Abrogazioni del Decreto Romani2

Obblighi legislativi, tipologie, prodotti

Moderatore: Edilclima

Rispondi
enea
Messaggi: 80
Iscritto il: mer gen 28, 2009 16:30
Località: Firenze
Contatta:

Abrogazioni del Decreto Romani2

Messaggio da enea »

Riguardo alle abrogazione dell'art 4 commi 22 /23 del DPR 59/09.
e alle indicazioni dell' allega 3 del dlg 28/03/11 riportato nel post
precendente:

mi sembra di capire che se installo o ristrutturo(come definito dal 412/93)
un impianto termico in regime di
MANUTENZIONE STRAORDINARIA-RESTAURO-RISANAMENTO CONSERVATIVO
non sono più soggetto a produrre 50% di ACS dal rinnovabile.

O sbaglio?

E in RISTRUTTURAZIONE?
che significa ristrutturazioni rilevanti? quali sono i limiti ? ...mi sembra molto generico!!!

Dorianoz
Messaggi: 572
Iscritto il: gio ott 05, 2006 14:56

Re: Abrogazioni del Decreto Romani2

Messaggio da Dorianoz »

Io penso che fino a quando i regolamenti comunali non recepiranno il decreto romani, non cambierà niente................

girondone
Messaggi: 10258
Iscritto il: ven mar 16, 2007 09:48
Località: SV

Re: Abrogazioni del Decreto Romani2

Messaggio da girondone »

no.. da fine di questo mese il decreto prevale su regioni e comuni... alemno così mi pare ci sia scritto

girondone
Messaggi: 10258
Iscritto il: ven mar 16, 2007 09:48
Località: SV

Re: Abrogazioni del Decreto Romani2

Messaggio da girondone »

comma 7 recita:
7. Gli obblighi previsti da atti normativi regionali o comunali sono adeguati alle disposizioni del presente articolo entro 180 giorni dalla data di entrata in vigore del presente decreto. Decorso inutilmente il predetto termine, si applicano le disposizioni di cui al presente articolo.

Dorianoz
Messaggi: 572
Iscritto il: gio ott 05, 2006 14:56

Re: Abrogazioni del Decreto Romani2

Messaggio da Dorianoz »

Allora se ristrutturo semplicemente l'impianto termico, passando ad esempio, da centralizzato ad autonomo? niente rinnovabili a maggior ragione ergo. Grazie

Dorianoz
Messaggi: 572
Iscritto il: gio ott 05, 2006 14:56

Re: Abrogazioni del Decreto Romani2

Messaggio da Dorianoz »

Comma 7 di quale articolo? Grazie

girondone
Messaggi: 10258
Iscritto il: ven mar 16, 2007 09:48
Località: SV

Re: Abrogazioni del Decreto Romani2

Messaggio da girondone »

2.1 Entrata in vigore: Regioni e Comuni tutti in riga
L’art. 11 “Obbligo di integrazione delle fonti rinnovabili negli edifici di nuova costruzione e negli edifici esistenti sottoposti a ristrutturazioni rilevanti” è quello che richiama le prescrizioni in allegato III che sono state riportate nella circolare. Al comma 1 si legge infatti:
1. I progetti di edifici di nuova costruzione ed i progetti di ristrutturazioni rilevanti degli edifici esistenti prevedono l'utilizzo di fonti rinnovabili per la copertura dei consumi di calore, di elettricità e per il raffrescamento secondo i principi minimi di integrazione e le decorrenze di cui all'allegato 3. Nelle zone A del decreto del Ministero dei lavori pubblici 2 aprile 1968, n. 1444, le soglie percentuali di cui all'Allegato 3 sono ridotte del 50 per cento. Le leggi regionali possono stabilire incrementi dei valori di cui all'allegato 3.

Al comma 5 si abrogano i commi 22 e 23 dell’art. 4 del DPR 59/2009, quelli che (non) stabilivano gli obblighi di utilizzo di fonti rinnovabili nella legislazione nazionale.

Più avanti, il comma 7 recita:
7. Gli obblighi previsti da atti normativi regionali o comunali sono adeguati alle disposizioni del presente articolo entro 180 giorni dalla data di entrata in vigore del presente decreto. Decorso inutilmente il predetto termine, si applicano le disposizioni di cui al presente articolo.

