Impianto di riscaldamento con solo recuperatore e batteria di post riscaldamento

Normativa Termotecnica, Impianti di riscaldamento, Legge 10/91, DLgs 192/05, ecc.

Moderatore: Edilclima

Rispondi
Samuele C.
Messaggi: 141
Iscritto il: mar ago 23, 2011 17:08

Impianto di riscaldamento con solo recuperatore e batteria di post riscaldamento

Messaggio da Samuele C. »

Salve a tutti, ho un problema. Dovevo progettare un impianto per un piccolo centro medico (alcuni ambulatori e una sala con 3 o 4 lettini per fisioterapie). Come sempre, il committente voleva massima resa con minima spesa. Mi hanno richiesto fin dall'inizio di adempiere ai ricambi d'aria necessari in base a quanto eventualmente richiesto dall'USL, anche perché tale centro è in un edificio con vetrate abbastanza ampie, ma per lo più non apribili.
Ora... inizialmente mi chiedevano di dimensionare SOLO l'impianto di riscaldamento, senza raffrescamento estivo (lasciamo perdere la boiata della scelta, la questione che vi chiedo ora è un'altra); prima si era partiti da recuperatore di calore + radiatori. Poi mi era stato chiesto se si poteva fare tutto con il recuperatore. A questo punto, guardando le schede tecniche del recuperatore che era stato computato (fornitore già quasi deciso), ho preso in considerazione la taglia superiore e una batteria di post-riscaldamento.
Vi do un po' di numeri: dai calcoli, considerando un ricambio d'aria di 1500 mc/h (sono quasi 4 vol/h per questo ambiente, ed in ogni caso almeno 1000 mc/h li dovevo avere per il discorso USL), mi venivano 9 kW di dispersioni e 12 kW di perdite di ventilazione (calcolate SENZA considerare il recupero di calore, come se fosse solo estrazione).
Dalla scheda tecnica del recuperatore, ho che questo ha un'efficienza del 50% e che la batteria di post riscaldamento ha una resa massima di 19 kW, con una temperatura di uscita dell'aria pari a 39 °C (considerando una temperatura esterna di -5 °C, mentre io ho una temperatura di progetto di -2 °C).
Quindi, per dirla in modo molto semplice, ho pensato che, se il recuperatore recupera il 50% (nominali sarebbero 8 kW, con -5 °C esterni e +20 °C interni, alla portata massima di 2000 mc/h) ed in più ho 19 kW di batteria, posso anche fare tutto con questa configurazione (a me, di picco, servono 21 kW in totale). Poi beh, nel mio caso non avrò 8 kW di resa del recuperatore e non avrò 19 kW della batteria, perché ho un DeltaT inferiore tra esterno ed interno ed ho una portata inferiore, ma insomma di questi potenziali 27 kW totali, almeno i miei 21 che mi servirebbero ce li ricavo, se le schede tecniche sono reali (basta fare i conti con la portata d'aria).

Lasciate stare il fatto che non sia un gran che come impianto (avrei sicuramente difficoltà a regolare la temperatura nei vari locali, anche mettendo bocchette regolabili), ma mi era stato chiesto esplicitamente di dirgli se si poteva fare, ed io gli ho detto di sì.

Ora, il fornitore del recuperatore ha bloccato l'ordine perché sostiene che con queste condizioni l'impianto non può funzionare e che serve, anche per fare solo il riscaldamento, una UTA da accoppiare al recuperatore.
Ora, secondo voi, per quale motivo non dovrebbe poter funzionare? Ripeto: al di là delle considerazioni di comfort e regolazione, che ho già spiegato al cliente, ma qui si parla proprio di non riuscire a scaldare gli ambienti. Beh, e perché non dovrebbe riuscirci (se i dati delle rese sono giusti...)??

Mi date una mano? Forse mi sfugge qualcosa...

Avatar utente
NoNickName
Messaggi: 4586
Iscritto il: gio giu 17, 2010 12:17

Re: Impianto di riscaldamento con solo recuperatore e batteria di post riscaldamento

Messaggio da NoNickName »

la batteria di post è elettrica o è a acqua?
Se è a acqua, perchè non vuoi usare la stessa acqua per la batteria del riscaldamento?
Forse il fornitore intende dire che non puoi usare un post per il riscaldamento, perchè di solito il post è regolato con umidostato estivo, non con termostato invernale...
Chi si affida ad un professionista “legittimamente attende di ricevere una prestazione diligente, art. 1176 cc”. Non si può esigere che il cliente controlli il lavoro del professionista “quali che siano le sue competenze o qualifiche professionali”.

cengio18
Messaggi: 12
Iscritto il: mar apr 06, 2010 17:28

Re: Impianto di riscaldamento con solo recuperatore e batteria di post riscaldamento

Messaggio da cengio18 »

A mio parere il sistema come descritto e dimensionato può funzionare con i limiti/criticità di regolazione di un impianto a tutt'aria
a servizio di ambienti confinati;
La regolazione sulla batteria la proporrei con tre vie miscelatrice e sonda sulla ripresa;

Samuele C.
Messaggi: 141
Iscritto il: mar ago 23, 2011 17:08

Re: Impianto di riscaldamento con solo recuperatore e batteria di post riscaldamento

Messaggio da Samuele C. »

NoNickName ha scritto:la batteria di post è elettrica o è a acqua?
Se è a acqua, perchè non vuoi usare la stessa acqua per la batteria del riscaldamento?
Forse il fornitore intende dire che non puoi usare un post per il riscaldamento, perchè di solito il post è regolato con umidostato estivo, non con termostato invernale...
La batteria è ad acqua. Non ho capito cosa intendi dire subito dopo, in che senso non voglio usare la stessa acqua della batteria di riscaldamento? La regolazione io pensavo di farla con una tre vie e con sonda sulla ripresa, come dice anche cengio18 nella sua risposta.

