deroga installazione solare per ACS

Normativa Termotecnica, Impianti di riscaldamento, Legge 10/91, DLgs 192/05, ecc.

Moderatore: Edilclima

Rispondi
archea
Messaggi: 3
Iscritto il: ven lug 20, 2007 17:44

deroga installazione solare per ACS

Messaggio da archea »

Avevo gia' posto il quesito ma senza successo:

al p.to 4.13 della DGR n.8/5018 Lombardia si parla di possibilita' di deroghe all'installazione del solare per ACS e rimanda all'allegato B il dettaglio della motivazione della deroga.
Qualcuno lo ha gia'sperimentato per caso? io volevo chiedere ufficialmente al comune di esprimersi in merito alla mia richiesta di deroga vista la zona B (contenimento dello stato di fatto) e la non ottimale esposizione. Che ne dite?

grazie 1000
ANGJ

jerryluis
Messaggi: 2396
Iscritto il: mer apr 04, 2007 20:46
Località: Nella Regione delle Banane

Re: deroga installazione solare per ACS

Messaggio da jerryluis »

archea ha scritto:Avevo gia' posto il quesito ma senza successo:

al p.to 4.13 della DGR n.8/5018 Lombardia si parla di possibilita' di deroghe all'installazione del solare per ACS e rimanda all'allegato B il dettaglio della motivazione della deroga.
Qualcuno lo ha gia'sperimentato per caso? io volevo chiedere ufficialmente al comune di esprimersi in merito alla mia richiesta di deroga vista la zona B (contenimento dello stato di fatto) e la non ottimale esposizione. Che ne dite?

grazie 1000
L'unico riferimento che ho trovato come linee guida alle deroghe è nelal normativa europea che dice quando non è conveniente sotto il profilo economico..
Ora in economia una frase simile dice tutto e dice niente perchè dovrei fare un bilancio su X anni.. quanti ne considero? c'era un articolo, non so se il 9 o che della LG. 10 /91 dove si faceva riferimento come valutazione economica a 8 anni senza attualizzazione del denaro, ovvero si calcolava il tempo di ritorno senza considerare, inflazione, costo opportunità del denaro ecc.
Secondo mia opinione, seppur non è correttissimo sotto il profilo contabile, posso condividerlo: alla fine posso pure ipotizzare che è un metodo applicabile e possa equivalere a considerare la vita tecnica del pannello (15-20 anni), ma che in questo secondo caso avrei variabili economiche non conoscibili a priori dal tecnico.

ASTRO
Messaggi: 561
Iscritto il: gio feb 08, 2007 16:31

Messaggio da ASTRO »

E' mia opinione che sta al tecnico prendendosene la responsabilità e valutare se il NON rispetto della normativa vigente e dettato da specifiche motivazioni tecnice per le queli si rende impossibile il rispetto della noirmativa stessa. Tali motivazioni peterebbero essere la non giusta esposizione dei pannelli, l'impossibilita di installare i pannelli o l'eventuale onerosità e complessità dell'intervento che si rendesse necessario. Un qualcosa insomma che in caso di contestazione sia sostenibile. Non mi risultano norme che specificato tali deroghe. Ottimale sarebbe una risposta in merirto da perte del comune ma non penso il comune possa prendersi tale responsabilità .
Il comune chiede il ripette della norma vigente e basta, sta poi ai tecnici valuterne la possibilità del ripetto o meno e prendersene la responsabilità qualora non venga applicata. La legge ce ne da' facoltà con la deroga.
Non fare favori a nessono ........

Ciao

archea
Messaggi: 3
Iscritto il: ven lug 20, 2007 17:44

Messaggio da archea »

ASTRO ha scritto:E' mia opinione che sta al tecnico prendendosene la responsabilità e valutare se il NON rispetto della normativa vigente e dettato da specifiche motivazioni tecnice per le queli si rende impossibile il rispetto della noirmativa stessa. Tali motivazioni peterebbero essere la non giusta esposizione dei pannelli, l'impossibilita di installare i pannelli o l'eventuale onerosità e complessità dell'intervento che si rendesse necessario. Un qualcosa insomma che in caso di contestazione sia sostenibile. Non mi risultano norme che specificato tali deroghe. Ottimale sarebbe una risposta in merirto da perte del comune ma non penso il comune possa prendersi tale responsabilità .
Il comune chiede il ripette della norma vigente e basta, sta poi ai tecnici valuterne la possibilità del ripetto o meno e prendersene la responsabilità qualora non venga applicata. La legge ce ne da' facoltà con la deroga.
Non fare favori a nessono ........


Ciao

Grazie per l'opinione spassionata, avevo bisogno di sentirmelo dire
ANGJ

Rispondi