persone presenti negli uffici

Normativa Antincendio, Rilascio CPI, ecc.

Moderatore: Edilclima

Rispondi
magazzini
Messaggi: 66
Iscritto il: mar set 25, 2007 14:41

persone presenti negli uffici

Messaggio da magazzini »

l'allegato I al DPR 151, riporta l'attività 71, aziende ed uffici con oltre 300 PERSONE PRESENTI.

Prima si parlava di 500 addetti (praticamente superabile solo da aziende decisamente imponenti).

Ora si parla di PERSONE PRESENTI.

Scusate, ma chi è che stabilisce le persone presenti? un'apposita dichiarazione del titolare può sostituire il calcolo del numero delle "massime" presenze, secondo la regola tecnica?

La regola tecnica degli uffici, applicabile già da 25 presenze, indica un massimo affollamento in funzione della superficie e se l'ufficio è aperto o meno al pubblico.
Se gli addetti sono facilmente dichiarabili, mi spiegate come è possibile dichiarare le "persone presenti"?

Ad esempio ho un caso di un'azienda che avrà non più di 130 addetti (per gli standard aziendali che prevedono un indice di affollamento basso), ma che da calcolo delle presenze supera le 300 presenze. Ma in sostanza le persone presenti sono 130, non essendo aperta al pubblico.

quindi è o non è attività 71/A?

Terminus
Messaggi: 8188
Iscritto il: ven mar 30, 2007 17:40
Località: Umbria

Re: persone presenti negli uffici

Messaggio da Terminus »

Il DM ti dice le cose chiaramente
Se non hai pubblico: affollamento =0,1 (o almeno numero di dipendenti presenti +20%)
nelle aree aperte al pubblico: affollamento = 0,4

magazzini
Messaggi: 66
Iscritto il: mar set 25, 2007 14:41

Re: persone presenti negli uffici

Messaggio da magazzini »

(o almeno numero di dipendenti presenti +20%)

giusto. hai ragione. 130 addetti, quindi almeno 156 presenze.

in caso di apertura al pubblico non posso far altro che calcolare le presenze in base all'indice di affollamento.

grazie

fred2000
Messaggi: 228
Iscritto il: gio feb 18, 2010 15:46

Re: persone presenti negli uffici

Messaggio da fred2000 »

Se ho ben capito la questione presenza / affollamento negli uffici non aperti al pubblico mi pare abbastanza chiaro leggendo le l.c. relative al DM 22/02/2006 (l.c. n.P694 /4122 sott. 66/A del 19 Giugno 2006 + l.c. P571/4122 sott. 66/A 8 maggio 2007 + vari quesiti :vedere testo coordinato nel sito VVF).
Per l'applicabilità del DPR 151/2011 ( 300pp) è il titolare a dichiarare le presenze mentre per il calcolo della sicurezza ( uscite ecc. ) si deve fare il calolo analitico con 0,1 o 0,4 pp/m2 con un minimo = presenze dichiarate + 20%.

magazzini
Messaggi: 66
Iscritto il: mar set 25, 2007 14:41

Re: persone presenti negli uffici

Messaggio da magazzini »

Il quesito che ho posto fred2000 è appunto sulla dichiarabilità delle presenze rispetto ad un parametro quale quello degli addetti. terminus giustamente ci suggerisce che in caso di uffici non aperti al pubblico è possibile dichiarare il numero di addetti incrementati del 20%. ma in caso di apertura al pubblico, tu come titolare di attività ti sentiresti di certificare che ci saranno nel tuo ufficio un numero inferiore a quello calcolato come Sx0.4? in caso di apertura al pubbliuco, secondo me, non è ipotizzabile, e neppure concesso, dichiarare un numero di presenza inferiore a quelle del calcolo.

fred2000
Messaggi: 228
Iscritto il: gio feb 18, 2010 15:46

Re: persone presenti negli uffici

Messaggio da fred2000 »

In effetti il problema c'è per un ufficio pubblico. Io non ho ancora affrontato il caso dopo l'entrata in vigore del DM 2006 e non ho trovato nulla di scritto dai VVF.

