Pannelli radianti a pavimento

Normativa Termotecnica, Impianti di riscaldamento, Legge 10/91, DLgs 192/05, ecc.

Moderatore: Edilclima

T3RMØ
Messaggi: 18
Iscritto il: sab gen 21, 2012 14:00

Re: Pannelli radianti a pavimento

Messaggio da T3RMØ » dom feb 05, 2012 13:02

Con un salto termico così c'è qualcosa che non va.
Cosa fa il 5° T piccolo sotto la pompa ?

Dastardly
Messaggi: 166
Iscritto il: mer ott 27, 2010 12:41

Re: Pannelli radianti a pavimento

Messaggio da Dastardly » dom feb 05, 2012 13:33

T3RMØ ha scritto:Con un salto termico così c'è qualcosa che non va.
Cosa fa il 5° T piccolo sotto la pompa ?
Grazie per il supporto.
Il 5° T piccolo sopra il circolatore porta l'acqua ad uno o due appartamenti (non lo so con precisione).
A fianco di quel circolatore c'è un altro stacco con relativo circolatore che porta acqua ad altre due utenze.
In pratica dopo il "separatore fai da te" c'è un collettore di mandata con tre stacchi: due con circolatori di cui uno come in foto ed in più c'è il terzo stacco alla stazione di miscelazione CALEFFI dell'impianto a pavimento del mio amico.

La mandata del "separatore fai da te" (4°T grande) arriva dalla caldaia.
Ma secondo te/voi quel separatore fa il suo dovere?
Potrebbe essere questo il problema che fa mancare portata al circuito a pavimento? (sempre che sia questa la causa).

T3RMØ
Messaggi: 18
Iscritto il: sab gen 21, 2012 14:00

Re: Pannelli radianti a pavimento

Messaggio da T3RMØ » dom feb 05, 2012 19:39

Hai problemi di circolatore non adatto alle perdite di carico dei pannelli. Il separatore è rozzo, ma sul circuito derivato funziona; piuttosto non so cosa combina sul primario.

Ma ... la discussione accademica sui pannelli radianti ?

Esa
Messaggi: 1300
Iscritto il: sab dic 03, 2011 22:53

Re: Pannelli radianti a pavimento

Messaggio da Esa » dom feb 05, 2012 22:24

Una regola che mi hanno nsegnato tanto tempo fa, era che i separatori idraulici, per funzionare, dovevano avere una velocità massima di 0,3 m/sec.
Una seconda regla, valevole per gli impianti a pavimento, era che, in base al passo, non si poteva ottenere una potenza superiore ad un certo valore (legato alla portata: impossibile superare certi valori) nè inferiore ad un altro valore (inutile ridurre la portata sotto un certovaore).
Un impianto a pavimento arriva sempre a fornire almeno 100W/mq (29°C).
Se non lo fa, vuol dire che l'errore progettuale è macroscopico.
Con una telecamera a raggi infrarossi è molto facile determinar il passo e le temperature del pavimento.

Tom Bishop
Messaggi: 1580
Iscritto il: mar dic 30, 2008 17:13

Re: Pannelli radianti a pavimento

Messaggio da Tom Bishop » lun feb 06, 2012 06:32

Secondo me gli ambienti disperdono più della resa dell'impianto radiante. Puoi provare ad aumentare la portata d'acqua in modo da ridurre il dT ed aumentare la temperatura media del pavimento. Prova a misurare la temperatura superficiale del pavimento. Se sei già a 29-30°C, più di quello l'impianto non ti può dare.
Tom Bishop

cooperate
Messaggi: 659
Iscritto il: ven gen 30, 2009 18:04

Re: Pannelli radianti a pavimento

Messaggio da cooperate » lun feb 06, 2012 08:36

Tom Bishop ha scritto:Secondo me gli ambienti disperdono più della resa dell'impianto radiante.
concordo. se il salto termico è alto vuol dire che la richiesta in ambiente è maggiore di quanto potrebbe dare con un DT più basso.
per diminuire il DT devi aumentare la portata, non aumentare la Tmandata.

