Un consiglio per impianto a due temperature e raffrescamento a pavimento

Normativa Termotecnica, Impianti di riscaldamento, Legge 10/91, DLgs 192/05, ecc.

Moderatore: Edilclima

Rispondi
Samuele C.
Messaggi: 141
Iscritto il: mar ago 23, 2011 17:08

Un consiglio per impianto a due temperature e raffrescamento a pavimento

Messaggio da Samuele C. »

Salve, gentilmente volevo chiedervi un feedback per un impianto, sul quale ho ancora qualche dubbio.
Si tratta di una villetta da ristrutturare completamente, con anche un ampliamento, quindi di nuova costruzione anche dal punto di vista degli impianti. Alla fine, circa 230 mq totali abitabili e riscaldati. In alcune zone, per ragioni di altezze e costi, si voleva sostituire i radiatori con dei ventilconvettori, mentre in altre zone (ampliamento + un paio di stanze) usare i pannelli radianti a pavimento. Il tutto nell'ottica di poter impiegare in modo abbastanza redditizio una PDC aria-acqua. Il fabbisogno alla fine, da calcoli L10, dovrebbe essere circa 8,5 kW per la parte a fancoil e 6,5 kW per la parte a pavimento. Quest'ultimo in pratica si attesta circa sui 50/60 W/mq massimi di fabbisogno. La zona climatica è la D.

Il dubbio è soprattutto per il raffrescamento estivo... Usare la PDC per mandare i fancoil + degli split da installare nelle stanze con i pannelli radianti, oppure pensare ad una VMC con batteria di deumidificazione e raffrescare con l'impianto a pavimento?
La VMC sarebbe solo a servizio di una parte della villetta, quella dove c'è l'impianto a pavimento e poco altro, quindi non per tutti i 230 mq... diciamo la metà circa. L'idea mi attirava per un discorso di comfort e risparmio energetico, ma non ho sufficienti feedback sui pro e contro del raffrescamento a pavimento. Potete dirmi qualcosa a riguardo?

Tom Bishop
Messaggi: 1877
Iscritto il: mar dic 30, 2008 17:13

Re: Un consiglio per impianto a due temperature e raffrescamento a pavimento

Messaggio da Tom Bishop »

A mio avviso meglio la prima soluzione. Accendi l'impianto di raffrescamento solo ed esclusivamente quando ne hai effettivamente bisogno. Con il radiante dovresti mantenerlo acceso sempre. In questo caso l'intermittenza è un vantaggio energetico.
Tom Bishop

Samuele C.
Messaggi: 141
Iscritto il: mar ago 23, 2011 17:08

Re: Un consiglio per impianto a due temperature e raffrescamento a pavimento

Messaggio da Samuele C. »

Sì, infatti anche io pensavo a quello. La casa è abbastanza vissuta, ma non sempre H24, ma soprattutto d'estate non ci sono temperature infernali per mesi, anche se ultimamente fa sempre più caldo in effetti...

Un'altra domanda: considerando la doppia temperatura, ovvero non solo i 30/32 °C del radiante ma anche i 45 °C dei fancoil, che ne pensate di un sistema ibrido, invece della sola PDC? Ritengo che potrei minimizzare ulteriormente i costi di gestione... Farò qualche simulazione, ma ho solo software per i classici calcoli da L10

Tom Bishop
Messaggi: 1877
Iscritto il: mar dic 30, 2008 17:13

Re: Un consiglio per impianto a due temperature e raffrescamento a pavimento

Messaggio da Tom Bishop »

Il sistema ibrido è la soluzione che ti consente i maggiori risparmi laddove non riesci a sfruttare al massimo il FV. Sei in zona C quindi non dovresti avere grossi problemi ad utilizzare solo la pompa di calore. Devi fare delle simulazioni. Un peso notevole ce l'ha il costo dell'energia elettrica che in parecchi casi demolisce l'eventuale vantaggio teorico della pompa di calore. In zona E dove opero i sistemi ibridi vincono a mani basse. Le pompe di calore, da sole, possono generare situazioni imbarazzanti se mal utilizzate o quando si trovano a funzionare per parecchio tempo in condizioni non ottimali senza controllo.
Tom Bishop

Samuele C.
Messaggi: 141
Iscritto il: mar ago 23, 2011 17:08

Re: Un consiglio per impianto a due temperature e raffrescamento a pavimento

Messaggio da Samuele C. »

Ok grazie, valuterò bene, ma secondo me non è una brutta idea.. anche perché sono in zona D, poco più di 2000 GG, non in zona C. Forse un po' border line, ma considerando anche la temperatura relativamente alta alla quale devo arrivare, credo non sia campato in aria un ibrido. Nel qual caso, se dove operi tu ne vedi montati parecchi, sapresti per caso anche consigliarmi qualche marca? Anche per messaggio privato, se ti scoccia fare nomi sul forum...

Rispondi