Con un po di buon senso ( cosa che il legislatore non sempre possiede ) direi che non cambia granché se il dirigente dell'ufficio pubblico ( sindaco ?? ) dichiara 299 persone presenti quindi non rientra nelle attività soggette. Va comunque applicato il DM 2006 ed i calcoli per il deflusso ecc. si fanno sulla superficie x 0,4 con un minimo di 299*1,2= 359pp.

Se qualcuno ha trovato qualche chiarimento ... :?

cecco71
Messaggi: 85
Iscritto il: mar feb 28, 2012 10:44

Re: persone presenti negli uffici

Messaggio da cecco71 »

domanda idiota forse alla quale nn ho mai trovato risposta certa:

come distinguere (ai fini dell'affollamento) univocamente un ufficio aperto al pubblico da uno nel quale non è previsto l'accesso del pubblico?
specifico meglio: uffici privati che non erogano servizi pubblici e nei quali persone estranee a chi vi lavora entra solo se invitato (ad esempio uffici di liberi professionisti e/o società private) devono intendersi comunque aperti al pubblico perchè vi entrano i cosiddetti "clienti"?
A questa stregua direi che in ogni qualsivoglia tipologia di ufficio (tranne la NASA forse) possono entrare "estranei"...e quindi vanno considerati aperti al pubblico...

:shock: :shock:

magazzini
Messaggi: 66
Iscritto il: mar set 25, 2007 14:41

Re: persone presenti negli uffici

Messaggio da magazzini »

La tua domanda Cecco71, non è affatto idiota.

La norma parla di "accesso al pubblico" e di "aree destinate alle attività lavorative".

io ho inteso così, e ne chiesi conferma al comando provinciale che concordò per il mio caso, e quindi non in senso generale: se l'accesso è occasionale (viene il parente, o un consulente, o quello che ti ripara la stampante) io ho considerato 0.1 p/mq (che erano superiori comunque agli addetti presenti incrementati del 20%); se l'accesso al pubblico è sistematico (un ufficio per la riscossione di una tassa, la stessa zona di aspetto di una banca, o qualunque zona dove hai un orario di apertura al pubblico) allora ho considerato 0.4 p/mq. quel 20% in più infatti sta a significare proprio l'accesso occasionale.
nella stessa attività, possono esserci zone a 0.1 p/mq e zone a 0.4 p/mq.
Come fare per indicarle chiaramente? io le ho divise in 2 compartimenti, ciascuno con le sue uscite di sicurezza e una porta rei con segnalato il divieto di accesso al pubblico se non autorizzato o con apriporta elettrico.

comunque il limite delle 300 presenze è più un problema per SCIA o non SCIA, perché sotto 300 hai uffici di tipo 3 o 2, in cui comunque devi rispettare le stesse norme (ad eccezione di poche concessioni, e non certo quelle sull'affollamento).

Io concorderei la scelta con l'istruttore del Comando Provinciale, perché qui davvero si va ad interpretazione, e non solo su questo....

Terminus
Messaggi: 8188
Iscritto il: ven mar 30, 2007 17:40
Località: Umbria

Re: persone presenti negli uffici

Messaggio da Terminus »

Concordo con Magazzini.
In questo momento sto lavorando ad un edificio pubblico, ma con alcuni piani/locali con libero accesso ed altri ad accesso vietato o limitato per appuntamenti.
Anche nei piani accessibili al pubblico vi sono locali in cui non è previsto l'afflusso del pubblico.
Quindi sto lavorando così:
- corridoi e uffici a libero accesso: 0,4 p/m2
- piani ed uffici non accessibili o ad accesso regolamentato su appuntamento: 0,1 p/m2
- controllo del massimo affollamento in base agli addetti previsti + 20% (che come detto sopra ricomprende i visitatori) oltre al pubblico calcolato come sopra.

cecco71
Messaggi: 85
Iscritto il: mar feb 28, 2012 10:44

Re: persone presenti negli uffici

Messaggio da cecco71 »

concordo con voi Magazzini e Terminus nel poter avere aree diverse nello stesso ufficio ed è interessante anche l'interpretazione dell'accesso occasionale del pubblico (terrò in considerazione quanto ti hanno suggerito al Comando) ma il mio quesito voleva approfondire cosa si intende per PUBBLICO ovvero intendo qualsivoglia persona che non è dipendente e quindi non lavora nell'ufficio? oppure per PUBBLICO si intendono "masse" di persone che hanno accesso all'ufficio?
Pongo un caso specifico, ho la sede di una società di ingegneria (700mq) con 12 dipendenti e ovvio ogni tanto arrivano i clienti o i rappresentanti di prodotti e materiali che ovviamente hanno accesso se invitati.

