Idranti o naspi

Normativa Antincendio, Rilascio CPI, ecc.

Moderatore: Edilclima

Rispondi
MAIO
Messaggi: 13
Iscritto il: lun gen 23, 2012 11:34

Idranti o naspi

Messaggio da MAIO » mer ott 16, 2019 16:52

Buongiorno, scusate se faccio una domanda stupida, ma pratiche di prevenzione ne faccio poche.
In un fabbricato industriale ho ottenuto il parere favorevole sul progetto, in cui erano previsti n. 3 idranti a muro.
Ora per problemi di pressione, il progettista dell'impianto mi ha richiesto di sostituire i tre idranti con i Naspi.
Pertanto, posso tranquillamente sostituire i tre idranti con tre naspi, o devo effettuare ulteriori modifiche? Inoltre devo richiedere un parere al comando o posso indicare la modifica alla presentazione della SCIA.
Grazie

Avatar utente
weareblind
Messaggi: 1051
Iscritto il: gio lug 30, 2009 09:49

Re: Idranti o naspi

Messaggio da weareblind » mer ott 16, 2019 21:42

I naspi hanno portata e pressione fortemente inferiore. Va ripresentato il progetto, se è un categoria B o C. Se A, scegli tu.

Avatar utente
travereticolare
Messaggi: 228
Iscritto il: sab giu 17, 2017 11:56

Re: Idranti o naspi

Messaggio da travereticolare » mer ott 16, 2019 21:53

Concordo.
Però i naspi tralasciando il livello di pericolosità 1 richiedono pressioni maggiori di esercizio, 3 bar contro i 2 degli idranti. Se il suo problema è quello non so quanto gli convenga cambiare tipologia di impianto, o sbaglio?
All'ingresso degli stabilimenti, dei depositi o dei grandi magazzini devono essere deposte le armi, gli speroni, le scatole di fiammiferi, gli accendisigari e simili. Le punizioni disciplinari in caso di inosservanza debbono essere pronte ed esemplari.

Tom Bishop
Messaggi: 1752
Iscritto il: mar dic 30, 2008 17:13

Re: Idranti o naspi

Messaggio da Tom Bishop » gio ott 17, 2019 04:58

Se il livello di prestazione dell'impianto rimane lo stesso non devi ripresentare alcuna variante al progetto. Sistemi i disegni e li alleghi quando fai la SCIA.
Tom Bishop

Avatar utente
travereticolare
Messaggi: 228
Iscritto il: sab giu 17, 2017 11:56

Re: Idranti o naspi

Messaggio da travereticolare » gio ott 17, 2019 08:36

Credo che il caso sia un po' borderline, nel senso che potresti anche presentare una variante al progetto.
In fin dei conti si potrebbe vedere come una modifica sostanziale della tipologia dell'impianto antincendio. Da idranti passi a naspi, e le portate dei naspi (60 l/min) come diceva weare sono nettamenti inferiori a quelle degli idranti (120 l/min.).
Per di pù nelle attività industriali sono da preferirsi gli idranti a muro.
All'ingresso degli stabilimenti, dei depositi o dei grandi magazzini devono essere deposte le armi, gli speroni, le scatole di fiammiferi, gli accendisigari e simili. Le punizioni disciplinari in caso di inosservanza debbono essere pronte ed esemplari.

Gmeister
Messaggi: 61
Iscritto il: mer ott 17, 2018 09:11

Re: Idranti o naspi

Messaggio da Gmeister » gio ott 17, 2019 11:07

E' effettivamente un po' borderline, ma una buona soluzione potrebbe essere fare la dichiarazione di non aggravio alla SCIA.
Penso che questa modifica rientri nelle modifiche sostanziali (All IV, punto D. sottoparagrafo v.) pertanto se si ritiene che i naspi siano sufficienti a garantire lo stesso livello di sicurezza nell'attività basta una scia senza aggravio, altrimenti variante al progetto.
Una buona approssimazione potrebbe essere che, se gli idranti ti sono stati prescritti in fase di approvazione conviene fare la variante al progetto, se li hai proposti tu puoi valutare.

Terminus
Messaggi: 7706
Iscritto il: ven mar 30, 2007 17:40
Località: Umbria

Re: Idranti o naspi

Messaggio da Terminus » gio ott 17, 2019 17:51

Hai un'attività non normata suppongo, quindi l'impianto antincendio sarà stato valutato in sede di esame progetto e così ritenuto soddisfacente da te e dai VVF.
Come detto sopra i naspi non sono proprio la stessa cosa degli idranti, metà portata anche se non P maggiore, quindi ai fini della VDR effettuata cambia qualcosa ?
Per la 10779 potrebbero anche essere equivalenti......
Quindi ritengo che almeno una Dich. di non aggravio debba essere fatta, giustificando la congruità della nuova configurazione prestazionale dell'impianto, con allegato il nuovo progetto.

Rispondi