distanze da fabbricati

Normativa Antincendio, Rilascio CPI, ecc.

Moderatore: Edilclima

Rispondi
luigischi
Messaggi: 46
Iscritto il: gio giu 07, 2007 22:55

distanze da fabbricati

Messaggio da luigischi » gio giu 14, 2007 19:38

Nel rispetto della distanza interna tra perimetro del serbatoio gpl e abitazione, devo considerare la distanza dalla parete dera e propria o la distanza dall'ultimo gradino della scala esterna?
saluti

Terminus
Messaggi: 7783
Iscritto il: ven mar 30, 2007 17:40
Località: Umbria

Messaggio da Terminus » gio giu 14, 2007 20:30

Dovresti considerare l'edificio e non le scale.
Però se la scala è l'unica via di esodo dell'edificio e sbarca troppo vicino al serbatoio........

luigischi
Messaggi: 46
Iscritto il: gio giu 07, 2007 22:55

Messaggio da luigischi » gio giu 14, 2007 20:39

anche io la penso come te, ma vorrei un riferimento (per esempio in quale legge o regola tecnica è scritto nero su bianco).
Si tratta di scale che danno su un cortile interno, mentre l'ingresso principale è sulla strada pubblica (portoncino con rampa di scale).

Terminus
Messaggi: 7783
Iscritto il: ven mar 30, 2007 17:40
Località: Umbria

Messaggio da Terminus » ven giu 15, 2007 13:22

Mi sembra di capire che il fabbricato ha un ingresso principale e non è quello delle scale.
Allora considera senza problemi le pareti del fabbricato e non le scale sul cortile.
Per le distanze di sicurezza vedi i punti 7-8 del DM 14/05/04 con le modifiche di cui al DM 05/07/05.

luigischi
Messaggi: 46
Iscritto il: gio giu 07, 2007 22:55

Messaggio da luigischi » ven giu 15, 2007 23:20

Terminus ha scritto:Mi sembra di capire che il fabbricato ha un ingresso principale e non è quello delle scale.
Allora considera senza problemi le pareti del fabbricato e non le scale sul cortile.
Per le distanze di sicurezza vedi i punti 7-8 del DM 14/05/04 con le modifiche di cui al DM 05/07/05.
ok terminus, ma nel dm del 2004 come modificato dal dm 2005 non compare una definizione chiara di cosa si intende per fabbricato e di conseguenza cosa si intende per distanze da fabbricati. Il mio problema è proprio questo, ovvero dimostrare in modo inequivocabile, col conforto di una definizione accettata dai vvf o dal min. int., che la distanza si misura da un fabbricato o da un suo aggetto, come per esempio un balcone, ma non dalle scale..., non è semplice se ogni funzionario vvf può interpretare la legge a modo suo...

Terminus
Messaggi: 7783
Iscritto il: ven mar 30, 2007 17:40
Località: Umbria

Messaggio da Terminus » lun giu 18, 2007 09:22

Le distanze di sicurezza servono per proteggere un fabbricato dagli effetti dell'incendio.
Un tratto di scala che, in caso di emergenza, non verrà utilizzata per l'esodo, perchè c'è un'altra uscita sicura, per me non è da proteggere con la distanza di sicurezza. Altra cosa è il muro e le strutture portanti dell'edificio occupato dalle persone.
Credo che il funzionario VVF può accettare questa impostazione, anche se non è riportata chiaramente nella normativa (non sarebbe certo il primo caso....)

Rispondi