LA SOLITA DIATRIBA SU COME CALCOLARE LA SUPERFICIE DI UN'ATTIVITA'

Normativa Antincendio, Rilascio CPI, ecc.

Moderatore: Edilclima

Rispondi
mmaarrccoo
Messaggi: 383
Iscritto il: mer mag 05, 2010 16:15

LA SOLITA DIATRIBA SU COME CALCOLARE LA SUPERFICIE DI UN'ATTIVITA'

Messaggio da mmaarrccoo » mar set 17, 2019 11:52

Ho un'autofficina esistente in cui si sta facendo, per n motivi, l'esame progetto con DM 10/03/98.
L'edificio è costituito da:
1. area officina (piano terra), circa 700 m2
2. area uffici (piano rialzato + primo, posizionati sul fianco dell'officina), circa 400 m2 totali suddivisi tra piano rialzato e primo
3. area deposito gomme (un piccolo locale al piano seminterrato sotto gli uffici), circa 80 m2

Note: 1 e 2 non sono compartimentati tra loro, mentre 3 si (costituisce compartimento).
L'attività che si era individuata è la 53.1.B: "Officine per la riparazione di veicoli a motore, rimorchi per autoveicoli e carrozzerie, di superficie coperta da 300 a 1000 mq", tuttavia viene contestata in quanto "l'area totale a disposizione dell'attività risulta essere superiore a 1000 m2" (quindi cat. C).
Premesso che quanto ci dicono può anche avere senso, il mio ragionamento è il seguente. La definizione dell''attività definisce la sola officina, non facendo alcun cenno ai servizi. Normalmente quando il legislatore ha voluto specificare se l'attività è da considerarsi comprensiva di servizi lo ha fatto (ved. ad esempio att. 69), perchè quindi dobbiamo in questo caso andare a sommare anche gli uffici? Secondo voi può stare in piedi come giustificazione? In sostanza sto cercando di motivare perchè abbiamo scelto la 53.1.B anzichè la 53.3.C.

Grazie.

Avatar utente
weareblind
Messaggi: 1078
Iscritto il: gio lug 30, 2009 09:49

Re: LA SOLITA DIATRIBA SU COME CALCOLARE LA SUPERFICIE DI UN'ATTIVITA'

Messaggio da weareblind » mar set 17, 2019 12:10

Purtroppo non c'è risposta. Però, alla fine, cambia solo il bollettino. Come mai ti "servirebbe" una B.

Gmeister
Messaggi: 74
Iscritto il: mer ott 17, 2018 09:11

Re: LA SOLITA DIATRIBA SU COME CALCOLARE LA SUPERFICIE DI UN'ATTIVITA'

Messaggio da Gmeister » mar set 17, 2019 12:17

Io ragionerei sul fatto che se gli uffici sono funzionali all'attività, nel senso che comunicano con questa e non sono compartimentati rispetto all'officina, diventa difficile sostenere che in caso di emergenza i locali uffici non sono in alcun modo coinvolti nella gestione, per questo motivo, a mio parere, vanno considerati come superficie effettiva dell'attività; inoltre l'attività parla di "superficie coperta", che può anche essere interpretata come "superficie coperta del fabbricato", quindi verosimilmente comprensiva di tutti i locali accessori.

mmaarrccoo
Messaggi: 383
Iscritto il: mer mag 05, 2010 16:15

Re: LA SOLITA DIATRIBA SU COME CALCOLARE LA SUPERFICIE DI UN'ATTIVITA'

Messaggio da mmaarrccoo » mar set 17, 2019 12:27

Purtroppo non c'è risposta. Però, alla fine, cambia solo il bollettino. Come mai ti "servirebbe" una B.
L'attività è esistente e dubito che facendo un sopralluogo (essendo in C) il funzionario non vada a trovare peli nell'uovo poi difficili da sistemare
Io ragionerei sul fatto che se gli uffici sono funzionali all'attività, nel senso che comunicano con questa e non sono compartimentati rispetto all'officina, diventa difficile sostenere che in caso di emergenza i locali uffici non sono in alcun modo coinvolti nella gestione, per questo motivo, a mio parere, vanno considerati come superficie effettiva dell'attività; inoltre l'attività parla di "superficie coperta", che può anche essere interpretata come "superficie coperta del fabbricato", quindi verosimilmente comprensiva di tutti i locali accessori.
Si esatto, l'assenza di compartimentazione può essere il vero motivo per cui i VVF sostengono questo. Andrò a trovare il funzionario e vedrò se con la compartimentazione si può risolvere...

Grazie a tutti.

Avatar utente
travereticolare
Messaggi: 247
Iscritto il: sab giu 17, 2017 11:56

Re: LA SOLITA DIATRIBA SU COME CALCOLARE LA SUPERFICIE DI UN'ATTIVITA'

Messaggio da travereticolare » mar set 17, 2019 12:43

Ciao,
La superficie da prendere a riferimento è comprensiva di servizi ed uffici.

Immagine

Codice: Seleziona tutto

http://www.vigilfuoco.it/aspx/FAQ_PISoArg.aspx?SA=53
All'ingresso degli stabilimenti, dei depositi o dei grandi magazzini devono essere deposte le armi, gli speroni, le scatole di fiammiferi, gli accendisigari e simili. Le punizioni disciplinari in caso di inosservanza debbono essere pronte ed esemplari.

mmaarrccoo
Messaggi: 383
Iscritto il: mer mag 05, 2010 16:15

Re: LA SOLITA DIATRIBA SU COME CALCOLARE LA SUPERFICIE DI UN'ATTIVITA'

Messaggio da mmaarrccoo » mer set 18, 2019 15:36

Cavolo, non sapevo che esistesse questa informazione sul sito VV.F., grazie.
Domanda: che tipo di chiarimenti sono? Ufficiali? Ci sono circolari dietro?

Grazie.

Terminus
Messaggi: 7750
Iscritto il: ven mar 30, 2007 17:40
Località: Umbria

Re: LA SOLITA DIATRIBA SU COME CALCOLARE LA SUPERFICIE DI UN'ATTIVITA'

Messaggio da Terminus » mer set 18, 2019 15:57

Sono delle FAQ non delle circolari.
Comunque è un principio abbastanza generalizzato: i locali di pertinenza (servizi, depositi, ecc...) sono sempre computati, a meno che non si dimostri che sono funzionalmente e strutturalmente scollegati. Nel tuo caso non ravviso questa possibilità.

Rispondi