Software antincendio Antifuocus

Normativa Antincendio, Rilascio CPI, ecc.

Moderatore: Edilclima

Rispondi
Gmeister
Messaggi: 50
Iscritto il: mer ott 17, 2018 09:11
Località: Piemonte

Software antincendio Antifuocus

Messaggio da Gmeister » mer gen 16, 2019 11:39

Ciao a tutti, da poco utilizzo questo software, ed ultimamente l'ho utilizzato per una grande attività di deposito progettata con l'RTO.
premessa: l'ho utilizzato per compilare la relazione di progetto, la relazione sui carichi d'incendio e la valutazione dei rischi
Volevo avere da voi alcune opinioni sul software, nel caso lo utilizziate, perchè sebbene io lo trovi decisamente utile, alcune funzioni nella compilazione sono ambigue, esempio:
- relazione sui carichi d'incendio
quando espone i livelli di prestazione per la resistenza al fuoco, nel generare la relazione, compone il paragrafo seguente:

"Livello II di prestazione

1.Il livello II di prestazione può ritenersi adeguato per costruzioni fino a due piani fuori terra ed un piano interrato, isolate - eventualmente adiacenti ad altre purché strutturalmente e funzionalmente separate - destinate ad un’unica attività non aperta al pubblico e ai relativi impianti tecnologici di servizio e depositi, ove si verificano tutte le seguenti ulteriori condizioni:
1.le dimensioni della costruzione siano tali da garantire l’esodo in sicurezza degli occupanti;
2.gli eventuali crolli totali o parziali della costruzione non arrechino danni ad altre costruzioni;
3.gli eventuali crolli totali o parziali della costruzione non compromettano l’efficacia degli elementi di
compartimentazione e di impianti di protezione attiva che proteggono altre costruzioni;
4.il massimo affollamento complessivo della costruzione non superi 100 persone e la densità di
affollamento media non sia superiore a 0,2 pers/m2;
5.la costruzione non sia adibita ad attività che prevedono posti letto;
6.la costruzione non sia adibita ad attività specificamente destinate a malati, anziani, bambini o a
persone con ridotte o impedite capacità motorie, sensoriali o cognitive.

2.Le classi di resistenza al fuoco necessarie per garantire il livello II di prestazione sono le seguenti,
indipendentemente dal valore assunto dal carico di incendio specifico di progetto:
30 per costruzioni ad un piano fuori terra, senza interrati
60 per costruzioni fino a due piani fuori terra e un piano interrato

3.Sono consentite classi inferiori a quelle precedentemente indicate se compatibili con il livello III di
prestazione."

il punto 2. recita:

"2.Le classi di resistenza al fuoco necessarie per garantire il livello II di prestazione sono le seguenti,
indipendentemente dal valore assunto dal carico di incendio specifico di progetto:
30 per costruzioni ad un piano fuori terra, senza interrati
60 per costruzioni fino a due piani fuori terra e un piano interrato"

Ecco io questo non l'ho capito. La RTO non parla da nessuna parte di REI60 per un liv II di prestazione della resistenza al fuoco.

Quindi la domanda che pongo è la seguente:

rispetto a queste frasi, che il software genera automaticamente e senza che compaiano nei riquadri di compilazione, io, professionista antincendio, come mi devo comportare? Non posso verosimilmente avere una relazione di 129 pagine generata automaticamente che mi devo rileggere parola per parola, perchè renderebbe sconveniente l'uso del software, poichè tanto varrebbe che me la scrivessi io di mio pugno.
Voi avete avuto questioni simili?
Grazie

Avatar utente
grifo68
Messaggi: 823
Iscritto il: ven feb 24, 2012 13:02
Località: Genova

Re: Software antincendio Antifuocus

Messaggio da grifo68 » mer gen 16, 2019 12:01

non conosco il sw ma se ho capito bene: i livelli di prestazione di cui al Cap S.2.3 del Codice fondamentalmente riprendono quelli del punto 3 dell'Allegato al DM 09/03/2007 (in cui tra l'altro i criteri sono anche più chiari), quindi nel momento in cui nel sw inserisci le caratteristiche del fabbricato e della tipologia degli occupanti, oltre che gli R vita, beni ed ambiente che hai definito (che nel DM 09/03/2007 non ci sono) automaticamente, immagino, che ti riporti al livello di prestazione applicabile (30 o 60 se si parla di livello II che non tiene conto del carico di incendio).

Considerazione personale: non uso sw particolari, ho delle "maschere" che mi sono creato generali che via via adatto alle varie pratiche, quindi non è che ogni volta riscrivo tutto... però è anche vero che prima di inoltrare ai VVF mi rileggo tutto, penso vada fatto anche se la relazione è generata automaticamente dal sw

Gmeister
Messaggi: 50
Iscritto il: mer ott 17, 2018 09:11
Località: Piemonte

Re: Software antincendio Antifuocus

Messaggio da Gmeister » mer gen 16, 2019 12:29

dici due cose esatte, mi elenca i criteri del DM 09/03/2007, che parla di REI 30 o REI 60 a seconda dei piani fuori terra. Il vantaggio (spero non apparente ma effettivo) del Codice è quello di parlare di quote altimetriche e non di piani fuori terra, e così facendo posso portare avanti con Liv II dei fabbricati a 2 piani e altezza minore di 12 mt con REI30.

Quello di cui vorrei essere sicuro a questo punto è proprio questo, il Liv II di prestazione del DM 09/03/2007, è identico a quello del codice fatto salvo ovviamente per i profili di rischio, oppure con il codice il REI60 non è contemplato con il liv II di prestazione?

per quanto riguarda la considerazione personale sono pienamente d'accordo, la mia questione è legata al fatto che attualmente, a quanto pare, non riesco a controllare perfettamente il sw, spero che qualcuno mi dica che sbaglio qualcosa oppure che mi perdo delle impostazioni.

gfire
Messaggi: 6
Iscritto il: mar gen 15, 2019 12:22

Re: Software antincendio Antifuocus

Messaggio da gfire » ven gen 18, 2019 12:37

Il codice per il livello II di prestazione richiede la verifica delle prestazioni di resistenza al fuoco come previsto al par. S.2.5. con classe minima pari a 30min o inferiore se consentito dal carico di incendio specifico di progetto.
Così come è scritto sembra evidente che se devo calcolare il carico di incendio la resistenza non può essere a prescindere dal carico di incendio come invece è riportato nel DM del 2007 sulla resistenza al fuoco.

Credo che se vuoi utilizzare il codice in lilvello II di prestazione con alti valori del carico di incendio devi utilizzare il metodo alternativo facendo riferimento al DM del 2007.

Terminus
Messaggi: 7599
Iscritto il: ven mar 30, 2007 17:40
Località: Umbria

Re: Software antincendio Antifuocus

Messaggio da Terminus » sab gen 19, 2019 09:41

Il Livello II previsto dalla RTO prevede il requisito minimo R/EI30, indipendentemente dal carico di incendio (se si vuole ridurre ulteriormente si deve determinare il c.i. è verificare la classe prevista con la tabella del Livello III).
E' sparita la possibilità del R/EI60 prevista dal DM 09/03/07, ma nel contempo i requisiti per rientrare nel livello II sono maggiormente specificati.
Poi, i requisti di resistenza al fuoco saranno verificati con le curve nominali dell'incendio standard (ma sempre per 30 minuti).
Come approccio alternativo vi è l'impiego delle curve naturali di incendio.

Rispondi