HELP ON LINE CENED

Normativa Europea, Nazionale e Regionale sulla classificazione e certificazione energetica degli edifici, accreditamento tecnici, ecc.

Moderatore: Edilclima

Rispondi
engel_eagle
Messaggi: 16
Iscritto il: mar set 25, 2007 19:37

HELP ON LINE CENED

Messaggio da engel_eagle »

Buongiorno, qualcuno mi sa dire come si attiva la guida on line per la compilazione del software Cened? Inoltre come mai non posso personalizzare i dati sulle trasmittanze dei materiali? In questo modo mi escono dei risultati a dir poco sballati, tipo classe A, quando l'edificio è stato realizzato negli anni sessanta ed è privo di isolante! Ma dove è stato realizzato il Cened su Marte :?: Ma c'è una motivazione per cui un libero professionista serio possa accettare l'incarico per fare un attestato di certificazione energetica alla data odierna? Lavorare così è demotivante e molto pericoloso! [/u]
Libero professionista! Professionista si, ma libero no!

SuperP
Messaggi: 9420
Iscritto il: lun set 11, 2006 10:06

Re: HELP ON LINE CENED

Messaggio da SuperP »

engel_eagle ha scritto:Buongiorno, qualcuno mi sa dire come si attiva la guida on line per la compilazione del software Cened? Inoltre come mai non posso personalizzare i dati sulle trasmittanze dei materiali?
L'help non c'è i dati di trax devi prendere quelli che ti dà il sw

jerryluis
Messaggi: 2396
Iscritto il: mer apr 04, 2007 20:46
Località: Nella Regione delle Banane

Re: HELP ON LINE CENED

Messaggio da jerryluis »

Se hai un'abitazione in classe A degli anni 60 con le indicazioni che dai le ragioni posoono essere solo 2:

1) Hai fatto un errore di inserzione dati (ne dubito perchè sicuramente hai rivisto più volte)

2) Hai un generatore a legna, cosa molto probabile in zone di montagna.

A questo punto una provocazione ai MIlanesi: sostituite tutti i vostri generatori,magari a condensazioen con caldaie a pellets e le vostre case per magia scatteranno in classe A secondo procedura Regione Lombardia!!!

E adesso mi vengano a dire che non è corretto... se la sono inventata Loro la procedura!! come altre S.....te che ho già evidenziato!

SuperP
Messaggi: 9420
Iscritto il: lun set 11, 2006 10:06

Re: HELP ON LINE CENED

Messaggio da SuperP »

jerryluis ha scritto: A questo punto una provocazione ai MIlanesi: sostituite tutti i vostri generatori,magari a condensazioen con caldaie a pellets e le vostre case per magia scatteranno in classe A secondo procedura Regione Lombardia!!!!
Sai che così facendo, secondo coloro che sostengono la piena compatibilità ambientale della combustione della legna (Co2 =0, PM10=0 etc) teoricamente milano sarebbe la città + vivibile, in pratica sarebbe ricoperta da una patina nera.. :)

engel_eagle
Messaggi: 16
Iscritto il: mar set 25, 2007 19:37

Re: HELP ON LINE CENED

Messaggio da engel_eagle »

jerryluis ha scritto:Se hai un'abitazione in classe A degli anni 60 con le indicazioni che dai le ragioni posoono essere solo 2:

1) Hai fatto un errore di inserzione dati (ne dubito perchè sicuramente hai rivisto più volte)

2) Hai un generatore a legna, cosa molto probabile in zone di montagna.

A questo punto una provocazione ai MIlanesi: sostituite tutti i vostri generatori,magari a condensazioen con caldaie a pellets e le vostre case per magia scatteranno in classe A secondo procedura Regione Lombardia!!!

E adesso mi vengano a dire che non è corretto... se la sono inventata Loro la procedura!! come altre S.....te che ho già evidenziato!
E non finisce qui! Ho cercato di testare il programma su 1 appartamento di 80 mq netti ubicato tra altre 2 u.immob. poste rispettivamente al piano primo e al terzo, quindi riscaldate. L'edificio ha il cappotto esterno da 4 cm di styrodur o similare..., caldaia a gasolio istallata nel 1972, ma il risultato...classe B! boh! sto solo perdendo tempo! Fatemi sapere quando uscirà una nuova versione del Cened!!! Mi auguro che in questa fase, i programmatori del Cened abbiamo quantomeno il buon senso di modificare il programma nel + breve tempo possibile...a meno che non vogliano continuare a produrre carne da mettere sulle scrivanie degli Avvocati!!!
:wink:
Libero professionista! Professionista si, ma libero no!

