Consiglio applicabilità Dlgs 28 demolizione parziale

Obblighi legislativi, tipologie, prodotti

Moderatore: Edilclima

Rispondi
arkanoid
Messaggi: 2930
Iscritto il: ven ago 31, 2007 08:51

Consiglio applicabilità Dlgs 28 demolizione parziale

Messaggio da arkanoid » mer ago 07, 2019 10:39

Mi trovo in un caso che mi mette dei dubbi forti.
Ho un edificio storico vincolato, a cui negli anni è stata aggiunta una porzione che non segue le caratteristiche della parte storica, ma comunica direttamente con essa.
Sia al piano terra che al piano primo infatti gli ambienti dei due fabbricati sono comunicanti, il volume riscaldato è contiguo.

Oggi la parte storica vincolata viene riqualificata (sostituzione finestre, interventi sui tetti e finestre, impianti nuovi dalla generazione all'emissione), mentre la parte che era stata aggiunta in ampliamento viene demolita e ricorstruita con una minore volumetria, ma sempre in aderenza ed in contiguità impiantistica con la parte storica.

Inizialmente ho approcciato la cosa impostando una riqualificazione energetica per la parte storica, ed una demolizione e ricostruzione integrale per l'ampliamento.
Di conseguenza, no rinnovabili per la parte storica, rinnovabili come fosse nuovo per l'ampliamento (in realtà la centrale è unica ma le quote di energia prodotte con PDC e FV sono associate fittiziamente alla porzione demolita e ricostruita).

Adesso mi casca l'occhio sulle faq anit:

Domanda 2.1: “Gli obblighi sulle rinnovabili del d.lgs. 28/11 si applicano anche nel caso di demolizioni e ricostruzioni non integrali?”
Risposta 2.1: “No, a meno che non si ricada in uno dei casi previsti dal d.lgs. 28 (nuovi edifici o edifici sottoposti a ristrutturazioni rilevanti)”.


Andando a prendere il 28:

m) «edificio sottoposto a ristrutturazione rilevante»: edificio che ricade in una delle seguenti categorie:
i) edificio esistente avente superficie utile superiore a 1000 metri quadrati, soggetto a ristrutturazione integrale degli elementi edilizi costituenti l'involucro;
ii) edificio esistente soggetto a demolizione e ricostruzione anche in manutenzione straordinaria;


Mi vengono forti dubbi. L'impostazione impiantistica non cambierebbe comunque, ma un conto è integrare delle fonti rinnovabili ed un altro è spingersi al rispetto dei limiti sul nuovo che sono molto restrittivi. Che dite?
redigere redigere redigere

Avatar utente
NoNickName
Messaggi: 4059
Iscritto il: gio giu 17, 2010 12:17

Re: Consiglio applicabilità Dlgs 28 demolizione parziale

Messaggio da NoNickName » mer ago 07, 2019 13:56

Problema già affrontato, nelle more dell'interpretazione della parola "edificio" e "manutenzione straordinaria".
La parola edificio ha negli anni assunto definizioni diverse a seconda della legge in cui veniva citata:
Ad esempio: "Si intende un qualsiasi manufatto, volumetricamente concluso, destinato allo svolgimento di funzioni, indipendentemente dalle dimensioni, dalla tecnologia e dal sistema costruttivo di fabbrica." (D.M. 236/1989)
Oppure "Per fabbricato o edificio si intende qualsiasi costruzione coperta, isolata da vie o da spazi vuoti, oppure separata da altre costruzioni mediante muri che si elevano, senza soluzione di continuità, dalle fondamenta al tetto; che disponga di uno o più liberi accessi sulla via, e possa avere una o più scale autonome." (Circolare Ministero Dei Lavori Pubblici 23 Luglio 1960, N.1820)
Oppure ancora: "«edificio», un sistema costituito dalle strutture edilizie esterne che delimitano uno spazio di volume definito, dalle strutture interne che ripartiscono detto volume e da tutti gli impianti, dispositivi tecnologici ed arredi che si trovano al suo interno; la superficie esterna che delimita un edificio può confinare con tutti o alcuni di questi elementi: l'ambiente esterno, il terreno, altri edifici; " (D.P.R. 26 agosto 1993, n. 412).

Qualsiasi sia la definizione che ne prendi, tu stai abbattendo una PARTE di un edificio (o almeno così si capisce da quello che descrivi e spero che anche il catasto sia d'accordo), e quindi il dlgs 28 da questo punto di vista non si applica.
Quindi io farei finta di niente e prenderei per buona la faq 2.1 e la farei mia.

(NOTA: per alcuni Comuni anche solo l'abbattimento di un tramezzo costituisce manutenzione straordinaria, ma anche fosse così, tu non stai "abbattendo e ricostruendo" un edificio in manutenzione straordinaria...)
Chi si affida ad un professionista “legittimamente attende di ricevere una prestazione diligente, art. 1176 cc”. Non si può esigere che il cliente controlli il lavoro del professionista “quali che siano le sue competenze o qualifiche professionali”.

a_brettyou
Messaggi: 533
Iscritto il: dom ago 16, 2009 08:41

Re: Consiglio applicabilità Dlgs 28 demolizione parziale

Messaggio da a_brettyou » mer ago 07, 2019 17:07

NoNickName ha scritto:
mer ago 07, 2019 13:56
Adesso mi casca l'occhio sulle faq anit:
E' una FAQ del MISE.

Nessun dubbio. Anche in altre FAQ il MISE rimanda sempre ad una interpretazione letterale delle definizioni del 28/11.
Se non sei > 1.000 mq, nessun obbligo di allegato 3 del 28/11

girondone
Messaggi: 9907
Iscritto il: ven mar 16, 2007 09:48
Località: SV

Re: Consiglio applicabilità Dlgs 28 demolizione parziale

Messaggio da girondone » mer ago 07, 2019 17:26

sarei più che trannquillo

anche sennza la faq per me era unico edificio tutto insieme ai fini del 28

arkanoid
Messaggi: 2930
Iscritto il: ven ago 31, 2007 08:51

Re: Consiglio applicabilità Dlgs 28 demolizione parziale

Messaggio da arkanoid » gio ago 08, 2019 08:07

Grazie dei pareri :wink:
redigere redigere redigere

Rispondi