Caldaia a legna e sanitario

Obblighi legislativi, tipologie, prodotti

Moderatore: Edilclima

Rispondi
Abser
Messaggi: 423
Iscritto il: mar mag 27, 2008 12:02

Caldaia a legna e sanitario

Messaggio da Abser » lun lug 30, 2018 16:23

Buon giorno
mi occupo pochissimo di biomasse e quindi chiedo un confronto sulla soluzione adottare per la produzione estiva di acs in un impianto nuovo con caldaia a legna. Alcuni dati: caldaia a legna 30 kW per una casa esistente non particolarmente isolata da circa 300 mq. con volano da 1.500 litri e massimo 6 abitanti.
Il sanitario estivo non vorrei affidarlo alla caldaia a legna perchè credo che sia antieconomico per le masse in gioco e quindi le dispersioni.
A questo punto le opzioni sono 3: A) caldaia a gas, B) solare termico, C) pompa di calore. Considerati i modesti fabbisogni energetici del servizio estivo sicuramente le opzioni B e C sono complessivamente antieconomiche mentre la soluzione A potrebbe tornare utile anche come riserva per il riscaldamento. Qualche suggerimento????
Grazie

girondone
Messaggi: 9912
Iscritto il: ven mar 16, 2007 09:48
Località: SV

Re: Caldaia a legna e sanitario

Messaggio da girondone » lun lug 30, 2018 17:29

terei legna con solare termico
oppure pdc x acs sempre integrata dalla legna


la cosa più economica invece è proprio solo la legna... ma con le altre due cose c'è la comodità

L'Enzo
Messaggi: 384
Iscritto il: mar ago 28, 2007 20:34

Re: Caldaia a legna e sanitario

Messaggio da L'Enzo » mar lug 31, 2018 08:57

la conveniente e più efficiente è la D) Serpentina sanitaria immersa nel puffer da 1500 litri in preriscaldo a boiler istantaneo modulante a gas.

Se vuoi mettere un generatore secondario per riscaldamento metterei uno/più "split" autonomo che fa anche raffrescamento

girondone
Messaggi: 9912
Iscritto il: ven mar 16, 2007 09:48
Località: SV

Re: Caldaia a legna e sanitario

Messaggio da girondone » mar lug 31, 2018 11:02

ps... se puoi mettere più di 1500 litri meglio per la caldaia

Seamew
Messaggi: 554
Iscritto il: mer dic 06, 2006 08:40

Re: Caldaia a legna e sanitario

Messaggio da Seamew » mar lug 31, 2018 17:09

Se dovessi fare io il progetto con una caldaia da 30 kW puffer almeno da 2000 litri....meglio se 2500 €...anche 3000 litri se ci sta (costa poco in più ma aumenti notevolmente l'autonomia).
Puffer solo acqua tecnica con produttore acs a piastre istantaneo esterno.
Per l'estivo non ho dubbi....solo legna...e per i seguenti motivi:
- se l'utente è già abituato a fare una accensione al giorno nel periodo invernale più rigido quale problema potrebbe avere fare una accensione in estate ogni 10 giorni? (questa è l'autonomia in acs che potresti avere con un bel puffer)
- hai già investito parecchi soldi per un nuovo impianto a biomassa che ti permette di risparmiare sul combustibile per tutti gli anni a seguire......perchè spendere altri soldi per altri impianti la cui spesa non la recuperi mai? (farsi l'acs estiva con la legna ti andrà via 100 € ma esagerando...)
- un signor puffer ben coibentato disperde pochissimo....in estate poi ancora meno...

Personalmente sono dell'idea che con la biomassa non ha senso parlare di altri tipi di impianti rinnovabili (e non)....fai un ottimo impianto, investi su quello e non pensarci più.
Ovviamente sto parlando di impianti di ottima qualità (marche austriache) e non di apparecchi che trovi dal ferramenta.
Parere personale ovviamente.

girondone
Messaggi: 9912
Iscritto il: ven mar 16, 2007 09:48
Località: SV

Re: Caldaia a legna e sanitario

Messaggio da girondone » mar lug 31, 2018 17:30

Seamew ha scritto:
mar lug 31, 2018 17:09
Se dovessi fare io il progetto con una caldaia da 30 kW puffer almeno da 2000 litri....meglio se 2500 €...anche 3000 litri se ci sta (costa poco in più ma aumenti notevolmente l'autonomia).
Puffer solo acqua tecnica con produttore acs a piastre istantaneo esterno.
Per l'estivo non ho dubbi....solo legna...e per i seguenti motivi:
- se l'utente è già abituato a fare una accensione al giorno nel periodo invernale più rigido quale problema potrebbe avere fare una accensione in estate ogni 10 giorni? (questa è l'autonomia in acs che potresti avere con un bel puffer)
- hai già investito parecchi soldi per un nuovo impianto a biomassa che ti permette di risparmiare sul combustibile per tutti gli anni a seguire......perchè spendere altri soldi per altri impianti la cui spesa non la recuperi mai? (farsi l'acs estiva con la legna ti andrà via 100 € ma esagerando...)
- un signor puffer ben coibentato disperde pochissimo....in estate poi ancora meno...

Personalmente sono dell'idea che con la biomassa non ha senso parlare di altri tipi di impianti rinnovabili (e non)....fai un ottimo impianto, investi su quello e non pensarci più.
Ovviamente sto parlando di impianti di ottima qualità (marche austriache) e non di apparecchi che trovi dal ferramenta.
Parere personale ovviamente.
STRAQUOTO.... magari con aiuto del conto termico se possibile
poi aggiungere il solare è indubbiamente una comodità
magari pratica conto termico doppia

Seamew
Messaggi: 554
Iscritto il: mer dic 06, 2006 08:40

Re: Caldaia a legna e sanitario

Messaggio da Seamew » mar lug 31, 2018 19:18

Il solare è cmq un impianto da manutenzionare e soggetto anche a problematiche se installato non correttamente (trafilamenti, pompe che si bloccano, vasi di espansione che si rompono, ecc...).
Chi vende apparecchi a biomassa spesso hanno il vizietto di proporti anche il solare per avere maggior comodità...per me è una cavolata e lo fanno solo per vendere di più.
Ma a parte questo, spendere almeno 2000 € per risparmiare 50-100 € di legna ad estate per produrre l'acs mi sembra una vera follia quando bastano 2 minuti ogni 10 giorni per fare una accensione.
I 2000 € li investo piuttosto su una miglior caldaia a biomassa scegliendo magari la migliore (in termini di efficienza e rendimento e minor manutenzione) presente sul mercato...quello piuttosto lo vedrei come una scelta opportuna.
L'impianto a biomassa deve essere semplice, pochi componenti e di ottima qualità....allora ha un senso....altrimenti spendere gli stessi soldi per avere una accozzaglia di apparecchi di media qualità non la vedo una scelta opportuna.
L'impianto a biomassa o è di ottima qualità oppure rischi di diventarne schiavo con consumi elevati e parecchia manutenzione....e una volta spesi i soldi te lo tieni.
Ottimo (sotto il profilo economico) se si riesce ad accedere al conto termico.....occhio però sempre alla qualità degli apparecchi sebbene certificati nei rendimenti e nelle emissioni....io ho imparato a diffidare dei certificati che in buona parte credo siano fasulli.

parere personale.

girondone
Messaggi: 9912
Iscritto il: ven mar 16, 2007 09:48
Località: SV

Re: Caldaia a legna e sanitario

Messaggio da girondone » mar lug 31, 2018 23:51

Quoto

E le differenze di prezzo tra prododdi di fascie diverse ci sono tutte e alla grande

Rispondi