11, 2018 19:13

È alto 6 m. Il raffrescamento per quale motivo viene fatto? (Perché lo richiede il processo, il prodotto stoccato o le persone?)

Tom Bishop
Messaggi: 1609
Iscritto il: mar dic 30, 2008 17:13

Re: Raffrescamento capannone a tutt'aria

Messaggio da Tom Bishop » ven ott 12, 2018 05:27

Su volumi così importanti, secondo me, il risultato a cui sei arrivato è congruo.
Tom Bishop

arkanoid
Messaggi: 2886
Iscritto il: ven ago 31, 2007 08:51

Re: Raffrescamento capannone a tutt'aria

Messaggio da arkanoid » ven ott 12, 2018 10:46

Secondo me con 2,5 vol/h sei un po' basso per l'altezza che hai. Per avere buona miscelazione di solito non scendo sotto i 4 vol/h. Fondamentale è la distribuzione degli ostacoli (scaffalature etc).
redigere redigere redigere

christian619
Messaggi: 984
Iscritto il: mar giu 16, 2009 18:28

Re: Raffrescamento capannone a tutt'aria

Messaggio da christian619 » ven ott 12, 2018 11:02

Per il benessere degli operai.

So che sarebbe consigliabile salire con i ricircoli d'aria ma tecnicamente non mi è possibile.
Speravo che l'uso del microforato potesse compensare qualcosa.

Posso solo decidere se farlo così o non farlo..... :?

L'Enzo
Messaggi: 324
Iscritto il: mar ago 28, 2007 20:34

Re: Raffrescamento capannone a tutt'aria

Messaggio da L'Enzo » ven ott 12, 2018 13:05

un conto è la portata della UTA, un conto è la movimentazione aria ambiente che fa il canale microforato metallico, ben diversa.

Avatar utente
NoNickName
Messaggi: 3677
Iscritto il: gio giu 17, 2010 12:17

Re: Raffrescamento capannone a tutt'aria

Messaggio da NoNickName » ven ott 12, 2018 13:42

Se hai disponibilità di acqua, e non ci sono problemi di legionellosi, puoi tentare la strada del raffreddamento evaporativo adiabatico.

Ronin
Messaggi: 3268
Iscritto il: sab giu 20, 2009 12:57

Re: Raffrescamento capannone a tutt'aria

Messaggio da Ronin » mar ott 16, 2018 09:19

christian619 ha scritto:
ven ott 12, 2018 11:02
Posso solo decidere se farlo così o non farlo..... :?
se è per gli operai andrà bene, quelli mica occupano tutto il volume. ma il capannone è ancora da realizzare? se il pavimento non è fatto si potrebbe anche andare sul radiante

christian619
Messaggi: 984
Iscritto il: mar giu 16, 2009 18:28

Re: Raffrescamento capannone a tutt'aria

Messaggio da christian619 » mer nov 14, 2018 19:10

Non riesco a togliermi un dubbio di natura concettuale.

Se faccio un'impianto a tutto ricircolo d'aria il mio punto di ingresso nella UTA peri calcolo è 25°C e 60% di umidità e non i valori di T e UR esterna;
Quindi la potenza sensibile che do in con imissione a 16°C sarà:
150.000 mc/h x 0,29/860 x (25-16) = 455 kW

Il mio dubbio è: 25°C lo uso per il calcolo della potenza abbattuta ma ci arriverò a 25°C se all'interno del capannone ho sempre rilevato 28°C di temperatura?

christian619
Messaggi: 984
Iscritto il: mar giu 16, 2009 18:28

Re: Raffrescamento capannone a tutt'aria

Messaggio da christian619 » mer nov 14, 2018 19:59

In altre parole nel calcolare un'UTA a tutto ricircolo posso calcolare la potenza avendo come dati termoigrometrici di ingresso quelli obiettivo?

