nessuna attività o attività 69?

Normativa Antincendio, Rilascio CPI, ecc.

Moderatore: Edilclima

Rispondi
Davide1975
Messaggi: 41
Iscritto il: mar lug 21, 2015 10:05

nessuna attività o attività 69?

Messaggio da Davide1975 » sab nov 17, 2018 10:17

Buongiorno a tutti,
vorrei sottoporvi un caso che ritengo interessante. L'oggetto è la classica attività di commercio all'ingrosso con l'ufficio vendite ed il magazzino, più rilevante dal punto di vista antincendio. Ho letto già diversi casi sul forum di colleghi che giustamente non vorrebbero considerarla attività commerciale, ma non ho trovato casi simili a quello che sto per esporvi e del quale vorrei il vs competente parere. Grazie.

Ho un fabbricato configurato come segue:
- locale 1 destinato a magazzino di 980 mq
- locale 2 destinato a magazzino di 400 mq
- locale 3 destinato a uffici di 150 mq al p.t.
- locale 4 destinato a palestra sportiva di mq 580
Il locale 1 è adiacente ai locali 2, 3 e 4. Tra di essi non vi sono comunicazioni. La separazione tra di essi è costituita da pannelli in cls pref. EI180 e pilastri comuni R30. Tutti i locali hanno accessi, uscite di sicurezza/vie di esodo indipendenti. Intorno al fabbricato vi è l'anello antincendio interrato con idranti UNI70, attualmente non funzionante, realizzato nel 1995.

In questo caso si configurerebbe solo l'attività 65.1.b per la palestra, senza pubblico. Per il resto nessuna attività, neanche la 70 in quanto i magazzini sono compartimentati tra di essi.

Ad oggi non vi svolge alcuna attività. I locali sono intestati tutti alla stessa ragione sociale. Vogliono riaprire un'attività di commercio all'ingrosso che si vorrebbe svolgere con l'ufficio vendite situato al locale 3 e lo stoccaggio nei locali 1 e 2. Per comodità logistica vorrebbero mettere in comunicazione, seppur con porte tagliafuoco, il magazzino (locale 1) con gli uffici (locale 3) e con l'altro magazzino. Il carico d'incendio dovrebbe attestarsi sui 1.500 MJ/mq di prodotti alimentari e prodotti per la pulizia della casa, coi relativi imballaggi.
In questo caso ecco che verrebbe a crearsi l'attività 69.2.b ed il tutto dovrà rispettare la regola tecnica sulle attività commerciali.
Da ciò scaturirebbero sicuramente la realizzazione di un impianto sprinkler, l'impianto di rivelazione/segnalazione automatico ed il ripristino degli idranti esterni, che in ogni caso farei fare.

Sarei invece orientato a lasciare le cose così come stanno in modo da fargli risparmiare un bel po' di soldi a discapito della comodità logistica poi non così importante vista la disposizione dei locali.

Con la configurazione descritta in premessa:
- locale 1 destinato a magazzino di 980 mq
- locale 2 destinato a magazzino di 400 mq
- locale 3 destinato a uffici di 150 mq al p.t.
- locale 4 destinato a palestra sportiva di mq 580
tutti con accessi, uscite di sicurezza/vie di esodo indipendenti, strutture in comune, vi chiedo un vostro parere in merito a quanto segue:
1) posso affermare che non vi si creino altre attività all'infuori della 65 e soprattutto che, per i locali 1-2-3 seppur facenti parte della stessa attività commerciale (vendita all'ingrosso+magazzino di asservimento) non venga a crearsi l'attività 69.2.b ed il rispetto del DM 27-07-2010 sulle attività commerciali? Fermo restando che il tutto dovrebbe rispettare i criteri antincendio generali dettati dal DM 10-03-1998.
2) non creandosi attività antincendio (né 70, né 69) posso dnon considerare l'art. 20 del DM 18/03/1996 sulle attività sportive senza pubblico relativamente al fatto che "un'attività sportiva può essere ubicata nel volume di altri edifici ove si svolgono attività di cui ai punti etc etc.". Ma se decidessimo di unire almeno i due magazzini (sup. 1380 mq) creando così l'attività 70, come posso derogare tale punto in merito alla compatibilità tra palestra e attività 70 (ex 88) visto che questa non è contemplata tra quelle dell'art. 20?

