lago come riserva idrica

Normativa Antincendio, Rilascio CPI, ecc.

Moderatore: Edilclima

Rispondi
buge
Messaggi: 168
Iscritto il: mer feb 13, 2013 00:06

lago come riserva idrica

Messaggio da buge » lun lug 01, 2019 16:20

UN cliente ha una pratica di parere di conformità del 1997 con esito favorevole in cui per l'impianto idrico antincendio un gruppo UNI 9490 pompava acqua da un laghetto presente all'esterno del capannone, a suo volta alimentato da un pozzo che lo mantiene ad una capacità idonea per la richiesta dell'impianto a idranti + sprinkler.
Ad oggi non erano state completate le opere di adeguamento antincendio (in verità ne avevano fatte molto poche finora…).
Non so come comportarmi: seguo il progetto del 1997, cioè di ben 221 anni fa? Il funzionario VVF che ha rilasciato il parere è pure andato in pensione…
Non so se seguire il vecchio progetto, con relativo deposito idrico lacustre, sia ancora possibile oppure no, per cui occorra richiedere un nuovo parere di conformità.
Come vi comportereste voi? vi è mai capitato?

Terminus
Messaggi: 7753
Iscritto il: ven mar 30, 2007 17:40
Località: Umbria

Re: lago come riserva idrica

Messaggio da Terminus » lun lug 01, 2019 17:40

Occorre valutare pro e contro.
Il tuo laghetto non è una fonte inesauribile, quindi è assimilabile ad una riserva idrica, per la quale dovrai assicurare i requisiti previsti dalle norme (dovresti assicurare la pulizia dell'acqua aspirata per esempio).
Quali norme ?
Siccome sono passati parecchi anni e le norme sono cambiate, presumendo che l'impianto non sia stato nè progettato nè tantomeno eseguito, siccome progettare ed installare oggi, ai sensi del DM 37/08, si deve fare con le norme oggi vigenti (vedi anche il DM 20/12/12), direi che devi riconsiderare il tutto.

ingdtre
Messaggi: 7
Iscritto il: mar giu 04, 2019 12:44

Re: lago come riserva idrica

Messaggio da ingdtre » lun lug 01, 2019 18:33

Ti consiglio di riconsiderare il tutto, oltre a quanto detto da Terminus, dovresti anche valutare la progettazione delle protezioni elettriche per gli eventuali bagnanti del lago (se è possibile la balneazione in detto laghetto). Inoltre devi comunque assicurare che l'acqua sia pulita e che non contenga concentrazioni di inquinanti elevate..

buge
Messaggi: 168
Iscritto il: mer feb 13, 2013 00:06

Re: lago come riserva idrica

Messaggio da buge » lun lug 01, 2019 23:16

L'impianto é sostanzislmente finito, devono solo aggiungere un idrante in un piccolo fabbricato separato, ma lo stacco c'è già.
La ditta che ha eseguito l'impianto è chiusa e la Dico non si trova, ma con una Diri sistemerebbero tutto.
Se riconsidero il tutto vuol dire rifare l'impianto: riserva idrica con cisterne, nuovo gruppo uni 12845...e poi le tubazioni dopo 20 anni reggeranno le pressioni? Magari non sono di PN idonea per la Uni 10779, quindi devo rifare pure tutto l'anello...mamma mia...

Terminus
Messaggi: 7753
Iscritto il: ven mar 30, 2007 17:40
Località: Umbria

Re: lago come riserva idrica

Messaggio da Terminus » lun lug 01, 2019 23:42

Come è stata realizzata l'aspirazione ?
Camera di sedimentazione e di aspirazione separate ?
Garantisci l'aspirazione pulita ?
Per il resto, in ambito industriale prima del 2008, questi impianti non erano soggetti alla 46/90 e quindi niente DICO (se non per espressa richiesta della Committenza). Formalmente non potresti neanche redigere una DIRI, ma dovresti presentare ai VVF una Dich.Imp. dell'impresa con progetto o quantomeno, siccome l'impresa ormai è defunta, un CERT.IMP. firmato da tecnico.
Magari un collaudo a pressione della rete è comunque opportuno.

comandoroma
Messaggi: 11
Iscritto il: mer nov 10, 2010 15:51

Re: lago come riserva idrica

Messaggio da comandoroma » mar lug 02, 2019 15:04

Segui il progetto che indicato nel parere di conformità. Per le parti di impianto che realizzi ex novo devi seguire la normativa attuale (in merito a caratteristiche dei componenti) per quella esistente provvedi alla revisione generale dell'impianto (ripercorri tutti i collaudi). Al termine redigi una dichiarazione di rispondenza dell'impianto su modulistica VVF con allegati schemi e varie dico.
Le norme tecniche sono 9490 e 9489 per le parti esistenti. (verifica la modalità di aspirazione).

Rispondi