Avatar utente
NoNickName
Messaggi: 3677
Iscritto il: gio giu 17, 2010 12:17

Re: Raffrescamento capannone a tutt'aria

Messaggio da NoNickName » mer nov 14, 2018 20:18

Il calcolo non si fa presupponendo quale possa essere la temperatura di mandata, o meglio puoi controverificarlo, ma il fabbisogno di potenza si calcola a partire da carichi endogeni e esogeni.
Prima fai la verifica dell'involucro. Poi sommi la potenza elettrica dei carichi interni, più il contributo di evapotraspirazione.
Attenzione alla dinamica, perchè se parti con 28° al mattino alle 8, a 25° ci arrivi sì, ma magari alle tre del pomeriggio, quando oramai è troppo tardi, e due ore dopo ti spengono l'impianto.

christian619
Messaggi: 984
Iscritto il: mar giu 16, 2009 18:28

Re: Raffrescamento capannone a tutt'aria

Messaggio da christian619 » mer nov 14, 2018 22:18

Il fabbisogno di Potenza lo calcolato come dici tu ed è 450 kw. Ora devo dimensionare un uta a tutto ricircolo... in teoria il punto iniziale della trasformazione sullo psicrometrico e' 25 gradi perché non prendo aria da fuori....
A me piacerebbe capire a questo 25 gradi stazionario dopo quanto ci arrivo e la Potenza della batteria fredda dell'uta

Avatar utente
NoNickName
Messaggi: 3677
Iscritto il: gio giu 17, 2010 12:17

Re: Raffrescamento capannone a tutt'aria

Messaggio da NoNickName » gio nov 15, 2018 08:23

christian619 ha scritto:
mer nov 14, 2018 22:18
A me piacerebbe capire a questo 25 gradi stazionario dopo quanto ci arrivo
Con coolprop puoi simulare l'andamento asintotico della temperatura. Tecnicamente non ci arriverai mai, perchè all'avvicinarsi della temperatura al setpoint, l'uta comincerà a regolare. Dipende anche da quale temperatura parti.
Io ho fatto un software di simulazione che calcola le condizioni cicliche. Posso simularlo per te se vuoi.
christian619 ha scritto:
mer nov 14, 2018 22:18
e la Potenza della batteria fredda dell'uta
Se il tuo carico è 450kW, la potenza della batteria fredda dell'UTA è 450kW, in condizioni stazionarie.

danilo2
Messaggi: 1511
Iscritto il: ven dic 21, 2007 14:22

Re: Raffrescamento capannone a tutt'aria

Messaggio da danilo2 » gio nov 15, 2018 10:00

Ciao Christian, capisco perfettamente il tuo dubbio. Provo a darti un contributo. Avrai utilizzato un SW per il calcolo dei carichi estivi, più o meno raffinato, e il carico che hai stimato vale nell'ora più calda del 21 luglio (di solito nel nord Italia). In questi calcoli hai fissato la T interna che hai indicato in 25°C (e immagino UR 50%); quella sarà anche la temperatura di ingresso aria della batteria della UTA, la quale dovrà fornire la potenza estiva che hai calcolato tu e che in assenza di ricircolo avrà aria in ingresso 25°C e UR 50%. Petanto il calcolo che hai fatto è corretto.
In effetti 8 W/m³ mi pare un po basso, prova a verificare bene il calcolo della potenza (hai messo in ogni caso un ricambio di aria esterna? Forse hai pochissime finestre?).
Sul famoso 6 Vol/h, è un dato che si usava una volta come indicazione, oggi è effettivamente superato. Concentrati di più sulla distribuzione aria, con i dati di portata aria controlla che il tuo terminale di distribuzione distribuisca aria nella zona occupata con una velocità aria intorno ai 0,2 m/s (è un dato che i produttori seri forniscono in funzione dle terminale e dell'altezza di installazione).
theo62chiocciolinavirgilio.it

