CRITERI PER DETERMINARE AGGRAVIO RISCHIO INCENDIO

Normativa Antincendio, Rilascio CPI, ecc.

Moderatore: Edilclima

Rispondi
mmaarrccoo
Messaggi: 544
Iscritto il: mer mag 05, 2010 16:15

CRITERI PER DETERMINARE AGGRAVIO RISCHIO INCENDIO

Messaggio da mmaarrccoo »

Premetto che ho cercato a lungo nel forum senza trovare risposte condivise da tutti.
Vorrei una volta per tutte fare chiarezza su quali criteri si possono usare per determinare l'aggravio di rischio e quindi per capire se si PUO' far SCIA non aggravio oppure se si DEVE ripartire con esame progetto.
La questione nasce da questi presupposti:

- l'art. 4 comma 6 DPR 151/11 dice: Fermo restando quanto previsto dall’articolo 3 del presente decreto in caso di modifiche che comportano un aggravio delle preesistenti condizioni di sicurezza antincendio, l’obbligo per l’interessato di avviare nuovamente le procedure previste dal presente articolo ricorre quando vi sono modifiche di lavorazione o di strutture, nei casi di nuova destinazione dei locali o di variazioni qualitative e quantitative delle sostanze pericolose esistenti negli stabilimenti o depositi e ogni qualvolta sopraggiunga una modifica delle condizioni di sicurezza precedentemente accertate.

- l'allegato IV del DM 07/08/2012 riporta i criteri qualitativi per stabilire se le modifiche sono non rilevanti (e quindi da dichiarare al rinnovo) oppure se sono rilevanti (e quindi successivamente da inquadrare in aggravio o non aggravio per determinare nuovo esame progetto o nuova SCIA non aggravio).

Leggevo qui nel forum che ad esempio @weareblind asseriva che l'allegato IV si applica solo per determinare se andare in rinnovo o no e nient'altro. Tuttavia mi rendo conto che c'è un pò di confusione sull'argomento e ad esempio qui in rete si dice diversamente https://dariozanut.wordpress.com/2016/1 ... tincendio/ e pare che si possano usare i criteri dell'allegato IV anche per determinare se c'è aggravio oppure no. E quindi non ci capisco più molto.

Una volta per tutte riusciamo a tirare le fila? Secondo voi com'è?

Terminus
Messaggi: 8275
Iscritto il: ven mar 30, 2007 17:40
Località: Umbria

Re: CRITERI PER DETERMINARE AGGRAVIO RISCHIO INCENDIO

Messaggio da Terminus »

L'allegato IV al DM elenca "...in maniera qualitativa, le modifiche delel attività esistenti rilevanti ai fini della sicurezza antincendio che comportano variazione delle preesistenti condizioni di sicurezza antincendio, soggette agli obblighi di cui all'articolo 4, comma 6, del DPR 151/11."

Quindi se NON si rientra nelle voci dell'allegato, si va all'aggiornamento all'atto del rinnovo, senza altri oneri.
Se invece si RIENTRA nella voci esplicitate sicuramente occorrerà quanto meno presentare la SCIA ex art.4.
Se poi la VDR determina un aggravio di rischio si rientrerà nell'art.3 (come prevede anche l'art.4, comma 6).

Le voci dell'allegato IV non ci dicono direttamente se possiamo fare SCIA con non aggravio, oppure se dobbiamo rifare il VP.
Si deve sempre valutare il rischio nel caso specifico.

Avatar utente
weareblind
Messaggi: 1358
Iscritto il: gio lug 30, 2009 09:49

Re: CRITERI PER DETERMINARE AGGRAVIO RISCHIO INCENDIO

Messaggio da weareblind »

Perfetto. Col problema che PER ME può essere non aggravio, e faccio una SCIA DOPO aver eseguito i lavori, e per il VV.F. può essere aggravio.

mmaarrccoo
Messaggi: 544
Iscritto il: mer mag 05, 2010 16:15

Re: CRITERI PER DETERMINARE AGGRAVIO RISCHIO INCENDIO

Messaggio da mmaarrccoo »

@Terminus questo lo so. E' proprio per questo che ho aperto questo post, per condividere quali possono essere metodiche e criteri da adottare nella pratica per definire l'aggravio.

