AMPLIAMENTI NON SOGGETTI DI ATTIVITA' SOGGETTE: VOI COME FATE?

Normativa Antincendio, Rilascio CPI, ecc.

Moderatore: Edilclima

Rispondi
mmaarrccoo
Messaggi: 355
Iscritto il: mer mag 05, 2010 16:15

AMPLIAMENTI NON SOGGETTI DI ATTIVITA' SOGGETTE: VOI COME FATE?

Messaggio da mmaarrccoo » ven apr 19, 2019 16:19

Stabilimento con capannone al cui all'interno vi è attività soggetta di cui esiste pratica VV.F.
Viene ampliato lo stabilimento con la costruzione di altri edifici fisicamente staccati ed isolati tra loro, non soggetti (ad esempio palazzina uffici, altro capannone lavorazioni, ecc.). Voi come vi comportate in questi casi? In alternativa:
1 - la pratica per l'ampliamento non va fatta in quanto l'ampliamento non è soggetto
2 - la pratica per l'ampliamento va fatta per informare i VV.F. dell'ampliamento. In questo caso cosa calcolereste come pagamento dei diritti se non ho attività?
3 - nessuna delle 2 e va chiesto caso per caso ai VV.F.

Grazie.

Terminus
Messaggi: 7598
Iscritto il: ven mar 30, 2007 17:40
Località: Umbria

Re: AMPLIAMENTI NON SOGGETTI DI ATTIVITA' SOGGETTE: VOI COME FATE?

Messaggio da Terminus » ven apr 19, 2019 16:21

Aggiornamento del layout dello stabilimento all'atto del rinnovo.

mmaarrccoo
Messaggi: 355
Iscritto il: mer mag 05, 2010 16:15

Re: AMPLIAMENTI NON SOGGETTI DI ATTIVITA' SOGGETTE: VOI COME FATE?

Messaggio da mmaarrccoo » ven apr 19, 2019 16:53

Escludi quindi che i VV.F. possano pretendere la pratica motivandolo con la necessità di valutazione dei rischi "interferenziali" (chiamiamoli così)?

Terminus
Messaggi: 7598
Iscritto il: ven mar 30, 2007 17:40
Località: Umbria

Re: AMPLIAMENTI NON SOGGETTI DI ATTIVITA' SOGGETTE: VOI COME FATE?

Messaggio da Terminus » ven apr 19, 2019 17:38

Da come hai descritto la questione sembra che non vi siano particolari interferenze: edifici separati (quindi indipendenti) non soggetti.
Se pensi di rientrare nella casistica di cui all'Allegato IV del DM 07/08/12, allora avrai aggravio di rischio (quindi VP+SCIA) o non aggravio (SCIA+non aggravio).

mmaarrccoo
Messaggi: 355
Iscritto il: mer mag 05, 2010 16:15

Re: AMPLIAMENTI NON SOGGETTI DI ATTIVITA' SOGGETTE: VOI COME FATE?

Messaggio da mmaarrccoo » ven apr 19, 2019 18:47

Ah ok.
Si io ho descritto una situazione con evidente indipendenza di rischio, in realtà mi interessava più il concetto generale. E quindi in alcuni casi potrebbe essere necessario ricorrere ai VV.F. (se l'ampliamento è in qualche modo collegato dal punto di vista della sicurezza antincendio). In quest'ultimo caso per i diritti inseriresti quelli relativi alla o alle attività che risultano interferenti con l'ampliamento, giusto?

Terminus
Messaggi: 7598
Iscritto il: ven mar 30, 2007 17:40
Località: Umbria

Re: AMPLIAMENTI NON SOGGETTI DI ATTIVITA' SOGGETTE: VOI COME FATE?

Messaggio da Terminus » ven apr 19, 2019 20:25

Quelle per le quali ritieni di dover sottoporre l'esame dell'aggravio di rischio.

Tom Bishop
Messaggi: 1691
Iscritto il: mar dic 30, 2008 17:13

Re: AMPLIAMENTI NON SOGGETTI DI ATTIVITA' SOGGETTE: VOI COME FATE?

Messaggio da Tom Bishop » sab apr 20, 2019 05:51

La questione è: c'è aggravio di rischio?
Se c'è allora devi fare una richiesta di valutazione progetto, se non c'è fai una SCIA senza aggravio, giusto per sistemare gli elaborati agli atti del Comando.
Tom Bishop

ing.Chimico.Puglia
Messaggi: 1
Iscritto il: ven apr 19, 2019 18:26

Re: AMPLIAMENTI NON SOGGETTI DI ATTIVITA' SOGGETTE: VOI COME FATE?

Messaggio da ing.Chimico.Puglia » mar apr 23, 2019 09:38

mmaarrccoo ha scritto:
ven apr 19, 2019 16:19
Stabilimento con capannone al cui all'interno vi è attività soggetta di cui esiste pratica VV.F.
Viene ampliato lo stabilimento con la costruzione di altri edifici fisicamente staccati ed isolati tra loro, non soggetti (ad esempio palazzina uffici, altro capannone lavorazioni, ecc.). Voi come vi comportate in questi casi? In alternativa:
1 - la pratica per l'ampliamento non va fatta in quanto l'ampliamento non è soggetto
2 - la pratica per l'ampliamento va fatta per informare i VV.F. dell'ampliamento. In questo caso cosa calcolereste come pagamento dei diritti se non ho attività?
3 - nessuna delle 2 e va chiesto caso per caso ai VV.F.

Grazie.
Se l'attività soggetta, in conseguenza degli ampliamenti, ha un aggravio del rischio, allora si deve fare una riprogettazione e SCIA. Altrimenti si applica il solo dm 10/03/98 alle nuove attività non soggette. Attenzione che comunque, anche se non soggete dpr151, certe attività sono sempre soggette a regole tecniche di prevenzione incendi, e occhio al rispetto delle distanze minime dell'attività soggetta, se prescritte.

mmaarrccoo
Messaggi: 355
Iscritto il: mer mag 05, 2010 16:15

Re: AMPLIAMENTI NON SOGGETTI DI ATTIVITA' SOGGETTE: VOI COME FATE?

Messaggio da mmaarrccoo » mar apr 23, 2019 11:06

Ok ragazzi, in realtà niente di nuovo sotto il sole direi ma a volte si trovano casi limite ed era utile il vostro parere.
Grazie.

Rispondi