Grazie per l'attenzione

fstbianchi
Messaggi: 75
Iscritto il: ven feb 13, 2015 16:47

Re: nessuna attività o attività 69?

Messaggio da fstbianchi » sab nov 17, 2018 10:39

1_ si! se sono separate da strutture EI adeguate al carico incendio (senza comunicazioni)
mi rimane un dubbio per quando ti troverai a certificare la R dei pilastri che dici essere R30.
2_ a) ma se invece la dichiari come locale esposizione e vendita all'ingrosso (ex 87) che invece è richiamata? (poi che gli uffici siano in separato locale, non importa)
b) l'unica palestra che ho fatto 3 anni orsono l'avevo verificata con il DM 10/03/98 perchè onestamente il DM impianti sportivi con una palestra di dimensioni normali 580mq. (eccetto quindi i mega centri fitness polifunzionali) NON è PROPORZIONATO.....e in questo caso non avrei il limite del volume inserito.

Davide1975
Messaggi: 41
Iscritto il: mar lug 21, 2015 10:05

Re: nessuna attività o attività 69?

Messaggio da Davide1975 » sab nov 17, 2018 11:08

1_i pilastri dovrebbero essere R30 secondo una certificazione tabellare rilasciata dal responsabile tecnico della ditta di prefabbricati che realizzò la struttura... Tra l'altro non saprei proprio come fece col tabellare visto che i pilastri hanno un'altezza di 7,50 mt e come mai i VVF l'accettarono
2_a) non vorrei proprio dichiararla come locale esposizione e vendita all'ingrosso, sennò a causa del carico d'incendio dovrei far realizzare impianto sprinkler, rivelazione automatica etc... è proprio questo il problema, vorrei evitare tali spese visto che l'attività lavorativa possono esercirla comunque bene così come stanno
2_b) per la palestra, senza pubblico, sono obbligato al rispetto dell'art. 20 del DM 18/03/1996. Quindi non posso scegliere di applicare il DM 10/03/98. O mi sfugge qualcosa? :o

fstbianchi
Messaggi: 75
Iscritto il: ven feb 13, 2015 16:47

Re: nessuna attività o attività 69?

Messaggio da fstbianchi » sab nov 17, 2018 11:53

1_ sono quelle situazioni inspiegabili che poi vanno risolte da chi gli capita per le mani;
2a_ ok se non c'è budget, hai ragione!
2b_ immaginando che si trattasse di una palestra fitness (quindi non una palestra in cui si praticano attività sportive e tornei CONI - calcetto, basket, ecc..) ti ho parlato del DM10/03/98, perchè con il Comando di riferimento avevo concordato di presentarla così, senza tirarmi dietro tutti i paletti del DM impianti sportivi, che a mio avviso per una palestra fitness è esagerato; una palestra fitness NON è un "complesso" o "impianto" sportivo, è più che altro un locale di intrattenimento e mi ero richiamato a questo per uscire dal campo di applicazione (e lo hanno accettato).....io però avevo il serio problema di NON poter fare la seconda uscita.... e così l'ho evitata.

Altrimenti puoi chiedere deroga facendo vedere che invece di EI 60 godi di separazioni EI180 come hai scritto e quindi un maggior livello di protezione....e chiedi di insediarla lo stesso. Se poi la parete di separazione si elevasse oltre la copertura e magari le uscite che hai sono entrambe da 120, penso che non avrebbero nulla da eccepire.

Davide1975
Messaggi: 41
Iscritto il: mar lug 21, 2015 10:05

Re: nessuna attività o attività 69?

Messaggio da Davide1975 » sab nov 17, 2018 12:23

In merito alla palestra si pratica ginnastica con tanto di affiliazione alla F.G.I. e quindi dovrò vedere anche il regolamento di quest'ultima in merito. Il regolamento CONI non deve essere osservato in quanto non vi svolgono manifestazioni agonistiche.
La deroga dovuta all'EI180 penso sia tecnicamente valida
grazie mille

Rispondi