certo sarebbe utile conoscere il passo.
Dastardly ha scritto:mandata impianto: 40°C
ritorno impianto: 30°C
salto termico: 10°C
la temperatura di mandata dell'impianto radiante sembra essere corretta.

che circolatore è stato montato? a che velocità lavora? che portata di progetto?
sembra un grundfos.

lascia perdere il separatore idraulico, che per quanto faccia schifo (scusa l'eufemismo) comunque potrebbe anche funzionare.
se funziona male te ne accorgi dalla differenza tra la temperatura di mandata al primario e quella di mandata al secondario.
Un DT=5 °C è normale.
per essere sicuro prova ad intercettare le altre vie in uscita dal separatore idraulico o a diminuire la velocità degli altri circolatori.

SuperP
Messaggi: 9296
Iscritto il: lun set 11, 2006 10:06

Re: Pannelli radianti a pavimento

Messaggio da SuperP » lun feb 06, 2012 09:04

cooperate ha scritto:la temperatura di mandata dell'impianto radiante sembra essere corretta.
Ma se non ha portata (vedi anche il DT alto) la resa non c'è.
Dovrebbe leggere la portata sui vari circuiti con il cuircolatore alla max velocità ed avere dai 60 ai 100l/h per ogni circuito.

Tom Bishop
Messaggi: 1580
Iscritto il: mar dic 30, 2008 17:13

Re: Pannelli radianti a pavimento

Messaggio da Tom Bishop » lun feb 06, 2012 20:14

Mi ripeto, misura la temperatura superficiale del pavimento.
Tom Bishop

Dastardly
Messaggi: 166
Iscritto il: mer ott 27, 2010 12:41

Re: Pannelli radianti a pavimento

Messaggio da Dastardly » mar feb 07, 2012 12:21

Salve ragazzi, prima di tutto vi ringrazio tutti per questi consigli e opinioni (aiutano non poco!).
Purtroppo leggo solo ora le vostre risposte.

Andiamo con ordine:
La temperatura superficiale direi che è ben sotto i 29°C ed in alcune zone il pavimento è addirittura freddo.
Sono riuscito ad ottenere lo schema d'impianto con indicata portata e prevalenza prevista (1,6 mc/h e 4 m.c.a. comprensivi di n.2 scaldasalviette).
Il circolatore instalalto è una Grundfos UPS 25-60 e dai dati di prevalenza e portata credo proprio che non possa farcela (la velocità è già sul 3).
Sarebbe stato corretto installare l'UPS 25-80 penso.

Tra l'altro ieri l'impianto abbiamo provato a regolarlo a 45°C di mandata (penso sia il limite di temperatura che si possa utilizzare prima di danneggiare l'impianto) e il ritorno 31°C.
Inoltre si è arrivata alla temperatura di 20.1 °C alle 22:30 di sera considerando che l'impianto centralizzato si accende alle ore 6:30...credo sia veramente un tempo troppo lungo per andare a regime (partendo da un T di 18.6 °C).

E' vero che l'impianto dovrebbe funzionare 24 su 24h ed essendo installato a monte di un impianto centralizzato che funziona 14 ore al giorno non è il massimo per un impianto a pavimento, ma credo che per raggiungere almeno 21 °C da circa 19°C non penso ci voglia tutta la gironata.

Tralasciando il discorso separatore idraulico (ed impianto centralizzato a monte) sono sempre più propenso a pensare che manca portata proprio perchè la pompa non riesce a vincere le perdite di carico.
Non penso nemmeno di risolvere intecettando uno dei due collettori di distribuzione presenti perchè più o meno l aperdita di carico dei due circuiti dovrebbe essere uguale.

Per chi chiedeva il passo per alcuni circuiti è di 15 cm e per altri di 10 cm.

Dallo schema che mi han dato e dai risultati di calcolo le caratteristiche dei collettori sono queste:
1) Collettore A - d. 26 mm - 7 Attacchi - portata 0,9 mc/h - perdita di carico = 2,5 m.c.a.
2) Collettore B - d. 26 mm - 6 Attacchi - portata 0,7 mc/h - perdita di carico = 2,5 m.c.a.

in più sono presenti e collegati a ciascun collettore (una per collettore) due scaldasalviette 200W e 250W (funzionamento bassa temperatura)

La portata e la prevalenza totale (comprensiva di scaldasalviette) richiesta alla pompa dovrebbe essere (come dichiarato dalla ditta che ha progettato l'impianto):
Portata 1,6 mc/h - Prevalenza 4 m.c.a.