Il Dlgs 3 marzo 2011 n°28 è stato pubblicato nella G.U. del 28 marzo 2011 ed è entrato in vigore il giorno successivo (art. 47). Quindi alla fine di settembre 2011 (è dopodomani) non possono più esistere disposizioni comunali o regionali diverse da quelle della legislazione nazionale in materia di obblighi di ricorso alle fonti rinnovabili. Il comma 1, riportato sopra, consente alle Regioni di rendere più severi i valori ma non di alterare la descrizione dei requisiti. Sopravvivrà l’obbligo di copertura del 60% del fabbisogno di acqua calda sanitaria con fonti rinnovabili della Regione Piemonte in quanto ricalca una prescrizione dell’allegato III, salvo che il valore è più restrittivo (copertura 60% al posto di 50%).
Questo è uno dei pochi commi interessanti di questo decreto. Magari sostituisse l’art. 17 del Dlgs 192/2005.

Non poteva mancare anche questo:
3. L'inosservanza dell'obbligo di cui al comma 1 comporta il diniego del rilascio del titolo edilizio.
Quindi attenzione a quanto si deposita in Comune.



ps. non è farina del mio sacco....

Dorianoz
Messaggi: 572
Iscritto il: gio ott 05, 2006 14:56

Re: Abrogazioni del Decreto Romani2

Messaggio da Dorianoz »

Grazie Girondone, trovato tutto........... in effetti è molto generico. un accenno alla ristrutturazione dei soli impianti ad esempio poteva essere fatto, sapete quanti pannelli solari inutili sono stati installati solo per presa di cappello di tecnici comunali incompetenti?

Ronin
Messaggi: 3667
Iscritto il: sab giu 20, 2009 12:57

Re: Abrogazioni del Decreto Romani2

Messaggio da Ronin »

la nozione di ristrutturazione rilevante è definita dal decreto stesso, nelle definizioni :wink:

Dorianoz
Messaggi: 572
Iscritto il: gio ott 05, 2006 14:56

Re: Abrogazioni del Decreto Romani2

Messaggio da Dorianoz »

L'altro giorno, venerdì 25, ho reso partecipe il tecnico comunale del mio comune di residenza, dell'esistenza del decreto Romani...... adesso attendo delucidazioni su come comportarmi con l'acqua calda sanitaria in merito alle manutenzioni straordinarie e alla ristrutturazione di impianti termici.
Voi avete qualche novità?
Grazie

Dorianoz
Messaggi: 572
Iscritto il: gio ott 05, 2006 14:56

Abrogazioni del Decreto Romani, valutazioni del Cened

Messaggio da Dorianoz »

domanda inviata al Cened sul decreto Romani, che ne dite della risposta? Può essere ricollegato alla clausola di cedevolezza?

Messaggio :
Gradirei delucidazioni in merito al DECRETO LEGISLATIVO 3 marzo 2011, n. 28 conosciuto come Decreto Romani in merito all'utilizzo delle fonti rinnovabili. Nel sopracitato decreto si fa riferimento all'utilizzo delle fonti rinnovabili solo per le nuove costruzioni e le ristrutturazione pesanti. Come mi devo comportare in caso di manutenzione straordinaria o di ristrutturazione di impianto termico? Il decreto non cita niente al proposito ma impone ai comuni e alle regioni di adeguarsi entro il 30 settembre.
Grazie

Soluzione: facendo riferimento al quesito inviato, Le comunichiamo che in Regione Lombardia, per aspetti riguardanti la prestazione e la certificazione energetica degli edifici occorre fare riferimento alle disposizioni contenute nella DGR VIII/8745 emanata in attuazione dell'Art.25 della Legge Regione Lombardia nr. 24/2006 ed ai decreti ad esse correlati.

girondone
Messaggi: 10258
Iscritto il: ven mar 16, 2007 09:48
Località: SV

Re: Abrogazioni del Decreto Romani2

Messaggio da girondone »

bella questa!
cmq almeno li giusto ono lo dicono e lo scrivono
in liguria mai hanno detto chiaramente per scritto .. da oggi seguite regolamento regionale e basta!


roba da avvocati cmq....

per me il decreto è scritto in italiano! poi dovrebbero dorlo loro...

