idranti e pericolo ghiaccio

Normativa Antincendio, Rilascio CPI, ecc.

Moderatore: Edilclima

Rispondi
nicorovoletto
Messaggi: 2032
Iscritto il: mar ago 29, 2006 14:54

idranti e pericolo ghiaccio

Messaggio da nicorovoletto » gio mar 08, 2007 16:17

impianto ad idranti, la UNI 10779 specifica che bisogna proteggere le tubazioni dalla possibile formazione di ghiaccio???
Come fare??
l'unica cosa è cavo scaldante con isolamento e punto!

Inoltre in un'autorimessa interrata, secondo voi, le tubazioni vanno protette dal pericolo del ghiaccio???

bha, grazie :roll:
Non ho paura della mia ignoranza, anzi, l'affronto ogni giorno!

studio17
Messaggi: 461
Iscritto il: ven feb 02, 2007 09:41

Re: idranti e pericolo ghiaccio

Messaggio da studio17 » gio mar 08, 2007 17:35

l'unica cosa è cavo scaldante con isolamento e punto!

certo.

Inoltre in un'autorimessa interrata, secondo voi, le tubazioni vanno protette dal pericolo del ghiaccio???

Sicuramente dipende dal luogo geografico di ubicazione, dalla quantità di aerazione, etc...

comunque perchè prendersi delle responsabilità gratutite....le proteggi e basta, di certo non sbagli.
stimp

nicorovoletto
Messaggi: 2032
Iscritto il: mar ago 29, 2006 14:54

Re: idranti e pericolo ghiaccio

Messaggio da nicorovoletto » gio mar 08, 2007 17:44

di fatto per gli impianti che vedo nelle zone nord est con temperature di
-5C° d'inverno, non vedo mai tubazioni con cavi scaldanti, quindi chiedevo:
in genere (per chi progetta in queste zone) considera il pericolo di formazione di ghiaccio???
Non ho paura della mia ignoranza, anzi, l'affronto ogni giorno!

zanna54
Messaggi: 5
Iscritto il: ven gen 05, 2007 01:27
Località: milano

Re: idranti e pericolo ghiaccio

Messaggio da zanna54 » dom mar 18, 2007 17:21

nicorovoletto ha scritto:impianto ad idranti, la UNI 10779 specifica che bisogna proteggere le tubazioni dalla possibile formazione di ghiaccio???
Come fare??
l'unica cosa è cavo scaldante con isolamento e punto!

Inoltre in un'autorimessa interrata, secondo voi, le tubazioni vanno protette dal pericolo del ghiaccio???

bha, grazie :roll:
per impianti specifici dove c'è possibilità di formazione di ghiaccio nelle tubazioni si usano valvole a secco.

nicorovoletto
Messaggi: 2032
Iscritto il: mar ago 29, 2006 14:54

Re: idranti e pericolo ghiaccio

Messaggio da nicorovoletto » lun mar 19, 2007 14:57

bha, grazie :roll:[/quote]
per impianti specifici dove c'è possibilità di formazione di ghiaccio nelle tubazioni si usano valvole a secco.[/quote]
ho questo dubbio:
ma l'impianto a secco è conteplato anche dalla UNI 10779/01 per impianti ad idranti??
Non ho paura della mia ignoranza, anzi, l'affronto ogni giorno!

Alessia
Messaggi: 4
Iscritto il: mer lug 26, 2006 14:59

Messaggio da Alessia » lun mar 19, 2007 16:58

la norma uni 10779:2001 non si applica alle reti idranti a secco come specificato al capitolo 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE.

nicorovoletto
Messaggi: 2032
Iscritto il: mar ago 29, 2006 14:54

Messaggio da nicorovoletto » lun mar 19, 2007 17:12

e quindi riassumento:
se ho un impianto ad idranti per proteggerlo dal ghiaccio devo installare isolante con cavo scaldante! non ci sono altre soluzioni
Non ho paura della mia ignoranza, anzi, l'affronto ogni giorno!

zanna54
Messaggi: 5
Iscritto il: ven gen 05, 2007 01:27
Località: milano

Re: idranti e pericolo ghiaccio

Messaggio da zanna54 » ven giu 15, 2007 01:24

ne ho in manutenzione molti con la sola coibentazione del tubo di arrivo

Terminus
Messaggi: 7783
Iscritto il: ven mar 30, 2007 17:40
Località: Umbria

Messaggio da Terminus » ven giu 15, 2007 13:30

Se il rischio di ghiaccio è reale (lunghi tratti di tubazione esposti alle intemperie) e non si vuole spendere per i cavi scaldanti + isolante, allora è proponibile una piccola elettrovalvola da inserire nel punto di scarico impianto, comandata da termostato esterno (tarato per esempio a -2°C).
L'elettrovalvola (di piccolo diametro) crea una minima fuoriuscita di acqua dall'impianto, dopo un pò parte la pompa pilota: la circolazione assicura la protezione dal congelamento dell'acqua nel circuito.
Naturalmente occorre anche un allarme di minimo livello della riserva idrica.
I VVF dovrebbero accettare una tale soluzione.

Rispondi