Caso strano

Normativa Europea, Nazionale e Regionale sulla classificazione e certificazione energetica degli edifici, accreditamento tecnici, ecc.

Moderatore: Edilclima

Rispondi
fabbretto
Messaggi: 197
Iscritto il: sab feb 14, 2009 12:12

Caso strano

Messaggio da fabbretto » gio mag 03, 2018 22:36

Ciao a tutti.

Devo redigere un APE per una villetta così sistemata:
- Installata nuova caldaia qualche giorno fa ma, ovviamente, non ancora messa in servizio. Il libretto ancora non c'è e verrà compilato a novembre con l'accensione dell'impianto. Nel calcolo, secondo voi, l'edificio lo devo trattare come privo di impianto (quindi calcolo simulato) o considero la caldaia reale?
- E' presente anche un impianto split ma non hanno il libretto. Dovrò farlo compilare pagando un manutentore?

Grazie.

Avatar utente
NoNickName
Messaggi: 3890
Iscritto il: gio giu 17, 2010 12:17

Re: Caso strano

Messaggio da NoNickName » gio mag 03, 2018 23:30

1) La caldaia c'è, quindi l'impianto è completo.
2) Il libretto è obbligatorio, sempre che non ricada nei casi di esenzione per quantità di refrigerante.
Chi si affida ad un professionista “legittimamente attende di ricevere una prestazione diligente, art. 1176 cc”. Non si può esigere che il cliente controlli il lavoro del professionista “quali che siano le sue competenze o qualifiche professionali”.

L'Enzo
Messaggi: 362
Iscritto il: mar ago 28, 2007 20:34

Re: Caso strano

Messaggio da L'Enzo » ven mag 04, 2018 08:42

NON E' STRANO...penso che in centinaia sia capitato un caso così.

Il mio suggerimento è far compilare il libretto completo per caldaia e split e poi fare APE.

N.B. a seconda della Regione in cui ti trovi potrebbero esserci FAQ e/o richieste specifiche in merito.

mat
Messaggi: 2841
Iscritto il: lun gen 26, 2009 17:07

Re: Caso strano

Messaggio da mat » ven mag 04, 2018 11:45

A me risulta che i libretti vadano predisposti all'atto del collaudo dell'impianto (leggi: emissione DiCo).
Smentitemi nel caso, grazie.

Rispondi