christian619
Messaggi: 984
Iscritto il: mar giu 16, 2009 18:28

Re: Raffrescamento capannone a tutt'aria

Messaggio da christian619 » gio nov 15, 2018 12:39

danilo2 ha scritto:
gio nov 15, 2018 10:00
Ciao Christian, capisco perfettamente il tuo dubbio. Provo a darti un contributo. Avrai utilizzato un SW per il calcolo dei carichi estivi, più o meno raffinato, e il carico che hai stimato vale nell'ora più calda del 21 luglio (di solito nel nord Italia). In questi calcoli hai fissato la T interna che hai indicato in 25°C (e immagino UR 50%); quella sarà anche la temperatura di ingresso aria della batteria della UTA, la quale dovrà fornire la potenza estiva che hai calcolato tu e che in assenza di ricircolo avrà aria in ingresso 25°C e UR 50%. Petanto il calcolo che hai fatto è corretto.
In effetti 8 W/m³ mi pare un po basso, prova a verificare bene il calcolo della potenza (hai messo in ogni caso un ricambio di aria esterna? Forse hai pochissime finestre?).
Sul famoso 6 Vol/h, è un dato che si usava una volta come indicazione, oggi è effettivamente superato. Concentrati di più sulla distribuzione aria, con i dati di portata aria controlla che il tuo terminale di distribuzione distribuisca aria nella zona occupata con una velocità aria intorno ai 0,2 m/s (è un dato che i produttori seri forniscono in funzione dle terminale e dell'altezza di installazione).
Si ho usato EDILCLIMA... grazie per il tuo contributo sull'aria in ingresso all'UTA.... per migliorare la distribuzione userò canali microforati...

christian619
Messaggi: 984
Iscritto il: mar giu 16, 2009 18:28

Re: Raffrescamento capannone a tutt'aria

Messaggio da christian619 » gio nov 15, 2018 12:40

NoNickName ha scritto:
gio nov 15, 2018 08:23
christian619 ha scritto:
mer nov 14, 2018 22:18
A me piacerebbe capire a questo 25 gradi stazionario dopo quanto ci arrivo
Con coolprop puoi simulare l'andamento asintotico della temperatura. Tecnicamente non ci arriverai mai, perchè all'avvicinarsi della temperatura al setpoint, l'uta comincerà a regolare. Dipende anche da quale temperatura parti.
Io ho fatto un software di simulazione che calcola le condizioni cicliche. Posso simularlo per te se vuoi.
christian619 ha scritto:
mer nov 14, 2018 22:18
e la Potenza della batteria fredda dell'uta
Se il tuo carico è 450kW, la potenza della batteria fredda dell'UTA è 450kW, in condizioni stazionarie.
Se il tuo carico è 450kW, la potenza della batteria fredda dell'UTA è 450kW, in condizioni stazionarie -> questo se ricircolo completamente l'aria interna...

christian619
Messaggi: 984
Iscritto il: mar giu 16, 2009 18:28

Re: Raffrescamento capannone a tutt'aria

Messaggio da christian619 » gio nov 15, 2018 12:44

Quello che mi piacerebbe riuscire a calcolare è questo:

- io l'UTA la dimensiono a tutto ricircolo e quindi i conti li faccio con Tiniziale = 25°C e URiniziale = 50% ma facendo dei rilievi nel capannone d'estate avevo internamente 27°C 90% di umidità.... dopo quanto tempo con un UTA con batteria da 450 kW riesco ad arrivare a 25°C 50%?

Come impostereste tale calcolo?

Avatar utente
NoNickName
Messaggi: 3677
Iscritto il: gio giu 17, 2010 12:17

Re: Raffrescamento capannone a tutt'aria

Messaggio da NoNickName » gio nov 15, 2018 13:38

christian619 ha scritto:
gio nov 15, 2018 12:44
Quello che mi piacerebbe riuscire a calcolare è questo:

- io l'UTA la dimensiono a tutto ricircolo e quindi i conti li faccio con Tiniziale = 25°C e URiniziale = 50% ma facendo dei rilievi nel capannone d'estate avevo internamente 27°C 90% di umidità.... dopo quanto tempo con un UTA con batteria da 450 kW riesco ad arrivare a 25°C 50%?