Dorianoz
Messaggi: 572
Iscritto il: gio ott 05, 2006 14:56

Re: HELP ON LINE CENED

Messaggio da Dorianoz »

a me sembra strano che nessuno si occupi di queste incongruenze, piuttosto visto che già alla prima schermata vado in crisi, la superficie lorda-netta è quella calpestabile riscaldata vero? E serve per i carichi interni, ok? Non c'entra niente con quella del rapporto S/V che il programma dovrebbe calcolarsi in base alle superfici richieste con l'imputazione delle varie strutture, giusto?
Che trovo anche strano è la cosa legata alla voce: sostituzione serramenti. Se come dice l'ENEA per l'Epi devo tener conto della caldaia centralizzata e per il Fep della singola unità immobiliare, io credo che se non ho una regolazione appartamento per appartamento e quindi nemmeno manuale, io penso che sostituendo i serramenti in un singolo appartamento, il palazzo non riceve benefici, a meno che l'utente non agisca direttamente sulle valvole dei radiatori se ha troppo caldo (parlo di impianti vecchi a colonne montanti). Insomma ce ne sarebbero di cosette da dire.............

jerryluis
Messaggi: 2396
Iscritto il: mer apr 04, 2007 20:46
Località: Nella Regione delle Banane

Re: HELP ON LINE CENED

Messaggio da jerryluis »

SuperP ha scritto:
jerryluis ha scritto: A questo punto una provocazione ai MIlanesi: sostituite tutti i vostri generatori,magari a condensazioen con caldaie a pellets e le vostre case per magia scatteranno in classe A secondo procedura Regione Lombardia!!!!
Sai che così facendo, secondo coloro che sostengono la piena compatibilità ambientale della combustione della legna (Co2 =0, PM10=0 etc) teoricamente milano sarebbe la città + vivibile, in pratica sarebbe ricoperta da una patina nera.. :)
Certo, però io ho seguito le indicazioni delle regione lombardia, con un software con il quale faccio delle critiche anche sulla progettazione di altri!! Ho applicato correttamente la procedura Cened!! :twisted: :twisted: :twisted:

Cosa facciamo andiamo avanti con queste putt..te! validate da chi? su cosa? in che modo? o facciamo le nostre belle diagnosi energetiche basate sulle norme UNI visto che la regione ha dimostrato piena INCOMPETENZA IN MATERIA!!!

eliobono
Messaggi: 340
Iscritto il: mer ago 23, 2006 15:53
Località: Ponte in Valtellina (So)
Contatta:

Messaggio da eliobono »

OK!!!!!!!! Facciamo le nostre belle diagnosi energetiche basate sulle norme UNI visto che la regione ha dimostrato piena INCOMPETENZA IN MATERIA!!!
Lavorare è meno noioso che divertirsi.
Charles Baudelaire

Kia
Messaggi: 85
Iscritto il: gio giu 14, 2007 12:41
Località: ALESSANDRIA

Messaggio da Kia »

eliobono ha scritto:OK!!!!!!!! Facciamo le nostre belle diagnosi energetiche basate sulle norme UNI visto che la regione ha dimostrato piena INCOMPETENZA IN MATERIA!!!
Condivido! Penso che la REGIONE LOMBARDIA dovrebbe chedere i danni al Cened i cui professionisti (mi sa pittosto professori che professionisti) saranno stati pagati profumatamente per produrre il software e la procedura di calcolo.
Se il professionista, incaricato per il progetto o per la certificazione, dichiara il falso va in penale e chi firma è sempre il professionista, anche su una procedura "unificata". Se in coscienza so che non rispetta le norme tecniche UNI richiamate dalla legge, come faccio a firmare? Propongo di boicottare il software fino a quando non sarà aggiornato seriamente, e di continuare ad usare i software affidabili come EC500, da sempre usati per la progettazione. Saluti da un "libero" professionista.
KIA

engel_eagle
Messaggi: 16
Iscritto il: mar set 25, 2007 19:37

Messaggio da engel_eagle »