HUGO
Messaggi: 980
Iscritto il: mer lug 18, 2007 11:17

Re: Abrogazioni del Decreto Romani2

Messaggio da HUGO »

E' la tipica (non) risposta di quella gente...
Questi se ne strasbattono di tutto e di tutti....

Prima lezione di diritto della prima superiore.
"...Nell'ordinamento giuridico italiano, si ha una pluralità di fonti di produzione; queste sono disposte secondo una scala gerarchica, per cui la norma di fonte inferiore non può porsi in contrasto con la norma di fonte superiore (gerarchia delle fonti). nel caso in cui avvenga un contrasto del genere si dichiara l'invalidità della fonte inferiore dopo un accertamento giudiziario, finché non vi è accertamento si può applicare la "fonte invalida"....
UNI 11300....no grazie, non faccio fumo !

girondone
Messaggi: 10258
Iscritto il: ven mar 16, 2007 09:48
Località: SV

Re: Abrogazioni del Decreto Romani2

Messaggio da girondone »

quindi lo stato deve fare il mazzo alle regione.... fino ad allora la regione può dire di seguire la sua legge...

HUGO
Messaggi: 980
Iscritto il: mer lug 18, 2007 11:17

Re: Abrogazioni del Decreto Romani2

Messaggio da HUGO »

Benissimo....io nno installo il solare, loro me lo impongono...e qui scoppia il casino :wink:
UNI 11300....no grazie, non faccio fumo !

dogo73
Messaggi: 123
Iscritto il: mar set 06, 2011 16:11

Re: Abrogazioni del Decreto Romani2

Messaggio da dogo73 »

girondone ha scritto: Al comma 5 si abrogano i commi 22 e 23 dell’art. 4 del DPR 59/2009, quelli che (non) stabilivano gli obblighi di utilizzo di fonti rinnovabili nella legislazione nazionale.
Scrivendo "quelli che non stabilivano" implicitamente si afferma che non è stato abrogato l'obbligo di utilizzo di fonti rinnovabili nella legislazione nazionale.

Domanda:
- sono stati abrogati tali obblichi a livello nazionale, oppure non sono stati abrogati?


DECRETO LEGISLATIVO 3 marzo 2011 (Romani)
- "Sono abrogati: l’articolo 4, commi 22 e 23, del decreto del Presidente della Repubblica 2 aprile 2009, n. 59."

Decreto del Presidente della Repubblica 2 aprile 2009, n. 59
- "l'impianto di produzione di energia termica deve essere progettato e realizzato in modo da coprire almeno il 50 per cento del fabbisogno annuo di energia primaria richiesta per la produzione di acqua calda sanitaria con l'utilizzo delle predette fonti di energia.

Quindi io capirei che siano stati abrogati i commi 22 e 23, a prescindere dal tipo di intervento. Infatti l'art 11 cita l'ambito dell'obbligo, non ne determina l'esaustività, elmimina due commi che a loro volta impattano su impianti nuovi o ristrutturati.

IMHO l'obbligo non esiste, nemmeno in Lombardia, la cui inerzia nel modificare il DGR è un problema della regione e non del cittadino.

Grazie mille.
Ultima modifica di dogo73 il ven dic 16, 2011 14:05, modificato 1 volta in totale.

girondone
Messaggi: 10258
Iscritto il: ven mar 16, 2007 09:48
Località: SV

Re: Abrogazioni del Decreto Romani2

Messaggio da girondone »

il "non" sta a significare in modo "ironico" che in 5 / 6 anni non si era avuta risposta certa se l obb ligo c era o no... (escludendo obblighi regionali comunali ecc..)
ogniuno interpretava come voleva...

dogo73
Messaggi: 123
Iscritto il: mar set 06, 2011 16:11

Re: Abrogazioni del Decreto Romani2

Messaggio da dogo73 »

Ok, e dici che oggi la decadenza dell'obbligo è evidente?
Io dico di sì.

Tuttavia l'obbligo del 50% dato dal 59/2009 mi pareva evidente ed ineludibile in ambito di ristrutturazione o nuovo impianto. No?

