Impianti vecchi in attività VVF nuove

Normativa Antincendio, Rilascio CPI, ecc.

Moderatore: Edilclima

Rispondi
domeadsl
Messaggi: 72
Iscritto il: ven gen 14, 2011 16:01

Impianti vecchi in attività VVF nuove

Messaggio da domeadsl » dom ott 20, 2019 11:46

Salve a tutti,

cercando di fare un discorso che sia il più generale possibile, è possibile utilizzare impianti antecedenti al DM 37/2008 (anche eventualmente alla 46/90) all'interno di NUOVE attività VVF per le quali si va a presentare una SCIA? (indipendentemente se nel passato siano stati presentati CPI o altro che poi sono scaduti).

Se la risposta è SI, volendo focalizzarci su un caso particolare come esempio per tutto il resto, un impianto elettrico di una nuova attività VVF non deve necessariamente quindi essere realizzato secondo le norme attuali? (ad es. garantendo la conformità al regolamento CPR per i cavi elettrici?).
Stesso discorso per tutti gli altri impianti, se erano già presenti nei locali dell'attività che si va "notificare" con SCIA adesso, si possono andare a certificare con una Dichiarazione di Rispondenza fregandosene delle norme attuali? (salvo quelli costruiti dopo il DM 37/2008 ovviamente).

mmaarrccoo
Messaggi: 383
Iscritto il: mer mag 05, 2010 16:15

Re: Impianti vecchi in attività VVF nuove

Messaggio da mmaarrccoo » dom ott 20, 2019 14:52

Solito problema che si ripresenta spesso e purtroppo credo non ci sia una risposta univoca. Le considerazioni che ho fatto nel tempo sono queste:
- se hai pratiche precedentemente approvate direi di si (puoi tenere vecchi impianti in attività VVF nuove a meno di gravi carenze).
- se non hai pratiche precedentemente approvate direi di no (dovresti correggere gli impianti alle nuove norme in quanto per i VVF sono nuovi).
- spesso dipende dal funzionario come vede la cosa
- il professionista comunque deve sempre valutare la cosa con buon senso e capire dove può "chiudere un occhio" e dove no.

Ad esempio avevo una vecchia rete idranti senza attacco autopompa ante UNI 10779. Facendo ora la SCIA ho fatto comunque mettere l'attacco.

Avatar utente
weareblind
Messaggi: 1080
Iscritto il: gio lug 30, 2009 09:49

Re: Impianti vecchi in attività VVF nuove

Messaggio da weareblind » dom ott 20, 2019 16:09

Come no, io a manetta. Se l'impianto risponde alla norma all'anno in cui fu realizzato, sicuro.
Scusate, ma voi fate rifare l'impianto elettrico alle CEI dell'anno corrente, o date le dich conf dell'anno di realizzazione?
Salvo qualche implementazione, sì su tutta la linea.
Ultima modifica di weareblind il dom ott 20, 2019 18:27, modificato 1 volta in totale.

Avatar utente
travereticolare
Messaggi: 247
Iscritto il: sab giu 17, 2017 11:56

Re: Impianti vecchi in attività VVF nuove

Messaggio da travereticolare » dom ott 20, 2019 17:51

Anche a me capita di consegnare pratiche con allegate Dichiarazioni di Conformità ante 37/08. Si tratta di nuova attività VV.F insediata in edificio esistente, che avrà i suoi titoli abilitativi edilizi e quant'altro e certamente non faccio rifare rifare gli impianti da 0 per adeguarli per esempio alle norme CEI di oggi, in fin dei conti nell'anno di realizzazione erano a norma...ai VV.F interessa questo.

L'unica cosa che pretendo per una maggior sicurezza è una dichiarazione timbrata e firmata dal titolare dell'attività, dove attesta che negli anni l'impianto non ha subito modifiche rispetto al progetto impiantistico e quindi, è conforme alla dichiarazione dell'impianto rilasciata dall'installatore.

