Rabbocco gruppo elettrogeno

Normativa Antincendio, Rilascio CPI, ecc.

Moderatore: Edilclima

Rispondi
Avatar utente
weareblind
Messaggi: 1016
Iscritto il: gio lug 30, 2009 09:49

Rabbocco gruppo elettrogeno

Messaggio da weareblind » sab lug 28, 2018 08:15

GE a gasolio, all'aperto, serbatoio solo incorporato e minore di 120 litri.
D.M. 13/7/2011 punto 5.1 ultima riga.
Quando il gruppo e/o l'unità di cogenerazione è munito di serbatoio di capacità non superiore a 120 dm3 , il rifornimento del serbatoio è consentito con recipienti portatili del tipo approvato secondo la vigente normativa.
Fino ad ora, per "recipiente portatile" ho considerato taniche metalliche con chiusura di sicurezza.
Ieri mi domandano di poterlo rifornire manualmente con un serbatoietto da 200 litri, omologato Ministero dell'Interno, con una lancia come quella dei distributori.
Stavo per dire di no, sull'onda dell'abitudine. Adesso invece penso che si possa. La norma non dice "a mano", dice portatile. Inoltre, una tanica non è "approvata dalla normativa". E' una tanica. Invece il serbatoietto è approvato. Che dite?

Terminus
Messaggi: 7660
Iscritto il: ven mar 30, 2007 17:40
Località: Umbria

Re: Rabbocco gruppo elettrogeno

Messaggio da Terminus » sab lug 28, 2018 09:25

Il DM parla di "recipienti portatili".
Un CDM come quello che vorresti impiegare tu non è un semplice "recipiente" poichè provvisto di pompa ed erogatore, neppure "portatile", nel senso di trasportabile a mano, ma "mobile", come riporta anche la sua omologazione ministeriale.
Quale sarebbe comunque il senso della previsione ?
Consentire al servente di regolarsi sia visivamente che manualmente sul riempimento del serbatoio e comunque limitare eventuali sversamenti all'interno del locale, che costituirebbero fattore di rischio, al limitato contenuto del "recipiente portatile" (diciamo 20 litri al massimo).
Nonostante non rientri alla lettera nella definizione normativa, direi che la tua soluzione rispetta i requisiti di sicurezza, tanto più poi se il contenitore riesce a rimanere all'esterno del locale.

Avatar utente
weareblind
Messaggi: 1016
Iscritto il: gio lug 30, 2009 09:49

Re: Rabbocco gruppo elettrogeno

Messaggio da weareblind » sab lug 28, 2018 10:30

Aspetta che non ho capito bene la conclusione.
Io ho un GE in esterno, e avrei il serbatoio da 200 l in esterno, carrellato, con pompa a funzionamento solo manuale. Quindi, per rifornire il GE (che ha meno di 120 l), un operatore deve operare manualmente e a pochi cm dal GE. Quindi è tutto sotto controllo. Il serbatoio carrellato è omologato e stoccato propriamente sotto una tettoia, non vicino al GE. A me pare di rispettare anche la ratio. Che dici?

Terminus
Messaggi: 7660
Iscritto il: ven mar 30, 2007 17:40
Località: Umbria

Re: Rabbocco gruppo elettrogeno

Messaggio da Terminus » sab lug 28, 2018 11:32

Si scusa, non avevo letto "esterno" ed ho parlato di locale.
Ma il mio ragionamento non cambia.
Secondo me va bene, in quanto raggiungi un livello di sicurezza maggiore che mediante travasi manuali con taniche.

Avatar utente
weareblind
Messaggi: 1016
Iscritto il: gio lug 30, 2009 09:49

Re: Rabbocco gruppo elettrogeno

Messaggio da weareblind » sab lug 28, 2018 13:19

Ah ok. Grazie.

domeadsl
Messaggi: 69
Iscritto il: ven gen 14, 2011 16:01

Re: Rabbocco gruppo elettrogeno

Messaggio da domeadsl » ven giu 07, 2019 17:57

Salve a tutti,
riprendo la discussione, che ha il titolo adatto al quesito, anzi in realtà sarebbe meglio dire "rifornimento".