Quindi chi si trova in lombardia, visto che nulla è cambiato in termini di normativa lombarda, può:
- seguire il vecchio obbligo
- evitare l'obbligo ed in caso di contestazione rifarsi alla normativa nazionale

PS: se fossi un tecnico, andrei in "deroga" citando il DECRETO LEGISLATIVO 3 marzo 2011 (Romani) articolo 11 e magari con qualche "aggiuntina tecnica" nel caso di singole unità abitative in condominio (es anti economicità e scarso utilizzo causa poche utenze servite).

girondone
Messaggi: 10258
Iscritto il: ven mar 16, 2007 09:48
Località: SV

Re: Abrogazioni del Decreto Romani2

Messaggio da girondone »

Tuttavia l'obbligo del 50% dato dal 59/2009 mi pareva evidente ed ineludibile in ambito di ristrutturazione o nuovo impianto. No?

i dubbi erano proprio sui due commi del 59.. il primo metteva l obbligo il secondo rimandava a decreti che dovevano uscire...e li si sono aperte le mille discussioni


per il resto se l italiano ha ancora un senso ... secondo me toltal emilia romagna che ha recepito in manier più restrittiva il decreto, dalle altra parti vale il decreto 28.... quindi niente solare termico per imp nuovo e ristr imp...
poi anche qui mille interpretaz , mi pare che la regione lombardia (ma non lavori li quinid non sono competenete) dica di seguire sempre la sua legge...

dogo73
Messaggi: 123
Iscritto il: mar set 06, 2011 16:11

Re: Abrogazioni del Decreto Romani2

Messaggio da dogo73 »

girondone ha scritto: mi pare che la regione lombardia (ma non lavori li quinid non sono competenete) dica di seguire sempre la sua legge...
Giusto.
Tolta Emilia e Piemonte (norme più restrittive).

La norma non è "abrogata" secondo tutto il perimetro nazionale.

Per la Lombardia (ho parlato con un consulente), vale la legge regionale per il seguente fatto:
- la Lombardia si sta normando da anni, quindi ha una legislazione propria ed attiva ossia, non inerziale;
- quindi per la lombardia vale il Dgr 8745, quindi i commi 22-23 della 59/2009 non sono abrogati e resta l'obbligo del 50% (salvo impianti in deroga motivata).

Di fatto il principio implicito nel comma 7 dell'art 11 edlla legge Romani è "se non vi normate, vale questa legge". Tuttavia se si sono già normate, valgono le norme.

Pare (ma non ne ho la certezza) che vi sia anche una posizione giuridica in merito, credo per qualcuno che abbia invocato l'abrogazione in opportuna sede lombarda, ma in tale sede è stato definito che prevale la legge lombardia, poichè proattiva nel normarsi.

Ci sono poi le deroge, ad esempio se si abita in condominio, di certo non si può utilizzare il tetto a proprio piacimento, nè mettere in facciata pannelli, nè prevedere mt di tubazioni che arrivano a pannelli che non servirebbero a granchè.

girondone
Messaggi: 10258
Iscritto il: ven mar 16, 2007 09:48
Località: SV

Re: Abrogazioni del Decreto Romani2

Messaggio da girondone »

Di fatto il principio implicito nel comma 7 dell'art 11 edlla legge Romani è "se non vi normate, vale questa legge". Tuttavia se si sono già normate, valgono le norme.

a leggerlo non pare proprio così.. cmq fino a che no si finisce difronte ad un giudice perchè quelche cliente si impunta non lo sapremo mai....
nel decreto c'è scritto palesemente che devono legoferare per recepire .... se non vale "lui"

il piemonte ...stesso discorso le leggi sono antecedenti il decreto 28

solo l emilia lo ha "recepito"

dogo73
Messaggi: 123
Iscritto il: mar set 06, 2011 16:11

Re: Abrogazioni del Decreto Romani2

Messaggio da dogo73 »

girondone ha scritto:a leggerlo non pare proprio così..
Vero.
E per i principi "normativi", dovrebbe essere che le leggi "valgono per il futuro" (irretroattività§).
Pare però assolutamente una scommessa persa quella del dire:
- la 28 norma
- tutte le Regioni/Provincie/Comuni devono scegliere se normarsi o seguire la 28
- tutte le norme di Regioni/Provincie/Comuni sono abrogate

Infatti la 28 abroga il comma 22 della 59-2009, non le Regionali che abbiano normato sulla base della 59-2009 e che quindi già da sè aveva agito secondo "propria discrezione e lungimiranza" (ironico, ma è vero).

