Quadro elettrico non protetto

Normativa Antincendio, Rilascio CPI, ecc.

Moderatore: Edilclima

Rispondi
christian619
Messaggi: 1075
Iscritto il: mar giu 16, 2009 18:28

Quadro elettrico non protetto

Messaggio da christian619 » dom ott 28, 2018 11:57

In un locale di pubblico spettacolo il quadro elettrico non è compartimentato ma posso togliere corrente dall'interruttore generale esterno all'edificio. E' sufficiente oppure occorre sempre compartimentarlo?

christian619
Messaggi: 1075
Iscritto il: mar giu 16, 2009 18:28

Re: Quadro elettrico non protetto

Messaggio da christian619 » sab nov 03, 2018 18:33

Nessun suggerimento?... Scusatemi.... grazie

Terminus
Messaggi: 7619
Iscritto il: ven mar 30, 2007 17:40
Località: Umbria

Re: Quadro elettrico non protetto

Messaggio da Terminus » sab nov 03, 2018 19:04

Se non sbaglio il DM richiede che il quadro elettrico generale sia protetto dall'incendio.

Avatar utente
weareblind
Messaggi: 990
Iscritto il: gio lug 30, 2009 09:49

Re: Quadro elettrico non protetto

Messaggio da weareblind » sab nov 03, 2018 21:11

Decreto Ministeriale 19 agosto 1996
Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, costruzione ed esercizio dei locali di intrattenimento e di pubblico spettacolo.
TITOLO XIII - IMPIANTI ELETTRICI
In particolare ai fini della prevenzione degli incendi gli impianti elettrici:
- devono disporre di apparecchi di manovra ubicati in posizioni "protette" e devono riportare chiare indicazioni dei circuiti cui si riferiscono.
13.3 QUADRI ELETTRICI GENERALI.
Il quadro elettrico generale deve essere ubicato in posizione facilmente accessibile, segnalata e protetta dall'incendio.

Ora, dov'è il tuo QE?

christian619
Messaggi: 1075
Iscritto il: mar giu 16, 2009 18:28

Re: Quadro elettrico non protetto

Messaggio da christian619 » lun nov 05, 2018 08:07

E all' interno dell'attività in un disimpegno....
non riesco però a capire la radio che ci sta dietro.... ho uno sgancio fuori se devo entrare tolgo corrente a tutto.... le luci sono autoalimentate....

Avatar utente
weareblind
Messaggi: 990
Iscritto il: gio lug 30, 2009 09:49

Re: Quadro elettrico non protetto

Messaggio da weareblind » lun nov 05, 2018 10:00

Eh... Ora sono fuori, "protetto" = "compartimentato"?

christian619
Messaggi: 1075
Iscritto il: mar giu 16, 2009 18:28

Re: Quadro elettrico non protetto

Messaggio da christian619 » lun nov 05, 2018 15:44

Si per protetto intendo compartimentato.

Il problema e che il quadro è dietro una porta e devo rompere tutto per compartimentarlo.
Di fatto però in caso di incendio posso da fuori togliere corrente a tutta l'attività quindi il quadro
è privo di tensione.

Non riesco a capire la ratio della norma....

effettivamente se si legge l'articolo mi pare di capire che tutti i locali di pubblico spettacolo devono avere il quadro generale
all'interno di un compartimento…. (quasi tutti quelli che ho visto non sono così….)

13.3 QUADRI ELETTRICI GENERALI
Il quadro elettrico generale deve essere ubicato in posizione facilmente accessibile, segnalata e protetta dall'incendio.

lbasa
Messaggi: 730
Iscritto il: ven giu 19, 2015 22:41

Re: Quadro elettrico non protetto

Messaggio da lbasa » lun nov 05, 2018 16:50

Non riesco a capire la ratio della norma....
effettivamente se si legge l'articolo mi pare di capire che tutti i locali di pubblico spettacolo devono avere il quadro generale
all'interno di un compartimento…. (quasi tutti quelli che ho visto non sono così….)
13.3 QUADRI ELETTRICI GENERALI
Il quadro elettrico generale deve essere ubicato in posizione facilmente accessibile, segnalata e protetta dall'incendio.
perchè il sillogismo proposto è sbagliato.
Protetto non vuol dire compartimentato, ma ad esempio vuol dire installato in luogo/locale a basso rischio incendio (quindi senza tutte quelle suppellettili combustibili che tipicamente riempiono l'intorno) e che è chiuso da materiali che non si surriscaldano (e surriscaldano i componenti interni) quando si avvicina un incendio; come ad esempio un portello a vetro).
Ex ante ci aveva pensato il progetto elettrico a prevedere i componenti adeguati secondo la normativa CEI adeguata.

