SCARICHE ATMOSFERICHE

Normativa Termotecnica, Impianti di riscaldamento, Legge 10/91, DLgs 192/05, ecc.

Moderatore: Edilclima

riccardo172
Messaggi: 12
Iscritto il: ven lug 24, 2009 15:54

SCARICHE ATMOSFERICHE

Messaggioda riccardo172 » ven ott 02, 2009 17:58

La relazione sulle scariche atmosferiche può essere redatta anche da geometri e architetti?

patri
Messaggi: 974
Iscritto il: gio ott 02, 2008 09:57
Località: CO

Re: SCARICHE ATMOSFERICHE

Messaggioda patri » ven ott 02, 2009 18:10

Il professionista deve essere iscritto negli albi secondo la specifica competenza tecnica, essendo questi impianti (x edifici sopra i 200 mc, quindi praticamente tutti) soggetti ad obbligo di progetto ai sensi della 37/08 art. 5 comma d), quindi penso possano firmare solo ing. elettrici o VO o periti elettrotecnici
"Non ti arrendere perchè non trovi tutto ciò di cui hai bisogno fatto su misura e a portata di mano, ma prendi ciò che hai, usa il tuo ingegno e servitene al meglio"
BP in Adventuring to Manhood

paolo m
Messaggi: 277
Iscritto il: sab ott 03, 2009 11:41

Re: SCARICHE ATMOSFERICHE

Messaggioda paolo m » lun ott 05, 2009 09:49

É giusta l'indicazione in merito alle competenze.
Non è corretto però confondere la “relazione sulle scariche atmosferiche” cui fa cenno la domanda, con la progettazione degli impianti.
La relazione, tra l'altro più esattamente, andrebbe definita “relazione tecnica relativa alla protezione contro i fulmini, valutazione del rischio dovuto al fulmine, e scelta delle misure di protezione”, sulla base dalla norma CEI EN (IEC) 62305 - 2 "Protezione contro il fulmine - Parte 2: Gestione del rischio". Aprile 2006, modificata dalla variante CEI 81-10; V1 "Protezione contro i fulmini." Settembre 2008.
Il rimando al comma d dell'articolo 5 del DM 37/08 è quindi del tutto fuorviante in quanto riguarda la progettazione dell'impianto di protezione da scariche atmosferiche. Impianto da realizzare solo (e fortunatamente non avviene molto spesso) qualora la valutazione del rischio di cui sopra ne evidenzi la necessità.
Tutto ciò per precisione.

patri
Messaggi: 974
Iscritto il: gio ott 02, 2008 09:57
Località: CO

Re: SCARICHE ATMOSFERICHE

Messaggioda patri » lun ott 05, 2009 10:41

Sì, hai ragione, non avevo badato che si riferiva alla relazione anche se la scelta delle protezioni (che di solito io indico in relazione) presuppone comunque la progettazione degli stessi impianti
"Non ti arrendere perchè non trovi tutto ciò di cui hai bisogno fatto su misura e a portata di mano, ma prendi ciò che hai, usa il tuo ingegno e servitene al meglio"
BP in Adventuring to Manhood

paolo m
Messaggi: 277
Iscritto il: sab ott 03, 2009 11:41

Re: SCARICHE ATMOSFERICHE

Messaggioda paolo m » lun ott 05, 2009 11:10

Non sempre. Quando la struttura risulta AUTOPROTETTA (e ciò avviene spesso per la maggior parte degli edifici, specie dopo l'entrata in vigore della variante V1 del 2008), non è necessaria alcuna protezione e di conseguenza non vi è nulla da progettare.
Sempre per precisione.

ugo.testa
Messaggi: 290
Iscritto il: gio set 03, 2009 10:14
Località: Roma

Re: SCARICHE ATMOSFERICHE

Messaggioda ugo.testa » lun ott 05, 2009 12:14

Dettaglio:
Il DM 37/2008, all'art. 5 comma 2 lettere a) e c) indica rispettivamente i limiti di 400 e 200 i metri quadri (mq), per singole abitazioni e locali commerciali, oltre i quali si impone il progetto del tecnico iscritto all'albo.

paolo m
Messaggi: 277
Iscritto il: sab ott 03, 2009 11:41

Re: SCARICHE ATMOSFERICHE

Messaggioda paolo m » lun ott 05, 2009 13:03

Con tutto rispetto, ma i commi dell'articolo citato nell'ultimo intervento non centrano nulla con la protezione dalla scariche atmosferiche (riguardano la progettazione degli impianti elettrici). Tanto meno con la valutazione del rischio, che come ho cercato di spiegare, può eventualmente richiedere una successiva progettazione solo qualora evidenziasse la necessità di prevedere una qualche forma di protezione.

ugo.testa
Messaggi: 290
Iscritto il: gio set 03, 2009 10:14
Località: Roma

Re: SCARICHE ATMOSFERICHE

Messaggioda ugo.testa » lun ott 05, 2009 13:16

paolo m ha scritto:Con tutto rispetto, ma i commi dell'articolo citato nell'ultimo intervento non centrano nulla con la protezione dalla scariche atmosferiche (riguardano la progettazione degli impianti elettrici). Tanto meno con la valutazione del rischio, che come ho cercato di spiegare, può eventualmente richiedere una successiva progettazione solo qualora evidenziasse la necessità di prevedere una qualche forma di protezione.


La tua esposizione del problema è ineccepibile e l'ho letta con interesse. La mia era solo una precisazione sulle metrature che fanno riferimento per altro alle superfici (mq) e non ai volumi (mc); e confermo le tue ragioni nel senso che dette metrature non entrano nel merito del quesito posto sui problemi delle scariche atmosferiche.

patri
Messaggi: 974
Iscritto il: gio ott 02, 2008 09:57
Località: CO

Re: SCARICHE ATMOSFERICHE

Messaggioda patri » lun ott 05, 2009 14:08

ugo.testa ha scritto:La mia era solo una precisazione sulle metrature che fanno riferimento per altro alle superfici (mq) e non ai volumi (mc)


Per gli impianti di protezione delle scariche atmosferiche il comma è il d) e il riferimento è in mc!
Per il resto concordo con le precisazioni di paolo m
"Non ti arrendere perchè non trovi tutto ciò di cui hai bisogno fatto su misura e a portata di mano, ma prendi ciò che hai, usa il tuo ingegno e servitene al meglio"
BP in Adventuring to Manhood

giulyadm
Messaggi: 2
Iscritto il: mar apr 12, 2011 15:25

Re: SCARICHE ATMOSFERICHE

Messaggioda giulyadm » mar apr 12, 2011 18:02

offtopic :)


Torna a “FORUM TERMOTECNICA E IMPIANTI”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Bing [Bot] e 2 ospiti