Mi sa che l'idraulico ha sbagliato ad ordinare il circolatore....il problema ora è come provare per lo meno a sostituirlo per vedere se si risolve il problema....
Grazie ancora per i suggerimenti e se avete qualche altra opinione è ben accetta!

SuperP
Messaggi: 9296
Iscritto il: lun set 11, 2006 10:06

Re: Pannelli radianti a pavimento

Messaggio da SuperP » mar feb 07, 2012 12:43

Dastardly ha scritto:Portata 1,6 mc/h - Prevalenza 4 m.c.a.
4 m.c.a di perdita di carico?? :shock:
la portata ai singoli circuiti?

Secondo me ci possono essere problemi di spillamento.. e hai poca ma poca portata (che giustifica la bassa resa ed il DT alto)

Dastardly
Messaggi: 166
Iscritto il: mer ott 27, 2010 12:41

Re: Pannelli radianti a pavimento

Messaggio da Dastardly » mar feb 07, 2012 13:44

SuperP ha scritto:
Dastardly ha scritto:Portata 1,6 mc/h - Prevalenza 4 m.c.a.
4 m.c.a di perdita di carico?? :shock:
la portata ai singoli circuiti?

Secondo me ci possono essere problemi di spillamento.. e hai poca ma poca portata (che giustifica la bassa resa ed il DT alto)
Purtroppo non ho altri dati, le portate di ogni circuito non le conosco e la vedo dura ottenerle....
Ho recuperato solo questo schema:
Immagine

cri_15
Messaggi: 366
Iscritto il: ven apr 18, 2008 16:41

Re: Pannelli radianti a pavimento

Messaggio da cri_15 » mar feb 07, 2012 13:51

Secondo me il problema sono le 14 ore di accensione della caldaia

SuperP
Messaggi: 9296
Iscritto il: lun set 11, 2006 10:06

Re: Pannelli radianti a pavimento

Messaggio da SuperP » mar feb 07, 2012 13:51

Dastardly ha scritto:Purtroppo non ho altri dati, le portate di ogni circuito non le conosco e la vedo dura ottenerle....
li leggi sui flussometri

Dastardly
Messaggi: 166
Iscritto il: mer ott 27, 2010 12:41

Re: Pannelli radianti a pavimento

Messaggio da Dastardly » mar feb 07, 2012 14:14

SuperP ha scritto:
Dastardly ha scritto:Purtroppo non ho altri dati, le portate di ogni circuito non le conosco e la vedo dura ottenerle....
li leggi sui flussometri
...averli :cry:
lo so che si penserà , ma allora come hanno fatto a bilanciare l'impianto?....semplicemente non l'hanno fatto... :(

P.S. non vorrei sembrare quello che manca di rispetto...ma i flussometri proprio non ci sono....i collettori sono la versione base base che più base non si può...

cri_15
Messaggi: 366
Iscritto il: ven apr 18, 2008 16:41

Re: Pannelli radianti a pavimento

Messaggio da cri_15 » mar feb 07, 2012 14:22

scusa, ma il problema c'è sempre stato o è saltato fuori con le temperature di qs giorni?

SuperP
Messaggi: 9296
Iscritto il: lun set 11, 2006 10:06

Re: Pannelli radianti a pavimento

Messaggio da SuperP » mar feb 07, 2012 14:26

Dastardly ha scritto:...averli
Se cerchi sul forum avevo parlato di un impiatno, fatto meglio di questo, con collettori a spillamento.. il problame era che non spillava.
Qui mi sembra un problema analogo.
Se il passo è 10, deve darti qei 80Wm2 almeno.. se non te li dà ed i DT sono alti, secondo me non c'è portata.
Prova a cambiare il circolarore.... ma dovrestri far installare un flussimetro per capire quanta acqua gira

