IMPIANTO RISCALDAMENTO A PAVIMENTO

Normativa Termotecnica, Impianti di riscaldamento, Legge 10/91, DLgs 192/05, ecc.

Moderatore: Edilclima

Rispondi
tatolo04
Messaggi: 3
Iscritto il: gio gen 25, 2018 14:16

IMPIANTO RISCALDAMENTO A PAVIMENTO

Messaggio da tatolo04 » gio gen 25, 2018 17:20

Buona sera, questo è il mio primo post, chiedo cortesemente consulenza agli esperti del forum.
Ho una villetta semi indipendente disposta su 2 piani, con riscaldamento a pavimento, pavimento in grès.
La caldaia è a condensazione senza sonda climatica, temperatura acqua 42 gradi.
In ogni locale è presente un cronotermostato, ognuno di questi è regolato su ON/OFF e temperatura fissa: la zona notte 19 gradi, zona giorno 20 gradi.
La temperatura è piuttosto stabile in tutta la casa, però, e vengo al dunque, ho una situazione che non riesco a districare nel soggiorno-cucina.
Si tratta di un unico ambiente di circa 45 mq, con un solo cronotermostato.
Anche quest'ultimo è regolato sui 20 gradi ma difficilmente riesco a mantenere la temperatura.
Capita piuttosto spesso di trovare la classica segnalazione di non registrare variazione di temperatura dopo 2 ore di funzionamento.
Vi chiedo quindi:
dovrei forse variare la modalità di funzionamento in PROPORZIONALE?
dovrei aumentare la temperatura in caldaia? sento soggetti che regolano la temperatura della caldaia al di sotto dei 40 gradi, possibile?
Sono aperto ad ogni tipo di consiglio/suggerimento/aiuto.
Grazie a tutti.

L'Enzo
Messaggi: 320
Iscritto il: mar ago 28, 2007 20:34

Re: IMPIANTO RISCALDAMENTO A PAVIMENTO

Messaggio da L'Enzo » gio gen 25, 2018 17:50

non ho ben capito quale sia il problema.
In ogni caso il mio impianto per come è progettato e fatto, considera che mando dalla caldaia acqua a 30°C. Fissi.
E lo stesso faccio da tempo in quasi tutti i progetti.

Saluti

tatolo04
Messaggi: 3
Iscritto il: gio gen 25, 2018 14:16

Re: IMPIANTO RISCALDAMENTO A PAVIMENTO

Messaggio da tatolo04 » gio gen 25, 2018 18:28

L'Enzo ha scritto:
gio gen 25, 2018 17:50
non ho ben capito quale sia il problema.
In ogni caso il mio impianto per come è progettato e fatto, considera che mando dalla caldaia acqua a 30°C. Fissi.
E lo stesso faccio da tempo in quasi tutti i progetti.

Saluti
In realtà non è un vero e proprio problema, è semplicemente una difficoltà nel trovare la regolazione più corretta e idonea.
Se il termostato segnala che non ci sono variazioni di temperatura nell'arco di 2 ore, è evidente che tutto il calore e gas che sto consumando non serve a nulla o a ben poco, non trovi? Quindi sarebbe il caso di intervenire in qualche modo.
Solo 30 gradi? Pochissimi in confronto ai miei 42.
Posso domandarti i metri dell'appartamento? In quale zona ti trovi? Io a Piacenza.

Mimmo_510859D
Messaggi: 1391
Iscritto il: gio set 18, 2008 11:55

Re: IMPIANTO RISCALDAMENTO A PAVIMENTO

Messaggio da Mimmo_510859D » ven gen 26, 2018 10:11

Se non riesci a raggiungere la temperatura ambiente desiderata anche tenendo attivo l'impianto per molto tempo, allora bisogna dare più portata agli anelli che interessano il locale incriminato

tatolo04
Messaggi: 3
Iscritto il: gio gen 25, 2018 14:16

Re: IMPIANTO RISCALDAMENTO A PAVIMENTO

Messaggio da tatolo04 » ven gen 26, 2018 17:06

Mimmo_510859D ha scritto:
ven gen 26, 2018 10:11
Se non riesci a raggiungere la temperatura ambiente desiderata anche tenendo attivo l'impianto per molto tempo, allora bisogna dare più portata agli anelli che interessano il locale incriminato
è complicato? da tecnico/idraulico?
dovrebbero essere questi 4 in foto, giusto?
https://imageshack.com/a/img924/3337/Jmt3vv.jpg

Mimmo_510859D
Messaggi: 1391
Iscritto il: gio set 18, 2008 11:55

Re: IMPIANTO RISCALDAMENTO A PAVIMENTO

Messaggio da Mimmo_510859D » ven gen 26, 2018 19:58

Certo che è una cosa che deve e/o può fare l'idraulico. Ma deve sapere quali sono i valori di portata necessari. Altrimenti deve andare per tentativi

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 19 ospiti