Kia ha scritto:
eliobono ha scritto:OK!!!!!!!! Facciamo le nostre belle diagnosi energetiche basate sulle norme UNI visto che la regione ha dimostrato piena INCOMPETENZA IN MATERIA!!!
Condivido! Penso che la REGIONE LOMBARDIA dovrebbe chedere i danni al Cened i cui professionisti (mi sa pittosto professori che professionisti) saranno stati pagati profumatamente per produrre il software e la procedura di calcolo.
Se il professionista, incaricato per il progetto o per la certificazione, dichiara il falso va in penale e chi firma è sempre il professionista, anche su una procedura "unificata". Se in coscienza so che non rispetta le norme tecniche UNI richiamate dalla legge, come faccio a firmare? Propongo di boicottare il software fino a quando non sarà aggiornato seriamente, e di continuare ad usare i software affidabili come EC500, da sempre usati per la progettazione. Saluti da un "libero" professionista.
Sembra che non ci siano alternative, sono d'accordo e proporrei un sondaggio con la semplice domanda: siete favorevoli a non utilizzare il software Cened, fino a quando uscira' la versione che tenga conto del rilievo dello stato di fatto, di tutti i parametri rapportati al tipo di edificio o u.i. da certificare e quindi a redigere solo gli attestati di qualificazione energetica nella fase transitoria? Unico problema chiedo aiuto a qualke utente esperto per attivare un link dove si possa eprimere il proprio voto!!! Grazie! Buon lavoro!
Libero professionista! Professionista si, ma libero no!

engel_eagle
Messaggi: 16
Iscritto il: mar set 25, 2007 19:37

Re: HELP ON LINE CENED

Messaggio da engel_eagle »

SuperP ha scritto:
engel_eagle ha scritto:Buongiorno, qualcuno mi sa dire come si attiva la guida on line per la compilazione del software Cened? Inoltre come mai non posso personalizzare i dati sulle trasmittanze dei materiali?
L'help non c'è i dati di trax devi prendere quelli che ti dà il sw
Scusa, ma ti sembra corretto non poter utilizzare i dati reali? In questo modo sono sicuro solo di una cosa: il risultato finale sarà sbagliato! Inoltre se 10 certificatori utilizzano Cened per certificare la stessa casa arriveranno a 10 risultati diversi...ma non nell'ordine di 3-5 kwh/mqa bensì addirittura con classe energetica diverse! Forse si potrebbe utilizzare un software che permette l'input dei dati reali. Successivamente tentare di compilare il Cened e confrontare il risultato. Il 99,9% sarà diverso e quindi che fare? L'assurdo che ora con la versione del 14/09/07 nemmeno si puo modificare il PDF. Quindi che dire, se vi capita un incarico fate voi...sicuro non chiamatemi per sbolognare l'incarico!!! Sono pazzo, ma a tutto c'è un limite!
Libero professionista! Professionista si, ma libero no!

Avatar utente
tigers
Messaggi: 1040
Iscritto il: lun set 11, 2006 10:08

Messaggio da tigers »

Alcune osservazioni:

1. S/V a che cosa serve nella procedura? A nulla;

2. Non so voi ma a me il SW lascia modificare i valori della U, basta scrivere nella casellina;

3. Secondo il CENED gli edifici confinanti con quello da certificare vanno considerati dome disperdenti, con un F_T=0,5 se esterni all'edificio da certificare, ovvero come non disperdenti se affacciano su un'altra porzione dell'edificio da certificare.

Kia
Messaggi: 85
Iscritto il: gio giu 14, 2007 12:41
Località: ALESSANDRIA

Messaggio da Kia »

Sembra che non ci siano alternative, sono d'accordo e proporrei un sondaggio con la semplice domanda: siete favorevoli a non utilizzare il software Cened, fino a quando uscira' la versione che tenga conto del rilievo dello stato di fatto, di tutti i parametri rapportati al tipo di edificio o u.i. da certificare e quindi a redigere solo gli attestati di qualificazione energetica nella fase transitoria? Unico problema chiedo aiuto a qualke utente esperto per attivare un link dove si possa eprimere il proprio voto!!! Grazie! Buon lavoro![/quote]

:idea: Ma se si promuovesse una campagna tra i certificatori energetici in Lombardia di protesta ad esempio invitando tutti i colleghi iscritti nell'elenco a rifiutare gli incarichi e poi pubblicando la protesta sui giornali, pensate che potrebbe funzionare? Potremmo anche chiedere agli ordini professionali di intervenire dando il loro parere, come succede per le gare di aggiudicazione di incarico pubblico quando non conformi.
KIA

Dorianoz
Messaggi: 572
Iscritto il: gio ott 05, 2006 14:56

Messaggio da Dorianoz »

anche io posso modificare a piacimento i miei U, non è che è un problema di computer?