Ho un GE in un locale posto in posizione adiacente a un'autorimessa, entrambe le attività a servizio di un edificio uffici soprastante. L'accesso al locale avviene da spazio scoperto (rampa autorimessa). Il locale in realtà confina solo con: un'area esterna carrabile (superiormente con il solaio), autorimessa (da un lato con una parete), il resto con terrapieno. Quindi non con l'edificio uffici pluripiano.
Allego disegno:
Immagine

Il GE ha un serbatoio incorporato di 600 litri, e funziona solo con quello.

Secondo la norma:
5.1 Il presente paragrafo si applica per serbatoi incorporati o di servizio non alimentati dal serbatoio di deposito. Il rifornimento deve avvenire a gruppo fermo; nel caso di gruppi con serbatoi di capacità superiore a 120 dm3, installati nella volumetria dei fabbricati, tale rifornimento deve avvenire tramite sistema di tubazioni fisse aventi origine all'esterno di edifici; tali serbatoi devono essere dotati di valvola limitatrice di carico al 90% della capacità dei medesimi

locale esterno: locale ubicato su spazio scoperto, anche in adiacenza al fabbricato servito, purché strutturalmente separato e privo di pareti comuni. Sono considerati locali esterni anche quelli ubicati sulla copertura piana del fabbricato servito purché privi di pareti comuni;

Prima questione: quello descritto è da considerare un locale installato nella volumetria del fabbricato o un locale esterno? Stando alla definizione di locale esterno forse ricadrei in questa in quanto ho una parete in comune con l'autorimessa che a sua volta fa parte del volume dell'edificio soprastante.
Volevo quindi capire se sono costretto a prevedere queste "tubazioni fisse" per il rifornimento, che poi sinceramente non ho nemmeno capito che caratteristiche dovrebbe avere tale sistema. Cioè basterebbe una tubazione che mi permetta di rifornire dall'esterno a gravità?
Ma ammetto che qui ho confusione anche sulle tipologie di rifornimento possibili. Si parla di recipienti portatili, ma qualora non possa essere possibile utilizzarli come nel mio caso (serbatoi >120 litri) cosa va usato?

Insomma, secondo voi qui quale sarebbe il sistema da prevedere?

Seconda questione: la prescrizione della valvola limitatrice di carico è riferibile a tutti i serbatoi incorporati o solo a quelli superiori a 120 litri?

E' una delle regole tecniche scritte peggio questa secondo me.

Grazie a tutti.
Domenico

Terminus
Messaggi: 7660
Iscritto il: ven mar 30, 2007 17:40
Località: Umbria

Re: Rabbocco gruppo elettrogeno

Messaggio da Terminus » ven giu 07, 2019 21:44

Il tuo non è un locale esterno: hai parete comune e non sei strutturalmente indipendente.
Devi rifornire dall'esterno del locale, quindi con dele etubazioni fisse. Queste le andrai a collegare ad un sistema a caduta oppure ad un sistema di pompaggio, manuale o elettrico, ottemperando al punto 8.

domeadsl
Messaggi: 69
Iscritto il: ven gen 14, 2011 16:01

Re: Rabbocco gruppo elettrogeno

Messaggio da domeadsl » sab giu 08, 2019 12:37

Grazie Terminus,
e sul locale esterno mi sto rassegnando, la definizione è abbastanza chiara, anche se nel caso specifico non vedrei ripercussioni strutturali al resto dell'edificio (forse non si nota bene dalla planimetria, ma è veramente un locale a parte, peraltro REI, con solo quella paretina in comune con l'autorimessa in una parte non sottostante l'edificio)...quindi per me rimarrebbe una prescrizione esagerata, ma vabbè sto applicando l'approccio ordinario e quindi ci devo stare.

In merito al punto 8 invece, io lo interpretavo applicabile solo quando hai il serbatoio di deposito. Se fosse come stai dicendo, nel mio caso dovrei prevedere anche tutti i sistemi automatici elencati all'8.2. Ma che senso ha se il rifornimento lo sto facendo con me presente lì? E infatti il punto 8 parla di sistema di rabbocco, che da definizione della norma è solo automatico e quindi non sarebbe il mio caso visto che agirei dall'esterno direttamente con taniche o altri sistemi, ma senza serbatoi da cui pesca in automatico e con presenza umana.