A meno che uno non abbia soldi a palate per sostenere i gradi di giudizio che si rischia di affrontare, e considerando che si scontrerebbe anche con la possibile deotologia ecologica del giudicante che "decide" di caso in caso, conviene seguire il dettato Regionale e mettersi l'anima in pace e soffrire subito per poi dormire sonni tranquilli senza qualcuno che bussi alla porta dicendo:
- la tua CIA era una abuso perchè non hai indicato L-10
- i tuoi lavori non vanno bene
- se ti va bene, sani, altrimenti rifai tutto

Sarebbe un bel casotto.

girondone
Messaggi: 10258
Iscritto il: ven mar 16, 2007 09:48
Località: SV

Re: Abrogazioni del Decreto Romani2

Messaggio da girondone »

concordo che sia un casino... però così c è scritto

comma 7 recita:
7. Gli obblighi previsti da atti normativi regionali o comunali sono adeguati alle disposizioni del presente articolo entro 180 giorni dalla data di entrata in vigore del presente decreto. Decorso inutilmente il predetto termine, si applicano le disposizioni di cui al presente articolo

dogo73
Messaggi: 123
Iscritto il: mar set 06, 2011 16:11

Re: Abrogazioni del Decreto Romani2

Messaggio da dogo73 »

girondone ha scritto:concordo che sia un casino... però così c è scritto
comma 7 recita:
7. Gli obblighi previsti da atti normativi regionali o comunali sono adeguati alle disposizioni del presente articolo entro 180 giorni dalla data di entrata in vigore del presente decreto. Decorso inutilmente il predetto termine, si applicano le disposizioni di cui al presente articolo
Vero, è ineludibile. Ma mettersi di traverso con gli enti territoriali (Stato) è affare per audaci facoltosi. Il rischio è non trascurabile. Poi occorre trovare un Tecnico Abilitato che firmi la L10 con indicazione di non aver utilizzato 50% di ACS da rinnovabile... ed anche questo non è un gioco da ragazzi.

girondone
Messaggi: 10258
Iscritto il: ven mar 16, 2007 09:48
Località: SV

Re: Abrogazioni del Decreto Romani2

Messaggio da girondone »

io nel mio comune dove c'è un assurdo allegato energetico che conosciamo in tre e che è più restrittivo della legge regioanle e nazionale su questo argomento...
riporterò proprio il decreto 28 !
se un giorno qualcuno avrà da ridire si vedrà

meglio ora con quello che prima con l ambiguità del 59 + legge regionale +allegato energetico

ps... ci stiamo parlando in almeno tre post :mrgreen:

dogo73
Messaggi: 123
Iscritto il: mar set 06, 2011 16:11

Re: Abrogazioni del Decreto Romani2

Messaggio da dogo73 »

:-)

La legge è contorta, i post sono contorti... ma la tua soluzione finale mi pare quantomeno razionale e di sicuro interesse se oggi porta un "cliente" a non dover far altro che mettere una caldaia di tipo C con rendimento "opportuno" e via andare senza impazzire con pannelli o altro... mettendo il CIA o altro (in caso di manutenzione straordinaria) l'allegato energetico con scritto "no 50% perchè esiste L.28 che parla chiaramente".

Sinceramente dubito pure arrivi qualche asseveratore che dichiari la non correttezza dell'impianto e che porti il cittadino ad impugnare la situazione (bel problema però, in questo caso).

Occorre pesare i vantaggi ed i rischi.

girondone
Messaggi: 10258
Iscritto il: ven mar 16, 2007 09:48
Località: SV

Re: Abrogazioni del Decreto Romani2

Messaggio da girondone »

scusa mi chi sarebbero gli assevratori?

Ps. Nel mio comunedopo aver chiesto invano pi ù volte

già prima del dec 28 ho chiesto parere per scritto... Dicendo che il loro all energetico per me non va bene.... Ad ogni legge 10 ho inserito la lettera ....
Che naturalmente non ha mai avuto risposta...

dogo73
Messaggi: 123
Iscritto il: mar set 06, 2011 16:11

Re: Abrogazioni del Decreto Romani2

Messaggio da dogo73 »

Asseveratori: sono della provincia in caso di comuni con meno di 40k abitanti.