Ecco, verifica piuttosto il comportamento e le carattersitiche delle condutture che entrano nel quadro.

NB: e riguardo al pulsante di sgancio a monte: è corretto pensare che sia la soluzione alla messa in sicurezza dell'impianto da parte di personale esterno in sostituzione dell'operare sul quadro stesso, ma la messa in sicurezza non riguarda i "servizi di sicurezza" (ci sono pompe antincendio alimentate da quel quadro generale? Sono alimentate bypass rispetto al pulsante di sgancio?).

Tom Bishop
Messaggi: 1708
Iscritto il: mar dic 30, 2008 17:13

Re: Quadro elettrico non protetto

Messaggio da Tom Bishop » mar nov 06, 2018 05:13

lbasa ha scritto:
lun nov 05, 2018 16:50

Protetto non vuol dire compartimentato, ma ad esempio vuol dire installato in luogo/locale a basso rischio incendio
A me risulta che protetto significhi compartimentato. Il DM30/11/83 al riguardo è abbastanza chiaro.
3.10 - Scala protetta
Scala in vano costituente compartimento antincendio avente accesso diretto da ogni piano, con porte di resistenza al fuoco REI predeterminata e dotate di congegno di autochiusura.
Tom Bishop

lbasa
Messaggi: 730
Iscritto il: ven giu 19, 2015 22:41

Re: Quadro elettrico non protetto

Messaggio da lbasa » mar nov 06, 2018 08:54

A me risulta che protetto significhi compartimentato. Il DM30/11/83 al riguardo è abbastanza chiaro.
Ci mancherebbe che tu non abbia il diritto di proporre un progetto così conservativo, ma secondo me sbagli per esagerazione.
Le scale sono un argomento di specifica competenza dei VVFF, ma l'impianto elettrico (e nel nostro caso il quadro) ha già l'istituzione che ha pensato alle soluzioni per effettuarvi le operazioni di messa in sicurezza eventualmente necessarie nell’emergenza; CEI 64-8/7 (751 e 752).

Tant'è che la comunicazione dei VVFF ne tiene conto, vai al testo coordinato degli alberghi D.M. 9 aprile 1994:
http://www.vigilfuoco.it/sitiVVF/ascoli ... 85&p=12921
Nota [38]: "Per “posizione protetta” è da intendersi la collocazione degli apparecchi di manovra in locali/luoghi in cui non sussista un particolare rischio d’incendio per materiali presenti, utilizzazione dei locali, accessibilità anche a terzi non autorizzati, ecc., anche in relazione al fatto che tale disposto trova origine da una regola tecnica di prevenzione incendi e non relativa specificatamente e/o esclusivamente all’impiantistica elet-trica (Nota prot. n. P783/4122/1 sott.3 del 11/8/2000)".

Se tu metti il quadro in un compartimento che, all'originarsi di un incendio, fa scattare le autochiusure (apribili dall'interno all'esterno e non viceversa), come soddisfi la condizione necessaria alle squadre antincendio di "in posizione facilmente accessibile" se devono impiegare mezz'ora per scardinare una porta REI, quando invece impiegano due colpi di martello per rompere un portello vetrato in luogo accessibile?

Avatar utente
weareblind
Messaggi: 990
Iscritto il: gio lug 30, 2009 09:49

Re: Quadro elettrico non protetto

Messaggio da weareblind » mar nov 06, 2018 09:20

Ottima riflessione. Tra l'altro, secondo me, è effettivamente poco utile questo quadro. È lo sgancio che serve.

Rispondi