Carico di incendio e norme verticali

Normativa Antincendio, Rilascio CPI, ecc.

Moderatore: Edilclima

Rispondi
Avatar utente
tigers
Messaggi: 1040
Iscritto il: lun set 11, 2006 10:08

Carico di incendio e norme verticali

Messaggio da tigers »

Come vi comportate nel caso di norme verticali PREVIGENTI il DM 2007 che vincolano alcuni accorgimenti ad un certo "carico di incendio"?
Sto parlando in particolare della norma uffici, parte archivi, che prevede che "Per depositi con carico di incendio superiore a 60 kg/mq etc."

Le mie riflessioni:
1. Il DM 2006 uffici NON definisce mai il "carico di incendio", né cita la circolare 91;
2. la circolare P414/4122 sott. 55 del 28 marzo 2008, nel darci chiarimenti sull'applicazione del DM 2007 "precisa che qualora nell'ambito di una regola tecnica "verticale" venga richiamato il carico di incendio ovvero la classe dei compartimento rimandando ai criteri di calcolo previsti nella ex circolare n. 91/61, tale riferimento è da ritenersi superato dall'entrata in vigore del DM 9/03/07, dovendosi da tale data (25/09/2007) applicare i criteri ivi stabiliti". Quindi dove la mia RTV parla di "carico di incendio" devo riferirmi al DM 2007;
3. usando la circolare 91 a gennaio 2007, con la norma uffici già vigente avrei fatto somma poteri calorifici diviso superficie e quello era il valore di confronto, su questo credo che nessuno abbia dubbi;
4. usando invece il DM 2007 come dovrei fare secondo la circolare trovo 3 definizioni di "carico di incendio": una ha il nome giusto ma è chiaramente sbagliata, perché il "carico di incendio" secondo il DM è la semplice somma dei poteri caloriferi; la seconda e la terza sono il carico di incendio SPECIFICO ed il carico di incendio SPECIFICO DI PROGETTO. Tutti e due in MJ/mq come vorrebbe il Dm 2006 uffici. Quale delle due è quella giusta?
5. se applico il C.I. SPECIFICO torno grossomodo alla definizione come si usava nella circolare 91, se applico quello "di progetto" nel mio caso balla un fattore 0.5, cioè il C.I. risulta dimezzato, e cadrebbe molto vicino ai 60 kg/mq che costituiscono il limite. (lo stesso coefficiente 0.50 sarebbe uscito dalla circolare 91 all'atto di determinare la classe dell'edificio, quindi grossomodo la classe dei locali è la stessa con le 2 norme ma la soglia di applicazione delle misure ulteriori?
6. possibile che nessuna circolare abbia chiarito questa cosa?

Terminus
Messaggi: 7872
Iscritto il: ven mar 30, 2007 17:40
Località: Umbria

Re: Carico di incendio e norme verticali

Messaggio da Terminus »

Ti do la mia interpretazione.
Prima di tutto il DM uffici del 2006 fa riferimento al DM 30/11/83, il quale contiene la definizione di carico di incendio, valutato in Kg di legna equivalente/mq.
Con l'odierna terminologia lo chiameremmo "carico d'incendio specifico", ma calcolato in MJ e non in kgleq e considerando i PCI e non i PCS.
Quindi sicuramente il valore di 60kg/mq non è da considerarsi come carico d'incendio specifico di progetto.
Alla luce della circolare direi quindi di calcolare il carico di incendio specifico come da DM 09/03/07, con i PCI, e raffrontarlo al carico di incendio in kgleq con il noto rapporto di equivalenza.

Avatar utente
tigers
Messaggi: 1040
Iscritto il: lun set 11, 2006 10:08

Re: Carico di incendio e norme verticali

Messaggio da tigers »

Mi era sfuggita la parte del DM 1983 che pure avevo guardato perché avevo un testo coordinato che riportava già le nuove definizioni del DM 2007. Risalendo al testo originario vedo però che definiva in effetti sia il carico d'incendio che il carico d'incendio specifico. In ogni caso errore della norma avere scritto "carico d'incendio" quando avrebbe fatto meglio a scrivere "carico d'incendio specifico". Non che ci sia margine per i dubbi, ma era tutto più chiaro.

Grazie.

Rispondi