Poi chiaramente se noto carenze a livello impiantistico dove posso le faccio correggere.
All'ingresso degli stabilimenti, dei depositi o dei grandi magazzini devono essere deposte le armi, gli speroni, le scatole di fiammiferi, gli accendisigari e simili. Le punizioni disciplinari in caso di inosservanza debbono essere pronte ed esemplari.

mmaarrccoo
Messaggi: 383
Iscritto il: mer mag 05, 2010 16:15

Re: Impianti vecchi in attività VVF nuove

Messaggio da mmaarrccoo » dom ott 20, 2019 20:31

Come no, io a manetta. Se l'impianto risponde alla norma all'anno in cui fu realizzato, sicuro.
Scusate, ma voi fate rifare l'impianto elettrico alle CEI dell'anno corrente, o date le dich conf dell'anno di realizzazione?
Salvo qualche implementazione, sì su tutta la linea.
Sono d'accordo con te. Attenzione però che se non esistono le pratiche per i VV.F., gli impianti per loro è come se fossero nuovi. E quindi potrebbero esserci situazioni ambigue dove non è così scontato che gli impianti siano ok. In caso di problemi sarebbe difficile da giustificare, proprio perchè è come se fossero nuovi.
Anche a me capita di consegnare pratiche con allegate Dichiarazioni di Conformità ante 37/08. Si tratta di nuova attività VV.F insediata in edificio esistente, che avrà i suoi titoli abilitativi edilizi e quant'altro e certamente non faccio rifare rifare gli impianti da 0 per adeguarli per esempio alle norme CEI di oggi, in fin dei conti nell'anno di realizzazione erano a norma...ai VV.F interessa questo.

L'unica cosa che pretendo per una maggior sicurezza è una dichiarazione timbrata e firmata dal titolare dell'attività, dove attesta che negli anni l'impianto non ha subito modifiche rispetto al progetto impiantistico e quindi, è conforme alla dichiarazione dell'impianto rilasciata dall'installatore.

Poi chiaramente se noto carenze a livello impiantistico dove posso le faccio correggere.
Idem, tuttavia come ho risposto a @weareblind ci possono essere casi in cui non è così scontato. Nel mio primo post ho fatto un esempio classico.

Terminus
Messaggi: 7753
Iscritto il: ven mar 30, 2007 17:40
Località: Umbria

Re: Impianti vecchi in attività VVF nuove

Messaggio da Terminus » lun ott 21, 2019 09:48

L'impianto preesistente e le relative certificazioni vanno bene se:
- si ha dimostrazione (o autocertificazione del titolare) che è antecedente alla pratica VVF
- non è stato nel frattempo oggetto di interventi
- è comunque idoneo all'ambiente (luoghi marci e/o ATEX, protezioni idonee), almeno secondo le norme vigenti all'epoca della realizzazione
Nel caso degli impianti elettrici è assurdo pensare di far rifare gli impianti con le norme attuali, vorrebbe dire ricablare tutto con cavi CPR e rifare i quadri non marcati.
Nel caso di un impianto di protezione attiva invece la questione secondo me è più delicata e va valutata caso per caso, in quanto la prestazione dell'impianto influisce direttamente sulla VDR e sulle eventuali altre misure di protezione. In questi casi è derimente l'avere un progetto approvato dai VVF con l'impianto esistente.

Avatar utente
weareblind
Messaggi: 1080
Iscritto il: gio lug 30, 2009 09:49

Re: Impianti vecchi in attività VVF nuove

Messaggio da weareblind » lun ott 21, 2019 12:20

Sì, come dice Terminus. Non sono d'accordo sul fatto che debba esserci una pratica VV.F. preesistente, come ha scritto mmaarrccoo, se no "l'impianto è da considerarsi nuovo". No, questo no. L'impianto deve rispondere alla norma dell'epoca, con o senza pratica VV.F.
Se è impianto di protezione attiva, deve rispondere al livello di rischio attuale, NON alla norma attuale. Quindi potrebbe servire un revamping.
Esempio di stamani: impianto idranti 1985, revampato con solo attacco VV.F. di mandata perché assente. E basta.

domeadsl
Messaggi: 72
Iscritto il: ven gen 14, 2011 16:01

Re: Impianti vecchi in attività VVF nuove

Messaggio da domeadsl » mar ott 22, 2019 14:43

Bene, trovo conferma del fatto che si va a deduzione e a buon senso anche qui, non mi pare quindi mi sia sfuggita nessuna indicazione ufficiale da parte dei VVF o di qualche norma.

Comunque mi pare una buona discussione da tenere a riferimento anche per aggiornarla con eventuali altre informazioni utili, visto che ne ho trovate solo alcune molto sparse e mai generali su questo tema.

Grazie a tutti.

Rispondi