Dastardly
Messaggi: 166
Iscritto il: mer ott 27, 2010 12:41

Re: Pannelli radianti a pavimento

Messaggio da Dastardly » mar feb 07, 2012 14:58

SuperP ha scritto:
Dastardly ha scritto:...averli
Se cerchi sul forum avevo parlato di un impiatno, fatto meglio di questo, con collettori a spillamento.. il problame era che non spillava.
Qui mi sembra un problema analogo.
Se il passo è 10, deve darti qei 80Wm2 almeno.. se non te li dà ed i DT sono alti, secondo me non c'è portata.
Prova a cambiare il circolarore.... ma dovrestri far installare un flussimetro per capire quanta acqua gira
Grazie SuperP, cerco la discussione e cercherò di seguire i tuoi consigli....il problema è convincere l'idraulico a cambiare circolatore... sempre la solita questione..chi paga?
Grazie ancora.

T3RMØ
Messaggi: 18
Iscritto il: sab gen 21, 2012 14:00

Re: Pannelli radianti a pavimento

Messaggio da T3RMØ » mar feb 07, 2012 16:50

Dastardly ti ripeto che hai problemi di circolazione anche se, per ottenere 100 W/mq, basta alzare la temperatura di mandata (ovviamente con disuniformità di temperatura superficiale). Nei disegni che mandi sempra mancare un aspetto essenziale: il dimensionamento, Non è possibile saltare da 2,5 a 4 metri tra collettore e pompa con tubo del 26 e, se non hai regolatori di portata, bilanciare anelli da 45 m con altri da 90.
Non è indicato il diametro dei tubi per gli anelli, che secondo me deve essere parecchio piccolo per richiedere questa prevalenza con salto termico 10. Forse è stato male eseguito con curve strette o tubi schiacciati. I problemi di circolazione dipendono si dalla pompa, ma sopratutto dal circuito.

SuperP
Messaggi: 9296
Iscritto il: lun set 11, 2006 10:06

Re: Pannelli radianti a pavimento

Messaggio da SuperP » mar feb 07, 2012 17:01

T3RMØ ha scritto:Dastardly ti ripeto che hai problemi di circolazione anche se, per ottenere 100 W/mq, basta alzare la temperatura di mandata
No perchè anche se alza, nona vendo portata, cresce il DT e la T sup non si alza

T3RMØ
Messaggi: 18
Iscritto il: sab gen 21, 2012 14:00

Re: Pannelli radianti a pavimento

Messaggio da T3RMØ » mar feb 07, 2012 17:10

x SuperP
Il pannello a pavimento è un corpo scaldante come gli altri e la sua resa è dipendente dal dT tra lui e l'ambiente.
Se alzi il dT alzi la resa :wink:

SuperP
Messaggi: 9296
Iscritto il: lun set 11, 2006 10:06

Re: Pannelli radianti a pavimento

Messaggio da SuperP » mer feb 08, 2012 10:38

T3RMØ ha scritto:Il pannello a pavimento è un corpo scaldante come gli altri e la sua resa è dipendente dal dT tra lui e l'ambiente.
Si, ma se non hai portata, non alzi la temperatura!
Come sai , la regola potenza = portata * capacità * DT vale sempre :)

Ti ripeto, che ho avuto casi in cui la mancata portata impediva il riscaldamento..
Sistamata quella, tutto ok

Dastardly
Messaggi: 166
Iscritto il: mer ott 27, 2010 12:41

Re: Pannelli radianti a pavimento

Messaggio da Dastardly » mer feb 08, 2012 10:48

SuperP ha scritto:
T3RMØ ha scritto:Dastardly ti ripeto che hai problemi di circolazione anche se, per ottenere 100 W/mq, basta alzare la temperatura di mandata
No perchè anche se alza, nona vendo portata, cresce il DT e la T sup non si alza
Prima di tutto non litighiamo neh! :wink:
Le vostre considerazioni mi sono di grande aiuto.

