Potenza impianto di climatizzazione

Normativa Termotecnica, Impianti di riscaldamento, Legge 10/91, DLgs 192/05, ecc.

Moderatore: Edilclima

Rispondi
AleGreto
Messaggi: 1
Iscritto il: gio lug 04, 2019 08:58

Potenza impianto di climatizzazione

Messaggio da AleGreto » gio lug 04, 2019 18:46

Buongiorno, ho un impianto di climatizzazione Hitachi con pompa di calore installato nel 2010 composto da (copio dal preventivo):
- 1 unità esterna motocondensante modello RAM71QH5
capacità di raffreddamento: da kW 2.4 a kW 8.8
capacità di riscaldamento: da kW 2.4 a kW 9.5
potenza elettrica assorbita: da kW 0.5 a kW 3.0
- 3 unità interne a parete mod. RAK18NH6A
- 1 unità interna a parete mod. RAK50NH6A

Essendo del 2010, all'epoca non c'era alcun obbligo di libretto o controlli vari (o almeno l'installatore non mi ha informato), e finora, non avendo mai avuto problemi (lo usiamo solo in estate), la manutenzione è stata fatta da noi.
Poco fa ho casualmente scoperto dell'obbligo del libretto impianto unico e del controllo periodico sull'efficienza con il cd. bollino blu (?) in vigore dal 2014 (!!) Leggo che questo obbligo scatta a certi valori di "potenza".. nel mio caso, mi potreste dire qual è il valore di questa potenza (quale dei numeri in alto? E avendo diversi split, cambia qualcosa?) e quindi se l'impianto è soggetto a tali obblighi, e se pertanto devo chiamare un manutentore (pur, ripeto, non avendo mai avuto problemi)? O posso aspettare la prima volta che avrò bisogno di manutenzione esterna, visto che all'epoca dell'installazione non esisteva alcun obbligo?
Grazie, e scusate la mia completa ignoranza sull'argomento..

Avatar utente
NoNickName
Messaggi: 4161
Iscritto il: gio giu 17, 2010 12:17

Re: Potenza impianto di climatizzazione

Messaggio da NoNickName » gio lug 04, 2019 19:18

Vedasi DPR74/2013. Google ti è amico.
Notare la differenza tra libretto di impianto obbligatorio e rapporto di controllo di efficienza energetica.
Chi si affida ad un professionista “legittimamente attende di ricevere una prestazione diligente, art. 1176 cc”. Non si può esigere che il cliente controlli il lavoro del professionista “quali che siano le sue competenze o qualifiche professionali”.

Rispondi