impianti soggetti a controllo INAIL......dubbi

Normativa Termotecnica, Impianti di riscaldamento, Legge 10/91, DLgs 192/05, ecc.

Moderatore: Edilclima

Rispondi
Seamew
Messaggi: 521
Iscritto il: mer dic 06, 2006 08:40

impianti soggetti a controllo INAIL......dubbi

Messaggio da Seamew » mer ott 12, 2016 09:06

Scusate la domanda forse banale ma vorrei essere sicuro e chiedo a voi...
Per la costruzione di un nuovo capannone industriale mi è capitato in mano un documento del comune da compilare....e mi viene chiesto se e quali impianti soggetti a controllo INAIL saranno presenti...vado con i dubbi:
- apparecchi ed impianti a pressione di vapore......nel mio caso non ho impianti a vapore di tipo "classico".....ma per alcune zone di lavorazione avrò degli impianti a termostrisce radianti a "vapore sottovuoto" e questi (almeno da quello che ho capito) sono esclusi dal campo di applicazione INAIL;
- apparecchi ed impianti a pressione di gas....cosa sono? impianti di condizionamento (tipo VRF o VRV) lo possono essere?
- serbatoi e impianti gas compressi, ecc... immagino che in questa categoria ci sia anche l'impianto aria compressa nel caso si superi i limiti di pressione e di volume

in attesa di un vs. riscontro, grazie per l'attenzione.

Ronin
Messaggi: 3162
Iscritto il: sab giu 20, 2009 12:57

Re: impianti soggetti a controllo INAIL......dubbi

Messaggio da Ronin » mer ott 12, 2016 15:03

in linea di massima, si parla delle apparecchiature soggette alla direttiva PED
Seamew ha scritto:- apparecchi ed impianti a pressione di vapore......nel mio caso non ho impianti a vapore di tipo "classico".....ma per alcune zone di lavorazione avrò degli impianti a termostrisce radianti a "vapore sottovuoto" e questi (almeno da quello che ho capito) sono esclusi dal campo di applicazione INAIL;
potrebbero essere soggetti, dipende dalla pressione (la pressione si intende sempre rispetto a quella atmosferica, quindi se sono sottovuoto cioè a pressione più bassa dell'aria non dovrebbero esserlo).
anche l'inail comunque si è sostanzialmente diviso in due, da una parte quelli che seguono le centrali termiche (ovvero impianti di riscaldamento in cui l'acqua può superare i 100°C), e dall'altra le attrezzature in pressione (esempi tipici oltre ai gruppi frigo e compressori d'aria sono i serbatoi di gas tecnici, i generatori/collettori/scambiatori di vapore a pressione superiore a quella atmosferica e i serbatoi criogenici)
Seamew ha scritto:- apparecchi ed impianti a pressione di gas....cosa sono? impianti di condizionamento (tipo VRF o VRV) lo possono essere?
sì, tuttavia di solito i VRF stanno sotto i limiti dimensionali; gruppi frigoriferi di potenza significativa invece ricadono facilmente sopra i limiti di pressione e volume (ed anzi spesso un gruppo corrisponde a ben tre apparecchi con posizioni inail distinte: compressore, evaporatore e condensatore...)
Seamew ha scritto:- serbatoi e impianti gas compressi, ecc... immagino che in questa categoria ci sia anche l'impianto aria compressa nel caso si superi i limiti di pressione e di volume
sì, anche in questo caso bisogna verificare se si è sopra le soglie

Seamew
Messaggi: 521
Iscritto il: mer dic 06, 2006 08:40

Re: impianti soggetti a controllo INAIL......dubbi

Messaggio da Seamew » mer ott 12, 2016 15:09

Grazie Ronin!

simcat
Messaggi: 1100
Iscritto il: mer apr 18, 2007 23:01

Re: impianti soggetti a controllo INAIL......dubbi

Messaggio da simcat » mar ott 31, 2017 10:54

[quote=Ronin gruppi frigoriferi di potenza significativa invece ricadono facilmente sopra i limiti di pressione e volume (ed anzi spesso un gruppo corrisponde a ben tre apparecchi con posizioni inail distinte: compressore, evaporatore e condensatore...)
[/quote]

Ciao a tutti, riprendo questo post per chiedervi un vostro aiuto per "schiarirmi" le idee:
- l' ARPA richiede la seguente documentazione:
-- verbale di collaudo ex D.M. 01/12/75 e s.m.i. relativo alla centrale termica e di tutte le attrezzature in pressione ad collegate, ovvero diversa documentazione che ne attesti la regolarità alle norme vigenti.
-- immagino che basti consegnare la pratica INAIl

-- verbale di collaudo ex D.M. 21/05/74 e/o 01/12/2004 n. 329 e s.m.i. relativo a tutte le attrezzature in pressione eventualmente in esercizio nello stabilimento, ovvero diversa documentazione che ne attesti la regolarità alle norme vigenti.