Per la questione alzare la temperatura per ottenere più W/mq lo abbiamo già fatto ora è 45 e ritorna a 31°C, ma si arriva a mala pena a 20°C in casa dopo 8 ore di funzionamento partendo da 19°c circa. Alzare di più la temperaratura non mi sembra conveniente e non vorrei rischiare danni al pavimento. Inoltre (è una questione di principio) l'impianto dovrebbe funzionare con T max di mandata a 40, meglio se 37-35, credo, giusto?
Sono convinto anche io che ci sono problemi di circolazione, dovuti alla prevalenza insufficiente del circolatore a mio avviso.
Inoltre toccando con la mano le mandate dei circuiti sui collettori, alcuni sono più freddi di altri, questo significa che l'acqua "preferisce" andarsene nei circuiti meno resistenti".
Sarebbe utile poter avere una termocamera per verificare quali circuiti sono più freddi di altri ma putroppo non la possiedo e non conosco nessuno che me la presti.
Il problema sta nel fatto di come farsi cambiare la pompa dall'idraulico.....visto che i soldi li ha già presi e l'interesse a mettere a posto le cose non c'è. :evil:

SuperP
Messaggi: 9296
Iscritto il: lun set 11, 2006 10:06

Re: Pannelli radianti a pavimento

Messaggio da SuperP » mer feb 08, 2012 10:57

Dastardly ha scritto:Sono convinto anche io che ci sono problemi di circolazione, dovuti alla prevalenza insufficiente del circolatore a mio avviso.
Non è detto sia quello. Dipende da come è il circuito nel suo totale.. Certo che se non misuri le portate etc, non possiamo sapere niente.
Dastardly ha scritto:Sarebbe utile poter avere una termocamera per verificare quali circuiti sono più freddi di altri ma putroppo non la possiedo e non conosco nessuno che me la presti.
Non ti servirebbe a niente
Dastardly ha scritto:Il problema sta nel fatto di come farsi cambiare la pompa dall'idraulico.....visto che i soldi li ha già presi e l'interesse a mettere a posto le cose non c'è. :evil:
L'impianto non è a regola d'arte.. i soldi che gli hanno dato.. non sono per impianti che non funziano

T3RMØ
Messaggi: 18
Iscritto il: sab gen 21, 2012 14:00

Re: Pannelli radianti a pavimento

Messaggio da T3RMØ » mer feb 08, 2012 12:19

Credo anch'io che ti serva poco la termocamera, se non puoi bilanciari i circuiti degli anelli.
Siamo tutti d'accordo nel ritenere che in quell'impianto non ci sia circolazione e, con una Grundfos 25-60, non è un problema di circolatore ma di circuito idraulico.
E' lì che troverai i difetti e il responsabile te l'ha indicato SuperP, che magari è quello che ha realizzato anche il disegno (bello ma ... i calcoli ?).
La misura più facile da eseguire è quella di pressione differenziale al collettore, dopo magari anche quella alla pompa.
Puoi migliorare la situazione con un altro circolatore (ma non puoi fare i miracoli).

mat
Messaggi: 2779
Iscritto il: lun gen 26, 2009 17:07

Re: Pannelli radianti a pavimento

Messaggio da mat » gio set 06, 2018 15:43

Tom Bishop ha scritto:
mer ott 05, 2011 05:37
Se fai un autolivellante su un impianto radiante con pannello liscio con rete e clips devi fare il massetto in due fasi. Prima versi materiale sino a metà tubo, poi aspetti 2-4 ore e fai riempimento con almeno 45mm sopra la generatrice superiore del tubo. Questa tecnica per evitare che il pannello si sollevi.

Al proposito si veda il manuale Villaga. Ho buttato giù qualche osservazione

http://www.italprogetti.biz/?p=481
Ho letto le tue osservazioni. Riguardo al confronto tra i vari prodotti in commercio, cosa ne pensi della livellina Knauf NE425 che molti produttori "hi-quality" consigliano con i loro sistemi a bassa inerzia?
In merito agli spessori, Loex per il suo sistema Home Three garantisce con soli 3 cm di questo prodotto (comprensivo di spessore del tubo)... eccessivo?