Ipotesi 1.
Ho 600mq di attività lavorative (600x0,1=60persone) e 100mq di aree per ricevere clienti e rappresentanti (100x0,4=40persone) per un affollamento massimo ipotizzabile di 100persone complessivamente

Ipotesi 2.
I clienti e i rappresentanti hanno accesso solo se invitati quindi non sono PUBBLICO, non è che chiunque passa per strada può accedere a tale ufficio (come avviene per POSTE BANCHE COMUNI...etc.) quindi non considero nessuna area per accesso al PUBBLICO in quanto il PUBBLICO (persone che liberamente entrano nell'ufficio) non ve ne sono (700x0,1=70persone)

Forse è una questione di lana caprina ma capite che c'è una enorme differenza perchè in quegli spazi con 12 dipendenti anche quando arrivano contemporaneamente dai 3 ai 5 clienti con relativi accompagnatori etc. non si arriva mai oltre le 30 persone presenti.

grazie per la pazienza









magazzini ha scritto:La tua domanda Cecco71, non è affatto idiota.

La norma parla di "accesso al pubblico" e di "aree destinate alle attività lavorative".

io ho inteso così, e ne chiesi conferma al comando provinciale che concordò per il mio caso, e quindi non in senso generale: se l'accesso è occasionale (viene il parente, o un consulente, o quello che ti ripara la stampante) io ho considerato 0.1 p/mq (che erano superiori comunque agli addetti presenti incrementati del 20%); se l'accesso al pubblico è sistematico (un ufficio per la riscossione di una tassa, la stessa zona di aspetto di una banca, o qualunque zona dove hai un orario di apertura al pubblico) allora ho considerato 0.4 p/mq. quel 20% in più infatti sta a significare proprio l'accesso occasionale.
nella stessa attività, possono esserci zone a 0.1 p/mq e zone a 0.4 p/mq.
Come fare per indicarle chiaramente? io le ho divise in 2 compartimenti, ciascuno con le sue uscite di sicurezza e una porta rei con segnalato il divieto di accesso al pubblico se non autorizzato o con apriporta elettrico.

comunque il limite delle 300 presenze è più un problema per SCIA o non SCIA, perché sotto 300 hai uffici di tipo 3 o 2, in cui comunque devi rispettare le stesse norme (ad eccezione di poche concessioni, e non certo quelle sull'affollamento).

Io concorderei la scelta con l'istruttore del Comando Provinciale, perché qui davvero si va ad interpretazione, e non solo su questo....

Terminus
Messaggi: 8188
Iscritto il: ven mar 30, 2007 17:40
Località: Umbria

Re: persone presenti negli uffici

Messaggio da Terminus »

Hai già risposto da solo alla tua domanda: occorre usare un pò di buon senso.
Nel caso che prospetti ha senso caricare 40 persone in quei 100mq, oltre alle 60 computate nei luoghi di lavoro ?
Direi di no, a meno che non vi si facciano, per esempio, corsi di formazione.
Quindi no accesso di pubblico e 10 persone computate con lo 0,1, giacchè tante ve ne saranno al massimo.

cecco71
Messaggi: 85
Iscritto il: mar feb 28, 2012 10:44

Re: persone presenti negli uffici

Messaggio da cecco71 »

eh si sempre il buon senso sperando che lo adottino anche al Comando :shock: :shock:

provo con un appuntamento e vi aggiorno!

etec83
Messaggi: 593
Iscritto il: sab lug 13, 2013 16:39

Re: persone presenti negli uffici

Messaggio da etec83 »

Scusate, ma voi solitamente per le sale riunioni di uffici privati (se non c'è un numero di posti a sedere prestabilito) con che densità di affollamento le considerate, visto che potrebbe esserci il caso che arrivano dei fornitori o dei clienti esterni?