Nell'edificio è presente (albergo):
- nuovi gruppi frigoriferi (n. 2 pot. 400 kW cadauno) - per questo apparecchiature è obbligatoria la prima messa in servizio? rientrano nel campo di applicazione del D.M.329/2004?
- un impianto di produzione acqua calda sanitaria con accumulo esistente non modificato (ante 2004)
- un impianto di pressurizzazione idrica esistente non modificato (ante 2004)

Grazie.

Ronin
Messaggi: 3162
Iscritto il: sab giu 20, 2009 12:57

Re: impianti soggetti a controllo INAIL......dubbi

Messaggio da Ronin » mar ott 31, 2017 11:03

1 sì è la pratica INAIL, se il collaudo non è ancora avvenuto come spesso accade basterà la domanda

2 per i frigo va fatto il calcolo, come detto
3 che cosa alimenta il boiler? Se è alimentato dalla centrale termica sta nella pratica INAIL (lato primario fino allo scambiatore, il secondario non può andare in ebollizione), se ha un suo bruciatore è come un generatore di calore a parte
4 no, l'autoclave non è soggetta, l'acqua che non può bollire non è un fluido incluso nella direttiva

simcat
Messaggi: 1100
Iscritto il: mer apr 18, 2007 23:01

Re: impianti soggetti a controllo INAIL......dubbi

Messaggio da simcat » sab nov 25, 2017 11:31

Ronin ha scritto:
mar ott 31, 2017 11:03
1 sì è la pratica INAIL, se il collaudo non è ancora avvenuto come spesso accade basterà la domanda

2 per i frigo va fatto il calcolo, come detto
3 che cosa alimenta il boiler? Se è alimentato dalla centrale termica sta nella pratica INAIL (lato primario fino allo scambiatore, il secondario non può andare in ebollizione), se ha un suo bruciatore è come un generatore di calore a parte
4 no, l'autoclave non è soggetta, l'acqua che non può bollire non è un fluido incluso nella direttiva
Ciao Ronin, ma ho ancora qualche problema con la documentazione Direttiva PED-D.M.329/2004

In merito alle tue risposte, ti chiedo:

- per il punto 4, dove si capisce che "l'acqua che non può bollire" non è un fluido incluso nella direttiva?

- Per il gruppo di pressurizzazione idrica potabile Grundfos mi dice che non è soggetto in virtù della tabella 9 Direttiva PED (da applicare il calcolo relativo)

- il gruppo è completo di n. 2 vasi di espansione cap. 100 l Pressione 10 bar; per questi è previsto certificato PED (poi, visto che hanno più di 10 anni, converrà prevedere la sostituzione). per questi vasi, da quanto ho capito (ma ho alcuni dubbi), sono un'attrezzature in pressione, con obbligo di messa in servizio e relativa comunicazione.


Grazie.

Saluti

Ronin
Messaggi: 3162
Iscritto il: sab giu 20, 2009 12:57

Re: impianti soggetti a controllo INAIL......dubbi

Messaggio da Ronin » lun nov 27, 2017 16:52

a rigore in effetti non è proprio corretto dire che l'acqua non bollente non sia soggetta.
in primis le tabelle del campo di applicazione hanno tutte una zona di esclusione fino a 0,5 / 0,6 bar (sono relativi rispetto alla pressione atmosferica); ce l'ha anche la tabella 9, ovviamente. in secondo luogo di solito nella fascia fino a 10 bar sei in esclusione art. 3 comma 3, quindi la gran parte degli impianti a pressione per acqua "fredda" non raggiungono mai i limiti: intendevo dire questo, mi scuso dell'imprecisione.
i vasi ovviamente sono certificati ped perchè non è noto a priori l'uso che se ne farà.
questo diagramma dell'aicarr potrebbe essere utile ad orientarsi viste le mille ramificazioni della normativa:
www.aicarr.org/Documents/Normativa/Dire ... chart1.pdf
(con quel P e V dovresti essere appunto in esclusione art.3 comma 3, ad occhio)

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 13 ospiti