Tra l'altro hai visto il link che ho messo? Devo conseguire che si sono sbagliati a citare l'allegato IV per l'aggravio?

@weareblind infatti...

Terminus
Messaggi: 8275
Iscritto il: ven mar 30, 2007 17:40
Località: Umbria

Re: CRITERI PER DETERMINARE AGGRAVIO RISCHIO INCENDIO

Messaggio da Terminus »

Nell'articolo linkato non si dice altro che quello che ho ricapitolato sopra.
L'Allegato IV ci indica solo gli aspetti che dobbiamo andare a valutare poi per decidere se applicare l'art.3 o meno.
Non vi sono indicazioni prescrittive o quantitative e non potrebbero esserci visto il mare magnum delle casistiche possibili.

@weare
capisco benissimo la questione ma questo potrebbe essere un buon motivo per fare visita ai comandi prima di presentare la SCIA, anche se la cosa non ti aggrada.... :wink:

mmaarrccoo
Messaggi: 544
Iscritto il: mer mag 05, 2010 16:15

Re: CRITERI PER DETERMINARE AGGRAVIO RISCHIO INCENDIO

Messaggio da mmaarrccoo »

Nell'articolo linkato non si dice altro che quello che ho ricapitolato sopra.
Veramente no, nell'articolo inserisce i criteri dell'allegato IV nella casistica del non aggravio. Da come è scritto l'articolo sembrerebbe quasi che l'allegato IV, oltre a fungere da spartiacque (rinnovo si/rinnovo no) dia contemporaneamente anche i criteri per il non aggravio . Come a dire: se rimani solo su quei criteri (seppur qualitativi) puoi fare non aggravio, se invece la tua situazione prevede altri criteri li non menzionati allora è aggravio. E siccome l'articolo è di una persona vicina ai VV.F. ho pensato che potesse sapere qualcosa più di noi.

Anche perché: c'è un passaggio normativo che dice espressamente che il titolare/professionista deve fare espressa valutazione aggravio/non aggravio a suo carico?

Terminus
Messaggi: 8275
Iscritto il: ven mar 30, 2007 17:40
Località: Umbria

Re: CRITERI PER DETERMINARE AGGRAVIO RISCHIO INCENDIO

Messaggio da Terminus »

Beh se leggi le voci di cui all'Allegato IV, ci trovi modifiche che possono essere veramente importanti e comportanti quasi sicuramente un aggravio dei rischi: per esempio incremento della quantità delle sostanze pericolose, incremento della classe di resistenza al fuoco, modifica sostanziale dei sistemi di vie di uscita, ecc...
Ovviamente non vi sono indicazioni quantitative: potremmo per esempio avere una triplicazione del volume degli edifici dell'attività....
Quindi come si può pensare che tali voci possano essere tout-court asseverabili con non aggravio ?
A parte casi semplici che già in passato venivano considerati "non aggravanti le preesistenti condizioni", come per esempio l'aumento degli occupanti di una scuola, nell'ambito della capacità delle vie di esodo esistenti.

L'art.4, comma 7 del DM prevede espressamente che il tecnico abilitato asseveri la conformità e dichiari il non aggravio, quindi deve per forza fare una VDR e relazionarla, anche nel modello PIN2.6.

Avatar utente
weareblind
Messaggi: 1358
Iscritto il: gio lug 30, 2009 09:49

Re: CRITERI PER DETERMINARE AGGRAVIO RISCHIO INCENDIO

Messaggio da weareblind »

Terminus ha scritto:
ven gen 31, 2020 20:26
Nell'articolo linkato non si dice altro che quello che ho ricapitolato sopra.
L'Allegato IV ci indica solo gli aspetti che dobbiamo andare a valutare poi per decidere se applicare l'art.3 o meno.
Non vi sono indicazioni prescrittive o quantitative e non potrebbero esserci visto il mare magnum delle casistiche possibili.

@weare
capisco benissimo la questione ma questo potrebbe essere un buon motivo per fare visita ai comandi prima di presentare la SCIA, anche se la cosa non ti aggrada.... :wink:
Ahahahhahha NEANCHE MORTO. Dai, tu leggi in italiano, il funzionario pure. Solo che del tuo livelli di esperienza e applicazione ho certezza e contezza.

Rispondi