Avatar utente
NoNickName
Messaggi: 4586
Iscritto il: gio giu 17, 2010 12:17

Re: Impianto di riscaldamento con solo recuperatore e batteria di post riscaldamento

Messaggio da NoNickName »

Di solito le batterie di post sono alimentate principalmente d'estate, quindi il generatore può essere differente da quello invernale, perchè il carico in riscaldamento è molto maggiore che in solo post.
Se invece tu hai un solo generatore, è indifferente usare una batteria promiscua caldo-freddo di pre, piuttosto che una batteria di solo post.
Chi si affida ad un professionista “legittimamente attende di ricevere una prestazione diligente, art. 1176 cc”. Non si può esigere che il cliente controlli il lavoro del professionista “quali che siano le sue competenze o qualifiche professionali”.

Samuele C.
Messaggi: 141
Iscritto il: mar ago 23, 2011 17:08

Re: Impianto di riscaldamento con solo recuperatore e batteria di post riscaldamento

Messaggio da Samuele C. »

NoNickName ha scritto:Di solito le batterie di post sono alimentate principalmente d'estate, quindi il generatore può essere differente da quello invernale, perchè il carico in riscaldamento è molto maggiore che in solo post.
Se invece tu hai un solo generatore, è indifferente usare una batteria promiscua caldo-freddo di pre, piuttosto che una batteria di solo post.
Il fatto è, come dicevo, che si sta vedendo se si può riuscire a fare per lo meno l'impianto di riscaldamento solo con il recuperatore e con la sua batteria di post-riscaldamento (che comunque fornisce fino a 19 kW). Eventualmente verranno lasciati tutti gli spazi e le predisposizioni per installare in seguito una UTA e fare così anche il condizionamento estivo.
Quello che mi chiedevo ora, era solo se (con tutti i limiti e i contro del caso) un sistema come quello descritto potesse funzionare, per riscaldare quegli ambienti.

Avatar utente
NoNickName
Messaggi: 4586
Iscritto il: gio giu 17, 2010 12:17

Re: Impianto di riscaldamento con solo recuperatore e batteria di post riscaldamento

Messaggio da NoNickName »

Samuele C. ha scritto:Quello che mi chiedevo ora, era solo se (con tutti i limiti e i contro del caso) un sistema come quello descritto potesse funzionare, per riscaldare quegli ambienti.
Quello che mi chiedevo ora è se leggi le risposte oppure no.
La vera domanda è: perchè usare una batteria di post facendole fare il lavoro di una batteria di pre, con il principio di funzionamento da te descritto che è proprio quello di una UTA a tutta aria?
Chi si affida ad un professionista “legittimamente attende di ricevere una prestazione diligente, art. 1176 cc”. Non si può esigere che il cliente controlli il lavoro del professionista “quali che siano le sue competenze o qualifiche professionali”.

Samuele C.
Messaggi: 141
Iscritto il: mar ago 23, 2011 17:08

Re: Impianto di riscaldamento con solo recuperatore e batteria di post riscaldamento

Messaggio da Samuele C. »

NoNickName ha scritto:
Samuele C. ha scritto:Quello che mi chiedevo ora, era solo se (con tutti i limiti e i contro del caso) un sistema come quello descritto potesse funzionare, per riscaldare quegli ambienti.
Quello che mi chiedevo ora è se leggi le risposte oppure no.
La vera domanda è: perchè usare una batteria di post facendole fare il lavoro di una batteria di pre, con il principio di funzionamento da te descritto che è proprio quello di una UTA a tutta aria?
Per non comprare l'UTA... Il discorso è questo: il recuperatore era comunque stato messo in conto, essendoci la necessità di un ricambio d'aria. La volontà della committenza è stata poi quella di riuscire a fare tutto con il recuperatore, senza dover spendere molto di più. Lo stesso fornitore del recuperatore, aveva proposto anche una UTA da accoppiare al recuperatore stesso, per poter così fare sia riscaldamento che raffrescamento, ma il problema è che i costi salgono notevolmente e nessuno se li vuole accollare.
Quindi, capisco che non sia la soluzione ottimale, capisco che abbia dei limiti e tutto il resto, ma purtroppo le condizioni sono queste e volevo solo un parere sul funzionamento o meno e su quali problemi ci potessero essere. Alla fin fine, come mi pare di capire tu voglia dirmi, il funzionamento è lo stesso di una UTA con batteria di pre-riscaldamento, manca solo l'umidificazione...

Rispondi