Altrimenti è il comune con i propri tecnici a dover dire "L10 o no L10" e come farla e come regolarsi.

girondone
Messaggi: 10258
Iscritto il: ven mar 16, 2007 09:48
Località: SV

Re: Abrogazioni del Decreto Romani2

Messaggio da girondone »

ma scusa..
quelli sono quelli che vanno in giro a fare i controlli no?
tu hai la possibilità di chiedere a loro come e quando fare la legge 10?

dogo73
Messaggi: 123
Iscritto il: mar set 06, 2011 16:11

Re: Abrogazioni del Decreto Romani2

Messaggio da dogo73 »

Un mondo razionale, con una legge ed un solo modo per rispettarla prevederebbe:
- un ufficio competente
- una domanda scritta da parte di chi fa i lavori (o li commissiona)
- una risposta scritta di chi controlla ed "impone" quanto indicato dalla legge
In questo modo, giusto o sbagliato, tutti agirebbero nello stesso modo e su documenti scritti.

Invece io ho chiesto al comune e mi hanno rimandato alla provincia e si è aperta una sceneggiatura grottesca.

Il consulente della provincia sapeva meno norme di me, quindi ha chiesto all'asseveratore "A".
"A" mi ha detto che la L10 nel mio caso era da applicare.

Non convinto riguardo le motivazioni, ho chiesto ad un altro asseveratore "B" della Provincia.
"B" mi ha detto che la L10 nel mio caso non era da applicare.

A questo punto ho detto: facciamo la "bella" ed ho chiesto ad un altro asseveratore "C" della Provincia.
"C" mi ha detto che la L10 nel mio caso forse era da applicare.

Ho chiesto ad un Ingegnere che segue proprio l'impiantistica e mi ha detto "sai, la legge 28 non l'ho letta per bene... io applico il DGR Lombardia".

Insomma: w il nostro paese.

girondone
Messaggi: 10258
Iscritto il: ven mar 16, 2007 09:48
Località: SV

Re: Abrogazioni del Decreto Romani2

Messaggio da girondone »

ok.. così mi torna tutto...
:(

dogo73
Messaggi: 123
Iscritto il: mar set 06, 2011 16:11

Re: Abrogazioni del Decreto Romani2

Messaggio da dogo73 »

Esatto: ossia non torna nulla.
Addirittura il comune mi ha detto "se vuole indicare manutenzione straordinaria può farlo, tanto di certo non esce nessuno a controllare".

Grandioso.

In pratica c'è una legge che norma da quel punto in avanti... e dall'altra parte ci sono una serie di "preposti ai controlli ed a fornire informativa al pubblico" che non leggono le leggi e che farebbero mettere pannelli ovunque anche ad uno che sostituisce una caldaia ed aggiunge un termosifone.

Ovviamente infisciandosene tutti di un semplice termine, ossia del fatto che le modifiche debbano essere "Sostanziali", accezione che non viene declinata da nessuna parte.

dogo73
Messaggi: 123
Iscritto il: mar set 06, 2011 16:11

Re: Abrogazioni del Decreto Romani2

Messaggio da dogo73 »

Ho approfondito presso infoEnergia (Provincia),
e l'interpretazione secondo la quale l'abrogazione dei commi esclude l'obbligo di ACS al 50% da rinnovabili è ERRATA.

Per un semplice motivo:
- è "sì" stato abrogato il comma di riferimento...
- ma dopo esser stato abrogato, è stato introdotto il ben più restrittivo ALLEGATO 3 con i nuovi Obblighi per i nuovi edifici o gli edifici sottoposti a ristrutturazioni rilevanti.

Quindi è vero, non c'è più SOLO l'obbligo del 50% per l’acqua calda sanitaria... bensì c'è obbligo delle seguenti "percentuali della somma dei consumi previsti per l’acqua calda sanitaria, il riscaldamento e il raffrescamento:
a) il 20 per cento quando la richiesta del pertinente titolo edilizio è presentata dal 31 maggio
2012 al 31 dicembre 2013;
b) il 35 per cento quando la richiesta del pertinente titolo edilizio è presentata dal 1° gennaio
2014 al 31 dicembre 2016;
c) il 50 per cento quando la richiesta del pertinente titolo edilizio è rilasciato dal 1° gennaio
2017."

Riassumento:
- e' stato abrogato un articolo "restrittivo"
- ed è stato sostituito da uno più restrittivo
- sono però stati ridisegnati i perimetri.