Tom Bishop
Messaggi: 1580
Iscritto il: mar dic 30, 2008 17:13

Re: Pannelli radianti a pavimento

Messaggio da Tom Bishop » ven set 07, 2018 05:16

Ho usato Knauf NE425 in più occasioni e non mi ha dato alcun problema. Il sistema Loex non l'ho mai provato, ho letto la scheda tecnica e ritengo che in 30mm sia sicuramente fattibile come dichiarato. Io con Uponor Minitec ho fatto anche impianti in 20mm, ma in questo sistema il tubo è da 10mm anziché da 14mm come nel sistema Minitec.
Nei sistemi a basso spessore l'autolivellante viene posato in una sola fase in quanto non c'è il pericolo che si alzi essendo ancorato al massetto sottostante.
Oltre a Knauf, per i sistemi a basso spessore puoi usare Qmix Qmas Slim Bio, oppure Mapei Novoplan Maxi. Li ho già testati entrambi e non ho riscontrato criticità.
Tom Bishop

mat
Messaggi: 2779
Iscritto il: lun gen 26, 2009 17:07

Re: Pannelli radianti a pavimento

Messaggio da mat » ven set 07, 2018 09:32

Grazie Tom

Usi il minitec anche se ha il pannello bugnato che detesti? :)
Ho visto che l'azienda K-Tech (italiana, non la conoscevo fino a quando un rappresentante che conosco mi ha portato il catalogo) realizza un ribassato sempre con la stella livellina con spessore totale di 22 mm, tubo da 12, oppure 26 mm, tubo da 15/16, ma è sempre bugnato. Il Loex mi piace perchè il tubo è annegato completamente nel massetto.

SuperP
Messaggi: 9296
Iscritto il: lun set 11, 2006 10:06

Re: Pannelli radianti a pavimento

Messaggio da SuperP » ven set 07, 2018 10:07

A me non piacciono i pannelli con la livellina. Sia nel nuovo, che nelle ristrutturazioni, se hai due porte lontane 10m, il livello tra le due è sempre diverso e si possono avere delle sorprese (il costo della livellina è alto).
Preferisco le versioni con la fresatura dei pannelli, tipo quelli di Eurotherm.

Tom Bishop
Messaggi: 1580
Iscritto il: mar dic 30, 2008 17:13

Re: Pannelli radianti a pavimento

Messaggio da Tom Bishop » sab set 08, 2018 05:33

SuperP ha scritto:
ven set 07, 2018 10:07
A me non piacciono i pannelli con la livellina. Sia nel nuovo, che nelle ristrutturazioni, se hai due porte lontane 10m, il livello tra le due è sempre diverso e si possono avere delle sorprese (il costo della livellina è alto).
Preferisco le versioni con la fresatura dei pannelli, tipo quelli di Eurotherm.
Quindi preferisci avere il tubo con l'aria attorno? O poi lo rasi con la livellina?
Personalmente con la livellina ho realizzato anche palestre di 500m² e non ho riscontrato alcun problema. Basta disporre i collettori convenientemente e limitare la lunghezza di ogni anello a 50m.

Non ho capito il problema delle porte lontane 10m...
Tom Bishop

Tom Bishop
Messaggi: 1580
Iscritto il: mar dic 30, 2008 17:13

Re: Pannelli radianti a pavimento

Messaggio da Tom Bishop » sab set 08, 2018 05:35

mat ha scritto:
ven set 07, 2018 09:32
Grazie Tom

Usi il minitec anche se ha il pannello bugnato che detesti? :)
Non è un bugnato isolato pieno di polistirolo. :wink: Sono bugne cave che vengono poi saturate con l'autolivellante. Tra i sistemi a basso spessore che conosco e che ho provato, lo ritengo il migliore.
Tom Bishop

Tom Bishop
Messaggi: 1580
Iscritto il: mar dic 30, 2008 17:13

Re: Pannelli radianti a pavimento

Messaggio da Tom Bishop » sab set 08, 2018 05:39

mat ha scritto:
ven set 07, 2018 09:32
)
Ho visto che l'azienda K-Tech (italiana, non la conoscevo fino a quando un rappresentante che conosco mi ha portato il catalogo) realizza un ribassato sempre con la stella livellina con spessore totale di 22 mm, tubo da 12, oppure 26 mm, tubo da 15/16, ma è sempre bugnato.
In questo caso mi sembra di capire che sono i classici pannelli bugnati di polistirolo. Sul sito non trovo una specifica tecnica, quindi mi baso solo dalle poche foto disponibili. Se fosse così è una copia mal riuscita del Minitec, come d'altronde fanno anche altri. Il pannello di base deve essere completamente forato per consentire alla livellina di permeare i tubi e per aderire al massetto di base sottostante.
Tom Bishop

