Attività 70?

Normativa Antincendio, Rilascio CPI, ecc.

Moderatore: Edilclima

Rispondi
jugulo
Messaggi: 887
Iscritto il: mar apr 10, 2007 14:10

Attività 70?

Messaggio da jugulo » ven lug 08, 2016 12:51

Ciao a tutti,
Attività 70.2.C : Locali adibiti a depositi con quantitativi di merci e materiali combustibili superiori complessivamente a 5000 kg, di superficie lorda superiore a 3000 mq.

Nei 5000 kg sono compresi serbatoi con olio per il funzionamento di apparecchiature di processo?
Esempio : ho una fresatrice che ha un serbatoio da 500 l di olio emulsionante. Lo conto?

Grazie

deby
Messaggi: 19
Iscritto il: lun lug 25, 2016 15:56

Re: Attività 70?

Messaggio da deby » ven lug 29, 2016 15:20

l'olio emulsionante è un combustibile.quindi direi di sì.
ciao

Terminus
Messaggi: 6952
Iscritto il: ven mar 30, 2007 17:40
Località: Umbria

Re: Attività 70?

Messaggio da Terminus » ven lug 29, 2016 15:23

Direi che se c'è apparecchiatura di processo, non potrebbe parlarsi strettamente di locali adibiti a deposito.
Si tratterebbe di reparto produttivo con annesso eventuale deposito.

gattor4
Messaggi: 34
Iscritto il: ven gen 22, 2016 16:43

Re: Attività 70?

Messaggio da gattor4 » gio giu 14, 2018 07:59

ho un caso simile di un'azienda che intende installare nel capannone una pressa idraulica, che al suo interno presenta un serbatoio di contenimento dell'olio pari a 8000 litri (vi sono altri 2000 litri circa distribuiti nei circuiti oleodinamici della macchina stessa). il fabbricante della macchina scrive, nelle procedure di installazione, di creare una vasca di contenimento dell'olio da 10000 litri da collocare sotto il gruppo di pompaggio, in modo da contenere eventuali perdite- il capannone è di circa 1900-2000 mq, attualmente dichiarato con carico d'incendio pari a 0.

Ho il dubbio se considerare questo intervento come nuova attività soggetta, e/o se occorre tenere conto dell’olio al suo interno quando si fa il calcolo del carico d’incendio-
La macchina è di nuova costruzione ed è marcata CE secondo la Direttiva Macchine.
grazie

Avatar utente
weareblind
Messaggi: 570
Iscritto il: gio lug 30, 2009 09:49

Re: Attività 70?

Messaggio da weareblind » gio giu 14, 2018 09:03

Per il calcolo del carico di incendio si. Per la determinazione della attività, come fosse un deposito olio no.
Anche se un funzionario lombardo ha fatto un quesito alla direzione regionale su centraline oleodinamiche oltre 1.000 l, domandando se è attività 12 (che per me è no a livello più che manifesto, ma tant'è), la direzione ha risposto di si, ha mandato quesito a Roma, e anche Roma ha risposto di si. Io però vado avanti per i fatti miei.

Terminus
Messaggi: 6952
Iscritto il: ven mar 30, 2007 17:40
Località: Umbria

Re: Attività 70?

Messaggio da Terminus » gio giu 14, 2018 09:52

Puoi fornire gli estremi della nota di risposta ?
Come regolamentare altrimenti questi quantitativi di combustibile ?

Avatar utente
weareblind
Messaggi: 570
Iscritto il: gio lug 30, 2009 09:49

Re: Attività 70?

Messaggio da weareblind » gio giu 14, 2018 11:25

E non posso Terminus... è di un cliente singolo. Uhm uhm fammi vedere se sbianchetto un po' tutto se è ancora leggibile.
Rispetto alla normativa però io problemi non ne vedo. Ovvero: si al carico di incendio (ovviamente, se brucia il reparto brucia pure l'olio dentro le macchine), no al deposito (perché in italiano un deposito è un deposito, e una componente di una macchina operatrice è una componente di una macchina operatrice è una componente di una macchina operatrice, come disse Gertrude Stein).

Avatar utente
weareblind
Messaggi: 570
Iscritto il: gio lug 30, 2009 09:49

Re: Attività 70?

Messaggio da weareblind » gio giu 14, 2018 11:39

Dunque, allego file con risposte in ordine cronologico, dal più recente (Direttore generale, che concorda e tra l'altro tira pure le orecchie perché il CTR bastava), al medio (CTR, che concorda), al meno (funzionario proponente, che concorda pure lui), per cui le oleodinamiche di questa specifica categoria industriale (che vi ho tolto io), se sopra i 1.000 l, sono attività soggette (12). Parliamo di olio dentro una macchina. Macchina specifica, in questo caso, ma se vale per quella macchina... vale per tutte.
Allegati
Documento1.pdf
(397.29 KiB) Scaricato 13 volte

gattor4
Messaggi: 34
Iscritto il: ven gen 22, 2016 16:43

Re: Attività 70?

Messaggio da gattor4 » gio giu 14, 2018 11:51

In merito alla assoggetabilità ho posto il quesito al Comando, e sono in attesa di risposta.
Nel fare il calcolo del carico d'incendio, per ridurre il fattore di partecipazione considero però l'olio contenuto in recipiente non combustibile (coef PSI = 0,85), dato che nelle normali condizioni di lavoro esso è custodito all'interno del serbatoio (in acciaio) della pressa e nei relativi circuiti, corretto?