Infatti l’articolo 4, commi 22 e 23, del decreto del Presidente della Repubblica 2 aprile 2009, n. 59 prevedeva il 50% anche nel caso di "RISTRUTTURAZIONE D'IMPIANTO".

Invece l'art. 11, comma 1 del DLGS Romani 28-2011 introduce obblighi solo in caso di edifici nuovi o edifici sottoposti a ristrutturazioni rilevanti.

Ovviamente visto il principio di Cedevolezza, nel caso in cui le Regioni si fossero dotate di diversa normativa entro 180 giorni, varrebbe quest'ultima.

Resta aperto un tema "e se la regione si è dotata di differente normativa dopo più di 180 giorni, come in LOMBARDIA, DOVE SI SONO ADEGUATI SOLO IL 12 - DICEMBRE 2011?".

L'interpretazione più "corretta" credo sia che tra il 180 giorno ed il giorno in cui la regione "pubblica", valga il DLGS Romani 28-2011, quindi sono incluse le RISTRUTTURAZIONI non rilevanti.

Ronin
Messaggi: 3667
Iscritto il: sab giu 20, 2009 12:57

Re: Abrogazioni del Decreto Romani2

Messaggio da Ronin »

dogo73 ha scritto:c'è obbligo delle seguenti "percentuali della somma dei consumi previsti per l’acqua calda sanitaria, il riscaldamento e il raffrescamento:
a) il 20 per cento quando la richiesta del pertinente titolo edilizio è presentata dal 31 maggio
2012 al 31 dicembre 2013;
b) il 35 per cento quando la richiesta del pertinente titolo edilizio è presentata dal 1° gennaio
2014 al 31 dicembre 2016;
c) il 50 per cento quando la richiesta del pertinente titolo edilizio è rilasciato dal 1° gennaio
2017."
certo che c'è quest'obbligo.
MA il 31 maggio 2012 è ancora nel futuro.
quell'obbligo varrà quando sarà scoccata la data, per i permessi di costruire rilasciati a partire da quella data.
se la regione ha già pubblicato l'adeguamento si segue quello, naturalmente.

dogo73
Messaggi: 123
Iscritto il: mar set 06, 2011 16:11

Re: Abrogazioni del Decreto Romani2

Messaggio da dogo73 »

Ronin ha scritto:certo che c'è quest'obbligo.
Certo, l'obbligo del 50% per ACS c'è, ma non più per la ristrutturazione d'impianto (modifica sostanziale generazione o distribuzione, ecc...), bensì solo per le ristrutturazioni rilevanti.

La differenza è sostanziale, perchè si introduco l'esclusione dell'obbligo per le ristrutturazioni sostanziali "nei singoli appartamenti"... limitandolo solo alle ristrutturazioni rilevanti.

Poi alle Regioni è lasciata Cedevolezza, e ad esempio in Lombardia vale ancora l'obbligo in caso di ristrutturazioni sostanziali, anche se "non rilevanti".

L'Enzo
Messaggi: 444
Iscritto il: mar ago 28, 2007 20:34

Re: Abrogazioni del Decreto Romani2

Messaggio da L'Enzo »

RICHIESTI e non rilasciati, inclusa presentazione DIA, SCIA, CIA.
non creiamo altra confusione al pantano che c'è già.
saluti

[quote="Ronin"][quote="dogo73"]c'è obbligo delle seguenti "percentuali della somma dei consumi previsti per l’acqua calda sanitaria, il riscaldamento e il raffrescamento:
a) il 20 per cento quando la richiesta del pertinente titolo edilizio è presentata dal 31 maggio
2012 al 31 dicembre 2013;
b) il 35 per cento quando la richiesta del pertinente titolo edilizio è presentata dal 1° gennaio
2014 al 31 dicembre 2016;
c) il 50 per cento quando la richiesta del pertinente titolo edilizio è rilasciato dal 1° gennaio
2017."[/quote]

certo che c'è quest'obbligo.
MA il 31 maggio 2012 è ancora nel futuro.
quell'obbligo varrà quando sarà scoccata la data, per i permessi di costruire rilasciati a partire da quella data.
se la regione ha già pubblicato l'adeguamento si segue quello, naturalmente.[/quote]

Rispondi