cabine di verniciatura locale tinto-metro

Normativa Antincendio, Rilascio CPI, ecc.

Moderatore: Edilclima

Rispondi
etec83
Messaggi: 554
Iscritto il: sab lug 13, 2013 16:39

cabine di verniciatura locale tinto-metro

Messaggio da etec83 » lun giu 17, 2019 21:23

Mi ritrovo a dover progettare un'autocarrozzeria dotata di forno per verniciatura ed essiccazione.
Assieme alla cabina di verniciatura viene solitamente venduto un locale prefabbricato denominato locale tinto-metro o locale di miscelazione in cui le vernici vengono preparate e stoccate per essere spruzzate sulle parti oggetto di riparazione.
Ho già presentato questo tipo di progetto in diversi comandi provinciali, ma ogni volta l'attenzione va sul locale tinto-metro e quindi mi ritrovo prescritte sempre cose diverse, dalla compartimentazione del locale, alla presenza di un bacino di contenimento.

Chiedo magari a gente a cui è già capitato di progettare più attività simili, ma vi risulta che per questi locali esista qualche norma UNI o direttiva CE per la quale sia possibile difendersi?
O possono farsi solo valutazioni del rischio incendio?

Terminus
Messaggi: 7658
Iscritto il: ven mar 30, 2007 17:40
Località: Umbria

Re: cabine di verniciatura locale tinto-metro

Messaggio da Terminus » lun giu 17, 2019 21:31

Il tintometro è zona a rischio esplosione, quindi giustamente i VVF ne richiedono una attenta valutazione.
Quindi sicuramente una classificazione ATEX.
Se poi il fabbricante te lo vende come "macchina" (comprensivo quindi del sistema di aspirazione e filtrazione aria, illuminazione, ecc...), questa dovrà essere accompagnata dalle certificazioni di conformità a tutte le direttive applicabili (ATEX comprese).

etec83
Messaggi: 554
Iscritto il: sab lug 13, 2013 16:39

Re: cabine di verniciatura locale tinto-metro

Messaggio da etec83 » mar giu 18, 2019 08:42

Ma quindi se è intesa come macchina marchiata CE anche per direttiva atex posso difenderla in questo modo?

lbasa
Messaggi: 738
Iscritto il: ven giu 19, 2015 22:41

Re: cabine di verniciatura locale tinto-metro

Messaggio da lbasa » mar giu 18, 2019 11:14

Ma quindi se è intesa come macchina marchiata CE anche per direttiva atex posso difenderla in questo modo?
No, Terminus non ti ha detto che ci si difende così.
La macchina non vieta i rischi di esplosione, caso mai si autoprotegge per costruzione. Nel locale di miscelazione ci sono contenitori aperti? Si valuta i richio esplosione (che non è assolto dal solo rischio incendio).
https://www.palazzoli.com/sites/default ... iatura.pdf
Come si valutano le sorgenti di emissione per la classificazione delle zone? CEI 31-87.
Anche se abrgogata, è dichiarata utilizzabile la guida applicativa 31-35/A che ha un allegato che aiuta in casi simili, l'esempio GE6 "Impianto di riempimento contenitori di inchiostro".

Rispondi