Come impostereste tale calcolo?
Se in ambiente hai 27 90%, la resa della batteria dell'UTA è superiore a 450kW, perchè il dt logaritmico tra i fluidi a cavallo della batteria è maggiore.
La resa è 450kW una volta che hai raggiunto il target.

christian619
Messaggi: 984
Iscritto il: mar giu 16, 2009 18:28

Re: Raffrescamento capannone a tutt'aria

Messaggio da christian619 » gio nov 15, 2018 14:48

NoNickName ha scritto:
gio nov 15, 2018 13:38
christian619 ha scritto:
gio nov 15, 2018 12:44
Quello che mi piacerebbe riuscire a calcolare è questo:

- io l'UTA la dimensiono a tutto ricircolo e quindi i conti li faccio con Tiniziale = 25°C e URiniziale = 50% ma facendo dei rilievi nel capannone d'estate avevo internamente 27°C 90% di umidità.... dopo quanto tempo con un UTA con batteria da 450 kW riesco ad arrivare a 25°C 50%?

Come impostereste tale calcolo?
Se in ambiente hai 27 90%, la resa della batteria dell'UTA è superiore a 450kW, perchè il dt logaritmico tra i fluidi a cavallo della batteria è maggiore.
La resa è 450kW una volta che hai raggiunto il target.
E qui che mi incasino nei conti... io non faccio una trasformazione da 27°C 90% a 16°C (temperatura di imissione), io faccio il calcolo ha regime ipotizzando di mantenere 25°C 50% (tempertaura di ingresso in UTA).... ma da 27°C 90% a 25°C 50% quanto tempo ci metto con 450 kW.....


Provo a buttare giù un conto:

Volume ambiente = 60.000 mc
in kg aria = 60.000 x 1,2 = 72.000 kg/aria
energia per passare da 27°C - 90% a 25°C-50% = 72.000 kg/aria x (19-12) Kcal/kg = 504.000 kcal = 586 kWh

Il calcolo vale se il sistema fosse chiuso ma mettiamo che al mattino prima che ci sia il carico estivo (o di notte)
io somministro 450 kW di potenza all'ambiente che in circa 1h e 30 si porta da 27°C - 90% a 25°C - 50%

Ora l'UTA potrà partire da 25°C 50% e quando il carico estivo "arriverà" le condizioni di partenza saranno quelle di progetto....
ragionata così mi pare che funzioni..

Pareri?

Nota: sono in un caso che non ho problemi a lasciare l'impianto di raffrescamento sempre accesso...

Avatar utente
NoNickName
Messaggi: 3677
Iscritto il: gio giu 17, 2010 12:17

Re: Raffrescamento capannone a tutt'aria

Messaggio da NoNickName » gio nov 15, 2018 16:30

Più o meno, salvo che non hai considerato che la batteria a 27 90% rende più di 450kW. Quanto? Dipende dalle caratteristiche geometriche della batteria. Quindi ci vorrà meno di 1h30.
Inoltre se il tuo setpoint è 25°C, a 25°C l'UTA è spenta.

Ronin
Messaggi: 3268
Iscritto il: sab giu 20, 2009 12:57

Re: Raffrescamento capannone a tutt'aria

Messaggio da Ronin » gio nov 15, 2018 18:51

NoNickName ha scritto:
gio nov 15, 2018 16:30
Quindi ci vorrà meno di 1h30.
così sarebbe se il capannone fosse una scatola ermetica perfettamente opaca e circondata da muri di conducibilità nulla e capacità infinita :mrgreen:
nella realtà per avere una stima realistica devi supporre quali saranno le condizioni esterne nel momento in cui accendi l'impianto, e valutare il valore delle rientrate termiche (per irraggiamento dalla vetratura, ad es.): queste faranno sì che una quota dei 450 kW della batteria andrà "consumata" per pareggiarle, e allungheranno di conseguenza il tempo che effettivamente si impiegherà ad andare a regime (è intuitivo che accendere l'impianto alle 7 di un mattino di maggio richiederà molto meno tempo per andare a regime che farlo alle 14 di un pomeriggio di luglio...)

PS: per quanto piccola, a rigore dalla potenza della batteria fredda andrebbe anche tolta la potenza elettrica del ventilatore, che finirà tutta in dissipazione di calore, ma sono sottigliezze

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 18 ospiti