isolamento idranti

Normativa Antincendio, Rilascio CPI, ecc.

Moderatore: Edilclima

Rispondi
Grisù73
Messaggi: 32
Iscritto il: gio nov 29, 2012 15:54

isolamento idranti

Messaggio da Grisù73 » ven apr 19, 2013 18:26

Buonasera, ho un dubbio e sarei grata a chiunque volesse dipanarlo:
è corretto avere coppelle per isolamento termico di una rete idranti con cavo scaldante di classe B2?
Considerando l'impianto a vista in un deposito di materiale combustibile vi sembra una scelta appropriata?
Non trovo riscontri normativi specifici... potreste aiutarmi in tal senso?
Grazie

Terminus
Messaggi: 7708
Iscritto il: ven mar 30, 2007 17:40
Località: Umbria

Re: isolamento idranti

Messaggio da Terminus » ven apr 19, 2013 19:25

Di che lunghezza di tubazioni protette stiamo parlando ?
Nel deposito di materiale combustibile, certo l'isolante delle tubazioni antincendio non potrà avere un peso determinante nel carico di incendio.
Il rischio potrebbe venire dall'eventuale guasto del cavo termosensibile, con possibile innesco dell'isolante e quanto ne può conseguire.
Comunque i cavi in questione come quelli della Raychem, sono certificati anche per zone EX (gas e polveri) con temperature superficiali inferiori a 80°C, quindi insufficienti per creare problemi alla coppella isolante.
Con le adeguate protezioni magnetotermiche a monte non ci dovrebbero essere rischi.

claudio
Messaggi: 502
Iscritto il: mer feb 21, 2007 10:23

Re: isolamento idranti

Messaggio da claudio » ven apr 19, 2013 19:38

Terminus ha scritto:Di che lunghezza di tubazioni protette stiamo parlando ?
Nel deposito di materiale combustibile, certo l'isolante delle tubazioni antincendio non potrà avere un peso determinante nel carico di incendio.
Il rischio potrebbe venire dall'eventuale guasto del cavo termosensibile, con possibile innesco dell'isolante e quanto ne può conseguire.
Comunque i cavi in questione come quelli della Raychem, sono certificati anche per zone EX (gas e polveri) con temperature superficiali inferiori a 80°C, quindi insufficienti per creare problemi alla coppella isolante.
Con le adeguate protezioni magnetotermiche a monte non ci dovrebbero essere rischi.
quoto in toto
claudio

nicorovoletto
Messaggi: 2032
Iscritto il: mar ago 29, 2006 14:54

Re: isolamento idranti

Messaggio da nicorovoletto » sab apr 20, 2013 09:12

Grisù73 ha scritto:Buonasera, ho un dubbio e sarei grata a chiunque volesse dipanarlo:
è corretto avere coppelle per isolamento termico di una rete idranti con cavo scaldante di classe B2?
Considerando l'impianto a vista in un deposito di materiale combustibile vi sembra una scelta appropriata?
Non trovo riscontri normativi specifici... potreste aiutarmi in tal senso?
Grazie
devi proteggere l'impianto se cè il richio di ghiaggio (a memoria inferiore a 4°C dice la norma)... valuta bene se in un deposito scendi al di sotto di questa temperatura, altrimenti puoi risparmiarti il cavo scaldante (personalmete lo uso solo in esterno o autorimesse aperte su più lati)
Non ho paura della mia ignoranza, anzi, l'affronto ogni giorno!

Terminus
Messaggi: 7708
Iscritto il: ven mar 30, 2007 17:40
Località: Umbria

Re: isolamento idranti

Messaggio da Terminus » sab apr 20, 2013 19:44

Beh non basta scendere sotto i 4°C per avere rischio gelo (intendendo con questo la rottura delle tubazioni).
Tale rischio dipende dal calore rilasciato dall'acqua nella tubazione (quindi dal grado di isolamento e dai parametri meteorologici) e dalla sua capacità termica (quindi dalle dimensioni della tubazione).
Dalle mie parti (centro Italia) per tubazioni antincendio di grande diametro, all'esterno, è spesso sufficiente la sola coibentazione; il cavo scaldante diventa necessario per tubazioni di piccolo diametro (orientativamente sotto il DN65).

nicorovoletto
Messaggi: 2032
Iscritto il: mar ago 29, 2006 14:54

Re: isolamento idranti

Messaggio da nicorovoletto » dom apr 21, 2013 10:45

Bhe in realta la formazione di ghiaccio deve essere prevenuta per 2 motivi: la rottura della tubazione ma soprattutto il tappo che puo creare il ghiaccio. Quindi a volte anche in tubazioni di grosso diametro puo formarsi il problema perche' l'acqua e' in quiete
Non ho paura della mia ignoranza, anzi, l'affronto ogni giorno!

Terminus
Messaggi: 7708
Iscritto il: ven mar 30, 2007 17:40
Località: Umbria

Re: isolamento idranti

Messaggio da Terminus » dom apr 21, 2013 16:27

Giustissima osservazione; in effetti in alcuni casi, un'alternativa economica al cavo scaldante porebbe essere una elettrovalvola asservita a termostato ambiente, in modo da generare uno scarico controllato ed allontanare quindi il fenomeno del congelamento.
Mettiamo giù qualche numero:
in una tubazione DN100 isolata con 60mm di poliuretano o simili, esposta per 20 metri a T=-4°C, partendo da una Tacqua =5°C, si ha inizio di congelamento dopo circa 19 ore, mentre si ha un volume di ghiaccio del 10% dopo ulteriori 53 ore (ovviamente a T=-4°C continua).

nicorovoletto
Messaggi: 2032
Iscritto il: mar ago 29, 2006 14:54

Re: isolamento idranti

Messaggio da nicorovoletto » dom apr 21, 2013 18:57

Azzo termi e' domenica! Per i calcoli ti rispondo domani :wink:
Non ho paura della mia ignoranza, anzi, l'affronto ogni giorno!

Grisù73
Messaggi: 32
Iscritto il: gio nov 29, 2012 15:54

Re: isolamento idranti

Messaggio da Grisù73 » lun apr 22, 2013 09:23

Grazie a tutti. Purtroppo non ho avuto voce in capitolo sulla coibentazione è stata una prescrizione del comando e comunque confermo che c'è il cavo scaldante.
Riguardo alla lunghezza beh... siamo nell'ordine delle centinaia di metri (tubazione a vista per tutti gli ambienti e si parla di spazi molto ampi).

Rispondi