Avatar utente
ilverga
Messaggi: 1972
Iscritto il: gio ott 05, 2006 17:42
Località: prov. MI

Messaggio da ilverga »

Dorianoz ha scritto:anche io posso modificare a piacimento i miei U, non è che è un problema di computer?
NO! E' un problema di testa...si, di quelli che lavorano per CENED - PuntoEnergia!

gfrank
Messaggi: 1238
Iscritto il: ven set 15, 2006 12:57

Messaggio da gfrank »

Premetto che non sono, ne voglio fare il difensore del CENED, ma secondo il mio parere, va evidenziato:
1) la procedura è una cosa
2) il software è un'altra
Infatti, la delibera Lombarda, contiene tutta la procedura, compresi gli aggiornalenti, e nella procedura sono evidenziati i parametri applicati per il calcolo (leggi formule) che poi determina il risultato.
Mi chiedo: gli scettici ( 8) hanno verificato la correttezza dei parametri indicati nella procedura? Sonno caxxate o corrispondono alle norme UNI, raccomandazioni CTI, Norme EN, ecc., oppure si critica e basta?
Magari, qualcuno può utilizzare il foglio excel, e fare il calcolo da solo e poi confutare le discrepanze o altro.
Il software CENED, è un aiuto ( :shock: ) che viene dato ai certificatori, ma non è "il vangelo"
Se qualcuno ritiene che il software non è conforme alla procedura, nessuno lo obbliga ad utilizzarlo, ripeto: c'è sempre iol foglio excel (oppure con calcoli a mano)
Leggendo qualche messaggio dei questo post, mi sembre che:
- qualcuno non ha "inteso" ( :roll: ) quali sono i dati da inserire nel software;
- qualcuno ritiene che il software dia dati non confacenti, RISPETTO AD ALTRI SOFTWARE;
ma in un caso o nell'altro, nessuno ha mai detto, nelle critiche, di aver provato ad applicare i parametri della procedura (che raccolgono pari pari tutte le norme in uso), ovvero che abbiano la prova provata che altri software siano "perfetti".
In molti casi, mi sembra di leggere tra le righe che il tutto viene criticato, perchè i certificatori "rubano"" i clienti (o i soldi dei clienti), riducendo il tutto ad un discorso economico.
Ci vorrebbe più serietà. Nascondere ambizioni economiche, sotto forma di errori tecnici, non mi sembra una cosa seria.
Dal mio punto di vista, se qualcuno ha riscontrato nella procedura errori relativi all'uso dei parametri, ovvero in difformità alle norme tecniche, faccia presente dove sono gli errori, altrimenti .... un conto è esprimere perplessità (di fatto non suffragate da alcuna prova), e un altro conto è andare giù di mazza......
Dire che CENED non va bene perche il risultato è diverso da Edilclima o Acca, o MC4 o altri software, mi sembra eccessivo, come mi sembra eccessivo dire che il software CENED non funziona perchè non si conosce quali dati inserire, o dove vanno inseriti!
In altri post ho letto che i software commerciali in uso, non danno (tra loro) risultati esattamente identici, perchè lo dovrebbe fare il software CENED?
In altri post, qualcuno ha verificato il risultato tra il Cened ed un altro software (.. non mi ricordo il nome..) e partendo dagli stessi dati di input, la differenza era di 0, 5 kWh/m2, o giù di li, e nessuno ha contestato il risultato.