Terminus
Messaggi: 6952
Iscritto il: ven mar 30, 2007 17:40
Località: Umbria

Re: Attività 70?

Messaggio da Terminus » gio giu 14, 2018 12:37

weareblind ha scritto:
gio giu 14, 2018 11:25
E non posso Terminus... è di un cliente singolo. Uhm uhm fammi vedere se sbianchetto un po' tutto se è ancora leggibile.
Rispetto alla normativa però io problemi non ne vedo. Ovvero: si al carico di incendio (ovviamente, se brucia il reparto brucia pure l'olio dentro le macchine), no al deposito (perché in italiano un deposito è un deposito, e una componente di una macchina operatrice è una componente di una macchina operatrice è una componente di una macchina operatrice, come disse Gertrude Stein).
Grazie weare
Rimane la questione: se non la 12, allora a cosa assimilare queste situazioni, dove non si ha un'attività a cappello ?
Lasciarle senza controllo mi sembra inopportuno.

Terminus
Messaggi: 6952
Iscritto il: ven mar 30, 2007 17:40
Località: Umbria

Re: Attività 70?

Messaggio da Terminus » gio giu 14, 2018 12:39

gattor4 ha scritto:
gio giu 14, 2018 11:51
In merito alla assoggetabilità ho posto il quesito al Comando, e sono in attesa di risposta.
Nel fare il calcolo del carico d'incendio, per ridurre il fattore di partecipazione considero però l'olio contenuto in recipiente non combustibile (coef PSI = 0,85), dato che nelle normali condizioni di lavoro esso è custodito all'interno del serbatoio (in acciaio) della pressa e nei relativi circuiti, corretto?
Direi di si.
Anche se il fluido idraulico in pressione è una bruttissima bestia.....

gattor4
Messaggi: 34
Iscritto il: ven gen 22, 2016 16:43

Re: Attività 70?

Messaggio da gattor4 » gio giu 14, 2018 16:09

Anche il Comando, con risposta informale, ritiene essere attività non soggetta in quanto l'olio fa parte dell'apparecchiatura stessa. In merito al carico d'incendio invece occorre ovviamente tenerne conto.

Nel mio caso l'installazione della macchina è sotto una tettoia chiusa su tre lati (aperta sul lato lungo frontale davanti), secondo voi nel calcolo del carico d'incendio è corretto tenere conto del fattore di riduzione (0.9) dovuto alla presenza di sistema automatico di smaltimento fumo e calore (costituito in realtà dal fronte libero della tettoia)?
grazie

Avatar utente
weareblind
Messaggi: 570
Iscritto il: gio lug 30, 2009 09:49

Re: Attività 70?

Messaggio da weareblind » gio giu 14, 2018 20:40

Terminus ha scritto:
gio giu 14, 2018 12:37

Grazie weare
Rimane la questione: se non la 12, allora a cosa assimilare queste situazioni, dove non si ha un'attività a cappello ?
Lasciarle senza controllo mi sembra inopportuno.
Ma no, perché, perché SEMPRE controlli, sono adulto e vaccinato!

Terminus
Messaggi: 6952
Iscritto il: ven mar 30, 2007 17:40
Località: Umbria

Re: Attività 70?

Messaggio da Terminus » gio giu 14, 2018 23:16

weareblind ha scritto:
gio giu 14, 2018 20:40
Ma no, perché, perché SEMPRE controlli, sono adulto e vaccinato!
Considerazioni quasi-notturne....
I datori di lavoro ed i titolari in generale sono assai restii a fare qualsiasi cosa senza la spada di Damocle di controlli e soprattutto sanzioni......
Perchè quindi assoggettare ?
Perchè magari il titolare, senza la minaccia dei VVF, neanche un paio di estintori ci mette a fianco della centralina dell'olio idraulico della pressa da 2000 tonnellate..... il tutto assecondato dallo splendido documento di valutazione dei rischi di 2546 pagine, stampato in 16 milioni di colori e scritto in copincollaggio da qualcuno che in quell'officina non ci è mai stato.........
Tu certamente sarai adulto e vaccinato, ma i tuoi committenti lo sono tutti ?
I miei per nulla...... :lol:

Avatar utente
weareblind
Messaggi: 570
Iscritto il: gio lug 30, 2009 09:49

Re: Attività 70?

Messaggio da weareblind » ven giu 15, 2018 07:45

Ma no Terminus, confondi due funzioni. Lo Stato DEVE controllare si, ma non AUTORIZZARE. Questo è il tema. Un funzionario dovrebbe passare in una ditta qualsiasi e chiedere se c'è progetto di prevenzione incendi e collaudo (collaudo, non SCIA; a Bolzano io progetto e un diverso collega collauda. Come anche in Svizzera e Austria). COSA deve essere autorizzato va scritto in una norma, e fine. Così il titolare l'estintore ce l'avrebbe si, perché uno l'ha progettato e l'altro collaudato.
Invaderci devono... invaderci... così mi arrendo subito.

Avatar utente
weareblind
Messaggi: 570
Iscritto il: gio lug 30, 2009 09:49

Re: Attività 70?

Messaggio da weareblind » ven giu 15, 2018 13:01

Ah scusa Terminus, il quesito è stato pubblicato, me ne sono accorto oggi.
Nota DCPREV prot. n. 5289 del 23-04-2014

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google [Bot] e 4 ospiti