mat
Messaggi: 2779
Iscritto il: lun gen 26, 2009 17:07

Re: Pannelli radianti a pavimento

Messaggio da mat » sab set 08, 2018 11:26

Tom Bishop ha scritto:
sab set 08, 2018 05:39
In questo caso mi sembra di capire che sono i classici pannelli bugnati di polistirolo
Confermo; penso sia una scelta dettata dal voler raggiungere un certo spessore equivalente per dichiarare una R maggiore, naturalmente a scapito della resa del tubo.

Valuterò anche il Minitec (devo riallacciare i contatti con Uponor); avevo notato in foto che le bugne erano cave, ma credevo restassero riempite d'aria.

Tom Bishop
Messaggi: 1580
Iscritto il: mar dic 30, 2008 17:13

Re: Pannelli radianti a pavimento

Messaggio da Tom Bishop » sab set 15, 2018 05:51

Mat ho visto i tuoi mp ora. Rispondo qua, magari può essere utile anche ad altri.
Il sistema Minitec lo poso direttamente sull'isolante. L'isolante deve avere una resistenza a compressione Cs10 almeno pari a 300kPa. Io chiedo anche 500kPa, in base allo spessore dell'isolante. Ho posato questo impianto anche su doppio strato da 5cm (totale 10cm) di XPS da 500kPa in una palestra. Sta funzionando da 5 anni senza problemi.
Quanto riportato da Uponor nel manuale è sbagliato, ho parlato con il mio riferimento tecnico di quell'azienda e credo che presto toglieranno quella nota che mi hai segnalato. In particolare il valore di resistenza al compressione Cs10 che segnalano (100kPa), a mio avviso, è completamente sbagliato. Con Minitec ho fatto vari esperimenti,nella posa diretta su isolante quest'ultimo ha una notevole importanza stante l'esiguità del massetto soprastante. Nei casi con posa diretta su isolante (che come sopra detto uso sempre con CS>300kPa) aumento lo spessore del massetto autolivellante cercando di avere almeno 15-20mm sopra la generatrice del tubo per un totale di 25-30mm di spessore. Con l'isolante sotto non ho mai fatto meno.

Immagine

Immagine

Immagine

Sull'isolante faccio stendere uno strato di primer quale, ad esempio, il primer A della Kerakoll.
Tom Bishop

mat
Messaggi: 2779
Iscritto il: lun gen 26, 2009 17:07

Re: Pannelli radianti a pavimento

Messaggio da mat » lun set 17, 2018 18:21

(Premessa per chi legge: avevo chiesto a Tom ragione di alcune limitazioni circa l'utilizzo di isolante sotto il sistema Minitec, evidenziate nel loro manuale tecnico).

Mi ritrovo nei tuoi ragionamenti. Effettivamente la limitazione circa lo spessore di isolante presumo sia dettata dallo spessore nominale di massetto da loro prevista (rispetto al Minitec appoggiato su massetto, con qualche millimetro appena sopra tubo, il Minitec dotato dell'isolante fornito da loro, spessore 10 o 20 mm, prevede già uno spessore sopra bugna di 1 cm). Di fatto Loex con l'analogo sistema Renotech parte da uno spessore di 2 cm sopra tubo e considera isolamenti fino a 8 cm (tra l'altro con un isolante di soli 150 kPA di resistenza, valore che farebbe scopa con quello del manuale Uponor).

Diciamo che rispetto a Loex con Uponor non si ha un avvallo ufficiale* e si va con spessori di isolante e massetto "customizzati" da noi progettisti, con quel che ne può seguire. Per il resto non vedo differenze o problemi tecnici di sorta.

* edit: anzi, si ha un'indicazione contraria, vedi immagine
Allegati
Cattura.PNG
Cattura.PNG (57.88 KiB) Visto 570 volte

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 15 ospiti