gfrank

SuperP
Messaggi: 9420
Iscritto il: lun set 11, 2006 10:06

Messaggio da SuperP »

gfrank ha scritto:Il software CENED, è un aiuto ( :shock: ) che viene dato ai certificatori, ma non è "il vangelo"
Se qualcuno ritiene che il software non è conforme alla procedura, nessuno lo obbliga ad utilizzarlo, ripeto: c'è sempre iol foglio excel (oppure con calcoli a mano)
Si vede che non sei lombardo e non conosci la procedura per la certificazione (fortuna tua). Il sw cened è indispensabile!!! Non puoi farne a meno!! :twisted:

gfrank
Messaggi: 1238
Iscritto il: ven set 15, 2006 12:57

Messaggio da gfrank »

SuperP ha scritto:Si vede che non sei lombardo e non conosci la procedura per la certificazione (fortuna tua). Il sw cened è indispensabile!!! Non puoi farne a meno!! :twisted:
Lombardissimo! 8)

Ripeto: Obbligo delle progedura, non del software! :shock:

gfrank

gfrank
Messaggi: 1238
Iscritto il: ven set 15, 2006 12:57

Messaggio da gfrank »

[quote="gfrank] ....progedura....
gfrank[/quote]

Ops.. ...procedura,( naturalmente) ...:oops:

gfrank

SuperP
Messaggi: 9420
Iscritto il: lun set 11, 2006 10:06

Messaggio da SuperP »

gfrank ha scritto:Obbligo delle progedura, non del software! :shock:
Allora, oltre a prendere i fucili e marciare su Roma ladrona, dimmi come fai a completare la pratica di certificazione senza l'uso del sw. Cened

eliobono
Messaggi: 340
Iscritto il: mer ago 23, 2006 15:53
Località: Ponte in Valtellina (So)
Contatta:

Messaggio da eliobono »

SuperP ha scritto:
gfrank ha scritto:Obbligo delle progedura, non del software! :shock:
Allora, oltre a prendere i fucili e marciare su Roma ladrona, dimmi come fai a completare la pratica di certificazione senza l'uso del sw. Cened
Si potrebbe tornare al mediovo e fare il tutto a mano....
Magari ci fosse solo Roma ladrona, con le varie devolucion i ladroni sono aumentati a dismisura, Regioni, Province, Comuni, Comunità Montane, Circoscrizioni, BIM, e chi più ne ha più ne metta (senza fare di tutta un'erba un fascio, ci sono sempre le eccezioni). E noi pensavamo di entrare in Europa. Un passo avanti e due indietro.
Lavorare è meno noioso che divertirsi.
Charles Baudelaire

Avatar utente
tigers
Messaggi: 1040
Iscritto il: lun set 11, 2006 10:08

Messaggio da tigers »

gfrank ha scritto:
SuperP ha scritto:Si vede che non sei lombardo e non conosci la procedura per la certificazione (fortuna tua). Il sw cened è indispensabile!!! Non puoi farne a meno!! :twisted:
Lombardissimo! 8)

Ripeto: Obbligo delle progedura, non del software! :shock:

gfrank
Su questo hai ragione, certo. Allora andiamo con ordine: se ci limitassimo al solo rispetto della procedura in alcuni casi ci sarebbe da chiudere tutto ed andare a casa; es. capannone E.8, NON previsti dalla procedura :shock: : cosa facciamo?

Punto secondo, ancora piu' importante e decisivo: per chiudere la pratica di certificazione io DEVO allegare il file *.cnd. File BINARIO di cui non sono nemmeno note le specifiche. Se tu sei in grado di inserire nel file cnd le TUE interpretazioni della procedura insegnami come fare, che mi interessa... Ora come ora non vedo alternative all'uso del SW CENED, nel bene e nel male.

La tua stessa obiezione me l'ha fatta un altro collega, che si vantava di aver fatto un sacco di certificazioni (piu' di 50, mi diceva) ed era sorpreso del fatto che io incontrassi problemi nell'applicare la procedura, secondo lui era tutto limpido e chiaro e poi, mi disse, "puoi sempre fare i calcoli a mano se hai dei punti che pensi di poter migliorare", poi gli ho fatto notare del file cnd... :)

jerryluis
Messaggi: 2396
Iscritto il: mer apr 04, 2007 20:46
Località: Nella Regione delle Banane

