misteri idranti scuole

Normativa Antincendio, Rilascio CPI, ecc.

Moderatore: Edilclima

Rispondi
comandoroma
Messaggi: 11
Iscritto il: mer nov 10, 2010 15:51

misteri idranti scuole

Messaggio da comandoroma » lun nov 15, 2010 12:23

Impianto idranti in una scuola, due colonne montanti, 3 idranti per colonna totale 6 idranti. La vasca di accumulo, non avendo rinclazo, deve essere di 21mc o 42 mc?
se la risposta è 42mc allora per la stessa scuola faccio una colonna sola ma con una diramazione per piano che collega 2 idranti, per un totale quindi sempre di 6 idranti, alla fine di accumulo dovrei avere 21mc.
se la risposta è 21mc non ritengo che sia rispettata la norma pochè nel caso di più colonne occorre prevedere il funzionamento di almeno 2 colonne contemporaneamente...
Risolvete questo mistero della norma (o della fede)

Antincendista
Messaggi: 16
Iscritto il: mer nov 10, 2010 03:48

Re: misteri idranti scuole

Messaggio da Antincendista » mar nov 16, 2010 00:44

dunque dunque......

norma Scuole...

9.1..
L’impianto deve essere dimensionato per garantire una portata minima di 360 l/min per ogni colonna montante e, nel caso di più colonne, il funzionamento contemporaneo di almeno 2 colonne.

L’alimentazione idrica deve essere in grado di assicurare l’erogazione ai 3 idranti idraulicamente più sfavoriti, di 120 l/min cad., con una pressione residua al bocchello di 1.5 bar per un tempo di almeno 60 min.

dimensionato = corretta proporzione dei tubi in grado di distribuire una certa portata...... quindi penso ad arrivo aps vvf che si attacca e pressurizza di suo 2 colonne montanti...
alimentazione = quanta acqua effettivamente io devo erogare.... 21600 lt di riserva per i 60 minuti con 360 lt ma che potrebbero anche essere di + in virtù del fatto che la posizione è idraulicamente sfavorita ed io devo erogarli a 1.5 bar.... quindi potrebbero anche diventare 23/24 mila....

il resto è buon senso...

saluti l'Antincedista.....

comandoroma
Messaggi: 11
Iscritto il: mer nov 10, 2010 15:51

Re: misteri idranti scuole

Messaggio da comandoroma » mar nov 16, 2010 11:39

considerando che in edifici con più di tre piani fuori terra deve essere presente l'attacco al piede di ogni colonna, a buon senso, è un controsenso dimensionare la distribuzione principale per 720 lit/min (ovvero 2 colonne) pensando che è un requisito per le autobotti vvf.
Aggiungo un altro mistero: 120 lit/min e pressione 1,5 bar, questa accoppiata con una lancia conforme alle UNI EN 671-2 non è realizzabile a meno che non metto un ugello enorme!

Terminus
Messaggi: 7699
Iscritto il: ven mar 30, 2007 17:40
Località: Umbria

Re: misteri idranti scuole

Messaggio da Terminus » mar nov 16, 2010 12:23

Quoto quanto sopra.
Ovviamente la pressione residua di 1,5 bar per 120 l/min non tiene conto delle norme UNI EN oggi alla base della marcatura CE degli idranti UNI45.
Dovendo installare questi ultimi e dovendo garantire in ogn i caso di 120 l/min, la pressione da garantire all'idrante sarà comunque almeno di 2 bar (ugello da 13mm con K=85).

Rispondi