Riporto per comodità di lettura tutto il punto 8:
8.1. Nel caso di utilizzazione di serbatoio di deposito, a quota uguale o inferiore a quella del gruppo e/o unità di cogenerazione, i serbatoi incorporati o di servizio devono essere muniti di una tubazione di scarico del troppo pieno nel serbatoio di deposito.
Tale condotta deve essere priva di valvole o di saracinesche di qualsiasi genere e non presentare impedimenti al naturale deflusso verso il serbatoio di deposito.
Nel caso di utilizzazione del serbatoio di deposito a quota superiore a quella del gruppo e/o dell'unità di cogenerazione, l'alimentazione può avvenire per gravità, purché la tubazione di adduzione sia intercettata da due dispositivi in serie, di cui uno esterno al locale, realizzanti le funzioni di cui al successivo punto 8.2, lettere a) e b).
8.2. Il sistema di rabbocco dei serbatoi incorporati o di servizio deve inoltre essere munito dei seguenti dispositivi di sicurezza che intervengono automaticamente quando il livello del combustibile nei suddetti serbatoi supera quello massimo consentito:
a) dispositivo di arresto delle pompe di alimentazione;
b) dispositivo di intercettazione del flusso;
c) dispositivo di allarme ottico e acustico.
8.3. Tali dispositivi devono intervenire anche in caso di versamento di liquidi nel sistema di contenimento; in alternativa tale sistema può prevedere una condotta di deflusso verso il serbatoio di deposito, o altro serbatoio di analoga capacità, priva di valvole o di saracinesche di qualsiasi genere e che non presenti impedimenti al naturale deflusso.
8.4. Nel caso di installazioni all'interno di locali, con serbatoio di deposito o alimentazione esterno con o senza serbatoio di servizio od incorporato, deve essere previsto un dispositivo manuale di intercettazione del flusso di combustibile liquido, in posizione esterna al locale, con comando facilmente e sicuramente raggiungibile ed adeguatamente segnalato.
Le tubazioni esterne al locale devono essere in metallo o altro materiale idoneo allo scopo.
8.5. Nel caso il serbatoio di deposito sia ad una quota maggiore di quella del gruppo e/o della unità di cogenerazione, il sistema di rilevamento e segnalazione perdite deve essere in grado di segnalare gli spargimenti provenienti da qualsiasi punto all'interno del locale di installazione. In caso di spargimento del combustibile il sistema deve automaticamente far intervenire i seguenti dispositivi di sicurezza:
a) arresto delle eventuali pompe elettriche rifornimento;
b) intercettazione del flusso di combustibile in un punto esterno al locale;
c) allarme ottico e acustico esterno al locale.
Al di sotto del livello di intervento del sistema di sicurezza, in posizione raggiungibile dai liquidi eventualmente versati, non devono essere presenti cavi, dispositivi o apparecchiature elettriche.

Terminus
Messaggi: 7660
Iscritto il: ven mar 30, 2007 17:40
Località: Umbria

Re: Rabbocco gruppo elettrogeno

Messaggio da Terminus » sab giu 08, 2019 19:21

Per come dici, avrai un serbatoio di alimentazione esterno (mobile, carrato), collegato con tubazioni fisse metalliche con dispositivo di intercettazione manuale (punto 8.4), in quanto leggendo il paragrafo 5, sembrerebbe che, dovendo rifornire oltre 120 litri, ciò non possa essere fatto con recipienti portatili.
Il serbatoio incorporato dovrà avere la valvola limitatrice del carico (5.1),

domeadsl
Messaggi: 69
Iscritto il: ven gen 14, 2011 16:01

Re: Rabbocco gruppo elettrogeno

Messaggio da domeadsl » dom giu 09, 2019 12:57

Ok si, come pensavo allora.

Però in concreto, qualcuno ha mai visto una configurazione simile? No perché io mai, e non riesco a capire se è un caso o c'è un motivo tecnico per cui alla fine si riesce a evitarla in qualche modo che ci sfugge (a parte i casi ovviamente in cui l'impianto molto semplicemente non è conforme).

Rispondi