Messaggio da jerryluis »

gfrank ha scritto:Premetto che non sono, ne voglio fare il difensore del CENED, ma secondo il mio parere, va evidenziato:
1) la procedura è una cosa
2) il software è un'altra
Infatti, la delibera Lombarda, contiene tutta la procedura, compresi gli aggiornalenti, e nella procedura sono evidenziati i parametri applicati per il calcolo (leggi formule) che poi determina il risultato.
Mi chiedo: gli scettici ( 8) hanno verificato la correttezza dei parametri indicati nella procedura? Sonno caxxate o corrispondono alle norme UNI, raccomandazioni CTI, Norme EN, ecc., oppure si critica e basta?
Qui ti rispondo per quello che ho approfondito e che conosco meglio.. non ho approfondito tutta la procedura al 100% perchè considera che molte cose le scopri di volta in volta con casi specifici.
Premesso questo ti posso garantire che per quanto concerne il discorso rendimento di produzione per le utenze allacciate alla rete di teleriscaldamento hanno contravvenuto alle norme UNI. il riferimento esatto lo trovi nella DL delal regione lombardia dove nella procedura fanno sempre riferimento alla norma PrEN 13... (trovi i riferimenti sul tread rendimento teleriscaldamento).
Tale normativa UNI al passo 4-5 (i riferimenti esatti sono nel tread che ti ho inidicato) e se vuoi ti posso spedire anche la copia della UNI specifica proprio come fare a calcolare tale rendimento di produzione conteggiando giustamente anche le perdite di distribuzione lunga la rete cittadina. Se fai qualche prova ti accorgi che tale sistema non ha rendimenti superiori all'80%.
Sempre la regione Lombardia, pensa come sono assurdi e come giocano con l'ingegneria, nelle schede d'azione (http://www.puntoenergia.it/com non ricordo di preciso) indica che le reti di teleriscaldamento dovrebbero essere alimentata da centrale ad energia rinnovabile come la biomassa o altre forme rinnovabili.
Di tutta questa normativa tecnica che danneggerebbe gli interessi politici che sovvenzionano l enuove centrali a gas, a gas+olio per i motori, viene fatta carta straccia ed attribuito rendimento unitario.

Quindi detto fatto questo passo della procedura ed implementato nel cened si oppone alle norme UNI.
Questo lo capisce chiunque che è una cavolata, perchè con la stessa logica dovrei considerare anche l'energia elettrica rendimento=1 poichè prodotta all'esterno del fabbricato..
Ma stiamo fumando acidi??!!

Magari, qualcuno può utilizzare il foglio excel, e fare il calcolo da solo e poi confutare le discrepanze o altro.
Il software CENED, è un aiuto ( :shock: ) che viene dato ai certificatori, ma non è "il vangelo"
Se qualcuno ritiene che il software non è conforme alla procedura, nessuno lo obbliga ad utilizzarlo, ripeto: c'è sempre iol foglio excel (oppure con calcoli a mano)
Leggendo qualche messaggio dei questo post, mi sembre che:
- qualcuno non ha "inteso" ( :roll: ) quali sono i dati da inserire nel software;
- qualcuno ritiene che il software dia dati non confacenti, RISPETTO AD ALTRI SOFTWARE;
ma in un caso o nell'altro, nessuno ha mai detto, nelle critiche, di aver provato ad applicare i parametri della procedura (che raccolgono pari pari tutte le norme in uso), ovvero che abbiano la prova provata che altri software siano "perfetti".
In molti casi, mi sembra di leggere tra le righe che il tutto viene criticato, perchè i certificatori "rubano"" i clienti (o i soldi dei clienti), riducendo il tutto ad un discorso economico.
Ci vorrebbe più serietà. Nascondere ambizioni economiche, sotto forma di errori tecnici, non mi sembra una cosa seria.
No guarda ti contesto al 100% quanto dici, per questa ragione fondamentale:

L'obiettivo è fare del risparmio energetico questo consideralo il puntoa cui vogliamo tendere.
Il termotecnico/professionista che si reca sul posto deve valutare come fare un nuovo intervento.
A questo punto la regola vuole che il professionista aquisisca tutti i dati fondamentali per fare una DIAGNOSI ENERGETICA.
Sai cos'è una diagnosi energetica? vedi cosa dice la UE, oppure alcuni dettami del governo con il DL 22/02/2007, oppure vari testi di ingeneria, oppure anche il dipartimento federale svizzero. Sono tutti concordi salvo i OO della regione Lombardia.
Con quei dati dicevo effettui la diagnosi e metti in evidenza gli interventi da proporre con vari tipi di risultato.
Quando fai il progetto per un intervento questo è la fase attuativa/realizzativa dei risultati ottenuti dalla diagnosi energetica.
Che interesse ha il progettista a non consigliare per il meglio il proprio cliente? lo steso progettista che è anche certificatore cened!!!! per i nostri luminari lumbard noi tecnici siamo diventati Dr. Jakye e Mr. Heid (sperem di aver scritto giusto!! :D )
Incapaci di progettare e superbi certificatori.
Alla fine di questa fase serve un'altra persona che rifaccia i nostri calcoli e riesponga un'altra fattura al cliente che si trova a pagare il doppio per lo stesso servizio.
Permettimi che il livello di analisi che fa il progettista, proprio perchè entra in merito al particolare uso dell'abitazione, piuttosto che del piccolo laboratorio che ha diritto alla detrazione del 55% (IRES) è molto più attendibile rispetto ad un calcolo standard che ha lo scopo di mostrare un numero e basta.
Dal mio punto di vista, se qualcuno ha riscontrato nella procedura errori relativi all'uso dei parametri, ovvero in difformità alle norme tecniche, faccia presente dove sono gli errori, altrimenti .... un conto è esprimere perplessità (di fatto non suffragate da alcuna prova), e un altro conto è andare giù di mazza......
Dire che CENED non va bene perche il risultato è diverso da Edilclima o Acca, o MC4 o altri software, mi sembra eccessivo, come mi sembra eccessivo dire che il software CENED non funziona perchè non si conosce quali dati inserire, o dove vanno inseriti!
Ho fatto di più, gli ho indicato direttamente le norme norme per il discorso teleriscaldamento e mi sono preso dell'ignorante!!!
A queste bestie gli ritirerei la laurea, bestie che non sono altro, neanche i principi della fisica conoscono e pretendono di gestire certi problemi..
In altri post ho letto che i software commerciali in uso, non danno (tra loro) risultati esattamente identici, perchè lo dovrebbe fare il software CENED?
In altri post, qualcuno ha verificato il risultato tra il Cened ed un altro software (.. non mi ricordo il nome..) e partendo dagli stessi dati di input, la differenza era di 0, 5 kWh/m2, o giù di li, e nessuno ha contestato il risultato.
gfrank
Il cened è stato validato su un cubo, se per C..lo su tanti casi si trovano due risultati uguali chi se ne f..ga!! ma ti sembra possibile che su quelle basi contesti un professionista?
Lo sai i riflessi che ha un procedura standard coem questa sulle miriadi di possibilità che capitano?
2 mesi di tempo in un periodo feriale???!!! che si sovrappongono ai termini dei tempi per le detrazioni del 55% nazionali??

gfrank
Messaggi: 1238
Iscritto il: ven set 15, 2006 12:57

Messaggio da gfrank »

Azz... lo sapevo, sono andato a cercarmi rogne .... :shock:

Le osservazioni, sono tutte pertinenti, ma tutte le discussioni (anche quelle contenute in altri post), sintetizzando, a mio parere, ponevano queste principali osservazioni:
1) la procedura (ed il software) non sono sviluppate correttamente, con possibili errori di output, il che comporta:
- responsabilità civile del certificatore ( es. atti di vendita nulli in dipendenza di certificazione sbagliata) e richieste di danni
- resposabilità penali, per fraudolenta dichiarazione in qualità di dichiarazioni rese da persona che adempie a funzioni di pubblica utilità
- eventuali contenziosi con il progettista
2) mancata chiarezza ( o conoscenza) dei dati di input del software
3) costo della certificazione

Le mie considerazioni sono:
- nessuna responsabilità del certificatore, per i dati di output, nel caso che la procedura ed il software sono stati progettati male (la responsabilità passa al CENED o a Punto Energia), sempre che i dati inseriti siano corretti e conformi
N.B. pertanto, il file CND che serve a chiudere l'iter della certificazione, è una conseguenza della procedura, un dato di output, non del certificatore (se in fase di input ha inserito i dati corretti

- chi ritiene che la procedura non sia corretta, per cautelarsi maggiormente, può fare una certificazione con altre procedure (o software) ed allegarle ai documenti che si consegnano al committente (o al comune) e motivare la diversità del risultato. D'altronde, se uno è sicure di quello che fa, non c'è procedura CENED che tenga! O no! Anche in tribunale, se neccessario

- per capire bene quali dati richieda la procedura (o il software) in fase di input, è bene "leggere" :roll: attentamente la procedura.
N.B. Se le formule indicate nella procedura vengono inserite su un foglio excel, funzionano ugualmente, :shock: , non c'è bisogno del software con una bella maschera grafica.