Io siccome mi ritrovo un immobile già occupato di cui devo fare la SCIA antincendio, pensavo alcune sale riunioni di adibirle ad uso esclusivo interno, in modo da risolvere il problema... se no con lo 0,4 non ci sto dentro e non posso far rivoluzionare quattro piani di un edificio.

Avatar utente
weareblind
Messaggi: 1321
Iscritto il: gio lug 30, 2009 09:49

Re: persone presenti negli uffici

Messaggio da weareblind »

Sala riunioni (non ufficio quindi), privato, ma senza sedie? Stanno in piedi? Io mi farei dire dal committente quando la riunione sarà da max affollamento, e fine.

etec83
Messaggi: 593
Iscritto il: sab lug 13, 2013 16:39

Re: persone presenti negli uffici

Messaggio da etec83 »

weareblind ha scritto:
dom mag 28, 2017 19:12
Sala riunioni (non ufficio quindi), privato, ma senza sedie? Stanno in piedi? Io mi farei dire dal committente quando la riunione sarà da max affollamento, e fine.
Intendevo senza posti fissi a sedere.
Secondo me è più corretto procedere con la densità di affollamento per la superficie, il numero di posti a sedere può essere anche inventato.

Avatar utente
weareblind
Messaggi: 1321
Iscritto il: gio lug 30, 2009 09:49

Re: persone presenti negli uffici

Messaggio da weareblind »

Io direi di no, la norma mi riporta:
6. Misure per l'evacuazione in caso di emergenza.
6.1. Affollamento.
1. Il massimo affollamento ipotizzabile e' fissato in:
c) spazi per riunioni, conferenze e simili: numero dei posti a sedere ed in piedi autorizzati, compresi quelli previsti per le persone con ridotte od impedite capacita' motorie.
E questo te lo fai dichiarare dalla committenza, o lo calcoli dalle sedute in planimetria (il progetto è firmato anche dal committente che avalla i dati di input).
Perché dici inventato?

etec83
Messaggi: 593
Iscritto il: sab lug 13, 2013 16:39

Re: persone presenti negli uffici

Messaggio da etec83 »

Boh, io ho sempre ragionato in un altro modo.
Per me il numero di posti a sedere c'è solo quando le sedute sono fisse, se sono mobili a mio parere non ha alcun senso stabilire il numero di posti a sedere, visto che domani qualcuno può anche mettere 100 sedie in 30 mq.
Trovo sia più sicuro applicare la densità di affollamento anche per la sale riunioni e pari a 0,1 pers/mq o 0,4 pers/mq anche ai fini dell'affollamento massimo di piano a seconda che la sala riunioni sia rispettivamente ad uso interno o ad uso anche esterno; anche se l'affollamento poi mi si alza un po' di più, ma per le sale riunioni mi pare più sensato.

Se poi ho una sala meeting da 120 mq che non supera i 100 posti ovviamente vabbé allora ha senso parlare di posti a sedere autorizzati, ricordando di non superare lo 0,7 pers/mq come specificato nel punto 8.1.

Avatar utente
weareblind
Messaggi: 1321
Iscritto il: gio lug 30, 2009 09:49

Re: persone presenti negli uffici

Messaggio da weareblind »

Su cosa ti pare ragionevole o no si può discutere, ma la norma si applica, non si discute se è ragionevole. La norma non dice "sedute fisse o imbullonate", che per sale riunioni sarebbe senza alcuna attinenza con la realtà tra l'altro. Inoltre, se qualcuno (cioè il committente) aumenta le sedute mobili, problemi di gestione suoi. Mica la conduco io la baracca. Io, nel progetto, chiedo che affollamento desiderano farsi approvare. Punto. Tra l'altro, così ragionando, anche se avessi sedute fisse, il committente potrebbe avvitarne un altro paio. Mica deve darmi conto. Egli risponde del suo, io del mio.

Rispondi