- come detto sopra, il certificatore ha responsabilità civili e penali, (anche con le certificazioni del 311 - AQE) nella redazione di un certificato energetico, ne consegue che:
- conosca la materia (citazione superflua :D )
- esegua tutti i controlli che ritiene opportuni, affinchè non possa essere tacciato di dolo, ma al massimo di errore in buona fede 8)
- conosca le responsabilità conseguenti a errori (o doli)
- richieda il giusto compenso per il prodotto che offre
... altrimenti ... lasci perdere, vuole dire che il mestirere di certificatore (o verificatore, o controllore, o...) non fa per lui.

gfrank

gfrank
Messaggi: 1238
Iscritto il: ven set 15, 2006 12:57

Messaggio da gfrank »

... una ultima osservazione... ( e poi non farò più il difensore del diavolo, giuro !)
premesso che nel forum, tutto si può scrivere (... o quasi...) mi sembra che la discussione dovrebbe tendere alla "soluzione dei problemi" o quantomeno a pareri che portano a tale obbiettivo
Leggere post nei quali è espresso solo un "continuo lamento" e basta, sul tale argomento (ACE Lombardia) o tal'altro, non ha senso, almeno per me.
La critica, deve essere costruttiva.

gfrank

gfrank
Messaggi: 1238
Iscritto il: ven set 15, 2006 12:57

Messaggio da gfrank »

[quote="jerryluis"]...
Il cened è stato validato su un cubo, se per C..lo su tanti casi si trovano due risultati uguali chi se ne f..ga!! ma ti sembra possibile che su quelle basi contesti un professionista....[quote]

... la procedura è stata testata su 200 casi, elaborati con un software di progettazione dinamica, e la differenza media riscontrata è dell'ordine del 2-3% ....

Per quanto mi riguarda, ho fatto qualche prova su casi reali (3 casi attestati con AQE)
La differenza tra Legge 10 e Cened non ha mai superato l'1%

gfrank

(azz.. ci sono ricaduto :wink: )

jerryluis
Messaggi: 2396
Iscritto il: mer apr 04, 2007 20:46
Località: Nella Regione delle Banane

Messaggio da jerryluis »

gfrank ha scritto:
jerryluis ha scritto:...
Il cened è stato validato su un cubo, se per C..lo su tanti casi si trovano due risultati uguali chi se ne f..ga!! ma ti sembra possibile che su quelle basi contesti un professionista....

... la procedura è stata testata su 200 casi, elaborati con un software di progettazione dinamica, e la differenza media riscontrata è dell'ordine del 2-3% ....

Per quanto mi riguarda, ho fatto qualche prova su casi reali (3 casi attestati con AQE)
La differenza tra Legge 10 e Cened non ha mai superato l'1%

gfrank

(azz.. ci sono ricaduto :wink: )
scusa non sono stato preciso, su 200 cubi diversi... con rapporti geometrici diversi !!!!!!!!!!!! vedi relazione di validazione....

engel_eagle
Messaggi: 16
Iscritto il: mar set 25, 2007 19:37

Messaggio da engel_eagle »

gfrank ha scritto:
jerryluis ha scritto:...
Il cened è stato validato su un cubo, se per C..lo su tanti casi si trovano due risultati uguali chi se ne f..ga!! ma ti sembra possibile che su quelle basi contesti un professionista....

... la procedura è stata testata su 200 casi, elaborati con un software di progettazione dinamica, e la differenza media riscontrata è dell'ordine del 2-3% ....

Per quanto mi riguarda, ho fatto qualche prova su casi reali (3 casi attestati con AQE)
La differenza tra Legge 10 e Cened non ha mai superato l'1%

gfrank

(azz.. ci sono ricaduto :wink: )
Se fosse così, mi interessa sapere quale è il software che usi per il calcolo della L.10, io ancora devo decidere! Cosa mi consigli? Buon lavoro!
Libero professionista! Professionista si, ma libero no!

Rispondi